Divieto di cannabis

560
SHARES
Reading Time: 7 minutes
Imagen de un santo frente al demonio debatiendo sobre la prohibicion del cannabis
Imagen de un santo frente al demonio debatiendo sobre la prohibicion del cannabis

 

 

Negli ultimi anni abbiamo assistito a una lenta legalizzazione di cannabis in tutto il mondo, specialmente nei paesi più sviluppati come USA, Canada, Israele o Germania, tra gli altri. Sembra che in questo periodo siano stati scoperti molti usi terapeutici per questa pianta sacra, e c’è molto interesse da parte delle aziende farmaceutiche al riguardo.

Ma la storia della marijuana e del suo rapporto con l’uomo risale a molti anni fa, e anche se sembra che ultimamente si stia diffondendo la permissività del suo uso, la realtà è ben diversa, e se volete vedere un riassunto del perché ci sono così tanti interessi dietro al divieto della cannabis vi invito a leggere questo articolo, che può cambiare il vostro modo di vedere le cose.

 

 

🎯 Religione e peccati proibiti

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

L’ uso della cannabis come medicinale risale a più di 40 secoli di storia, essendo una delle piante più importanti nel primo libro di medicina della storia, dai tempi dell’imperatore Sheng Nung nell’antica Cina. La sua popolarità si diffuse in tutta l’Asia, fino a quando la prima grande religione cinese la fermò con l’arrivo del Taoismo nel IV secolo aC Ciò significò il primo incontro tra la scienza che difendeva l’uso medicinale della cannabis e la religione che la stigmatizza per diversi motivi.

Ma il taoismo non riuscì a fermare l’avanzata di questa pianta, che trovò molti usi industriali grazie alla sua rapida crescita e alle fibre resistenti, motivo per cui attraversò l’Himalaya e raggiunse il Medio Oriente. In queste terre si scontrò nuovamente con la religione, in questo caso con l’Islam, che dapprima ne consentì il consumo, ma dal XIV secolo lo proibì.

La prima testimonianza scritta che si conosce sul divieto della pianta di cannabis risale a questo periodo, e da allora ci sono più territori che la controllano di quelli che la consentono. Correva l’anno 1378 quando l’allora emiro di Joneima in Arabia Soudoun Sheikouni annunciò quella che sarebbe stata la prima legge di proibizione della marijuana al mondo, che interessava l’intero territorio.

 

 

🔥 Marijuana in Occidente, una storia di amore/odio

 

Era ancora nel medioevo quando la pianta di cannabis raggiunse l’Europa , in un’epoca in cui la religione aveva il potere assoluto nella società. Questo non aiutò molto la popolarità della cannabis come medicinale, tanto meno per uso ricreativo, e nel 1484 fu bandita da papa Innocenzo VIII insieme a molte altre piante psicoattive, che furono accusate di essere usate per fare rituali di stregoneria.

In quegli anni si diffuse in tutto il mondo il colonialismo, che stava impiantando le sue convinzioni in tutti i territori conquistati e cercava di sradicare molti dei costumi degli abitanti di queste “nuove terre”, soprattutto quelli che avevano a che fare con la religione. In alcune parti dell’Asia e dell’Africa, la cannabis è stata utilizzata nelle cerimonie spirituali fino all’arrivo dei conquistatori europei, che hanno cercato di porre fine al suo uso con tutti i mezzi, anche se fortunatamente in molti casi non hanno avuto successo.

 

Già nell’Ottocento Napoleone fu una delle figure chiave nella storia del proibizionismo della marijuana, preoccupato per il grande consumo che cominciava ad esserci nel suo grande esercito dopo la campagna d’Egitto, poiché in questo paese africano avevano allora una grande cultura della cannabis. Da parte loro, le truppe britanniche avevano il compito di vietarne il consumo sia in Sud Africa che in tutti i territori asiatici che invasero.

 

 

✅ Cannabis per uso ricreativo e medicinale accettata dalla società

 

Nel corso del XIX secolo, la popolarità della cannabis in Europa iniziò ad essere importante, soprattutto in Francia, dove iniziò ad essere vista sempre di più nelle farmacie, grazie, tra l’altro, alle pubblicazioni del Dr. Jacques Joseph Moreau, che descrive in dettaglio molte applicazioni mediche della marijuana.

In una sua opera parlò per la prima volta anche degli effetti psicoattivi di questa pianta, nonché delle intossicazioni causate dal suo consumo eccessivo. La distorsione nella percezione dello spazio/tempo, l’euforia, la dissociazione delle idee o l’eccitazione intellettuale sono alcuni degli effetti più notevoli che questo medico ha esposto alla società.

