Diversi tipi di stress nelle piante di marijuana

560
SHARES
Tempo di lettura 7 minuti
Imagen de una planta sufriendo estrés
Immagine di una pianta sotto stress

 

 

Sapevi che anche le piante di cannabis possono essere stressate? Proprio così, questa malattia sempre più diffusa nell’uomo colpisce anche le nostre piante preferite, e proprio come accade a noi, lo stress compare quando le piante sono esposte a situazioni anomale, siano esse ambientali, nutrizionali o dovute ad agenti esterni. Lo stress delle piante non deve essere sempre negativo, in alcuni casi può causare un aumento della resa di gemme, resina o oli essenziali, ma come regola generale è negativo. I sintomi dello stress nella marijuana si manifestano in modi diversi, a seconda del tipo di stress o della salute generale delle piante.

Quando le piante di cannabis femmina sono stressate possono produrre fiori maschili fertili che possono impollinare altri fiori femminili propri o di altre piante, ma lo fanno come meccanismo difensivo, poiché lo stress fa capire alle piante che qualcosa non va. bene e potrebbe morire, e come risposta cercano di autoimpollinarsi come ultima risorsa per garantire la prole, che dopotutto è la missione principale delle piante in natura. In questo post vedremo vari tipi di stress nelle piante di marijuana, quindi puoi vedere le ragioni, i sintomi e il modo per risolvere questo problema, quindi rilassati, non stressarti e spero che ti piaccia leggere.

 

 

📲 Stress idrico nelle piante di marijuana

 

 

Lo stress idrico può essere causato da un eccesso o da un deficit nell’irrigazione delle piante, ma il primo è più comune. È molto importante rispettare il ciclo secco tra annaffiatura e annaffiatura, poiché in quel momento l’apparato radicale è ossigenato e se questo non viene fatto si può provocare una situazione di stress che può avere conseguenze disastrose. Le conseguenze dello stress idrico causato da un deficit o mancanza di irrigazione sono una diminuzione dello sviluppo delle piante, foglie flaccide o cadenti, e decolorazione e avvizzimento delle foglie che se non corrette possono eventualmente cadere.

Tuttavia, lo stress idrico dovuto alla mancanza di irrigazione è più facile da risolvere rispetto a quello causato da un eccesso di annaffiature, poiché le piante iniziano a riprendersi quando vengono annaffiate nuovamente. È possibile che il substrato non riesca più ad assorbire e trattenere l’umidità dell’irrigazione una volta che si è asciugato troppo, in questo caso è bene aggiungere all’acqua di irrigazione un prodotto idratante come Bio Nova Free Flow, oppure, in mancanza , aggiungi un paio di gocce di fata o qualsiasi altro sapone per i piatti. Lo stress idrico può verificarsi anche a causa dello scarso drenaggio dei vasi, per questo si consiglia di mettere sul fondo dei vasi una base di palline di argilla espansa o di fibra di cocco per favorire l’evacuazione più efficace dell’acqua in eccesso.

Bio Nova Free Flow
Acquista Bio Nova Free Flow
 

 

Le piante con stress idrico causato da un’annaffiatura eccessiva mostrano foglie cadenti che in alcuni casi possono arricciarsi, e alcuni coltivatori lo collegano alla mancanza di annaffiature, quindi può aggravare il problema. Le conseguenze dello stress idrico causato da eccessive annaffiature possono essere letali, perché possono causare stress biotici che in alcuni casi sfociano nella morte delle piante.

 

Stress biotico e abiotico nelle piante
Stress biotico e abiotico nelle piante

 

 

🚀 Stress biotico e abiotico nelle piante

 

Lo stress biotico è causato da esseri viventi che possono essere funghi o insetti. In caso di stress causato da un’irrigazione eccessiva, le radici non ricevono abbastanza ossigeno e lo stress ipossico aumenta, e il problema più grande è che in molti casi finisce con la comparsa di funghi come Pythium o Fusarium, e questo di solito finisce in la morte prematura delle piante. Anche i nematodi o gli afidi possono causare stress biotici, ma in questo caso la soluzione è molto più semplice, e se curata in tempo di solito non crea molti problemi.

Lo stress abiotico è causato da fattori che possono essere ambientali come temperatura, luce, aria, CO2, o causati da noi, come eccesso di sali nel substrato, lesioni alle piante, ecc. In linea di massima è più facile da risolvere rispetto allo stress biotico, in quanto è sufficiente impostare i parametri ideali affinché le piante possano crescere o rifiorire normalmente.

