Come annaffiare correttamente la marijuana in ogni situazione

Tempo di lettura 8 minuti
Una mano tiene delicatamente una pianta di marijuana mentre l'altra sta per innaffiarla con un piccolo annaffiatoio.
Una mano tiene delicatamente una pianta di marijuana mentre l’altra sta per innaffiarla con un piccolo annaffiatoio.

 

Hai coltivato cannabis per un poco tempo e ancora non controlli completamente la frequenza e la quantità di irrigazione di cui hanno bisogno le tue piante? Vuoi installare un impianto di irrigazione automatico e non sai come funziona? Devi uscire di casa per qualche giorno e sei preoccupato per i rischi di cui hanno bisogno? Bene, sei arrivato nel posto più appropriato, perché in questo articolo vedremo il modo migliore per innaffiare le piante di marijuana in diverse situazioni.

 

 

⚠️ Irrigazione della cannabis, ciclo umido-secco, un equilibrio importante

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

L’irrigazione è fondamentale per il mantenimento di piante di qualsiasi tipo, e sebbene la marijuana possa essere considerata come un’erbaccia che cresce ovunque, è importante controllare alcuni aspetti dell’irrigazione per una ottimale sviluppo.

L’irrigazione è il modo in cui le piante si nutrono attraverso le radici, perché permette lo scambio cationico tra l’apparato radicale e il terreno, che rilascia nutrienti grazie all’acqua, un rotolo chimico che non andremo ad approfondire a causa di quanto sia noioso. . L’importante è che sappiate che il substrato non può essere sempre umido, perché anche le radici hanno bisogno di ossigeno e perché se non entra aria si possono creare funghi, quindi l’ideale è rispettare il ciclo umido-secco.

Tra un annaffiatura e l’altra è fondamentale che il substrato si asciughi, non completamente perché non si deve aspettare la caduta delle foglie, ma a meno che non consenta l’ossigenazione, e come facciamo a sapere se si è aerato o meno tra un annaffiatura e l’altra? Ci sono diversi modi per scoprirlo, e dipende dal tipo di coltura, ma ciò su cui devi essere molto chiaro è che le radici hanno bisogno di nutrienti e ossigeno affinché le piante si sviluppino perfettamente.

Immagine del ciclo umido-secco della cannabis *
Immagine del ciclo umido-secco della cannabis *

 

 

🧐 Come innaffiare le piante di cannabis nel modo migliore?

 

L’azione dell’irrigazione è semplice, fornendo l’acqua o la soluzione nutritiva alle piante, ma ne vale comunque la pena? La risposta è no. Bisogna cercare di inumidire poco a poco il substrato, facendo in modo che l’acqua raggiunga tutti i punti. Alcuni buongustai innaffiano con uno spruzzatore a pressione per rendere questa azione il più lenta e omogenea possibile, ma non ci vuole tanto tempo, basta andare a poco a poco, mai subito.

Ci sono anche persone che preferiscono annaffiare per allagamento, cioè invece di annaffiare la parte superiore del substrato, quello che fanno è allagare il vassoio o i piatti dove si trovano le piante, e il terreno assorbe l’umidità dal basso verso l’alto. L’irrigazione per allagamento è molto conveniente, ma ha lo svantaggio di essere pericolosa per la possibile formazione di funghi.

 

 

🎬 Come innaffiare la marijuana in casa?

 

La coltivazione indoor della cannabis ha ogni giorno più seguaci, consumatori che iniziano in auto-coltivazione per poter coprire la propria offerta senza dover ricorrere al mercato nero. Nessuno nasce sapendo, e uno dei primi problemi che incontriamo quando iniziamo questo compito è…Come dobbiamo innaffiare? Quanta acqua? Quanto tempo si deve aspettare tra l’irrigazione e l’irrigazione? Non preoccuparti, tutti abbiamo avuto questi dubbi, ma per fortuna hai queste informazioni a portata di mano.

Prima di tutto, dobbiamo distinguere tra colture terrestri, fibra di cocco, idroponica e aeroponica, perché ogni sistema ha esigenze diverse. La maggior parte dei nuovi coltivatori inizia con vasi e terriccio, poiché questo è il mezzo più utilizzato e probabilmente il più semplice.

