Mancanza o eccesso di calcio nella pianta di marijuana

Tempo di lettura 8 minuti

 

Mancanza o eccesso di calcio nella tua pianta di marijuana
Mancanza o eccesso di calcio nella tua pianta di marijuana

 

Caro coltivatore, come già sai, settimanalmente ti dico tutto ciò di cui hai bisogno per poter raccogliere gemme da copertina di High Times.

La sfida quando pianti marijuana è affrontare eventuali problemi che la tua pianta potrà avere, e poiché nessuno è perfetto, finirai per cercare su Google “come risolvere x”. È successo anche a me, l’ho fatto anche io, e ora tocca a te. Diamo un’occhiata a uno dei maggiori ostacoli nella coltivazione della marijuana sia per i neofiti che per i veterani: il calcio.

 

 

⚠️ Che cos’è il calcio?

 

 

Il calcio è un macronutriente secondario essenziale. Non è sufficiente che tu sia attento al livello di azoto, fosforo e potassio nel tuo raccolto, avrai un’ampia gamma di responsabilità nella salute delle tue piante. Il gruppo di nutrienti secondari include anche magnesio e zolfo; questi tre non sono necessari tanto quanto lo sono i nutrienti primari NPK

 

 

➕ Il ruolo del calcio nelle piante di cannabis

 

 

Il ruolo del calcio non dovrebbe mai essere sottovalutato. È responsabile di mantenere intatte le pareti cellulari e di inviare messaggi per attivare le attività cellulari, oltre ad essere cruciale per molti processi enzimatici nelle piante di cannabis. Il calcio svolge un ruolo cruciale nella protezione delle piante di cannabis dallo stress da calore.

L’elenco potrebbe continuare all’infinito, ma per ora ci fermiamo qui. Quello che voglio che tu capisca è che il calcio è un nutriente essenziale ed è responsabile di un’ampia varietà di aspetti delle piante di marijuana.

Le pareti cellulari sono responsabili del mantenimento della rigidità e del funzionamento del corpo di una pianta. Immagina il tuo stesso corpo, dove la nostra pelle è composta da pareti cellulari: se qualcuna di loro venisse distrutta, tutto il tuo corpo si sgretolerebbe. Lo stesso vale per le piante ed è della massima importanza che continuino a funzionare.

Lo stress da calore è un problema comune nell’armadio o nell’area di coltivazione. Se una pianta non dispone di una misura protettiva per proteggersi dal calore di una lampada HPS o MH, non sopravviverà a lungo. Il calcio consente alle piante di cannabis di autoregolarsi in modo che possano continuare a funzionare anche in climi caldi.

Le funzioni enzimatiche sono responsabili di un gran numero di attività nelle piante di marijuana. Consentono funzioni come la clonazione, la dominanza apicale, la creazione di nuovi germogli e così via. Senza queste funzioni enzimatiche non saremmo in grado di manipolare le piante di cannabis per farle crescere verso l’esterno e creare una configurazione SCROG.

Riuscite a immaginare come sarebbe la coltivazione della cannabis se non potessimo clonare? Dobbiamo ringraziare il calcio per il suo ruolo fondamentale nelle funzioni generali legate alla produzione di colture di marijuana.

 

 

Informazioni di base sul calcio durante la coltivazione della marijuana

 

 

Ora che abbiamo una conoscenza di base del calcio, diamo un’occhiata a ciò che devi sapere quando coltivi cannabis.

Il calcio non è un nutriente mobile nella coltivazione della cannabis. La mobilità e l’immobilità dei nutrienti giocano un ruolo fondamentale nella comprensione di come identificare una carenza di calcio o tossicità. L’immobilità del calcio si traduce in una grave mancanza o eccesso di esso e le foglie colpite ricresceranno nella parte superiore della pianta.

Sapere dove cercare un problema ti fa risparmiare un sacco di tempo, i coltivatori senza un’adeguata comprensione continueranno a grattarsi la testa mentre cercano l’ago in un pagliaio. Avere tutte le informazioni a portata di mano ti dà un vantaggio immediato.

La cannabis generalmente assorbe molto calcio e, a seconda del substrato utilizzato, potrebbe essere necessaria una quantità maggiore o minore.

 

 

🔥 Calcio e terreno di coltura

 

 

Il calcio influisce sulla cannabis indipendentemente dal fatto che la coltiviate direttamente sul terreno o meno. La cannabis coltivata nel terreno ha generalmente uno smorzante naturale che si trova nel terriccio. Questa dose di calcio è presente generalmente sotto forma di calce dolomitica che si polverizza.

Questo smorzante tiene sotto controllo il pH del terreno e non consente oscillazioni drastiche verso troppo acidi o basici. Con questo necessario cuscino di calcio, è possibile mantenere il pH nell’intervallo perfetto di 6,8-7,2, rappresentando il motivo per cui le piante di cannabis che crescono nel terreno generalmente non richiedono un pH-metro e, normalmente, non hanno alti livelli di carenza o tossicità di calcio.

