Marijuana Thai Stick, che cos’è, come viene prodotta e affumicata questa erba

560
SHARES
Tempo di lettura 7 minuti
Immagine di un Thai Stick
Immagine di un Thai Stick

 

Sicuramente hai sentito il concetto di Thai Stick, poiché è un tipo di erba ben noto tra i consumatori di lunga data, ma sai di cosa si tratta? In questo articolo esamineremo la loro storia, come sono fatti, come vengono fumati e tutte le informazioni che devi sapere su questo formato di cannabis. Siediti, accendine uno e spero che ti piaccia leggere.

 

 

⭐ Cos’è il Thai Stick?

 

 

La traduzione sarebbe qualcosa come “bastone tailandese” e questo concetto lo descrive bene perché fondamentalmente è quello, un bastoncino di legno avvolto nell’erba tailandese. Ma in realtà, cos’è un Thai Stick? È una specie di mix tra sigaro e kebab, ma molto tradizionale, poiché in questo paese del sud-est asiatico vengono prodotti da molti anni, molto prima che iniziassero a farsi conoscere i moderni Blunt o Cannagars.

Per darti un’idea, è fondamentalmente un sottile bastoncino di bambù a cui sono attaccati i boccioli di marijuana sativa tailandese della migliore qualità, avvolti in foglie di calendula e corda o filo di seta per tenere tutto a posto. In Thailandia, il Thai Stick o il Thai-stick sono vietati come le altre droghe, ma diversi decenni fa erano uno dei prodotti più richiesti da molti viaggiatori che visitavano questo stato.

 

 

⛳ Come fare un Thai Stick?

 

Prima di tutto, devi sapere che per realizzare ogni Thai Stick hai bisogno di un bastoncino di legno, tra 10 e 15 grammi di cime, olio di cannabis, filo o corda naturale, diverse foglie di marijuana appena tagliate e della carta pergamena o quella che abbiamo utilizzare per eseguire la colofonia. L’originale Thai Stick è realizzato in legno di bambù, ma può anche essere ricavato dai rami delle nostre piante preferite e può essere lungo circa 25-30 cm. È meglio che le cime siano di durezza e densità media, poiché in questo modo è più facile che acquisiscano la forma che vogliamo e si compattano con la successiva pressatura.

L’olio di cannabis può essere BHO, Rosin, Qwiso o simili, ma idealmente dovrebbe essere moderatamente liquido. Il filo di canapa è speciale per il nostro scopo, ma in realtà puoi usare qualsiasi tipo di corda naturale fine. È meglio che le foglie di marijuana siano grandi e devono essere lavate prima di usarle nel nostro Thai Stick. Il processo è lento e risulta essere un’arte come il rotolamento dei sigari dell’Avana, ma il risultato ne vale davvero la pena, ve lo assicuro.

 

Come arrotolare un Thai Stick?

Attualmente disponiamo di stampi per Thai Stick che aiutano molto nel processo di realizzazione di questi sigari di cannabis, ma se vuoi vedere come è fatto un vero Thai Stick, puoi vederlo di seguito in soli 9 passaggi.

 