Ciò fece sì che l’uso della cannabis terapeutica si diffondesse tra la popolazione francese, che vide come tutte le farmacie del paese fossero piene di tutti i tipi di prodotti derivati ​​da questa pianta. Ma non solo aumentò la popolarità della marijuana terapeutica, da quando nel 1835 fu fondato a Parigi il club hashischins, luogo di incontro di intellettuali che sfruttarono gli effetti psicoattivi della cannabis come ispirazione per lavorare alle loro opere. Questa popolarità raggiunse gli Stati Uniti, dove nel 1883 furono aperte sale fumatori di hashish a Chicago, New York, Filadelfia e molte altre città del paese.

E così arriviamo al 20° secolo, e grazie a studi come quelli del prestigioso medico irlandese William Brooke O’shaughnessy, la cannabis è diventata il secondo ingrediente attivo più utilizzato nelle farmacie dopo l’oppio. Unguenti, creme di cannabis, liquori, supposte, caramelle e tutti i tipi di prodotti a base di marijuana riempivano le farmacie di tutto il mondo, ma questi farmaci avevano un problema commerciale, ovvero che tutti potevano coltivare piante di marijuana a casa e curare i propri disturbi senza dover acquistare nulla.

 

*Imagen de un paquete de cigarrillos de cannabis y belladona que se vendía en farmácias europeas en el siglo XIX*
*Immagine di un pacchetto di sigarette di cannabis e belladonna vendute nelle farmacie europee nel 19° secolo*

 

 

🚀 L’industria farmaceutica e il divieto della cannabis

 

Nell’anno 1900, gli scienziati scoprirono i prodotti petrolchimici e con esso la possibilità di creare tutti i tipi di prodotti da derivati ​​del petrolio. Nelle loro indagini hanno scoperto diverse nuove vitamine e hanno pensato che si potessero produrre tutti i tipi di medicinali, qualcosa che il magnate del petrolio John Davidson Rockefeller ha trovato molto interessante.

Da quel momento in poi, i principi attivi di molte piante cominciarono ad essere isolati, per trasformarli in pillole, capsule, sciroppi e altri medicinali in un formato brevettato. Ma molte persone e soprattutto molti medici hanno continuato a fidarsi della farmacopea tradizionale più che dei nuovi farmaci, cosa a cui Rockefeller ei suoi scagnozzi non avrebbero acconsentito.

Da quel momento iniziò una campagna diffamatoria contro la medicina naturale e l’omeopatia, che furono derisi e furono imprigionati anche alcuni dei medici che la difendevano. Rockefeller ha speso più di 100 milioni di dollari all’epoca per creare gruppi di influenza che andavano negli ospedali parlando dei benefici dei suoi nuovi farmaci, mentre la maggior parte delle scuole di medicina erano chiuse e quelle rimaste accettavano il nuovo standard di educazione medica.

 

 

📲 Capitalismo e cannabis, un binomio incompatibile

 

Siamo nei primi decenni del 20° secolo, quando diversi fattori si sono uniti e hanno contribuito a vietare la marijuana nel mondo, anche se tutti si riducono allo stesso fattore che stava cominciando a diventare di moda, il capitalismo. Fino ad allora , la cannabis era fondamentale nelle industrie cartarie, farmaceutiche e tessile, da questa pianta veniva persino sviluppato carburante, quindi era al centro dell’economia.

Proprio come Rockefeller ha influenzato gli interessi dell’industria farmaceutica, la famiglia DuPont ha fatto lo stesso con i tessuti e la carta a base di petrolio. La lycra, il nylon o il neoprene iniziarono a competere con i tessuti di canapa e  milioni di alberi venivano abbattuti ogni anno per essere trasformati in carta. Buona parte di quel giornale finì nelle macchine da stampa di Hearst, il gruppo di comunicazione legato alla famiglia DuPont che controllava giornali, riviste e persino una stazione radio, alcuni mezzi di trasmissione che si occupavano di pubblicare molte notizie false su screditare la cannabis.

 

 

📖 La pianta pericolosa, un raccolto del diavolo

 

A quel tempo, l’ immigrazione di messicani negli stati occidentali degli Stati Uniti stava crescendo molto, e molti di questi immigrati amavano fumare marijuana. D’altra parte, il consumo di questa pianta da parte di artisti neri era diventato piuttosto popolare, soprattutto a New Orleans e in altre zone dello stato della Louisiana. Ciò ha creato il terreno fertile perfetto per collegare la cannabis con atti criminali che sono sempre stati attribuiti a questi gruppi etnici.

