Cosa dovresti sapere sul cactus da mescalina

Tempo di lettura 7 minuti

 

La mescalina è un alcaloide molto potente che causa allucinazioni
La mescalina è un alcaloide molto potente che causa allucinazioni

 

Utilizzata per secoli dai nativi americani, la mescalina è un alcaloide allucinogeno molto potente che produce allucinazioni e si può trovare in alcuni tipi di cactus. Considerato come una droga pericolosa, la verità è che gli ultimi studi effettuati su questa sostanza di colore rosato hanno dimostrato che ha effetti benefici nel campo della psicologia e della psichiatria.

 

Dati di base interessanti

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

Se ti dicessi che ci sono cactus allucinogeni, mi crederesti? Immagino di sì. Non ho le allucinazioni. È vero che i più conosciuti sono i funghi, ma ci sono alcuni tipi di cactus che contengono una sostanza altamente allucinogena, simile ai migliori funghi usati allo stesso scopo, ma molto meno conosciuta. Stiamo parlando dei cactus da mescalina.

 

Certo, non andare adesso a pensare che tutti i cactus contengano questa sostanza allucinogena, tutt’altro. Si trova solo in alcune varietà e, sebbene non sia particolarmente conosciuta, è stata utilizzata da alcune civiltà per più di 5000 anni.

 

Ti invito a fare un viaggio nella storia con noi, in modo da sapere cos’è la mescalina, dove trovarla e, naturalmente, quali sono i suoi effetti. E, come tutte le droghe, anche la mescalina ha la sua parte “buona”, purché assunta in modo controllato, oltre che la sua parte ricreativa, anch’essa, ovviamente, derivante da un uso intelligente e responsabile. Mi accompagni?

 

 

CHE COS’È LA MESCALINA?

 

Come ho detto all’inizio, la mescalina è una sostanza psicoattiva, un potente alcaloide presente in alcuni cactus che crescono principalmente nell’area del Messico e negli Stati Uniti meridionali. In effetti, è proprio in questa zona del mondo che gli indigeni iniziarono a utilizzare questa sostanza per i loro rituali magici.

 

I nativi usavano la mescalina per i loro rituali magici.
I nativi usavano la mescalina per i loro rituali magici.

 

Stiamo parlando dell’anno 4000 a.C., almeno quelli sono i primi riscontri trovati da storici e scienziati rispetto a questa sostanza i cui effetti sono simili, secondo gli esperti, all’LSD.

 

A differenza di altri oppiacei, la mescalina non crea dipendenza fisica, ma può creare dipendenza psicologica con l’aggiunta che, essendo un tipo di sostanza che le persone tollerano abbastanza bene, chi la usa avrà bisogno di aumentarne gradualmente la dose per ottenere l’effetto desiderato.

 

"L'esperimento della mescalina" che lo psichiatra Humphry Osmond condusse nel 1955 per un programma della BBC
“L’esperimento della mescalina” che lo psichiatra Humphry Osmond condusse nel 1955 per un programma della BBC

Psicoattiva e allucinogena, la mescalina pura ha un aspetto simile ai cristalli di sale e appartiene alla famiglia delle fenetilamine, pertanto questo alcaloide di origine vegetale è spesso paragonato anche alla dopamina.

 

Sebbene sia vero che, in generale, l’uso della mescalina avviene principalmente nel tempo libero o nei rituali ancestrali di alcuni gruppi indigeni del Messico e degli Stati Uniti meridionali, questa sostanza è stata utilizzata anche in numerose occasioni per terapie psicologiche e psichiatriche, ovviamente sempre oggetto di polemiche, come fu il famoso caso de “L’esperimento della mescalina” che lo psichiatra Humphry Osmond realizzò nel 1955 per un programma della BBC, con il politico inglese Christopher Mayhew, che si è prestato a detto esperimento. Tale fu la polemica generata durante la registrazione che, alla fine, questa parte del programma venne omessa.