Dall’altro lato, le piante di cannabis coltivate in un sistema idroponico o fuori suolo tendono ad avere un grado più elevato di carenza o tossicità di calcio. La ragione di ciò è che il calcio è disponibile solo per l’assorbimento in un determinato intervallo di pH, pertanto la tua coltivazione fuori dal suolo necessiterà di un pH-metro.

Un pH ideale affinché il calcio possa essere assorbito dalle piante di cannabis è compreso tra 5,2-5-8. Questa è la gamma generale per la coltivazione di cannabis fuori dal suolo; se il pH è sbilanciato, avrai modo di renderti conto dei problemi che questo comporta con rispetto al  calcio.

Un aspetto particolarmente importante nella coltivazione della cannabis fuori suolo è la capacità di scambio ionico. Questo scambio chimico è responsabile di alcuni dei mal di testa più significativi che i coltivatori incontrano.

Lo scambio ionico è la funzione di ioni specifici, come il calcio, che rimangono nell’ambiente di coltivazione. Ciò significa che se la capacità di scambio ionico del calcio non funziona correttamente a causa di un eccesso di un altro nutriente, il terreno può trattenere gli ioni di calcio, che non possono quindi essere utilizzati dalla pianta di marijuana..

 

 

👾 Quali sono le conseguenze dell’eccesso di calcio?

 

 

Troppo calcio nelle tue piante di cannabis può avere gravi conseguenze. Il problema più ovvio che puoi trovare se esageri con un additivo di calcio è bruciare le foglie. La pianta di cannabis reagisce a livelli eccessivi di calcio e proverà ad espellerlo attraverso le sue foglie. Ciò provoca la necrosi (morte) delle punte delle foglie, che assumeranno un colore giallo / marrone.

Oltre a causare ustioni fogliari, il calcio in eccesso non sviluppa reazioni drastiche come una sua carenza. In realtà, troppo calcio nelle tue piante di cannabis porterà a problemi con altri nutrienti, come magnesio e potassio. Questa situazione è davvero frustrante per i coltivatori di marijuana, poiché troppo calcio bloccherà il magnesio o il potassio e l’unico modo per poter trovare una soluzione è iniziare risolvendo per primo il problema del calcio.

Quindi, se stai riscontrando sintomi legati al potassio e al magnesio, dovresti concentrare la tua attenzione sui livelli di calcio, poiché il suo eccesso è la vera radice del problema. Affrontare le conseguenza del calcio in eccesso raddoppia o triplica il tuo lavoro rendendoti necessario trattare anche problemi di magnesio e potassio.

 

Excess calcium
Calcio in eccesso

 

 

Come correggere il calcio in eccesso nella tua coltivazione di cannabis?

 

 

Se hai stabilito che il tuo raccolto di marijuana ha un eccesso di calcio, è il momento di un lavaggio delicato. Quando dico delicato intendo una bassa dose di una miscela equilibrata di sostanze nutritive. Quando i coltivatori sentono la parola risciacquo, pensano di dover versare litri d’acqua per eliminare ogni sostanza nutritiva. Non c’è niente di più sconsigliabile, poiché l’unica cosa che otterrai è esaurire tutti i nutrienti necessari alla pianta di cannabis per funzionare correttamente.

Quello che dovresti fare è un risciacquo con una bassa dose di nutrienti, che permetta di espellere i nutrienti in eccesso lasciandone una concentrazione inferiore. Questo metodo consente alle tue piante di continuare ad assumere nutrienti fondamentali per la loro crescita.

Inoltre, puoi risciacquare la tua pianta di cannabis con una bassa dose di Calmag, una combinazione di calcio e magnesio. Risciacquando con Calmag, diminuirai le possibilità di bloccare improvvisamente i livelli di potassio e magnesio.

 

Ata Calmag

 

Ata Calmag

Ata Calmag è uno dei prodotti più efficaci quando le tue piante hanno bisogno di una scorta extra di calcio e magnesio…

Caratteristiche
Contiene un potente cocktail di sostanze nutritive.
Regala alle tue piante una crescita vigorosa.
Fornisce una dose extra di vitamine e minerali.
Migliora la formazione delle pareti cellulari nel sistema radicale.
Si utilizza in colture di acqua dolce o demineralizzata.
È compatibile con i nutrienti organici

Maggiori informazioni su
Ata Calmag

 

 

⛳ Quali sono le conseguenze di una carenza di calcio ?

 

 

Una carenza di calcio è molto più evidente della tossicità e si manifesterà sempre nella fase di crescita e nella metà superiore della pianta di cannabis. La ragione di ciò è dovuta all’immobilità del calcio, che non si dirigerà verso la crescita delle foglie più vecchie: il che lo rende un chiaro indicatore per rilevare una carenza di calcio.

