Quando, dove e chi ha scoperto la marijuana

560
SHARES
Tempo di lettura 7 minuti
Imagen de 2 neandertales haciendo fuego y plantas de marihuana de fondo
Immagine di 2 uomini di Neanderthal che fanno il fuoco e piante di marijuana ai loro lati

 

 

L’origine della marijuana non è del tutto chiara, ma c’è una certa unanimità nel luogo e nell’anno in cui l’uomo ha scoperto che questa pianta è più speciale del resto di tutte quelle classificate fino a quel momento. In questo articolo vedremo fatti della storia della marijuana come la sua scoperta, l’espansione in tutto il mondo e l’uso e lo sfruttamento che ogni civiltà le ha dato. Non preoccupatevi che non sarà molto lungo, cercheremo di riassumere il più possibile ma senza lasciare nessun dato importante.

 

 

🚀 Quando è stata scoperta la marijuana?

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

Sebbene la teoria più diffusa affermi che siano passati quasi 5.000 anni, sono state trovate tracce di fibre che secondo le analisi provengono da canapa risalenti a circa 25.000 anni fa. Grazie alle nuove tecnologie, è stato possibile dimostrare che la cannabis può essere presente su questo pianeta da almeno 28 milioni di anni, anche se gli esseri umani l’hanno scoperta solo molti millenni dopo.

Non è possibile sapere quando la prima pianta di marijuana sia stata scoperta dall’uomo, ma se ci basiamo sul primo momento in cui è stata documentata come tale, si parlerebbe dell’anno 2.800 aC circa. Se prendiamo in considerazione che nell’antichità le informazioni venivano trasmesse tramite il passaparola da persona a persona e non c’erano quasi riferimenti scritti alle scoperte, possiamo pensare che l’umanità usa la cannabis da molto più tempo.

 

 

✅ Chi ha scoperto l’erba?

 

Chi è stata la prima persona a scoprire la pianta di marijuana? Ci siamo posti questa domanda molte volte, e devo ammettere che più di una volta ho pensato a quel momento in cui una persona dei tempi antichi stava camminando per le montagne e si è imbattuto in questa bellissima pianta piena di gemme e con un profumo delizioso. … Ma sicuramente non era esattamente così. Molto probabilmente la cannabis era usata molto tempo prima, ma colui che scoprì il potere della marijuana e lo mostrò al mondo fu l’imperatore Shen Nung o Shennong attraverso il primo libro di medicina cinese, “The Herbal”, che risale all’anno 2800 aC.

La storia dell’uso della marijuana può essere fatta risalire a molti anni fa, almeno all’età della pietra, da quando un gruppo di archeologi ha scoperto nell’odierna Taiwan resti di fibre di canapa utilizzate per realizzare abiti che potrebbero avere circa 12.000 anni. In Giappone ci sono anche riferimenti all’uso dell’erba che possono far pensare che fosse già utilizzata fin dalla fase finale dell’età della pietra.

*imagen del emperador Shen Nung con sus plantas medicinales*
*immagine dell’imperatore Shen Nung con le sue piante medicinali*

 

 

🔥 Dove è stata scoperta la prima pianta di marijuana?

 

Presumibilmente il paese di origine dell’erba si troverebbe oggi in un luogo situato tra il nord della Cina e il sud della Russia, su un altopiano tibetano nei pressi del lago Qinghai, poiché è il luogo dove è stata trovata la presenza del polline più antico di questa pianta. Dall’Asia centrale si è gradualmente diffuso nell’attuale India, Corea e attraverso il Medio Oriente fino all’Africa orientale, dove è stato ampiamente utilizzato e ricercato dalla civiltà egizia. Fino ad ora, la cannabis veniva utilizzata principalmente in medicina e industriale, per produrre fibre resistenti e curare tutti i tipi di disturbi e malattie.

In Persia e in altre regioni islamiche, l’hashish divenne popolare come una forma di consumo più potente dell’erba stessa, ma questo avvenne molti anni dopo, tra l’800 d.C. e il 1.000 d.C. Ciò che non è del tutto chiaro è se sia stata la prima civiltà a pensare di concentrare la resina di marijuana, perché si sospetta che in alcune regioni dell’India come il Kashmir o le valli del Parvati e della Malana abbiano iniziato a produrre i famosi charas in precedenza. La storia della marijuana in India va ben oltre l’uso industriale e terapeutico, in quanto è considerata una delle 5 piante sacre e ha acquisito un ruolo religioso molto importante. Tanto che la leggenda indù sostiene che a Shiva, la divinità suprema di molte sette, sia stato dato il titolo di ‘Lord of Bhang’, perché la pianta di cannabis era il suo cibo preferito.

