Produzione di piante di marijuana indoor e outdoor con diversi sistemi

560
SHARES
Tempo di lettura 6 minuti
Imagen simulando una cadena de producción industrial de marihuana
Immagine che simula una linea di produzione industriale di marijuana

 

 

Quanti grammi dà una pianta di marijuana? Questa è una delle domande che ci vengono poste di più, e in realtà è una domanda che non ha una risposta semplice perché dipende da decine di fattori diversi. Con questo articolo cercheremo di fare luce su questo argomento, e vedremo la produzione di una pianta di marijuana coltivata in diversi ambienti e sistemi di coltivazione, in modo che possiate avere un’idea della resa che potete ottenere.

 

 

☕ Fattori che determinano la produzione di una pianta di cannabis

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

  • Genetica: questo è il fattore più importante, una varietà a basso rendimento come la Deep Chunk non darà mai la resa di una Jack Herer, indipendentemente da come viene coltivata. Se vuoi sapere quali sono le varietà di marijuana più produttive sul mercato, dai un’occhiata a questo articolo.
  • Luce: la quantità e la qualità della luce sono fondamentali. All’interno, le piante producono molto di più se coltivate con l’intero spettro di luce offerto da apparecchiature LED all’avanguardia. All’aperto, le piante coltivate in regioni soleggiate producono più che in altre con tempo nuvoloso o piovoso.
  • Nutrizione: Anche l’alimentazione delle piante è molto importante, sia la quantità che la qualità, e anche il tipo di fertilizzanti. I nutrienti minerali tendono a facilitare una produzione maggiore rispetto a quelli organici, ma devono essere specifici per la cannabis e preferibilmente di buona marca.
  • Parametri ambientali: qui si immettono la temperatura, l’umidità, la quantità di CO2, la ventilazione, ecc. Cerca di mantenere la temperatura intorno ai 24º C. e l’umidità intorno al 70% durante la crescita e meno del 50% durante la fioritura, qualcosa di relativamente facile da ottenere nella coltivazione indoor, ma più difficile all’aperto.
  • Sistema di coltivazione: la marijuana coltivata nel terreno con fertilizzanti organici è più appetibile, ma quando viene coltivata in cocco, idroponica o altri sistemi di coltivazione che migliorano l’aerazione dell’apparato radicale, la produzione delle piante aumenta.
  • Esperienza o abilità del coltivatore: un buon coltivatore saprà risolvere rapidamente un problema nutrizionale in modo che la resa non diminuisca, oppure saprà riconoscere e curare una piaga il prima possibile in modo che il danno non vada oltre . Ma questi stessi problemi o altri possono essere subiti da un coltivatore alle prime armi e non sapendo come agire, cosa che sicuramente interviene nella produzione finale delle piante.
  • Situazioni di stress: luce, calore o stress idrico, tra gli altri, possono portare a una diminuzione della resa delle piante di cannabis. Nelle colture outdoor, bisogna aggiungere anche lo stress causato da forti venti, forti piogge, grandinate, ecc. Anche insetti, funghi o virus possono causare stress alle piante.

 

I fattori che determinano la produzione di una pianta di cannabis in immagini
I fattori che determinano la produzione di una pianta di cannabis in immagini

 

 

⭐ Quanta produzione dà una pianta di marijuana indoor?

 

La produzione di marijuana indoor è generalmente leggermente inferiore a quella outdoor, principalmente perché le piante possono crescere molto più grandi all’aperto che indoor. Ma ciò non significa che non si possa ottenere una grande resa indoor, negli ultimi dieci anni sono comparsi sistemi di illuminazione che imitano perfettamente lo spettro della luce solare e attualmente è possibile raccogliere raccolti fino al doppio del peso rispetto a 10 anni fa.

Nella coltivazione indoor, la produzione viene misurata per metro quadrato in alcuni luoghi, o per metro quadrato in altri, soprattutto nei paesi anglosassoni, quindi quanto peso per metro quadrato o metro dà una pianta di marijuana? Lo standard può essere di 500 grammi/m2, ma come ti ho detto prima, le prestazioni dipendono da molte cose diverse. Va inoltre tenuto presente che in un metro quadrato di coltivazione indoor si può mettere una pianta oppure metterne più di 20, a seconda del tempo di crescita vegetativa e della dimensione finale delle piante, ma in media si può dire che il la produzione di una pianta di marijuana indoor è di circa 50 grammi.

 

Coltivazione indoor di marijuana di massima produzione

La produzione di piante di marijuana coltivate in un sistema aeroponico è solitamente maggiore rispetto a quando vengono coltivate con terreno come substrato, perché l’aeroponica accelera l’assorbimento dei nutrienti e aumenta notevolmente l’ossigenazione delle radici. Questa tecnica di coltivazione permette di elevare il livello di E.C. e ha anche il vantaggio che le piante hanno sempre molto cibo a loro disposizione, cosa che si riflette in cime più grandi, più strette e soprattutto più pesanti.

Nella coltivazione indoor abbiamo anche la possibilità di aumentare la quantità di CO2, e non dobbiamo dimenticare che il carbonio è l’elemento che le piante consumano in misura maggiore. In un normale ambiente esterno possono esserci circa 300 o 400 PPM di CO2, e nella coltivazione indoor possono essercene meno se non è installato un buon sistema di estrazione e rinnovo dell’aria. Ma le piante di marijuana possono assimilare perfettamente fino a 1500 PPM, e questo può essere un grande vantaggio nella coltivazione indoor perché le piante possono aumentare la loro produzione di oltre il 20%.

