La migliore illuminazione per coltivare piante di marijuana in ambienti chiusi

560
SHARES
Tempo di lettura 8 minuti
Imagen de una marihuana en bikini recibiendo luz de uno de los mejores sistemas de iluminación indoor del 2022.
Immagine di un bikini di marijuana che riceve luce da uno dei migliori sistemi di illuminazione indoor del 2022.

 

L’illuminazione per la coltivazione della cannabis è migliorata molto negli ultimi anni, grazie ai progressi tecnologici in questo senso, alle richieste dei coltivatori, alla legalizzazione in molti paesi e soprattutto alla necessità di ottenere il tipo di luce più interessante al mondo in termini di consumi ed efficienza. Al momento abbiamo a disposizione diverse tecnologie o tipologie di illuminazione per la coltivazione indoor, ma in questo articolo andremo a vedere quali sono le migliori per diversi motivi. Se stai pensando di rinnovare la tua grow room, vuoi ridurre i tuoi consumi indoor, o hai bisogno di migliorare le prestazioni senza aumentare i costi dell’elettricità, questo articolo ti piacerà, quindi mettiti comodo e spero che ti piaccia leggerlo.

 

 

🎯 Le migliori luci per la marijuana oggi

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

Senza dubbio in questo momento le luci migliori per coltivare marijuana sono quelle emesse dai leds. LED è l’acronimo di Light Emitting Diode, cioè è un diodo che emette luce, un piccolo dispositivo che permette il passaggio della corrente in una sola direzione, la quale, polarizzata, emette luce. Questo rappresenta un grande vantaggio rispetto ad altre tecnologie che concentrano tutta la luce in un fuoco, poiché in un’unità LED ci sono molti diodi sparsi su tutta la sua superficie, cosa che consente una dispersione della luce molto più interessante in modo che una buona incidenza l’intera area coltivata.

La luce per la marijuana classica è sempre stata la tecnologia HPS (sodio ad alta pressione) o HM (alogenuro metallico) perché quando la marijuana indoor iniziò a coltivare per la prima volta alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70, era la migliore illuminazione disponibile. In quel periodo iniziarono ad utilizzare anche le lampade fluorescenti, che avevano il vantaggio di non emettere il calore che emanano le HPS, ma erano valide solo per coprire il periodo vegetativo e non venivano utilizzate per la fioritura a causa della loro scarsa intensità. Successivamente sono apparse le CFL (fluorescenti compatte), che non sono nemmeno molto efficaci per produrre cime, ma sono ancora utilizzate per coltivare o mantenere piante madri e talee.

 

Alcuni anni fa è apparsa sulla scena la tecnologia LEC (ceramica a emissione di luce), che è simile nello spettro a HM ma non emette tanto calore né consuma tanto, quindi presentava alcuni vantaggi rispetto alle classiche luci per la coltivazione dell’erba. Tuttavia, sebbene all’inizio abbiano avuto molto successo, sono stati rapidamente superati dai LED di ultima generazione.

 

Confronto tra le migliori lampade per marijuana di oggi
Confronto tra le migliori lampade per marijuana di oggi

 

 

🔥 Luci a LED per erba

 

La verità è che quando sono usciti i primi modelli, molti di noi pensavano che coltivare indoor con i LED sarebbe stata un’utopia, perché lasciavano molto a desiderare. I diodi da 1w hanno lasciato il posto a 2w e poi a 3w, e anche se hanno leggermente migliorato l’efficienza dei kit, non potevano ancora essere paragonati alle luci di coltivazione più vendute dell’epoca. Successivamente sono comparsi i LED COB (chip on board), che in un certo modo hanno cominciato ad avvicinarsi alle HPS in termini di prestazioni, ma non erano ancora efficienti come quelli attuali. E così arriviamo ai LED all’avanguardia che abbiamo oggi a disposizione, che non solo hanno raggiunto la potenza e la qualità delle luci al sodio ad alta pressione o degli alogenuri metallici e ceramici, ma li hanno persino superati in ogni modo.

Le colture indoor con LED di ultima generazione richiedono meno risorse energetiche, in primo luogo perché con un minor consumo di energia elettrica riescono a ottenere una resa uguale o superiore, ma anche perché emettendo meno calore richiedono meno aria condizionata. Ciò, aggiunto alla sua vita utile molto più lunga rispetto a qualsiasi altra tecnologia di illuminazione, li rende i più sostenibili dal punto di vista ambientale.

