Come abbassare il PH in modo facile, economico o fatto in casa

560
SHARES
Tempo di lettura 5 minuti
Immagine di una pianta di marijuana gigante, da un lato un uomo che sale su una scala e dall'altro un uomo sotto con un dispositivo di abbassamento del pH.
Immagine di una pianta di marijuana gigante, da un lato un uomo che sale su una scala e dall’altro un uomo sotto con un dispositivo di abbassamento del pH.

 

 

Uno dei primi problemi che affrontiamo come  coltivatori di cannabis per l’autoconsumo, è quello di raggiungere un PH adeguato per l’acqua di irrigazione o il substrato in cui mangiano le nostre piante. Ma questo non sarà più un riscaldamento della testa per te, perché in questo post vedremo diversi modi per abbassare o addirittura aumentare il PH in modo da avere tutti i parametri corretti.

 

 

⚠️ L’acido aumenta o abbassa il PH?

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

L’acido abbassa il PH, infatti questa azione è detta anche acidificante dell’acqua, perché il PH differisce tra più acido e più alcalino. Il PH neutro dell’acqua è 7,0, il punto più basso o più acido è 0 e il punto più alto o più alcalino è 14.

Ma devi sapere che non tutti gli acidi sono buoni per abbassare il PH, perché ce ne sono alcuni che sono molto abrasivi o possono  essere tossici per le nostre piante preferite se usati in quantità elevate.

 

 

👾 Come abbassare il PH dell’acqua?

 

La cosa più normale è usare acido fosforico o nitrico per abbassare il PH dell’acqua di irrigazione, visto che sono molto economici e con pochissime quantità si ottengono risultati rapidi. Esistono 4 tipi di acido che vengono spesso utilizzati per abbassare il potenziale di idrogeno (PH) ma non tutti agiscono allo stesso modo, quindi ti consiglio di prendere in considerazione le loro differenze.

Di seguito puoi vedere una tabella che mostra i 4 acidi più utilizzati per abbassare il PH dell’acqua, con la percentuale di principio attivo che ognuno di essi possiede:

 

Ácido % Principio attivo
Acido fosforico 75%
Acido fosforico67%
Acido fosforico50%
Ácido sulfúrico35%

 

 

🧐 Come abbassare il PH dell’acqua con l’acido fosforico?

 

L’acido fosforico è comunemente usato per abbassare e stabilizzare il PH di bevande analcoliche come la Coca-Cola. È anche il tipo di acido più utilizzato nelle coltivazioni di marijuana, sì, il tipico “PH-” che si vende nei grow shop, perché grazie alla quantità di principio attivo che contiene, ne basta davvero poco per abbassare diversi punti di irrigazione.

È importante sapere che l’acido fosforico deve essere utilizzato dopo aver aggiunto tutti i fertilizzanti e gli additivi all’acqua di irrigazione, perché questi prodotti possono anche causare fluttuazioni del pH dell’acqua. Una volta aggiunti tutti i prodotti, si controlla il PH con un misuratore o un test di caduta, quindi si aggiunge poco alla volta l’acido fosforico fino al raggiungimento del PH ideale per ogni fase della coltura.

 

 

🎯 Come abbassare il PH dell’acqua o del terreno in modo casalingo?

 

In casa hai alcuni prodotti che possono essere usati per abbassare il PH dell’acqua o della terra in modo molto economico, anche se è vero che non sono efficaci come quelli venduti per questa missione, ma per un dato momento può uscire dai guai.

I più usati sono l’ aceto o il limone, poiché il primo contiene acido acetico e il secondo è ricco di acido citrico. Se usi il limone sarà un po’ più costoso, ma dal nostro punto di vista è meglio, perché l’aceto non è molto stabile e provoca una maggiore fluttuazione nell’acqua di irrigazione.

Per abbassare il PH del terreno è sufficiente effettuare più irrigazioni con un PH inferiore a quello corrispondente, in modo che a poco a poco scenda anche quello del substrato. Per controllare il PH del terreno si può usare un metro che si introduce nel terreno, ma un altro modo per sapere se ha i parametri corretti è misurare l’acqua di drenaggio che fuoriesce dai fori del fondo del vaso.

 

 

🔥 Come abbassare il PH dell’acqua con l’aceto?