 

 

 
Semi USA
Scaricare gratuitamente Dizionario della cannabis
Inserisci un indirizzo e-mail corretto
Devi accettare l'informativa sulla privacy
SITO DI NEGOZI ONLINE S.R.L con CIF: B98262777 e indirizzo per le notifiche in C/ VEREDA MAS DE TOUS Nº 22 LOCAL C, 46185 LA POBLA DE VALLBONA, VALENCIA, Telefono: 961658271 Email: customer(at)pevgrow.com
Per conto della Società di Consulenza trattiamo i dati da Lei forniti al fine di fornire il servizio richiesto, eseguire la fatturazione dello stesso. I dati forniti saranno conservati per tutto il tempo in cui sarà mantenuto il rapporto commerciale o per gli anni necessari a soddisfare gli obblighi di legge. I dati non saranno ceduti a terzi, salvo nei casi in cui vi sia un obbligo di legge. L'utente ha il diritto di ottenere la conferma che SITE OF SHOPS ONLINE S.R.L. stia trattando i suoi dati personali e pertanto ha il diritto di accedere ai suoi dati personali, di rettificare eventuali dati inesatti o di richiederne la cancellazione quando i dati non sono più necessari.
 

✅ Stress leggero nelle piante di cannabis

 

Lo stress causato dalla luce nella yerba è uno dei più comuni sia nella coltivazione indoor che outdoor. Le piante di marijuana a fotoperiodo fanno affidamento sulle ore di luce e oscurità al giorno per determinare la loro fase vitale, è così che il loro orologio biologico scandisce il ciclo. Ovviamente le piante non hanno né orologi né calendario, ma controllano perfettamente l’ora del buio perché durante il ciclo notturno accumulano una proteina che, a seconda della quantità prodotta, attiva il cambio di ciclo, dalla crescita alla fioritura. Se la fase di luce o di buio viene interrotta, le piante capiscono che qualcosa non va, si stressano e in risposta allo stress rallentano il loro sviluppo e da quel momento in poi, se non si risolve presto, possono esserci delle conseguenze negative.

Dobbiamo rispettare i cicli delle piante, se impostiamo un fotoperiodo di 18 ore di luce al giorno per 1 mese di crescita vegetativa, non può essere che alcuni giorni abbiano 18 ore di luce e altri giorni ne abbiano 15 o 20. Durante la notte fase è ferma È più importante rispettare il buio totale, non vale la pena accendere la luce un attimo per vedere lo stato delle piante, nemmeno 30 secondi. Nel caso di dover vedere il raccolto durante la fase buia, l’ideale è utilizzare la luce verde, poiché questo colore non infastidisce le piante.

VDL Green Light Visor
Acquista VDL Green Light Visor
 

 

I segni o sintomi di stress leggero nella marijuana possono essere visti in una diminuzione del tasso di sviluppo delle piante, soprattutto se è in fase di fioritura poiché interrompe la produzione di gemme. Se il problema non viene risolto rapidamente, le piante più sensibili allo stress possono mostrare segni di ermafroditismo e persino rovinare il raccolto. Nel caso in cui si vedano fiori maschili su una pianta femmina, è meglio rimuoverla dalla coltura e allontanarla dalle altre piante per ridurre il rischio di impollinazione accidentale.

 

*Fotografia di una pianta femmina che ha prodotto fiori maschili a causa di un leggero stress*
*Fotografia di una pianta femmina che ha prodotto fiori maschili a causa di un leggero stress*

 

 

🔥 Stress da calore nelle piante di marijuana

 

Lo stress da calore è uno dei più comuni nella coltivazione indoor, poiché si verifica quando la temperatura è troppo alta per le piante, normalmente sopra i 30º C. I sintomi dello stress da calore nella marijuana sono abbastanza evidenti perché tendono ad arricciarsi verso l’alto le foglie, cosa che le piante fanno come meccanismo per aiutarle a traspirare di più e quindi a sopportare meglio le alte temperature. Lo stress da calore nelle piante di marijuana coltivate all’aperto si manifesta allo stesso modo della coltivazione indoor, in questo caso di solito si verifica solo in estate e quando le piante sono in piccoli vasi.

 

*Immagine di una pianta di cannabis stressata dal calore che mostra i bordi delle foglie all'insù*
*Immagine di una pianta di cannabis stressata dal calore che mostra i bordi delle foglie all’insù*

 

Come recuperare la marijuana dallo stress da caldo?

Nella coltivazione indoor, l’ideale è separare il bulbo dalle piante in modo che il calore che emette non le influisca. Gli apparecchi LED difficilmente si scaldano e possono essere una buona soluzione in questo caso, altrimenti bisogna posizionare un termometro o la sua sonda all’altezza delle punte più alte delle piante e alzare il fuoco quanto basta affinché la temperatura che le piante sentono non superare i 25º C circa. Un’altra opzione interessante sarebbe quella di aumentare la ventilazione del raccolto, mettendo un estrattore più potente in grado di evacuare una maggiore quantità di aria calda, o mettendo più ventilatori per migliorare l’aerazione interna.

 Lumatek Led Zeus 600W Pro V.2.9
Acquista Lumatek Led Zeus 600W Pro V.2.9
 

 

Nelle coltivazioni all’aperto, può essere necessario spostare le piante durante l’estate per evitare che ricevano il sole diretto e, nel caso in cui non sia possibile spostarle perché piantate direttamente nel terreno, l’ideale è posizionare un’ombra sulla parte superiore per proteggere le piante dal calore eccessivo.