LED Solux Titan
 

Acquista LED panel Solux Titan
 

 

Le migliori marche di LED per la coltivazione della marijuana

Più che della marca dell’apparecchiatura stessa, bisogna tenere conto della marca dei diodi e dei driver che li compongono. In questo caso, Osram, Philips e Samsung hanno dimostrato una maggiore efficienza rispetto a qualsiasi altro marchio. Tra i sistemi a LED vanno segnalati quelli del brand Lumatek e quelli di Mars Hydro, che dal nostro punto di vista sono al di sopra degli altri. Ma ci sono altri marchi meno conosciuti come Solux o Sanlight che assemblano anche parti dei suddetti marchi, quindi possono fornire vantaggi simili ma a un prezzo inferiore.

Sanlight Evo 3-100
 

Acquista Sanlight Evo 3-100
 

All’interno dei diversi sistemi LED per la coltivazione della cannabis, è anche necessario differenziare tra gli schermi che concentrano la maggior parte della luce su un punto, e altri che sono costituiti da una struttura con barre che distribuiscono la luce molto meglio. In quest’ultimo gruppo, i modelli Zeus di Lumatek, Fluence Spydr di Osram, o Dreamcatcher e Galaxy di Solux sono quelli che hanno il miglior rapporto qualità/prezzo.

LED Fluence Spydr Osram
 

Acquista LED Fluence Spydr Osram
 

 

 

✅ Coltivare marijuana con LED Vs HPS

 

I LED di ultima generazione emettono uno spettro di luce naturale, niente a che vedere con i vecchi che proiettavano un tipo di luce che sembrava tutta rossastra. Questo è un grande vantaggio perché servono sia per la crescita che per la fioritura delle piante, e permettono anche di vedere il vero colore delle foglie, e quindi controllarne velocemente lo stato di salute o rilevare a prima vista carenze, parassiti e funghi. Oltre ad essere un bene per noi, le piante lo apprezzano perché questo spettro luminoso del LED non provoca stress. HPS emette un tipo di luce molto potente ma poco efficace per le piante, poiché simula lo spettro del sole in estate, quindi possono essere buone per la fioritura ma non tanto per la fase vegetativa. Le lampade ad alogenuri metallici, invece, simulano lo spettro del sole in primavera, quindi sono ottime per coprire la fase di crescita ma non tanto per la fioritura.

L’altezza dei LED nella coltivazione della marijuana è un altro vantaggio di questa tecnologia rispetto all’HPS tradizionale. L’altezza dell’HPS era davvero segnata dalla temperatura, anche se si è sempre detto che una lampada da 600w doveva essere posizionata a 60 cm dalle piante, l’ideale era avvicinarle il più possibile entro quello che la temperatura permette, che in questo il tipo di luce è generalmente molto alto. I LED emettono pochissimo calore, e questo ti dà la possibilità di avvicinarli molto alle piante, anche se si consiglia di lasciare una distanza minima di circa 30 cm dai punti più alti delle piante.

Con i LED attuali, le piante producono cime più grandi, più dense e più pesanti, ma soprattutto producono anche più resina e oli essenziali. Lo stesso clone cresciuto con HPS e con LED, la cosa più normale è che genera più THC e terpeni con LED che con HPS. Ciò significa che l’erba coltivata con i LED sarà più gustosa e più potente dell’erba coltivata con lampade al sodio ad alta pressione.

 

 

🚀 Fluorescenti, CFL, LEP, luce verde, ultravioletti e altre tecnologie per la coltivazione indoor

 

I tubi fluorescenti sono ancora ampiamente utilizzati nella coltivazione della cannabis, ma soprattutto come luce di mantenimento piuttosto che per la crescita o la fioritura. Questa illuminazione è a luce fredda, il colore è generalmente bianco, e poiché non emettono calore possono essere molto pratici da posizionare negli scaffali per radicare e mantenere le talee. Le lampade fluorescenti compatte sono fluorescenti compatte a bassa energia e la loro missione principale è la stessa delle normali lampade fluorescenti, sebbene le lampade fluorescenti compatte possano essere utilizzate per la fase di crescita o per le stanze delle piante madri. Tuttavia, negli ultimi anni, i LED hanno preso tutto il risalto dai fluorescenti perché sono anche a basso consumo, non emettono nemmeno calore e sono molto più efficienti.

La tecnologia LEP (Light Emitting Plasma) all’epoca era molto rivoluzionaria, ma nel tempo è stata anche relegata in secondo piano. È una specie di mix tra HPS e LEC, con grande efficienza ma con molta emissione di calore come regola generale. Questo tipo di illuminazione è più adatto per stanze di coltivazione molto grandi, poiché con un’unità da 1000w puoi illuminare un’area di 2m x 2m, ma posizionando l’unità a una grande altezza, quindi non hanno molto senso negli armadi per la coltivazione .o stanze piccole.

