Antonio Escohotado Espinosa, una vita di droga, amore, libertà e nemici del commercio

560
SHARES
Tempo di lettura 9 minuti
Foto di Antonio Escohotado circondato da vari tipi di sostanze
Foto di Antonio Escohotado circondato da vari tipi di sostanze

 

Antonio Escohotado nasce a Madrid nel 1.941, da una famiglia abbastanza agiata visto che stiamo parlando del periodo post guerra civile in Spagna. Il suo bisnonno Vicente era sindaco di Galapagar, e suo padre (Román Escohotado) era uno scrittore e giornalista pluripremiato che iniziò come socialista ma finì per sostenere la falange, sostanzialmente un percorso simile a quello che suo figlio ha intrapreso molti anni dopo, salvando le distanze.

La casa natale di Antonio Escohotado era sempre piena di libri di ogni genere e, essendo sempre stato un bambino curioso e un grande lettore, iniziò a istruirsi fin da giovanissimo. Il padre fu assegnato in Brasile come addetto stampa presso l’ambasciata spagnola a Rio de Janeiro dal 1.946 al 1.956, e questo segnò l’infanzia del piccolo Antonio, che imparò la lingua portoghese, tra l’altro, leggendo il Don Chisciotte in questa lingua. Ancora bambino iniziò un taccuino intitolato “Storia del pensiero occidentale“, dove già metteva in chiaro che la sua passione era la filosofia.

 

 

🧐 Escohotado giovane

 
Telegram Pevgrow

 

La famiglia di Antonio Escohotado seppe dargli una buona educazione, e quando tornò in Spagna iniziò la sua carriera di filosofo, nonostante il brusco cambiamento che visse dal bellissimo e libero Brasile da cui proveniva all’oscura e nazional-cattolica Madrid degli anni ’50, dove arrivò, fece emergere il suo spirito ribelle e libertario con una forza che non riuscì mai a fermare. Poco dopo lo costrinsero a fare il servizio militare, cosa che in un certo senso lo segnò anche perché si scontrava frontalmente con il suo spirito libertario, anche se in realtà trascorreva la maggior parte del suo tempo in un carcere militare.

Suo padre gli fece capire che la filosofia non poteva dargli una grande qualità di vita, e Antonio iniziò la sua laurea in giurisprudenza fiducioso che avrebbe avuto più opportunità di lavoro. Tuttavia, il suo amore per il libero pensiero e l’impatto causato dalla scoperta del filosofo tedesco Hegel, costrinsero Escohotado a continuare ad ampliare le sue conoscenze mentre cercava di soddisfare i desideri di suo padre.

 

Antonio Escohotado istruzione e studi

Il giovane Antonio Escohotado ha voluto unire la sua passione ai consigli del padre, e contemporaneamente ha studiato filosofia e diritto all’Università Complutense di Madrid, da cui è uscito con un dottorato in filosofia del diritto. Grazie a questo titolo e alla sua padronanza delle lingue, ha potuto lavorare come filosofo, scrittore, avvocato, traduttore e persino professore universitario, ma soprattutto si può dire che Escohotado sia stato uno dei più grandi pensatori del suo tempo In tutto il mondo.

Una volta terminati gli studi, Escohotado ha iniziato a lavorare presso l’ICO dopo aver vinto alcune opposizioni, e ha unito questo lavoro a quello di assistente presso la Facoltà di Giurisprudenza e Politica del Complutense e altri incarichi che gli sono capitati. Tra le altre cose, ha anche lavorato come DJ o “dj” come erano conosciuti a quel tempo, suonando la musica dei Pink Floyd tra le altre rock band.

 

 

🎯 Donne, matrimoni e figli di Antonio Escohotado

 

Antonio Escohotado ha conosciuto molte donne nel corso della sua vita, è stato sposato 3 volte e ha avuto 7 figli, anche se uno di loro è morto all’età di 40 anni. La sua prima moglie fu Cristina Alvarez de Lorenzana, che sposò all’inizio degli anni ’60 e ebbe 4 figli, Jorge che attualmente si dedica ad espandere il lavoro del padre attraverso la casa editrice “La Emboscadura”, Daniel, Alejandro e Román, che era il uno che è morto mentre lavorava in Corea del Sud.