Sono apparse numerose pubblicazioni che implicavano che il consumo di marijuana faceva impazzire le persone e le incitava a commettere tutti i tipi di crimini, rapine, stupri, omicidi,ecc. Questo iniziò a permeare la società americana, specialmente nelle classi superiori, che accettavano che la cannabis fosse cattiva nonostante tutte le proprietà medicinali che aveva mostrato.

L’ industria del tabacco ha visto i suoi interessi messi in pericolo dalla tendenza del fumo di canna tra alcuni giovani, quindi non ci è voluto molto per unirsi alla tendenza anti-marijuana. È così che molte delle più potenti lobby economiche si unirono contro uno stabilimento, tra cui le industrie farmaceutiche, tessili, della carta, del tabacco e dei combustibili.

*Carteles represivos contra la marihuana de los años 30 en USA*
*Cartelli repressivi contro la marijuana negli anni ’30 negli USA*

 

 

👌 L’ufficio federale dei narcotici, l’inizio della fine

 

Nel 1930 e grazie alla pressione esercitata dalla pubblicità finanziata da tutti questi influenti gruppi di potere al governo, si creó l’ufficio federale dei Narcotici negli Stati Uniti . Era guidato da Harry Anslinger, che ha servito per 32 anni sotto 5 diversi presidenti.

Dal 1930 al 1937 Harry Anslinger, sostenuto da tutte le notizie che spesso uscivano relative all’uso della cannabis con la criminalità e l’emarginazione, si dedicò a cercare di mettere la marijuana alla pari con altre sostanze più forti come l’oppio, fino al punto che nel 1937 riuscì per approvare una legge che vietava questa pianta in tutto il paese.

Questa legge ha incontrato una forte opposizione da parte dell’American Medical Association, poiché molti medici hanno difeso l’uso terapeutico della cannabis. Invece, ha trovato un grande sostegno in altri paesi come la Gran Bretagna, che aveva anche interessi a sradicare la cultura della cannabis da alcune delle sue colonie.

 

 

✨ La guerra alla droga e il proibizionismo globale

 

Quando finì la seconda guerra mondiale, iniziò la cosiddetta guerra fredda tra USA e Unione Sovietica, o quello che è lo stesso, il modello capitalista contro il modello comunista. Negli Stati Uniti tutto ciò che sapeva di comunista veniva bollato come cattivo e antipatriottico, e questo diede nuove opportunità alla guerra alla droga.

A quel tempo, gli Stati Uniti erano la grande potenza dell’Occidente ed esercitarono una grande pressione sulla stragrande maggioranza dei paesi sviluppati, al punto che nel 1961 convinsero tutti i partner delle Nazioni Unite a bandire la cannabis praticamente in tutto il mondo nella convenzione sulla droga di quello stesso anno.

Mentre l’esercito yankee combatteva in Vietnam, una nuova cultura contro la guerra si stava facendo strada tra i giovani degli Stati Uniti, il movimento hippie. Questa generazione difendeva la pace, l’amore e la libertà, era totalmente contraria alle guerre nel loro paese e aveva reso di nuovo di moda l’uso della marijuana. Con tutti questi ingredienti, il governo degli Stati Uniti inventò che dietro l’incitamento all’uso di cannabis tra i giovani c’erano i comunisti per scoraggiare la difesa del loro paese.

 

 

⛳ Il fallimento della politica proibizionista

 

Molti anni di repressione sono passati dagli anni ’60 fino all’arrivo del nuovo millennio, quando sembra che molti paesi si siano resi conto che il divieto della cannabis non solo non ne aveva terminato il consumo, anzi, ogni anno si diffondeva di più e il fatto di essere proibito l’unica cosa che lo causava aggiungeva problemi, così iniziarono a cambiare le loro politiche.

Per quanto strano possa sembrare, uno dei primi paesi che ha iniziato a depenalizzare i propri consumi sono stati gli USA, non a livello federale, ma non pochi dei suoi stati. Attualmente ci sono diverse società statunitensi di cannabis quotate in borsa, che esportano in altri stati e iniziano a controllare il mercato dei paesi terzi. È curioso vedere come il paese che ha dedicato più anni alla proibizione della cannabis in tutto il mondo, sia attualmente quello che trae il maggior beneficio economico dalla legalizzazione… Coincidenza?

 

Infografica sulla storia della proibizione della cannabis
Infografica sulla storia della proibizione della cannabis

 

 

⭐ Conclusione

 

La cannabis non era vietata per la sua tossicità o per problemi associati al suo utilizzo, era una questione di interessi economici di poche persone. Il proibizionismo ha causato molti più problemi di quelli generati dal suo libero consumo, ma non è stato fino a poco tempo fa che la maggior parte degli stati del mondo lo ha capito, speriamo che ora si uniscano tutti a questa tendenza legalizzante

 

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content