Gli indicatori visivi sono macchie giallo chiaro e marroni che assomigliano alla ruggine. Questi punti di solito iniziano vicino al bordo delle foglie o vicino alle venature. Man mano che la carenza si espande, questi colori screziati inizieranno a coprire l’intera foglia. Le nuove foglie di solito si arricciano e l’area di crescita più alta rallenta in vigore. Gli steli si indeboliscono improvvisamente e cadono facilmente se sfregati l’uno contro l’altro. La crescita complessiva della pianta rallenta notevolmente.

Una carenza di calcio nella cannabis limita anche drasticamente la capacità delle piante di combattere patogeni e predatori. Alcuni tipi di funghi e batteri hanno maggiori probabilità di stabilirsi nella tua cultura in questo momento di debolezza. Parassiti come acari, mosche bianche e zanzare saranno attratti da piante deboli e incapaci di difendersi.

Poiché le pareti cellulari sono deboli durante una carenza di calcio, la struttura complessiva della pianta risulta fragile. Questo rende l’intera pianta fragile e incapace di sostenere il peso delle gemme. Lo sviluppo delle gemme è ridotto, così come la crescita dell’apparato radicale della pianta.

Inoltre, il calcio svolge un ruolo importante nell’aiutare la tua pianta di cannabis a far fronte allo stress da calore. Finché c’è una carenza di calcio, la tua pianta di marijuana non sarà in grado di far fronte allo stress da calore. Ciò è aggravato dal fatto che le pareti cellulari sono già indebolite.

 

Calcium deficiency
Carenza di calcio

 

 

Come si può correggere una carenza di calcio ?

 

 

Ora che hai rilevato abbastanza sintomi da farti credere di aver di fronte a te una carenza di calcio nella tua marijuana, è tempo di agire.

Dovrai prima analizzare i nutrienti che hai somministrato alle tue piante. Stai dando dosi inferiori a quelle consigliate? Stai controllando il pH?… Queste dovrebbero essere le prime domande a cui dovrai rispondere.

Se scopri che stai somministrando una dose troppo piccola di sostanze nutritive, è tempo di aumentarne il ritmo. Inizia con un piccolo aumento del 10-15%, dandoti 2-3 giorni di margine per iniziare a notare se le nuove foglie stanno ricrescendo vigorosamente.

Un’altra opzione è usare Calmag in aggiunta alla tua attuale dose di nutrienti. In questo caso, si consiglia di ridurre della metà la dose consigliata di Calmag, cioè se le indicazioni della vostra bottiglia di Calmag consigliano 5ml per 4 litri, dovreste ridurla a 2.5ml per 4 litri.

Se ti sei ricordato di non aver controllato il pH, ora è il momento di farlo. Se rilevi che il pH è basso, è tempo di correggere i nutrienti. L’obiettivo dovrebbe essere 6,8-7,2 a terra e 5,2-5,8 in idroponica. Dopo aver regolato il pH, è il momento di iniziare ad aggiungere i nutrienti al livello corretto.

Ovviamente il cambiamento non sarà istantaneo. La pazienza è la chiave per coltivare la migliore marijuana e quando si tratta di problemi, è la migliore virtù. Se i problemi persistono dopo 4-7 giorni, è il momento di aumentare la dose di Calmag o del tuo nutriente di base.

 

Infografica sulla mancanza o eccesso di calcio nella tua pianta di marijuana
Infografica sulla mancanza o eccesso di calcio nella tua pianta di marijuana

 

 

⚠️ Conclusione

 

 

Ora sai perché il calcio è un nutriente così importante nella coltivazione della cannabis. Sebbene sia chiamato macronutriente secondario, il calcio gioca un gran numero di funzioni chiave per il successo del tuo raccolto e tutti sono necessari per la corretta salute e felicità delle tue piante. Se coltivi cannabis tenendo conto di tutti questi nutrienti necessari e tenendoli sotto controllo, ti garantiamo che le tue piante avranno una crescita senza problemi.

Questa situazione ideale, priva di problemi, richiede molta fortuna o un alto grado di esperienza e conoscenza. Come coltivatore, devi mantenere ben nutrita la tua pianta se vuoi che produca cannabis di alta qualità. Avere le conoscenze necessarie sulla tua pianta e sulle sue esigenze è fondamentale, e solo allora ti ricompenserà con ottimi risultati.

Per saperne di più sulla coltivazione della cannabis unisciti a noi di PEV Grow e scoprirai una vasta gamma di argomenti correlati, dalle questioni nutrizionali a tutto ciò che devi sapere sui diversi sistemi di coltivazione.

 

[Voti: 1   Media: 5/5]
Alan Martínez Benito
Alan Martínez Benito
CEO di Pev Grow, coltivatore esperto con più di 20 anni di esperienza. Continua a battersi senza sosta per la regolamentazione del settore della cannabis, particolarmente in campo medico.
See more posts

Lascia un commento