Bong, un altro modo di consumare cannabis

560
SHARES
Tempo di lettura 8 minuti
Immagine di un uomo che usa un bong
Immagine di un uomo che usa un bong

Il bong sta sostituendo la tipica canna come modo per fumare marijuana, tra le altre cose perché ha diversi vantaggi come la qualità del fumo, la pulizia, la velocità di consumo e l’uso della cannabis. In questo articolo vedremo di cosa si tratta, diversi tipi di bong, come usarli, e altre informazioni che devi sapere per ottenere il massimo da esso, spero che ti piaccia leggere.

 

 

⭐ Cos’è un bong?

 
Telegram Pevgrow

 

È un dispositivo simile a una fiaschetta da laboratorio che viene utilizzata per fumare marijuana normalmente, sebbene possa essere utilizzata anche per consumare tabacco, salvia e altre erbe. Esistono molti modelli di bong diversi, di tutte le dimensioni, realizzati con materiali diversi, e anche con diversi sistemi speciali per fumare hashish o estrazioni oltre alle cime. Esistono anche modelli di bong specifici per il consumo di concentrati di cannabis o estrazioni come il BHO.

Il modello classico è una specie di fiaschetta da laboratorio che ha una base larga e un collo più stretto nella parte superiore che termina con un’apertura. Su 2 lati della parte superiore della base ha solitamente 2 piccole aperture, una che serve per introdurre il tubo o gambo della ciotola dove viene posta obliquamente la cannabis, e l’altra viene tenuta aperta fino a quando il fumo inizia a fuoriuscire esce perché fa da carburatore. Non tutti i modelli di bong hanno un carburatore, ci sono anche quelli che hanno altri sistemi di raffreddamento. L’estremità superiore del collo è la parte dove fuoriesce il fumo filtrato, è di dimensioni considerevoli rispetto al bocchino di una sigaretta o di uno spinello. Alcuni modelli di bong sono realizzati in un blocco e non hanno parti separabili, ma la maggior parte dei bong il fumo commerciali si basano sullo stesso design.

 

 

⛳ Come usi un bong?

 

La base del bong viene riempita d’acqua fino a circa poco più della metà, o almeno fino a quando lo stelo della ciotola non è sommerso, poiché si tratta del fumo causato dalla combustione della yerba che viene posta nella ciotola. l’acqua e fate raffreddare, in questo modo quando esce dall’acqua e sale fino al collo si gusta meglio. La cannabis viene posta all’interno della ciotola, accesa con un accendino o una torcia, e la bocca viene posizionata contro l’apertura del collo per inalare il fumo. Come puoi vedere, il funzionamento del bong è molto semplice, ma ci sono alcuni dettagli che devi conoscere per goderti il ​​fumo al meglio.

L’acqua nella base del bong funge da refrigeratore e filtro, quindi deve essere cambiata di tanto in tanto in modo che non rovini il sapore della marijuana. Non è necessario rinnovarlo dopo ogni tiro, ma è consigliabile farlo quando vedete che diventa torbido. Si consiglia inoltre di pulire la ciotola dopo ogni utilizzo, perché di solito sono presenti dei residui che possono essere tossici. In questo caso si consiglia di rimuovere tutti i resti che rimangono prima di fumare nuovamente, perché oltre a rovinare il gusto, possono essere dannosi per la nostra salute.

Come si fuma il bong? Quando si fuma, bisogna mettere le labbra all’interno dell’apertura superiore del collo, e non bisogna inspirare molto forte, è meglio inspirare poco alla volta fino ad avere una bella boccata. Nel caso di avere un carburatore, deve essere tenuto chiuso mentre accendiamo la marijuana, e una volta che iniziamo ad inalare il fumo viene scoperto in modo che possa entrare aria fresca. Come regola generale, la maggior parte dei bong sul mercato ha questa operazione, ma vedremo tutti i tipi di bong esistenti e le differenze nel design e nel funzionamento che hanno.

 

 

✨ Tipi di bong

 

Bong a Tubo dritto

È il tipo più semplice di bong, poiché è un tubo dritto simile a un cilindro da laboratorio, con una base chiusa ma una parte superiore aperta, e sono solitamente realizzati in vetro, borosilicato, plastica acrilica o silicone. Nella parte inferiore del tubo ha un piccolo foro attraverso il quale si inserisce il tubo della tazza, e di solito non hanno il carburatore, ma il funzionamento è lo stesso che abbiamo visto prima.

