La cannabis può aiutare con la sindrome premestruale ?

Tempo di lettura 3 minuti
La cannabis può aiutare con la sindrome premestruale
La cannabis può aiutare con la sindrome premestruale

 

La sindrome premestruale (SPM) è una condizione che la maggior parte delle donne fertili sperimenta ad un certo punto della loro vita. Possono anche sviluppare disturbo disforico premestruale (DDPM), che è simile alla sindrome premestruale, ma con sintomi più prolungati e gravi.

Man mano che la campagna per la legalizzazione della cannabis progredisce e ottiene più sostegno a livello globale, sempre più donne si rivolgono alla cannabis per alleviare questi sintomi. Forse molte non lo sanno, ma in realtà questa pratica non è nuova. Infatti nel corso della storia le donne hanno usato la cannabis per alleviare i sintomi della sindrome premestruale.

Il riferimento più antico all’uso della cannabis come trattamento per la SPM e DDPM proviene dal libro di erbe tedesco Kratterbuch scritto nel 1564. In questo testo Leonhart e Lonicer scrissero che “le donne che si chinano a causa di un dolore all’utero sono pronte a rialzarsi in piedi dopo aver inalato il fumo della marijuana che brucia”.

 

 

✅ Trattamento convenzionale per SPM e DDPM

 

I sintomi premestruali includono dolore addominale, contrazioni, crampi, depressione, ansia, irritabilità, nausea, vomito, problemi gastrointestinali, tensione mammaria e persino insonnia. I farmaci antinfiammatori come l’ibuprofene o anche i metodi contraccettivi ormonali sono spesso raccomandati per trattare questi disturbi e disagi generali.

Tuttavia, ci sono casi in cui le donne, o perché soffrono di reazioni allergiche agli antinfiammatori o perché hanno determinate condizioni di salute, non possono scegliere queste opzioni. Ci sono anche casi in cui, per motivi personali, culturali o religiosi, possono essere contrarie ai contraccettivi ormonali come trattamento per questi sintomi. In queste situazioni, la cannabis potrebbe essere un’alternativa più che praticabile.

 

 

🧐 In che modo la cannabis aiuta contro i sintomi della sindrome premestruale ?

 

La cannabis sta guadagnando sempre più accettazione in vari paesi. Tuttavia, ce ne sono ancora molti in cui il suo utilizzo è illegale. Ciò ha reso scarsa la ricerca sull’effetto della cannabis sulla sindrome premestruale. Sebbene siano necessari ulteriori studi, è noto che la cannabis può aiutare ad alleviare molti dei sintomi di questa condizione.

 

Per il dolore addominale

Il dolore addominale è uno dei sintomi più comuni della sindrome premestruale. La cannabis può essere un ottimo alleato, poiché i cannabinoidi THC e CBD rilassano la muscolatura liscia della parete uterina. Grazie a questo si ottiene un aumento del flusso sanguigno, che fornisce sollievo ai tessuti privi di ossigeno, aiutando così a ridurre il dolore. Con le mestruazioni aumenta anche la produzione di prostaglandine, un gruppo di lipidi che aiutano il flusso sanguigno. Tuttavia, questa maggiore produzione contribuisce anche al gonfiore e al dolore addominale. I cannabinoidi agiscono come potenti agenti antinfiammatori.

Per gli sbalzi d’umore

Nei giorni precedenti le mestruazioni, i livelli di serotonina (un neurotrasmettitore che regola l’umore) diminuiscono notevolmente. Gli effetti rilassanti ed euforici della cannabis possono offrire sollievo a coloro che sono emotivamente alle prese con sbalzi d’umore, irritabilità o depressione. I cannabinoidi stimolano diversi recettori nel cervello e nel sistema nervoso per aiutare il corpo a riconoscere e regolare un’ampia varietà di stimoli e cambiamenti, principalmente umore e stress.

Per la nausea e il vomito

Nausea e vomito sono sintomi comuni tra le donne che soffrono di forti crampi e contrazioni. Pertanto, durante il trattamento del dolore addominale, questi sintomi di solito scompaiono. Se la cannabis viene utilizzata per trattare questa condizione, questi sintomi associati saranno evitati.

Per l’insonnia

Durante la fase mestruale, il sonno della fase 2, così come la fase REM, vengono disturbati, il che influisce sulla qualità del sonno nelle donne. Ciò può verificarsi a causa dell’aumento della temperatura corporea notturna e dei crampi, ma anche da una diminuzione dei livelli di progesterone. La cannabis ha proprietà sedative e narcotiche che possono aiutarti a dormire bene la notte. In effetti, il THC e il CBD hanno dimostrato scientificamente di essere efficaci nel trattamento dei disturbi del sonno.

Per problemi gastrointestinali

La cannabis può anche aiutare con uno dei sintomi meno noti della sindrome premestruale: problemi gastrointestinali. Sebbene poche persone ne parlino, le mestruazioni possono portare a costipazione o diarrea a causa dell’aumentata produzione di prostaglandine. Questo aumento provoca contrazioni dell’utero che colpiscono gli intestini vicini. Grazie al potere antinfiammatorio dei cannabinoidi, questo sintomo può essere trattato.

 

In che modo la cannabis aiuta ad alleviare i sintomi della sindrome premestruale?
In che modo la cannabis aiuta ad alleviare i sintomi della sindrome premestruale?

 

 

⚠️ Conclusione

 

Le condizioni causate dalle mestruazioni possono diventare molto fastidiose e persino invalidare le donne in quei giorni. Per coloro che non sono soddisfatte dell’ibuprofene o di una borsa dell’acqua calda, la cannabis può essere un’opzione che cambia la vita.

 

[Voti: 0   Media: 0/5]
Alan Martínez Benito
Alan Martínez Benito
CEO di Pev Grow, coltivatore esperto con più di 20 anni di esperienza. Continua a battersi senza sosta per la regolamentazione del settore della cannabis, particolarmente in campo medico.
See more posts

Lascia un commento