Cannagar Mold Press
 

Acquista Cannagar Mold Press

  1. Bagna o spalma il bastoncino di legno nell’olio di cannabis, se non hai alcun tipo di estrazione puoi usare una miscela di acqua e zucchero. Si tratta di lasciare uno strato oleoso sulla superficie del bastoncino che funge da collante per le cime.
  2. Adesso bisogna incollare le cime al bastoncino impregnato d’olio, questa è la parte più delicata e, come dicevo prima, le cime spugnose sono più interessanti perché aderiscono meglio. Non è necessario utilizzare l’intera lunghezza del bastoncino, l’ideale è lasciare un paio di centimetri di ogni estremità pulita per lavorare meglio.
  3. Affinché le cime aderiscano meglio e inizino a modellare il nostro Thai Stick, l’ideale è tenerle con la corda mentre le attacchiamo. Puoi legare la corda a un’estremità, e mentre attacchiamo i boccioli, la gireremo con la corda, a poco a poco fino a raggiungere l’altra estremità del bastone.
  4. Ora useremo la carta da forno per avvolgere il Thai Stick, è meglio che sia ben stretto perché l’intenzione è che diventi più compatto e non perda la sua forma. Quindi lo metteremo in frigo per un paio di giorni in modo che il freddo aiuti il ​​tutto a riunirsi e non si sfaldi facilmente.
  5. Dopo 2 giorni di freddo togliamo il nostro Thai Stick dal frigo e rimuoviamo la carta da forno che gli era avvolta. Ora stiamo rimuovendo con cura la corda lentamente in modo che le gemme attaccate al bastoncino di legno non si stacchino.
  6. Con l’aiuto di un pennello o simile, stendiamo lo strato esterno delle cime con altro olio di cannabis e a poco a poco arrotoliamo le foglie di marijuana che dovrebbero aderire all’olio. Alcuni utenti preferiscono tagliare le foglioline delle foglie per rendere più facile l’arrotolamento, ma può essere fatto anche con foglie intere.
  7. È meglio arrotolare 3 strati di foglie in modo che il Thai Stick sia abbastanza consistente e tra uno strato e l’altro devi spargere più olio di cannabis in modo che aderiscano bene. Una volta terminato, lo si avvolge nuovamente con carta da forno o carta da forno, e lo si mette su una padella calda o su una piastra riscaldante per circa un minuto in modo che tutto il set sia più aderente.
  8. Il passo successivo sarebbe rimuovere la carta da imballaggio, avvolgere di nuovo il Thai Stick con lo spago come abbiamo fatto prima e avvolgerlo di nuovo con la carta. Non resta che fare la stagionatura in modo che sia perfetto, e per questo si può mettere in frigo per 4 o 5 giorni. Il Thai Stick Old School o gli originali sono stati stagionati sottoterra, ma consigliamo di stagionare in frigorifero perché c’è meno rischio di funghi.
  9. Trascorso questo tempo, non resta che togliere il Thai Stick dal frigorifero, rimuovere la carta e lo spago e rimuovere con cura il bastoncino dall’interno. È chiaro che questo processo richiede più lavoro e tempo rispetto a una canna, ma quando inizierai a consumarla capirai il motivo della sua fama.

 

 

 
Semi USA
Scaricare gratuitamente Dizionario della cannabis
Inserisci un indirizzo e-mail corretto
Devi accettare l'informativa sulla privacy
SITO DI NEGOZI ONLINE S.R.L con CIF: B98262777 e indirizzo per le notifiche in C/ VEREDA MAS DE TOUS Nº 22 LOCAL C, 46185 LA POBLA DE VALLBONA, VALENCIA, Telefono: 961658271 Email: customer(at)pevgrow.com
Per conto della Società di Consulenza trattiamo i dati da Lei forniti al fine di fornire il servizio richiesto, eseguire la fatturazione dello stesso. I dati forniti saranno conservati per tutto il tempo in cui sarà mantenuto il rapporto commerciale o per gli anni necessari a soddisfare gli obblighi di legge. I dati non saranno ceduti a terzi, salvo nei casi in cui vi sia un obbligo di legge. L'utente ha il diritto di ottenere la conferma che SITE OF SHOPS ONLINE S.R.L. stia trattando i suoi dati personali e pertanto ha il diritto di accedere ai suoi dati personali, di rettificare eventuali dati inesatti o di richiederne la cancellazione quando i dati non sono più necessari.
 

✨ Come si fuma un Thai Stick?

 

Viene fumato proprio come un cannagar o un sigaro, cioè è acceso a un’estremità e il fumo viene aspirato attraverso l’altra estremità del Thai Stick. Quando si rimuove il bastoncino c’è un piccolo spazio all’interno che serve in modo che non affoghi e abbia sempre un buon passaggio di fumo attraverso l’interno. Tieni presente che la miscela tra cime e olio di cannabis si traduce in un prodotto di estrema potenza, quindi devono essere trattati con rispetto.

Un Thai Stick da 20 cm può durare più di 6 ore senza fermarsi, ma onestamente non conosciamo nessuno che possa finirlo in una volta sola. La cosa più normale è fare 4 o 5 boccate e lasciarla uscire fino al consumo successivo, oppure condividere un Thai Stick tra più persone. Personalmente, mi piace questo tipo di formato di cannabis per eventi come coppe, fiere o feste di settore che durano più giorni, perché con un solo Thai Stick mi permette di fumare senza doverne tirare di più.

 

 

👌 Storia dei Thai Sticks Quando sono apparsi?

 

Non si sa esattamente quando iniziarono a essere prodotti gli Stick Thai, ma quello che è certo è che erano più di 50 anni fa perché all’inizio degli anni ’70 li consumavano già anche gli stranieri. Per il loro modo di elaborazione si può pensare che siano stati usati per diversi secoli, ma si sono fatti conoscere davvero durante la guerra del Vietnam, quando molti soldati dell’esercito degli Stati Uniti hanno iniziato a cercare materiale per fumare in diversi paesi asiatici, come Cambogia, Laos, Thailandia o lo stesso Vietnam.