La cannabis raggiunse l’Europa attraverso 2 diverse rotte, prima da est attraverso l’attuale Turchia intorno al 2000 a.C., e successivamente da sud attraverso l’attuale Marocco intorno all’800 d.C. La civiltà greca fece di questa pianta un grande uso medicinale, molto più che ricreativo perché a quel tempo adoravano il dio Bacco, quindi normalmente si ubriacavano di vino, ma anche di oppio. Curiosamente, nel mondo islamico da cui giunse in Grecia, accadde il contrario, poiché il Corano proibisce l’alcol ma consente il consumo di cannabis. Molti anni dopo, intorno al XVI secolo, la yerba giunse in America attraverso varie rotte dalle mani di schiavi provenienti dall’Africa, e si sospetta che anche gli spagnoli abbiano portato i semi di questa pianta quando hanno scoperto il nuovo mondo.

*imagen de un mapamundi donde se puede ver la expansión del cannabis por todo el mundo*
*immagine di una mappa del mondo in cui puoi vedere l’espansione della cannabis nel mondo*

 

 

👾 Storia della marijuana in America

 

Sebbene esistano diverse versioni ufficiali, sembra abbastanza chiaro che la storia della yerba in America iniziò quando migliaia di abitanti dell’Africa meridionale furono portati in Sud America per lavorare come schiavi. Queste persone usavano la cannabis nella loro vita quotidiana per uso spirituale, ricreativo e medicinale, e quando arrivarono in quello che oggi è il Brasile, iniziarono a coltivarla per affrontare meglio le lunghe ore di duro lavoro. Circa 2 secoli dopo, gli schiavi africani giunti nell’odierna Giamaica dall’area che oggi comprende Camerun e Nigeria, portarono anche semi di questa pianta sacra.

D’altra parte, si presume che nell’anno 1616 i semi di canapa arrivassero a Jamestown (North Carolina) portati dagli inglesi, che avevano basato il successo del loro esercito su questo raccolto. Il re Giacomo I ordinò a tutti i proprietari terrieri di questa colonia britannica di coltivare almeno 100 piante per fabbricare corde, vele, vestiti e altre forniture necessarie per la conquista del pianeta che stavano effettuando in quel momento. In Nord America si diffuse rapidamente, e in pochi anni divenne la coltura principale a fini industriali per il suo perfetto adattamento al terreno, il suo basso fabbisogno idrico e la qualità delle sue fibre.

 

Il presidente George Washington è stato uno dei più grandi sostenitori della cannabis del suo tempo, e ci sono annotazioni di diario del 1765 che mostrano che coltivava la pianta con cura al punto da rimuovere i maschi in modo che non impollinassero le femmine… “Ho iniziato a separare le piante maschili dalle femmine nella conca paludosa, forse troppo tardi”. Tale era la sua passione che nell’anno 1776 scrisse la dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti su carta di canapa. Nell’anno 1850, il censimento degli Stati Uniti contava fino a 8.327 piantagioni di canapa (più di 2.000 acri di terra).Tra molte altre città, e per darvi un’idea, si stima che in quel momento nella sola New York ci fossero più di 500 di questi saloni.

 

 

🧐 Storia della marijuana in California

 

Oggi la California è la mecca della cannabis in tutto il mondo, su questo non c’è dubbio, ma non è sempre stato così. Nel 1890 molti messicani fumavano erba per rilassarsi dopo il lavoro, e subito dopo arrivò la rivoluzione di Pancho Villa, qualcosa che cambiò per sempre la storia della nostra amata pianta. Nell’anno 1902, il magnate dei giornali Randolph Hearst perse 800.000 acri di terra in Messico necessari per produrre la carta che usava nelle sue pubblicazioni, e in quel momento iniziò una crociata mediatica contro la carta di canapa messicana e tutto ciò che aveva a che fare con essa con questa piñata. Nel 1910 molti messicani arrivarono in massa negli Stati Uniti in fuga dalla rivoluzione, e portarono con sé yerba mate e semi per poter continuare a goderne i benefici. Con tutto il potere che deriva dall’avere un media, Hearst criminalizzò i consumatori di “marijuana”, il termine che usava in modo che la maggior parte degli americani non si rendesse conto che ciò che voleva vietare era la cannabis, che fino ad allora aveva una buona reputazione.

