Legalizzazione della cannabis ricreativa in Germania

560
SHARES
Tempo di lettura 6 minuti
Bandiera tedesca con una zip che si apre e mostra una persona che fuma uno spinello
Bandiera tedesca con una zip che si apre e mostra una persona che fuma uno spinello

 

La nuova coalizione del governo appena costituita in Germania ha approvato l’uso ricreativo della marijuana per gli adulti, diventando così il primo grande paese dell’Unione Europea a legalizzare la produzione, la vendita e il consumo di questa pianta.

Il 2022 inizia aprendo una nuova porta alla speranza per i consumatori di cannabis, e siamo sicuri che questa non sarà l’unica buona notizia dell’anno, perché il paese tedesco è lo specchio in cui si guardano gli altri stati europei, quindi pensiamo che il resto del continente seguirà presto questo percorso. Se vuoi scoprire tutti i dettagli che circondano questa notizia, ti invito a leggere il seguente articolo, stai certo che non ti ci vorranno più di 5 minuti.

 

 

⭐ Perché la legge sulla cannabis è cambiata in Germania?

 

Sono diversi i motivi che hanno motivato questa decisione, ma senza dubbio il più importante è che si sono resi conto del fallimento del divieto, che non solo non si è esaurito con il consumo di questa sostanza, anzi, si consuma più di mai e il fatto che sia vietato ha solo accentuato tutti i problemi legati al suo utilizzo, soprattutto quelli legati al consumo sicuro.

Un altro motivo è il recente cambio di governo in Germania e il successo del partito verde nelle ultime elezioni, che tra l’altro ha posto come condizione per sostenere la nuova coalizione la legalizzazione ricreativa della marijuana. Gli altri due partiti che compongono questo governo (socialdemocratici e liberali) hanno mostrato una posizione aperta al riguardo, e hanno persino proposto di ampliare il modello.

C’è una terza causa che, pur non essendo così importante per i tedeschi, ha avuto anche molto peso in questa decisione, che è la parte economica, poiché si genera una nuova industria, nuove tasse, e un netto risparmio delle risorse investite al controllo di una sostanza finora vietata.

 

 

⛳ Come sarà la legalizzazione della marijuana in Germania?

 

In linea di principio, sarà simile alla legalizzazione del Canada e di alcuni stati degli Stati Uniti, ovvero l’amministrazione del paese stesso avrà il compito di fornire il prodotto ai consumatori attraverso dispensari autorizzati abilitati per questo. Saranno venduti sia germogli di marijuana che hashish e altri prodotti derivati ​​da questa pianta, edibili, creme, bevande, ecc.

Solo potranno acquistare questi prodotti le persone maggiorenni, e non è stato ancora specificato un importo massimo giornaliero per persona o giorno, ma nella prima proposta dei verdi si parlava della possibilità di acquistare o possedere fino a 30 grammi di marijuana a persona.

Nelle parole dello stesso governo, con la legalizzazione migliorerà l’accesso dei consumatori a un prodotto sicuro.”Stiamo introducendo la distribuzione controllata di cannabis agli adulti per il consumo nei negozi autorizzati. Ciò consentirà di controllare la qualità, prevenire il trasferimento di sostanze contaminate e garantire la protezione dei minori. Valuteremo la legge dopo quattro anni per determinarne l’impatto sociale ”.

 

 

✨ La legalizzazione della cannabis in Germania in numeri

 

La marijuana muove molti soldi direttamente e indirettamente, e in un contesto di illegalità questa economia va direttamente alle mafie che usano questi soldi per finanziare ogni tipo di attività illecita. Questo non è un segreto scoperto dalla Germania, è noto in tutto il mondo da molto tempo, ma sembra che ci siano alcuni interessi nascosti che difendono il suo divieto.

Il Tesoro tedesco prevede di entrare in circa 4,7 miliardi di euro l’ anno con l’approvazione di questo provvedimento. Tale importo comprende le imposte dirette relative alla vendita negli stabilimenti autorizzati, che si stima raggiungano 1.800 milioni. Un altro introito verrebbe dai circa 27.000 nuovi contratti di lavoro necessari alla coltivazione, lavorazione e vendita di questo prodotto, il che significherebbe 526 milioni di euro in più. Infine, dobbiamo includere i risparmi che la legalizzazione di questa droga comporta per le casse pubbliche, e cioè la persecuzione della polizia, e le spese giudiziarie e carcerarie per l’adesione al divieto, che sono stimate in circa 1.400 milioni di euro.

Una buona parte di questo reddito andrà al trattamento delle dipendenze, sia cannabis che altre droghe pesanti, cosa che già fanno in alcuni stati degli USA con ottimi risultati.

 

 

🚀 Le autorità tedesche contro il mercato nero della cannabis

 

Si stima che il prezzo della cannabis legale nel paese teutonico possa oscillare tra i 10€ e i 14€ al grammo di gemma, poiché intendono coltivare la maggior parte della produzione all’interno dei propri confini, con un costo stimato da € 1 a € 2 al grammo. Uno dei punti deboli della legge è la forte riscossione dello Stato, che vuole raccogliere 4€ di tasse dirette per ogni grammo di gemma venduta, 5€ per ogni grammo di hashish, e 6€ per ogni grammo di olio, qualcosa che va a rendere il prodotto finale più costoso. Infine, hanno calcolato l’utile dei dispensari a 3 euro per grammo venduto, a cui va aggiunta l’Iva al 19% che va alle casse dello Stato.