Bong de tubo recto sencillo
 

Acquista Bong Tubo dritto
 

 

Bong Zig-Zag (Zong)

Anche se può sembrare che la differenza tra questo bong e quelli normali possa essere strettamente estetica, in realtà ha diversi vantaggi rispetto a quelli normali. La differenza è che il collo è a Z oa zig-zag, e questo può essere interessante per migliorare il grip e soprattutto perché raffredda il fumo meglio di quelli con tubo dritto. Il problema più grande che presentano è la loro fragilità dovuta al design stesso, poiché nelle curve del collo si restringe parecchio, e sono solitamente di vetro

*Immagine di un bong a zig-zag chiamato anche zong*
*Immagine di un bong a zig-zag chiamato anche zong*

 

Bong Percolatore

L’unica differenza tra i bong a percolatore e quelli normali è che contengono un pezzo di vetro composto da piccoli tubi diffusori che costringono il fumo a passare attraverso di essi. Questo ha diversi vantaggi rispetto al normale bong, perché il fumo è più fine, crea piccole bolle e quando attraversa un circuito più lungo si raffredda anche di più, quindi raggiunge i nostri polmoni in modo più fluido.

 

Bong percolador rasta
 

Acquista Bong percolatore rasta
 

 

Bong Riciclatore

Questo è un tipo di bong più complesso, poiché è composto da più camere attraverso le quali il fumo passa prima di raggiungere il collo di uscita. In alcuni modelli, ciascuna delle camere è riempita d’acqua, in altri hanno semplicemente un circuito in modo che il fumo venga filtrato più volte, lasciandolo più pulito e freddo, quindi l’esperienza del fumo migliora notevolmente. Alcuni bong riciclatori sono vere opere d’arte grazie al loro design.

*Foto di un bong riciclatore con un design molto bello*
*Foto di un bong riciclatore con un design molto bello*

 

Bong Bubbler

È una specie di ibrido tra bong e pipa, poiché di solito sono di dimensioni intermedie tra entrambi e con un design che sembra una miscela di entrambi. Normalmente sono realizzati in un unico pezzo, che di solito è di vetro soffiato, e la maggior parte sono molto suggestivi, tanto che ci sono collezionisti che li acquistano più per decorare la propria casa che per usarli per fumare. Ci sono gorgogliatori monocamerali e multicamera, alcuni così piccoli da poter essere portati al collo, e altri che hanno una base da sostenere. Il bubbler bong è progettato per consumare concentrati di qualità attraverso i dab.

G-Lock 17
 

Acquista Bong G-Lock 17
 

 

Gravità Bong

Il famoso bong a gravità sta diventando sempre più popolare, soprattutto in estate perché può essere utilizzato nelle piscine. Sebbene ne esistano diversi tipi, il più diffuso e famoso è una bottiglia tagliata alla base, e nell’apertura dove viene avvitato il tappo si mette un foglio di alluminio o una ciotola, lì si mette l’erba e si accende posizionando la bottiglia nella superficie dell’acqua, una volta riempita di fumo, si toglie la ciotola o la carta, vi si pone la bocca, e si immerge nell’acqua in modo che spinga il fumo verso la parte superiore dove lo inaliamo. Ci sono bong a gravità commerciali come quello nell’immagine qui sotto, ma molte persone li producono a casa perché è così semplice.

*Foto di un bong a gravità commerciale in vetro*
*Foto di un bong a gravità commerciale in vetro*

 

Bong rotante

Il bong rotante si basa su un’operazione simile a quella gravitazionale, ma in questo caso la gravità è forzata attraverso la rotazione del dispositivo stesso invece di spingere con l’acqua. Il design non ha nulla a che fare con il resto dei bong commerciali sul mercato, poiché è composto da 2 camere di forma cilindrica, una delle quali è piena d’acqua e l’altra riceve il fumo dopo aver riscaldato la cannabis. Il fumo rimane nella parte superiore fino a quando non si capovolge la parte rotante, a quel punto l’acqua inizia a scendere a cascata nella camera del fumo per raffreddarla e spingerla verso il boccaglio attraverso il quale viene aspirata.

*Foto di uno Spinning Bong*
*Fotografia di un bong rotante*

 

Bong Maschera antigas

È forse il bong più spettacolare o sorprendente a prima vista, perché è una maschera antigas che ha un’apertura nella parte anteriore dove è attaccato il collo di un bong. Il funzionamento è lo stesso di un normale bong, ma basta mettere la maschera in testa e inalare il fumo, non ti perderai nulla. Questo tipo di bong è per i consumatori con una maggiore tolleranza alla cannabis, il miglior regalo che puoi fare al tuo amico più sballato.