 

In questo caso si usa come qualsiasi liquido o acido usato per questo scopo, anche se è necessario molto di più che quando si usa l’acido nitrico o fosforico. L’ideale è controllare prima il PH dell’acqua per vedere se è troppo alto, e da lì aggiungere l’aceto poco alla volta fino a raggiungere il punto desiderato.

Si consiglia di consumare tutta la soluzione nutritiva che è stata corretta con l’aceto, perché come dicevo prima è un po’ instabile e dopo un po’ il PH si rialza, quindi andrebbe aggiustato di nuovo.

 

 

✅ E se il PH è basso?

 

Il problema più grande di avere un PH basso dell’irrigazione o del substrato , nelle colture di marijuana, è che le piante non possono assimilare i nutrienti a loro disposizione, quindi possono apparire carenze o blocchi di nutrienti.

Nelle colture dove il terreno viene utilizzato come substrato, la cosa più importante è mantenere sempre un pH adeguato nel terreno, poiché è lì che le radici devono assorbire i nutrienti. Il problema è che se l’acqua di irrigazione ha un PH troppo basso, farà diminuire gradualmente il PH del substrato.

In altri sistemi di coltivazione come la fibra di cocco, idroponica o aeroponica tra gli altri, è fondamentale regolare il PH prima dell’irrigazione, perché in questi tipi di coltivazione le piante mangiano direttamente dalla soluzione nutritiva e il substrato non tampona come avviene con coltivazioni a terra.

 

 

📲 Perché il PH dell’acqua scende?

 

Ci sono momenti in cui riempiamo un serbatoio con acqua di irrigazione, regoliamo il PH e dopo un po’ controlliamo di nuovo ed è sceso, perché succede questo? Può verificarsi per diversi motivi, il primo è dovuto a prodotti come i fertilizzanti, ma può anche passare naturalmente, a causa della CO2 contenuta nell’ambiente.

Una parte della CO2 contenuta nell’aria viene assorbita dall’acqua, e miscelata può essere convertita in acido carbonico, che può abbassare gradualmente il PH totale di quell’acqua. Ecco perché consigliamo sempre di controllare il PH della soluzione nutritiva appena prima di annaffiare.

 

 

🚀 E se avessimo il problema opposto? Come aumentare il PH del terreno o dell’acqua?

 

È più facile ed economico alzare il PH dell’acqua di irrigazione o del terreno dove si trovano le nostre piante. La maggior parte dei prodotti usati per fertilizzare la cannabis tende ad alzare il PH, e normalmente l’acqua del rubinetto esce con un PH troppo alcalino, quindi aggiungendone una certa quantità si alza il PH della soluzione nutritiva, e a sua volta innaffiando si alza anche il PH del substrato o della terra.

 

Infografica che riassume come abbassare o alzare il pH dell'acqua d'irrigazione.
Infografica che riassume come abbassare o alzare il pH dell’acqua d’irrigazione.

 

 

✨ Conclusione

 

Abbassare il PH dell’acqua è un’azione basilare ma importantissima, che, come abbiamo visto oggi, non costa molto da fare, né per tempo né per denaro, e possiamo farlo anche con i vari prodotti che abbiamo a casa. Ricorda che se le piante non hanno un PH dell’irrigazione o il substrato corretto non saranno in grado di assimilare i nutrienti che diamo loro.

 

 

⭐ Domande frequenti

 

Il salfuman aumenta o abbassa il PH?

Salfuman è acido cloridrico, quindi abbassa il PH dell’acqua dove viene applicato, infatti è uno dei prodotti più utilizzati per abbassare il PH nelle piscine. Tuttavia, non è consigliabile utilizzare salfuman nelle colture di marijuana, è preferibile l’acido fosforico o nitrico.

 

La candeggina alza o abbassa il PH?

La candeggina ha un PH che può variare tra 10 e 15, cioè molto alcalino, quindi il PH sale. Normalmente contiene una piccola concentrazione di cloro, tra il 2,5% e il 5%, quindi non è altamente raccomandato abbassare il PH dell’acqua di irrigazione per la coltivazione di piante di cannabis.

 

Qual è la soluzione migliore per abbassare il PH dell’acqua?

Se dovessimo scegliere un solo prodotto per abbassare il PH dell’acqua per irrigare la marijuana, sarebbe l’acido fosforico in fioritura e l’acido nitrico durante la fase di crescita, anche se uno dei 2 sarà valido per l’intero ciclo.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content