La storia della marijuana in Texas o New Mexico è molto simile a quella della California per essere terra condivisa all’epoca con il Messico, poiché influenzata dalla stampa di Randolph Hearst, la maggior parte degli abitanti degli Stati Uniti comprò il discorso proibizionista che diceva che messicani e i neri che fumavano marijuana finivano per commettere crimini di ogni genere, rapine, stupri, omicidi, ecc. Tuttavia, la cannabis medica è stata consentita negli Stati Uniti fino agli anni ’30, quando l’ufficio federale dei narcotici degli Stati Uniti ha organizzato una campagna con l’intenzione di dare l’immagine di una droga che crea dipendenza che provoca violenza e, tra le altre cose, è apparso il film Reefer Madness. Nell’anno 1937 negli Stati Uniti fu ufficializzato il divieto della cannabis, tra l’altro perché erano appena state scoperte fibre sintetiche come la lycra o il nylon, che era interessante vendere al di sopra della fibra di canapa, ma come sempre accade, da quella momento ha cominciato a essere consumato massicciamente in modo giocoso.

Gli anni ’40 sono segnati dalla seconda guerra mondiale, ma dagli anni ’50 la vera storia della marijuana inizia in California grazie alla generazione Beat. Poeti come Allen Ginsberg, Jack Kerouac o William Burroughs, tra gli altri, resero di moda tra i giovani il consumo di erba, che poi negli anni ’60 fu un pilastro fondamentale della generazione hippie. Ciò indusse l’amministrazione governata da Richard Nixon ad avviare la ben nota guerra alla droga e nel 1970 la marijuana fu incorporata, insieme all’LSD e all’eroina, nell’elenco 1 della legge sulle sostanze controllate. Anche questo non ha fermato il consumo, anzi, da quel momento è iniziata l’allevamento di cannabis e la storia delle moderne varietà di marijuana. In questo stesso decennio apparvero i primi ibridi commerciali, come Original Haze o Skunk #1, tra gli altri, incluse banche di semi come Sacred Seeds. Da questi primi ibridi e da altri apparsi in seguito, sono nate tutte le varietà che abbiamo oggi. È interessante notare che la California è stato il primo stato degli Stati Uniti a legalizzare l’uso della cannabis medicinale nel 1994 e lo specchio in cui la maggior parte degli stati del mondo ha cercato di depenalizzare questa pianta molto speciale.

 

Skunk PEV Bank Seeds
 

Acquista Skunk PEV Bank Seeds
 

 

 

🎯 Conclusione

 

Oggi abbiamo visto l’origine e la storia di come la marijuana si è diffusa nel mondo nel corso di molti secoli, fino a raggiungere questi momenti in cui godiamo di un mercato globale che fattura di più ogni giorno. Abbiamo cercato di riassumere il più possibile in modo che non sia pesante e che possiate leggerlo mentre fumate una canna con calma. Se hai qualche domanda irrisolta, puoi farcela nei commenti, e se sappiamo come rispondere, saremo felici di farlo, e se questo articolo ti è piaciuto, ti saremmo grati se lo condividessi sui tuoi social reti.

 

 

⚠️ Domande frequenti

 

Chi ha scoperto che la marijuana si fuma e ti fa sballare?

Presumibilmente erano gli Sciti, un gruppo di guerrieri nomadi iraniani che conquistarono una parte dell’Eurasia e dell’Asia centrale, e tra l’altro adoravano i morti in una cerimonia che, secondo lo storico greco Erodoto, inalavano il fumo dei fiori e semi della Cannabis che bruciano ma senza fiamma per sballarsi, cioè fumavano marijuana per sballarsi. È il primo riferimento scritto all’uso ricreativo affumicato di questa pianta, anche se in precedenza si sapeva che il suo consumo provoca intossicazione.

 

Quando è stata scoperta la yerba in America?

In Sud America fu scoperto prima che in Nord America, all’incirca nel 16° secolo in una regione che oggi appartiene al Brasile, portato da schiavi africani. In Nord America fu solo nel XVII secolo che questa pianta apparve nella città di Jamestown, portata dagli inglesi. Successivamente, nel XIX secolo, arrivò anche in Giamaica dall’Africa.

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content