La sua seconda moglie era Mónica Balcázar, dalla quale ebbe altri 2 figli, Rebecca e Antonio. Escohotado è sempre stato un caro amico di Fernando Sanchez Dragó, in particolare dal 1.975, ha partecipato a molti dei programmi da lui presentati, e ha persino portato ospiti come Albert Hoffmann, il chimico che ha sintetizzato l’LSD per la prima volta. Antonio Escohotado si innamorò della moglie di Sanchez Dragó, Beatriz Salama, al punto che entrambe le coppie si separarono e da allora Beatriz divenne la sua terza e ultima moglie, dalla quale ebbe una figlia e che lo accompagnò fino ai suoi ultimi giorni.

Adesso può sembrare un po’ strano vedere come una persona “prende” la moglie di un amico, ma come riconobbe lo stesso Sanchez Dragó anni dopo, a quel tempo era qualcosa di abbastanza normale nel suo gruppo di colleghi e molti di loro avevano condiviso le coppie. Bisogna capire che dalla metà degli anni ’60 e praticamente l’intero decennio degli anni ’70, il mondo stava vivendo un impulso di amore libero influenzato dal movimento hippie che da allora non si vedeva.

 

 

👾 Escohotado a Ibiza

 

Antonio Escohotado arrivò a Ibiza nel 1.971 attratto dalla fama che quest’isola stava acquisendo come patria degli hippy di tutto il mondo. A quel tempo lavorava come traduttore e aveva abbastanza libertà per combinare la sua professione con lo spirito libertario che emanava da lui. Lì si stabilì dapprima con il figlio, in una casa di campagna che non aveva né acqua corrente né elettricità, come era normale a quel tempo, e iniziò a convivere con l’essenziale, i suoi libri, la sua chitarra e ovviamente la sua penna, totalmente convinto di poter vivere di ciò che gli altri hanno buttato via.

Prima di arrivare a Ibiza aveva sentito parlare della fratellanza dell’amore eterno, un movimento di surfisti e hippies che importava hashish dall’Afghanistan e da altri paesi per finanziare la produzione di LSD, e questo attirò molto il maestro Escohotado, che in un modo o nell’altro iniziato a lavorare con loro. A quel tempo coltivava marijuana per il proprio consumo e prendeva acido lisergico e altri psichedelici per sperimentare ed espandere le sue conoscenze.

 

Antonio Escohotado e Amnesia Ibiza

Molte persone non sanno che Antonio Escohotado è stato il fondatore della discoteca Amnesia di Ibiza, una delle più famose al mondo in questo momento. Dopo la morte dei genitori, Antonio ereditò, tra l’altro, un appartamento in Calle Génova a Madrid, che dopo averlo venduto per molto meno di quanto valesse realmente, poté acquistare quello che a poco a poco divenne il ritrovo dei più cool persone, Amnesia Ibiza. Personaggi famosi come Orson Wells, Ursula Andrews o i gruppi rock Bad Company e Pink Floyd, tra gli altri, erano clienti abituali delle feste in questo club, anche se nel tempo sia la musica che i personaggi che lo frequentavano cambiarono.

Senza saperlo all’epoca, Don Antonio Escohotado stava collaborando al cambio di paradigma dell’isola di Ibiza, poiché fino al 1970 non era altro che una ridotta hippy, ma da quando è apparso il nightclub Amnesia, Ibiza è stata inserita nella mappa del mondo come un lusso destinazione turistica. Tutte queste esperienze si riflettevano in diversi articoli per la rivista Cáñamo, che avrebbero poi dato forma a uno degli ultimi libri di questo autore, intitolato “La mia Ibiza privata”.