Sappiamo tutti che l’oscurità deve essere rispettata durante il ciclo notturno delle piante, perché altrimenti potremmo causare un leggero stress. Quindi cosa possiamo fare per poter lavorare sul raccolto senza disturbarlo? Ci sono 2 opzioni, lavorare durante il ciclo diurno o posizionare una lampada a luce verde. La luce verde non disturba le piante perché sembra che non abbiano fotorecettori per questo tipo di spettro luminoso, quindi non provoca loro alcun tipo di stress.

 

 

📲 Luce UV per piante di marijuana

 

All’interno dell’intera frazione ultravioletta dello spettro solare si trovano i famosi raggi UVA, che oltre a farci abbronzare in estate, stimolano le piante a produrre più resina e oli essenziali. Da anni è noto che le piante coltivate in alta montagna, all’equatore o ai tropici generano più cannabinoidi e terpeni di quelle coltivate in altre regioni del pianeta. All’interno della luce ultravioletta ci sono anche i raggi UVB, che, a differenza degli UVA, hanno la capacità di ridurre la produzione di CBD, quindi non sarebbe così interessante per le colture rivolte ai consumatori terapeutici.

Un altro vantaggio della luce ultravioletta per la coltivazione della marijuana è che può fungere da fungicida, riducendo la capacità di germinazione delle spore e rallentando la crescita del micelio. Come punto negativo, c’è da dire che l’esposizione prolungata a questo tipo di luce da parte nostra non va bene, rende obbligatorio l’uso di occhiali protettivi e la tua pelle potrebbe subire ustioni o altri problemi. Ma come è successo con il resto dei tipi di luce per la coltivazione, i LED di nuova ultima generazione stanno prendendo il sopravvento su tutti gli spazi di coltivazione indoor, ed essendo a spettro completo emettono anche una piccola parte di raggi UVA e UVB, per quello che sono i migliori per Tutto quanto.

 

 

✨ Luci a LED per marijuana in vendita

 

Se sei già convinto di rinnovare l’illuminazione per la tua coltivazione con luci a LED ma non sai ancora quale scegliere, ti consiglio di iniziare con un sistema a barre come quelli dei modelli Lumatek Zeus, poiché dal nostro punto di vista sono sono i migliori in relazione alla qualità del prezzo. Se vuoi un modello più economico, guarda quelli del marchio Solux, che, come ti dicevo prima, non hanno molto da invidiare a quelli dei marchi più avanzati perché hanno una tecnologia molto simile e montano gli stessi diodi e driver , che dopotutto è la cosa più importante del LED.

Zeus de Lumatek
 

Acquista Zeus de Lumatek
 

 

 

⛳ Conclusione

 

L’illuminazione per la coltivazione di piante di cannabis ha fatto molta strada e ora abbiamo molte tecnologie diverse tra cui scegliere. In questo articolo abbiamo visto quali sono le più comuni oggi, e spero che ti aiuterà a scegliere bene la prossima volta che dovrai rinnovare la luce nel tuo interno. Se ti è piaciuto o hai imparato qualcosa di nuovo, spero che tu lo condivida sui tuoi social in modo che le informazioni raggiungano più persone, da qui ti ringraziamo in anticipo.

 

 

⭐ Domande frequenti

 

Qual è la luce migliore per la coltivazione indoor?

Indubbiamente al momento la luce migliore per la marijuana sono i LED a spettro completo di ultima generazione, in particolare i sistemi a barra per l’imbattibile distribuzione della luce che ottengono, la qualità e la potenza della luce, il loro basso consumo rispetto ad altre tecnologie e, soprattutto, la sua grande efficienza.

 

Quanti watt dovrebbe avere la mia luce di crescita?

Bene, questo dipende dal tipo di luce e dallo spazio di coltivazione che vuoi illuminare, ma per darti un’idea, con HM o HPS hai bisogno di circa 600 w/m2, con LEC di circa 450 w/m2 e con LED 400 w/m2 sarebbe basta. . Con le luci fluorescenti è sconsigliato coltivare a meno che non si tratti di mantenere le piante, perché lo sviluppo è molto lento.

 

Di che colore è meglio coltivare la luce?

Il migliore è lo spettro più simile a quello del sole, che attualmente è raggiunto solo dai LED più moderni. È un colore che difficilmente cambia il colore reale di ciò che riflette, proprio come accade con la luce solare, ma contiene tutti i colori di cui la pianta ha bisogno per il suo corretto sviluppo, dalla crescita alla fioritura.

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content