Fiore di Loto Blu, effetti, preparazione, dosaggio e tutte le forme di consumo.

560
SHARES
Tempo di lettura 5 minuti
Foto di un fiore di loto circondato dai suoi usi ed effetti in immagini
Foto di un fiore di loto circondato dai suoi usi ed effetti in immagini

 

Ci sono piante che per il loro aspetto, colori, aroma, o forma, invitano a pensare che nascondano qualcosa all’interno. Alcune sembrano venire da un altro pianeta, con forme aliene addirittura, altre contengono spine o punte che ci possono danneggiare, ce ne sono con odori sgradevoli e altre molto attraenti, e anche con colori che sembrano indicare pericolo come accade con alcuni animali. Oggi parleremo del Loto Blu, una pianta che forma un fiore esotico che mostra diverse delle qualità descritte prima, una bella forma, colori vivaci, aroma inebriante, e il più importante, una chimica molto interessante per gli amanti della psicoattività, ti è piaciuto, vero? Allora continua a leggere perché ora viene il bello…👉

 

 

⚠️ Cos’è il Loto Blu?

 

 

Il Loto blu è una pianta acquatica appartenente alla famiglia delle Ninfeacee, che produce un fiore molto bello e aromatico. Proviene dal nord dell’Africa, più precisamente dalla regione del fiume Nilo, ed è conosciuto anche con i nomi di Loto d’Egitto, Giglio blu d’acqua o Ninfea blu. Anche se originariamente è stato scoperto nelle terre che comprendono ciò che oggi conosciamo come Egitto, questo fiore ha iniziato a diffondersi rapidamente verso altre zone dell’Africa, Medio Oriente, e successivamente Asia, dove oggi può essere trovato in diverse regioni. Ebbe molta importanza nella cultura Egizia, poiché lo consideravano un fiore sacro, che si apre con la luce e si chiude con l’oscurità, qualcosa che hanno associato con il loro dio del Sole. È molto rappresentativo che questa pianta germogli in acque stagnanti, in zone poco appariscenti, poiché con i suoi belli colori e il suo intenso profumo sembrano voler adornare il paesaggio. Ma come ti dicevo prima, il più importante di questa pianta non è il suo aroma o il suo colore, se è passata alla storia è per i suoi poteri medicinali e psicoattivi. Nefertem era il dio del Loto Blu, e questi portava a Ra, il dio del Sole, fiori di Loto per calmare i dolori prodotti dall’età nel suo corpo. Ci sono molte rappresentazioni nella cultura Egizia che mostrano diverse situazioni dove si impiegava il Loto Blu in cerimonie religiose o curative.

 

Fotografia di un bellissimo fiore di Loto blu nel suo stato naturale*
Fotografia di un bellissimo fiore di Loto blu nel suo stato naturale*

 

 

🧐 Effetti e benefici del Loto Blu

 

I primi effetti si notano chiaramente dopo circa 20 minuti, e possono iniziare con un certo malessere corporeo che in alcuni casi include nausea o tremori. Questi effetti iniziali di solito non durano molto, ma prima che scompaiano si inizia già a notare un cambiamento nella percezione delle cose, è l’inizio degli effetti reali, che di solito arrivano circa 45 minuti dopo l’ingestione. Una specie di ipnotismo ti avvolge, lasciandoti in uno stato di sonnolenza molto piacevole, con una grande calma mentale e rilassamento corporeo. È molto comune sentire leggere alterazioni visive e uditive, colori più vivaci e una certa euforia, anche se dipende anche dalla quantità assunta. Come accade con altre droghe, il Loto Blu a basse dosi produce effetti narcotici ed euforici, ma a dosi alte o molto alte può provocare allucinazioni.

Un altro degli effetti comuni del Loto Blu è l’afrodisiaco, una delle ragioni per cui viene consumato fin dall’antichità. Coloro che lo prendono assicurano che aumenta il desiderio sessuale e migliora le relazioni, essendo il più simile al Viagra che avevano gli Egizi in quei tempi.

 

È sicuro il consumo di questa pianta?

Fino ad oggi non si conoscono casi di overdose o intossicazioni gravi causate dal Loto blu. Non è stato nemmeno studiato a fondo il suo potenziale di dipendenza, quindi bisogna sempre trattare questo fiore con molto rispetto, poiché si ignora il suo possibile pericolo.