 

Ma la persona che ha “inventato” la mescalina o, meglio, che per prima l’ha estratta dal suo cactus per usarla a scopo terapeutico o, almeno, per studiarne gli effetti è stato il farmacologo tedesco Arthur Heffter nel 1897. Nello specifico, ha sottratto questo alcaloide dal cactus Peyote e un anno dopo ha pubblicato i risultati della sua ricerca sulla rivista scientifica Naunyn-Schmiedeberg’s Archives of Pharmacology.

 

Quasi 20 anni dopo, nel 1919, tenendo conto della struttura molecolare di questa sostanza, la mescalina fu sintetizzata per la prima volta in uno dei laboratori dell’Università di Vienna, per mano del chimico austriaco Ernst Späth. Da allora sono stati effettuati numerosi studi, con l’obiettivo di conoscere più a fondo gli effetti di questa droga.

 

Quali cactus esistono con la mescalina?

 

Come ben sapete, la maggior parte dei cactus conosciuti nel mondo crescono nella già citata area del Messico e negli Stati Uniti meridionali. Almeno, questa è la loro vera origine, ad eccezione di alcuni originari del continente africano. I cactus che contengono l’alcaloide della mescalina crescono nel continente americano e, in particolare, parliamo del cactus San Pedro e del cactus Peyote.

 

Oltre a questi due, nella stessa area cresce un altro tipo di cactus, il Doñana, che contiene altre sostanze psicoattive, che non sono mescalina. In questo senso, si stima che ci siano circa 70 diverse varietà di cactus in questa parte del mondo che contengono agenti psicoattivi.

 

A proposito, non possiamo dimenticare di citare i falsi peyote, soprattutto se non vuoi che ti rifilino pan per focaccia: si tratta di tutte quelle piante che hanno effetti simili al Peyote e che i nativi assumono per gli stessi scopi della mescalina. ma il cui principio è diverso.

 

Cactus Peyote: noto anche come testa di Brandy o cactus drogato, il Peyote iniziò ad essere utilizzato più di 5000 anni fa in Texas. Gli indigeni lo considerano un rimedio universale, e oggi non è solo usato dagli sciamani, ma anche come pianta medicinale.

 

È il cactus il cui principio è stato studiato di più, fondamentalmente a causa della mescalina che, sebbene non sia l’unico alcaloide contenuto in questa pianta, è il più importante dei 50 ad essa associati.

 

Chi lo ha provato assicura che il suo sapore è amaro, quindi lo mescola con altre piante o con dolcificanti, qualora si prenda come infuso. È un cactus del tipo a palla.

 

Questo tipo di pianta nasce al riparo da altre che la proteggono dal freddo e, in generale, dalle intemperie, essendo la sua crescita molto lenta (possono volerci 15 anni prima che raggiungano la maturità).

 

Cactus San Pedro: a differenza del Peyote, il cactus San Pedro è di tipo colonnare e la sua origine ci porta in Perù anche se, come ogni cosa, oggi è coltivato e consumato in tutto il mondo. In effetti, l’area meridionale della Spagna, grazie a tutte le ore di sole che ha, è diventata un’area di coltivazione interessante per i produttori.

 

Tuttavia, il Cile, così come il Perù o la Bolivia sono le aree in cui crescono naturalmente e ogni anno si alzano, più o meno, di un metro.

 

 

Il Cactus San Pedro supera il metro di altezza.
Il Cactus San Pedro supera il metro di altezza.

 

Tornando alle caratteristiche del cactus San Pedro, vale la pena ricordare che questo è stato tradizionalmente utilizzato anche nei rituali più antichi.

 

Tra i cactus della varietà San Pedro ce ne sono alcuni che contengono più mescalina di altri, soprattutto i più giovani, e pertanto gli effetti di questi ultimi sono molto più potenti.

 

 

Quali sono gli effetti della mescalina?

 

Gli effetti della mescalina, come abbiamo detto all’inizio, sono psicoattivi e allucinogeni, ma non sono gli unici effetti. Ci sono persone che la usano come medicinale per il suo naturale effetto antibiotico e narcotico. In questo senso possiamo suddividere gli effetti della mescalina come segue:

 

Effetto terapeutico della mescalina: molti potrebbero pensare che si tratti di uno scherzo, ma la verità è che l’effetto antibiotico è stato dimostrato. Pertanto, molte persone lo usano per curare le ferite, per indurre il vomito se hanno bisogno di pulire lo stomaco o per mantenere in salute il cuore.