 

Máscara de gas bong
 

Acquista Bong gas mask
 

 

Bong fatto in casa

Sapere come creare il tuo bong con cose che chiunque ha in casa può essere un grande vantaggio per quei momenti in cui finiamo la carta in rotolo e non abbiamo altro modo per fumare cannabis. Una lattina di soda, frutta, pezzi di ferramenta o persino una lampadina possono essere usati per fare un bong fatto in casa, ma vedremo il modo più semplice, veloce e salutare per farlo.

Bong di mele

È il tipo più famoso di bong fatto in casa e per realizzarlo bastano una mela, una penna e un coltello. Si tratta di fare diversi fori che si collegano all’interno della mela e sfruttare il foro in cui si trova lo stelo per posizionare la yerba lì. Per prima cosa devi rimuovere la coda o il gambo, e con l’aiuto della penna fai un buco in diagonale da quel buco al centro della mela, fino ad ottenere l’estremità della penna. Quindi viene rimossa la penna e viene praticato un altro foro, ma questa volta dal fondo della mela al foro in cui si trovava lo stelo, questo foro sarà il carburatore.

Successivamente, un terzo foro deve essere praticato a circa 2,5 o 3 cm di distanza dal foro principale nell’incavo dello stelo, che sarà il punto in cui inaleremo il fumo. Infine, con l’aiuto del coltello allarghiamo il foro principale per posizionare lì la cannabis. Quindi non resta che inserire la marijuana, porre le labbra nel foro laterale superiore, e con una delle dita della mano con cui teniamo la mela copriamo il carburatore e con l’altra accendiamo l’erba, una volta avviata inalando rilasciamo il foro del carb e ci godiamo il fumo.

Immagine che mostra come fare un Bong Apple
Immagine che mostra come fare un Bong Apple

 

 

🚀 Prezzo del bong

 

Se vuoi acquistare un bong ma non sai se sarà sufficiente per il tuo budget, ho una buona notizia per te, perché ci sono tanti modelli di bong che puoi trovare da meno di 10€ a più di 500€ , a seconda della marca, del materiale, del tipo, del design, ecc. Ci sono bong che onestamente possono essere considerati un’autentica opera d’arte, soprattutto quelli soffiati a mano e contengono molti dettagli, questi possono superare perfettamente i 1.000 euro. Nel nostro negozio abbiamo una sezione piena di bong diversi così puoi scegliere quello più adatto al tuo budget e alle tue esigenze, dai un’occhiata e scegli quello che ti piace di più, e se hai bisogno di aiuto ti lascio questa guida per scegliere il migliori bong nel rapporto qualità/prezzo.

 

 

🎯 Conclusione

 

Un buon bong può migliorare l’esperienza del consumo di marijuana perché sono progettati per filtrare e raffreddare il fumo causato dalla combustione molto meglio delle canne o delle pipe a mano. In questo articolo abbiamo visto cos’è un bong, come viene utilizzato e i tipi più famosi che esistono tra le altre cose. Se fumi ancora erba rotolante e non hai mai provato un bong, potresti perderti un modo per sfruttare e goderti molto meglio il tuo raccolto, te lo assicuro.

 

 

👾 Domande frequenti

 

Quanta acqua metti in un bong?

Dipende dal modello e dai tuoi gusti personali, ma tieni presente che la base dello stelo della ciotola deve essere sommersa per filtrare il fumo. Alcuni modelli di bong hanno una camera d’acqua molto piccola e un po’ è sufficiente, ma ce ne sono altri che potrebbero richiedere fino a mezzo litro d’acqua o anche di più. Alcuni consumatori mettono acqua quanto basta per superare il livello dello stelo della ciotola, perché in questo modo sembra migliorare il tiraggio, altri invece riempiono l’intera camera perché dicono che in questo modo il fumo è più pulito.

 

Chi ha inventato il bong?

Sebbene non vi sia unanimità in merito, sembra che il bong sia stato inventato in Africa, più precisamente in un’area situata tra l’Etiopia e il lago Ciad, poiché sono stati ritrovati resti archeologici che lo dimostrano. Sebbene esteticamente non assomiglino molto ai bong di oggi, il funzionamento dei bong arcaici trovati è lo stesso di quelli moderni, e già allora usavano l’acqua per raffreddare e filtrare il fumo. Hanno trovato bong fatti di zucche, noci di cocco, bambù, corna di animali o legno, tra gli altri materiali, ma è possibile che fossero usati per fumare tabacco e altre piante prima della marijuana.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content