 

 

✅ Antonio Escohotado e il carcere

 

Se c’è qualcosa di insopportabile per uno spirito libertario, è proprio limitare o ridurre la sua libertà, e purtroppo Antonio Escohotado ha dovuto “soffrire” in vari momenti della sua vita, mettendo la sofferenza tra virgolette perché ha saputo fare buon uso della sua tempo in prigione. La prima volta che è entrato in prigione è stato in un carcere militare, dove ha trascorso 14 mesi per non essere stato il miglior soldato che ci si potesse aspettare durante il servizio militare. La seconda volta viveva già a Ibiza ed era per coltivare marijuana, cosa che poi gli ha portato di nuovo problemi.

La terza volta che Antonio Escohotado è entrato in prigione è stato perché coinvolto in un’operazione di traffico di droga organizzata dalla polizia come una trappola, ma questa volta ha cambiato la storia perché ha approfittato di questo periodo per scrivere “La storia generale della droga“, il più completo lavoro sulle droghe in lingua spagnola che sia mai stato scritto. Escohotado non è mai tornato in prigione, e quando è uscito dopo aver scritto questo magnum opus, un ufficiale della prigione ha detto che era il più grande esempio di reintegrazione nella storia, qualcosa di cui non dubitiamo.

 

 

🚀 Storia generale della droga di Antonio Escohotado

 

Questo libro è considerato il più completo sui temi della droga dal punto di vista culturale, sociologico, storico, mitologico e persino politico. Ha un totale di 1.547 pagine in cui passa in rassegna l’uso che l’umanità ha fatto delle droghe nel corso della storia, dall’antichità ai giorni nostri. E’ stato pubblicato per la prima volta nel 1983, ed è formato dall’unione di 3 libri che in un primo momento sarebbero stati pubblicati separatamente, “Il libro dei veleni”, “Per una fenomenologia delle droghe” e “Imparare dalle droghe”.

In questo libro, Antonio Escohotado non sostiene le droghe in quanto tali, ma espone molte informazioni al riguardo e spiega che si può fare un uso responsabile purché ci sia una grande educazione al riguardo. La storia generale delle droghe mostra che tutte le civiltà hanno utilizzato diversi tipi di droghe nei rituali ancestrali, nelle cerimonie religiose e soprattutto per ampliare le proprie conoscenze. Per molte persone questo libro è stato il più importante di Escohotado, ma considera il suo lavoro migliore quello che ha scritto molto tempo dopo e che gli ci sono voluti fino a 22 anni per finire, “I nemici del commerce“.

Anche se a priori potrebbe non sembrare, entrambi i libri sono strettamente legati perché hanno molti punti in comune, ma soprattutto l’impero greco. La Grecia difendeva il commercio contro Sparta, che erano fondamentalmente guerrieri, cioè nemici del commercio. In Grecia adoravano gli dei Dioniso e Bacco, e i suoi abitanti consumavano vino, oppio e laudano, che era una miscela di entrambi, ma ciò che più attirò l’attenzione di Escohotado, Albert Hoffmann e altri intenditori di droghe furono i misteri di Eleusi. Questi misteri sono raccolti in diversi scritti che descrivono una cerimonia che i greci compivano in un’antica città costiera chiamata Eleusi, dove mangiavano pane fatto con orzo contaminato da segale cornuta, il fungo precursore dell’LSD.

Frequentatori di questi riti furono alcuni dei filosofi greci più importanti della storia, e siamo certi che aiutarono l’espansione e lo sviluppo dell’impero greco. L’impero romano fu fortemente influenzato dai greci, che continuarono a godere di baccanali, oppio e vino per diversi secoli, fino a quando iniziò a diffondersi il cristianesimo e con esso la proibizione delle droghe e di altri piaceri. La religione cristiana insultava i mercanti, e l’Impero Romano la imponeva con la forza in tutti i territori che conquistava, una sorta di comunismo che spinse Antonio Escohotado a cambiare idea e ad approfondire questo tema che segnò la sua più grande opera letteraria, i nemici del commercio. Nonostante fosse stato un comunista dichiarato in gioventù perché questo significava andare contro il sistema allora stabilito in Spagna, da quel momento si dedicò a cogliere i vantaggi che il liberalismo aveva per lui sul comunismo.