 

Effetto psichico della mescalina:  questi effetti sono i più noti. Le persone avvertono allucinazioni sensoriali e visive. Alcuni descrivono i loro effetti come se stessero vedendo una successione di colori che sta cambiando o ascoltando più ampiamente i suoni intorno a loro. Il rovescio della medaglia di tutto questo è che la mescalina può anche causare incubi.

 

Effetti fisici della mescalina:  come abbiamo detto prima, provoca vomito, ma anche diarrea, anche se, ovviamente, non provoca lo stesso effetto in tutti. In questo senso e come accade con questo tipo di sostanze, si consiglia di iniziare poco per volta e vedere come il nostro corpo tollera l’assunzione di mescalina.

 

 

Come viene consumata e preparata la mescalina?

 

Ci sono tre modi per consumare la mescalina: per via orale, per via endovenosa o succhiandola.

 

I modi più comuni per preparare la mescalina sono i seguenti:

 

-In infusione:  proprio come la cannabis, anche la mescalina si può preparare come infuso; in effetti, è il modo più comodo e piacevole per farlo, sebbene gli effetti siano diversi rispetto all’endovenosa. Per fare questo, è sufficiente tagliare il cactus fresco a pezzetti e farlo bollire in acqua per qualche minuto. In seguito il liquido viene filtrato e l’operazione viene ripetuta con gli stessi pezzi di cactus, ancora un paio di volte. Infine si raccolgono i liquidi che sono stati bolliti in una tazza e si beve.

 

Anche il cactus tipo San Pedro può essere realizzato allo stesso modo, ma con delle polveri. Il processo è più semplice..

 

-In resina: l’inizio del processo è lo stesso dell’infusione, ma una volta filtrati i liquidi vengono posti in una teglia di vetro, si mette il forno a bassa temperatura e si posiziona la teglia lasciando la porta aperta, in modo che l’acqua evapori e rimanga solo una resina che poi rimuoveremo per consumarla.

 

Alcune persone prendono direttamente la resina e altre, per evitare il sapore sgradevole, la modellano in capsule, mescolandola alla farina, e la consumano.

 

Alcune persone prendono la mescalina sotto forma di capsule per evitare il sapore sgradevole
Alcune persone prendono la mescalina sotto forma di capsule per evitare il sapore sgradevole

 

Raccomandazioni:

 

Se stai pensando di consumare mescalina, vorrei che tenessi conto delle raccomandazioni che gli esperti fanno al riguardo:

 

Distanzia il consumo di mescalina nel tempo per evitare problemi. Anche se è vero che non la si considera una sostanza che crea dipendenza, però i suoi effetti sì la possono causare nella persona che la consuma. Quindi, se hai intenzione di farlo, fallo lentamente.

 

Né donne incinte o che allattano, né bambini: sembra scontato, ma chi ama consumarla o crede negli effetti terapeutici naturali spesso dimentica che può avere effetti collaterali.

 

Non guidare: o eseguire alcun tipo di attività che richiede grande responsabilità o concentrazione, poiché la mescalina non ci permetterà di vedere chiaramente cosa sta realmente accadendo.

 

Persone con depressione: o che stanno attraversando un brutto momento non è consigliabile che la prendano, nemmeno per sentirsi meglio. Non si sa mai come reagirà ogni organismo e la cosa migliore, come abbiamo detto, è prenderla poco a poco.

 

 

Conclusione

 

Interessante il mondo del cactus da mescalina, vero? La verità è che ci sono molte altre cose da approfondire, ma questo voleva solo essere un piccolo antipasto. Allora, non vorresti provarli? C’è qualcosa che vorresti conoscere e che non ho menzionato? Fammi sapere!✍️

 

Alan Martínez Benito
Alan Martínez Benito
CEO di Pev Grow, coltivatore esperto con più di 20 anni di esperienza. Continua a battersi senza sosta per la regolamentazione del settore della cannabis, particolarmente in campo medico.
See more posts

Lascia un commento