 

 

Produzione di marijuana all’aperto

 

Abbiamo già visto che all’aperto o in serra all’aperto si possono ottenere raccolti migliori rispetto alla coltivazione indoor, perché normalmente le piante hanno un tempo di crescita vegetativa più lungo, più quantità di substrato e, soprattutto, più quantità e qualità di luce. il Sole Questo rende più facile per le piante crescere di più, tanto che non sorprende vedere piante di marijuana all’aperto oltre i 2 metri, cosa impensabile nella coltivazione indoor perché più che altro non è nemmeno redditizia. Un ramo di una grande pianta da esterno può dare più produzione di un’intera pianta da interno, anche se all’inizio può sembrare sorprendente.

Il tronco principale di una Gorilla Glue coltivata all’aperto può essere spesso come una gamba e i suoi rami possono essere più grandi del tronco principale della stessa varietà coltivata all’interno. Questo esempio può darti un’idea di cosa può aumentare la resa all’aperto, ma quanti grammi dà una pianta di marijuana coltivata all’aperto? Questo è qualcosa di molto relativo, ma credetemi può superare i 2 chili a secco.

 

 

📖 Produzione di piante di marijuana autofiorenti

 

Tutto ciò che abbiamo visto sopra si riferisce alla normale genetica a fioritura, ma le varietà a fioritura automatica hanno un ciclo di coltivazione più breve, quindi quanto produce una pianta di marijuana autofiorente? Questo potrebbe sorprendervi, ma nella coltivazione indoor producono più o meno gli stessi ceppi dipendenti dal fotoperiodo, perché si comportano in modo simile, cosa che non accade nella coltivazione outdoor.

La produzione di varietà autofiorenti coltivate all’aperto dipende dalla stagione di crescita, poiché non producono la stessa resa quando fioriscono in estate con molte ore di sole, rispetto a quando vengono coltivate in autunno o in inverno. Le piante autofiorenti più produttive all’aperto possono produrre più di 300 grammi, una resa simile a quella di molte genetiche indica con fioritura normale. In generale si potrebbe dire che una pianta di marijuana automatica può produrre dai 30 ai 150 grammi secchi, ma come ti dicevo prima, dipende da molte varianti.

*Imagen de una planta de marihuana subida en una báscula para comprobar su peso*
*Immagine di una pianta di marijuana su una bilancia per controllarne il peso*

 

 

🚀 Errori comuni che commettiamo quando cerchiamo di migliorare la produzione nelle colture di marijuana

 

  • Irrigazione: alcune persone pensano che annaffiando più spesso le piante producano di più, e questo di solito si traduce in problemi di ossigenazione dell’apparato radicale che possono rallentare lo sviluppo o causare direttamente la comparsa di funghi come Pythium o Fusarium.
  • Fertilizzazioni: È l’errore più comune quando si vuole aumentare la produzione, perché è facile pensare che dando più cibo le piante creeranno gemme più grandi e pesanti….No, non è così, sul al contrario, il più È certo che finirai per causare una sovrafertilizzazione e il raccolto sarà diminuito e con un sapore peggiore.
  • Piante: Un altro errore comune nella coltivazione indoor è mettere molte piante in uno spazio piccolo, pensando che più piante ci sono, maggiore è la produzione. Nella coltivazione indoor non importa mettere una pianta/m2 di 50 piante/m2, perché la produzione si misura in gr/m2 e talvolta per mettere più piante quello che facciamo è impedire una buona ventilazione e che la luce raggiunga tutte le aree di il raccolto.

 

 

🔥 Conclusioni

 

La produzione totale di una pianta di marijuana sarà direttamente proporzionale al suo stato di salute generale, ma tenendo sempre conto di altri fattori come la genetica e le condizioni di coltivazione, che possono aumentare o diminuire il peso del raccolto. Ricorda che di più non significa migliore, e talvolta cercando di migliorare le prestazioni possiamo rovinare la qualità della cannabis, quindi non sarebbe interessante dopo tutto.

 

 

🎯 Domande frequenti

 

Come ottenere la massima produzione di marijuana?

  1. Monocoltura: è sempre più interessante coltivare cloni della stessa pianta madre rispetto a varietà diverse, perché mangiando tutte le piante allo stesso modo, è più facile affinare la loro dieta.
  2. Genetica: cerca varietà molto produttive come Big Bud, Northern Lights, Jack Herer o Moby Dick, tra le altre. Con queste piante è più facile ottenere una grande produzione perché sono state selezionate geneticamente per questo.
  3. Illuminazione: fidati di me, prova i dispositivi LED a spettro completo come il modello Zeus di Lumatek e confrontalo con le tradizionali luci HPS. È uno dei migliori investimenti che un coltivatore di cannabis può fare per l’autoconsumo perché la produzione può essere facilmente raddoppiata.
  4. Fertilizzanti: si possono ottenere buoni risultati con qualsiasi marchio noto nel settore della nutrizione della cannabis, ma è importante utilizzare l’intera gamma del marchio e seguire le istruzioni nelle tabelle di coltivazione. Non è una buona idea combinare prodotti di marche diverse o utilizzare fertilizzanti non specifici per la marijuana.
  5. Parametri: Cerca di mantenere i parametri consigliati in termini di temperatura e umidità, poiché più le piante sono confortevoli, maggiore è l’energia che possono dedicare alla produzione di gemme.

 

Quanta erba può produrre un clone?

Da meno di 1 grammo a più di 2 chili, perché dipende dalla genetica della pianta madre da cui proviene quel clone, oltre a tutti i fattori che abbiamo visto in questo articolo. Oggettivamente posso dirvi che, come regola generale, le talee producono circa il 25% in meno dei semi, perché normalmente hanno meno vigore, ma anche questo è relativo.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content