Il problema è che al momento il prezzo medio della marijuana sul mercato nero tedesco è compreso tra 8 e 10 euro, e le autorità pensano che un prezzo alto della cannabis legale potrebbe limitare il loro accesso, e che molti consumatori continuano a ricorrere alla mercato illegale.

 

 

✅ Drug cheking e la politica di riduzione dei danni legati al consumo

 

Con questo passo compiuto dalle autorità tedesche, l’uso della cannabis viene equiparato all’uso di tabacco o alcol, 2 droghe pienamente accettate dalla società e pesantemente tassate. In questo senso , il consumatore di marijuana può essere separato da colui che usa sostanze proibite più forti, cosa che fanno nei Paesi Bassi da diversi decenni.

Una delle proposte più interessanti della nuova coalizione di governo tedesca in materia di consumo di droga è il programma denominato “Drug Checking” che consente ai consumatori di droghe pesanti di analizzare la purezza delle sostanze che acquistano per strada al fine di rilevare contaminanti o impurità.

Un altro punto interessante della nuova legge tedesca è la riduzione della pubblicità per le bevande alcoliche, il tabacco e ora anche per la cannabis. Ciò limiterà la sponsorizzazione di alcuni marchi come si può vedere oggi in televisione, con l’intento di ridurre l’accesso per i nuovi consumatori.

 

 

🎯 I consumatori tedeschi di marijuana festeggiano la loro legalizzazione

 

Nel 2018, l’economista tedesco Justus Haucap ha calcolato che nel Paese tedesco ci sono più di 4,5 milioni di consumatori di marijuana, che consumano circa 500 tonnellate di questa sostanza ogni anno, evidentemente dal mercato nero. Successivamente il cosiddetto “rapporto THC” ha stimato che questi calcoli erano troppo brevi, e hanno calcolato che si tratta di circa 800 tonnellate all’anno.

Quello che è chiaro è che solo per coprire il mercato dei medicinali, la Germania ha bisogno di circa 20 tonnellate di marijuana ogni anno, e questi consumatori rappresentano solo una piccola percentuale del totale. Alcuni di questi consumatori tedeschi si recano nei Paesi Bassi più volte all’anno alla ricerca di uno spazio che consenta loro di acquistare e consumare marijuana legalmente, e ora potranno farlo senza dover lasciare la propria città.

 

 

🧐 Condizioni per poter ottenere una licenza per aprire uno stabilimento dedicato alla vendita di cannabis legale in Germania

 

Sebbene le condizioni specifiche non siano state ancora specificate, si presume che per alcuni aspetti la proposta che i Verdi hanno pubblicato a suo tempo, che è sulla base dei seguenti punti:

 

  • Presentazione del certificato di buona condotta
  • Attivitá legalmente registrata
  • Acquisto solo da aziende ufficialmente autorizzate
  • Distanza minima dalle scuole e dalle istituzioni di assistenza ai giovani (la distanza sarebbe una questione per ogni stato locale)
  • Divieto di pubblicità per le aziende
  • Controlli di accesso con prova di età
  • La creazione e la presentazione di un concetto sociale che stabilisca misure per la prevenzione delle dipendenze e la protezione dei minori
  • Tutti i prodotti a base di cannabis devono essere conservati in un luogo sicuro o appositamente protetto
  • Vendita massima di 30 grammi a persona (possibilmente significativamente inferiore)
  • Formazione speciale per il personale commerciale: tutti gli spot pubblicitari devono avere un certificato e rinnovarlo ogni due anni per ottenerlo, devono, ad esempio, partecipare a un corso di formazione presso lo stato o un’agenzia specializzata per la prevenzione delle dipendenze e dimostrare di avere conoscenze su come affrontare la cannabis, le modalità di azione e i pericoli della cannabis, nonché la prevenzione della dipendenza da cannabis e l’individuazione precoce di modelli di consumo rischiosi e successivi. Acquisito il rinvio degli interessati a consultori per le dipendenze o strutture terapeutiche.

 

La zonizzazione o la distanza minima tra gli stabilimenti dedicati alla vendita di cannabis non è stata ancora determinata e, come per altre misure, si presume che sarà la decisione di ciascun comune.

Infografica sulla legalizzazione della marijuana in Germania
Infografica sulla legalizzazione della marijuana in Germania

 

 

👾 Conclusione

 

La Germania non è il primo paese in Europa a legalizzare o depenalizzare l’uso ricreativo della marijuana, come Malta, Lussemburgo e in precedenza i Paesi Bassi avevano già fatto. Ma è il primo Paese dei grandi d’Europa a farlo, e siamo sicuri che presto seguiranno altri grandi Stati di questo continente, forse non tanto per concederci dei diritti, sarà sicuramente per questioni economiche, ma essere sicuro che è un bene per tutti.

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content