Biografia di Antonio Escohotado
Biografia di Antonio Escohotado

 

📖 L’ultimo libro di Antonio Escohotado

 

L’ultimo libro del maestro Escohotado non è ancora stato pubblicato, ma secondo suo figlio Jorge sta per uscire sul mercato. È molto probabile che diventerà il suo lavoro più importante per molti di noi perché è un diario o un taccuino in cui Antonio ha annotato i suoi sentimenti dopo aver consumato tutti i tipi di droghe, dalla dose soglia, alle dosi minime e massime in base al peso e all’overdose. In diverse occasioni ha affermato “Spero che tutte le ore che ho gettato le braccia al cesso vomitando impediscano ad altre persone di passare questo brutto momento” Questo libro “segreto” di Antonio Escohotado è legato al suo altro lavoro “Imparare dalla droga”, ma va molto più in profondità da un punto di vista personale, riflettendo la sua esperienza in prima persona.

 

 

✨ Morte di Antonio Escohotado

 

Escohotado era orgoglioso di non aver messo piede in ospedale negli ultimi 60 anni della sua vita, ma la realtà è che sui rimedi farmacologici ne sapeva molto di più di qualsiasi medico. Antonio aveva una cassetta di pronto soccorso molto varia, conosceva perfettamente il suo corpo e come rispondeva al consumo di diverse sostanze. Morì all’età di 80 anni e fino all’ultimo giorno fumava 3 pacchetti di tabacco al giorno. Beveva whisky tutti i giorni e assumeva regolarmente oppio in diverse forme, eppure raggiunse i suoi ultimi giorni con una lucidità mentale impressionante, una memoria invidiabile e fisicamente stava abbastanza bene.

Non si è mai scusato per la droga in quanto tale, si è limitato a trasmettere tutte le informazioni possibili in merito e ha dimostrato empiricamente che se ne può fare un uso responsabile per tutta la vita. Per gli ultimi giorni della sua vita, ha chiesto di tornare a Ibiza, il luogo dove è nato davvero come una leggenda e dove poteva vivere come voleva, in totale libertà

 

 

🔥 Fedele alla sua filosofia dall’inizio alla fine

 

Fin da giovanissimo iniziò a leggere i filosofi più trasgressivi, Hegel e Aristotele furono le sue principali influenze. Non si era ancora fatto crescere i baffi quando iniziò “Storia del pensiero occidentale” per far colpo su suo padre, e la vita lo portò a completare quest’opera attraverso i tanti libri che scrisse, intenzionalmente o meno. Ha iniziato con la filosofia per capire cosa la religione avesse significato per l’umanità, poi ha capito come la religione monoteista occidentale avesse “proibito” la droga e altre libertà, e infine ha dimostrato che i nemici del commercio ci hanno portato al momento storico in cui siamo a il presente.

 

 

⚠️ Domande frequenti

 

Di cosa è morto Antonio Escohotado?

Antonio Escohotado aveva il Parkinson, qualcosa che secondo suo figlio Jorge poteva vedere l’evoluzione attraverso i manoscritti che ha lasciato, dove si vedeva chiaramente come la calligrafia peggiorasse con il progredire della malattia. Forse aveva anche il cancro, ma a quanto pare stava molto bene fino a pochi mesi prima di morire, e questo lo si può verificare nelle tante interviste che ha lasciato, anche nei suoi ultimi giorni.

 

Quanti figli ha Antonio Escohotado?

Escohotado ha avuto 7 figli da 3 donne diverse, anche se una di loro (Román) è morta qualche anno fa. La figlia più piccola ha fatto una delle sue ultime interviste con lui a Ibiza, ma è stato suo figlio Jorge a trascorrere più tempo con lui negli ultimi anni della sua vita, curiosamente l’unico che non aveva vissuto con Antonio da bambino. Jorge Escohotado ha accompagnato Antonio in molte delle ultime conferenze che ha tenuto in giro per il mondo, ha preso i suoi social network, ha pubblicato tutti i video disponibili su YouTube e altre piattaforme e ha diffuso il suo lavoro in tutto il pianeta attraverso il suo editoriale “La Emboscadura”.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 2 Media: 5]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content