 

 

 
Scarica il dizionario gratuito della marijuana
Scaricare gratuitamente Dizionario della cannabis Edizione 2023
Inserisci un indirizzo e-mail corretto
Devi accettare l'informativa sulla privacy
SITO DI NEGOZI ONLINE S.R.L con CIF: B98262777 e indirizzo per le notifiche in C/ VEREDA MAS DE TOUS Nº 22 LOCAL C, 46185 LA POBLA DE VALLBONA, VALENCIA, Telefono: 961658271 Email: customer(at)pevgrow.com
Per conto della Società di Consulenza trattiamo i dati da Lei forniti al fine di fornire il servizio richiesto, eseguire la fatturazione dello stesso. I dati forniti saranno conservati per tutto il tempo in cui sarà mantenuto il rapporto commerciale o per gli anni necessari a soddisfare gli obblighi di legge. I dati non saranno ceduti a terzi, salvo nei casi in cui vi sia un obbligo di legge. L'utente ha il diritto di ottenere la conferma che SITE OF SHOPS ONLINE S.R.L. stia trattando i suoi dati personali e pertanto ha il diritto di accedere ai suoi dati personali, di rettificare eventuali dati inesatti o di richiederne la cancellazione quando i dati non sono più necessari.
 

🎬 Tè di Loto Blu Come si fa?

 

Sicuramente è la forma di consumo più diffusa, forse per la sua facilità, dato che per preparare un tè di fiore di Loto blu è così semplice come bollire i suoi petali in acqua e successivamente filtrare il liquido e lasciarlo raffreddare, ma meglio spiegarti passo dopo passo:

  • Passo 1: Versare acqua in una pentola calcolando una quantità di una tazza per persona
  • Passo 2: Mettere la pentola sul fuoco finché l’acqua inizia a bollire
  • Passo 3: Una volta che inizia a bollire si aggiunge il Loto Blu, calcolando la dose normale, che è di 5 grammi per persona, o fino a 10 nei più esperti
  • Passo 4: Aspettiamo che bolla il mix per circa 8 o 10 minuti e spegniamo il fuoco
  • Passo 5: Lasciamo raffreddare un po’ e separiamo il liquido con l’aiuto di un filtro da caffè o simile, è consigliabile premere i fiori affinché rilascino tutto
  • Passo 6: Distribuiamo il tè di Loto blu nelle tazze corrispondenti e a godere

 

 

👾 Altre forme di consumare questa pianta, il vino di Loto blu

 

È il modo originale, la forma in cui lo consumavano gli antichi Egizi, che aggiungevano 5 grammi di Loto blu a un litro di vino e lo lasciavano riposare per circa 2 ore. Si raccomanda di non superare la dose di 5 grammi per litro di vino per non amarire il sapore di questo, ma se non ti importa del sapore devi sapere che c’è gente che aggiunge fino a 10 grammi per bottiglia di vino. Ancora oggi molte persone lo prendono così, alcuni sono molto fan della sinergia che produce la combinazione dell’effetto dell’alcol mischiata con quelli del Loto blu, potenziando entrambi in maniera evidente.

 

Fumando Loto blu

Sì, si può anche fumare, e attraverso questa via gli effetti si sentono ancora più velocemente. Quelli che lo hanno fumato da solo o mischiato con tabacco ci riportano effetti rilassanti simili al Kratom, sebbene un po’ più lievi. Il sapore è piacevole, simile al suo aroma, floreale e dolce, quindi non è difficile prenderlo in questo modo, e lo stato di sonnolenza cresce rispetto al consumarlo ingerito. Mescolato con marijuana o hashish, l’effetto del Loto blu si diluisce nella maggiore intensità della potenza della cannabis. Sarebbe interessante la miscela con fiori di CBD per vedere se si produce una sinergia simile a quella del vino di Loto.

 

Estratti, resina e tintura di Loto blu, potenza concentrata

Questo è un formato di consumo piuttosto moderno, speciale per quelle persone che vogliono sperimentare gli effetti del Loto blu nella sua massima espressione. Ci sono estratti, tinture e resine di Loto con diverse concentrazioni dei suoi principali principi attivi, la Nuciferina e l’Aporfina, essendo le 15x e 20x le più popolari. La forma di prendere questi concentrati di Loto Blu sono le stesse che in formato normale, ossia, come un tè, o fumati, e come succede normalmente, ingerito impiega più tempo a fare effetto ma di solito dura più a lungo.

 

Immagine di un collage dove si possono vedere diversi tipi di estratti, tintura e resina di Loto blu*
Immagine di un collage dove si possono vedere diversi tipi di estratti, tintura e resina di Loto blu*

 

 

🎯 Conclusione

 

Il Loto blu ha proprietà stimolanti, narcotiche, calmanti e afrodisiache, e leggermente psicoattive, quindi si tratta di una delle piante con più effetti distinti. È anche una delle più versatili, poiché si offre in molti formati distinti e si può consumare in molti modi. Non ti sembra più così sconosciuta questa fantastica pianta? Allora non dimenticare di condividere l’articolo affinché queste informazioni raggiungano più persone.👉👏😉

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Leave a Comment