 

 

🎯 Stress da freddo nelle piante di cannabis

 

Lo stress da freddo nella marijuana tende a manifestarsi più all’aperto che al chiuso, e si verifica quando le temperature scendono sotto i 15ºC ma dipende dalla varietà coltivata perché ce ne sono alcune più resistenti di altre, come le varietà autoctone di alta montagna. I sintomi dello stress da bassa temperatura nelle piante di cannabis possono essere visti come un rallentamento del ritmo di sviluppo, che in un dato momento potrebbe addirittura interromperlo del tutto, e se non viene risolto la pianta smetterà di nutrirsi e a poco a poco lo farà appassirà

La soluzione è semplice, aumentare la temperatura per posizionarla tra 22º C e 27º C, qualcosa che nella coltivazione indoor è semplice come avvicinare il focus e “giocare” con l’estrazione dell’aria. Quando invece le piante vengono coltivate all’aperto, non è così facile alzare la temperatura, e in questo caso abbiamo solo la possibilità di proteggerle in una serra o simili, e se possibile, posizionare le piante nella posizione più soleggiata posto in giardino.

 

 

👾 Stress nutrizionale nelle piante di marijuana

 

Anche questo tipo di stress è molto comune, perché ogni pianta può avere esigenze nutrizionali diverse, e a volte non è facile scegliere una buona dose di fertilizzanti. Lo stress nutrizionale può derivare da una concimazione eccessiva del cibo, ma può anche essere stress salino causato da un eccesso di sali nel substrato che impediscono il corretto assorbimento degli elementi, e per questo è noto anche come stress osmotico.

I sintomi di una pianta stressata da annaffiature con E.C. troppo alte si riflettono come una iperfertilizzazione, ed è molto evidente perché le foglie acquistano una tonalità verde molto scuro, le punte si arricciano verso il basso a forma di artiglio, e in alcuni casi possono comparire anche clorosi o usura sulle punte. Lo stress salino, invece, può essere visto come determinate carenze di elementi o microelementi, con vari tipi di decolorazione sulle foglie, macchie, macchie, necrosi, ecc.

La soluzione in tutti i casi può essere quella di lavare le radici con molta acqua pulita e con il PH regolato in modo da non creare un altro problema mentre risolviamo questo. Nel caso di una leggera sovraconcimazione puntuale, basterebbe annaffiare con abbondante acqua fino a vedere defluire acqua pulita. E.C. può essere misurato. dell’acqua drenata per controllare la quantità di cibo che contiene il substrato. Ma se si tratta di stress osmotico o salino causato da un grande accumulo di sali nel substrato, è bene irrigare ogni pianta con una quantità d’acqua 3 volte superiore al volume del vaso, cioè se è di 7 litri, sarà necessario utilizzare circa 21 litri di acqua pulita.

 

*Fotografia di una pianta di marijuana stressata dall'eccessiva fertilizzazione, che mostra chiaramente la forma ad artiglio delle foglie, il loro colore più scuro e le punte leggermente bruciate*
*Fotografia di una pianta di marijuana stressata dall’eccessiva fertilizzazione, che mostra chiaramente la forma ad artiglio delle foglie, il loro colore più scuro e le punte leggermente bruciate*

 

 

🧐 Conclusione

 

Le piante di marijuana possono diventare stressate quando sono influenzate da parametri ambientali errati, parassiti, cattiva alimentazione e molti altri fattori che abbiamo esaminato in questo articolo. La risposta delle piante femminili allo stress in molti casi è quella di produrre fiori maschili per autoimpollinarsi, creare semi e garantire così la continuità della progenie. Se la tua intenzione è quella di raccogliere cime senza semi, la cosa migliore è che le piante abbiano tutto ciò di cui hanno bisogno in modo da non essere stressate, e per questo l’ideale è essere molto chiari su tutto ciò che abbiamo visto oggi, soprattutto se coltivare varietà inclini a l’ermafroditismo come la maggior parte delle genetiche americane ogg.

 

 

⚠️ Domande frequenti

 

Come sapere se una pianta è stressata?

Il primo sintomo è il rallentamento della velocità di crescita o di fioritura, se vedi che la pianta smette di svilupparsi alla stessa velocità, si consiglia di rivedere tutti i parametri per verificare che tutto vada bene, perché se non viene trattata in tempo, altri inizieranno ad apparire in seguito problemi più seri.

 

Le piante di marijuana si riprenderanno dallo stress da caldo?

Le piante di cannabis hanno un potere di resistenza e adattamento che permette loro di riprendersi praticamente da qualsiasi situazione purché i problemi che hanno creato lo stress siano risolti, ovviamente. In caso di stress da caldo si riprendono velocemente, ma in alcune piante potrebbe esserci un calo di resa se hanno perso le foglie o ci è voluto molto tempo per risolvere il problema.

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 1]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Leave a Comment