Poco dopo iniziò il movimento che divenne noto come Hippie Trail, un lungo viaggio che molti giovani americani iniziarono attraverso vari paesi produttori di marijuana e hashish. Quando alcuni di questi hippy arrivarono nel sud-est asiatico e coincisero con i loro compatrioti che stavano partecipando alla guerra del Vietnam, diedero loro l’esotico Thai Stick da provare, che divenne automaticamente la loro erba preferita grazie alla straordinaria potenza che la caratterizza. Si dice che quei Thai Stick fossero oppiacei, cioè contenessero oppio che ne aumentava notevolmente la potenza, cosa di cui molte persone dubitano. Da quel momento le spedizioni di Thai Stick iniziarono ad arrivare negli USA e in Canada, tramite gli stessi hippy e successivamente con l’aiuto di alcuni soldati al ritorno dalla guerra.

In quegli anni sulla costa occidentale degli USA arrivarono semi da tutto il mondo, ma nessuno ebbe il potente effetto dei Thai Sticks, quindi la sua fama crebbe come schiuma in breve tempo. La domanda cresceva sempre di più, e ciò causava un calo della qualità dovuto al fatto che la produzione era piuttosto limitata. Non si utilizzavano più le cime migliori, non si effettuava la lenta stagionatura che si usava fare e, oltre ad avere una potenza inferiore, il suo sapore non era più così buono, per cui la domanda iniziò a diminuire nello stesso momento in cui in negli Stati Uniti iniziarono ad apparire i primi ibridi moderni, quindi i Thai Sticks passarono in secondo piano.

 

 

🚀 Semi della varietà Thai Stick

 

Le piante utilizzate per realizzare gli originali Thai Sticks provengono da varie genetiche thailandesi, ma le più ricercate erano le Chocolate Thai Sticks, ovvero quelle realizzate con la leggendaria varietà di erba Chocolate Thai. Attualmente si possono trovare varietà denominate Thai Stick, ma onestamente preferiamo farle con la migliore varietà Thai di tutti i tempi, poiché oltre ad essere potenti hanno un sapore molto particolare, che ricorda il cioccolato e il limone.

 

Chocolate Thai PEV Bank Seeds
 

Acquista Chocolate Thai PEV Bank Seeds
 

 

Oggi i Thai Stick sono prodotti con tutti i tipi di varietà, specialmente negli Stati Uniti e in altri paesi che hanno legalizzato la cannabis per uso ricreativo. I moderni Thai Stick hanno fatto molta strada dai classici e, oltre alle cime e all’olio di cannabis, in alcuni casi aggiungono un tocco secco per renderli ancora più potenti. Usano anche carta smussata invece di foglie di marijuana fresche per avvolgerli in un modo più professionale, e devi ammettere che alcuni di loro sono piuttosto un’opera d’arte manifatturiera.

 

 

✅ Immagini di bastoncini tailandesi classici e moderni

 

Images of classic and modern Thai Sticks
Images of classic and modern Thai Sticks
Images of classic and modern Thai Sticks Immagini di bastoncini tailandesi classici e moderni
 

 

🔥 Conclusione

 

I Thai Sticks erano una rivoluzione all’epoca e negli ultimi anni hanno riguadagnato la loro popolarità per diventare uno dei prodotti a base di cannabis di lusso più popolari. In molti dispensari puoi acquistare Thai Sticks, ma come tutto nella vita, se hai l’opportunità di farli da solo, avranno sicuramente un sapore molto migliore. Se ti è piaciuto questo articolo, ti chiederei di condividerlo in modo che le informazioni raggiungano molte più persone, ti ringraziamo in anticipo,

 

 

🎯 Domande frequenti

 

Esistono ancora i Thai Stick?

Sì, in Thailandia si possono ancora trovare i tradizionali Thai Sticks, anche se al giorno d’oggi non sono facili da trovare. Sulla famosa isola di Koh Tao vengono offerti di tanto in tanto ai turisti, ma molte persone dicono che non sono più come prima, anche perché la pressione delle autorità sulla cannabis in questo paese si è molto indurita durante il ultimi decenni.

 

Quanto costa un Thai Stick?

Il prezzo dei Thai Sticks varia molto a seconda del loro peso, del loro contenuto, o di dove vengono acquistati, ma per darvi un’idea, in alcuni dispensari potete acquistarli ad un prezzo che va dai 65 ai 500 dollari. Di solito sono molto costosi, ma devi capire che ci vuole molta yerba per realizzarli e ci vuole molto tempo per realizzarli.

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Leave a Comment