 

Manuale della marijuana coltivata con terriccio indoor

Quando le piante sono piccole, consigliamo di Irrigare con Annaffiature manuali , in questo modo ci assicuriamo che il terreno non sia troppo inzuppato e che non ci siano zone prive di umidità. Una volta che il seme germoglia e germoglia dal terreno, si può annaffiare intorno al fusto della pianta, lasciando asciutto il perimetro del vaso per fare in modo che il substrato continui ad ossigenarsi. Man mano che la pianta cresce aumenteremo la quantità di acqua, fino al momento in cui dovremo innaffiare l’intera superficie del vaso, e da quel momento aspetteremo che si asciughi prima di innaffiare di nuovo.

Un trucco per controllare la quantità di umidità nel supporto è il peso. Una volta innaffiato l’intero vaso puoi controllare quanto pesa appena innaffiato, e confrontarlo con un altro che non hai ancora innaffiato per vedere la differenza di peso tra l’uno e l’altro. Se hai una sola pianta, puoi pesarla con una bilancia prima e dopo l’annaffiatura, ma proprio non ti servirà, la differenza è così grande che ti accorgi di quanto la sollevi un po’.

Un altro modo per conoscere la quantità di acqua nel substrato è con un Rapitest 3 in 1 che, oltre a controllare l’umidità, misura il PH del terreno per sapere se è nei valori corretti. Alcuni coltivatori infilano un dito nel substrato per vedere se è asciutto o bagnato, ma questo non è un buon modo per dirlo, perché molte volte in cima è asciutto ma il resto è ancora bagnato.

 

 

👾 Come innaffiare una pianta di marijuana all’aperto?

 

Nelle colture outdoor, tutti i processi sono più lenti rispetto alle colture indoor, la stagione è più lunga e le giornate di solito non hanno tante ore di luce quante quelle che segnaliamo indoor. Quello stesso ritmo deve essere adattato ai rischi e tenere conto anche di altre questioni come i parametri ambientali.

Normalmente all’aperto utilizziamo vasi di volume maggiore rispetto a quelli interni, ma le piante diventano anche più grandi come regola generale. Quando la pianta è piccola ma il vaso è grande, cercate di non bagnare troppo il substrato, meglio procedere piano piano come abbiamo visto prima, annaffiando intorno al tronco principale ed allargando il diametro di irrigazione ogni volta che annaffiamo, fino a bagnarci .tutta la terra.

I fabbisogni idrici delle piante da esterno sono diversi da quelli delle piante da interno, e soprattutto più variabili. All’interno impostiamo parametri che rimangono stabili, ma all’esterno la temperatura, l’umidità, l’incidenza della luce e altri fattori cambiano ogni giorno, quindi dobbiamo adattare l’irrigazione in base al tempo. La pioggia conta come irrigazione, e anche la rugiada della notte viene assorbita dalle foglie, quindi possiamo risparmiare qualche annaffiatura.

 

Come innaffiare le piante di marijuana piantate nel terreno?

Se la pianta è in madre terra, non ha tanti problemi di accumulo di umidità, ma è comunque meglio adattare la frequenza e la quantità di annaffiature alla taglia di ogni esemplare. Una pianta alta più di 2 metri piantata direttamente nel terreno può necessitare di più di 10 litri di acqua al giorno, ma in realtà parte di essa evapora a causa del calore o si perde negli strati inferiori del substrato.

Ecco perché il modo migliore per innaffiare le grandi piante da esterno poste in madre terra è con l’irrigazione automatica, quindi non devi preparare l’irrigazione tutti i giorni e non puoi preoccuparti. L’irrigazione automatica è ideale anche per altre situazioni, come quando esci di casa per alcuni giorni o per qualche motivo non riesci a tenere d’occhio le piante.

 

 

🎯 Come innaffiare le piante in vacanza? Installazione di un’irrigazione a goccia automatica

 

Ti starai chiedendo come innaffiare le tue piante senza essere a casa, come quando vai in viaggio d’affari o in vacanza. In questo caso, come per le grandi piante da esterno, la cosa migliore da fare è installare un impianto di irrigazione automatico.

Se nella tua zona hai acqua corrente dolce, puoi mettere direttamente in rete un programmatore di irrigazione automatico, di quelli che si installano proprio sotto un rubinetto. In questo caso, devi solo regolare gli orari giornalieri in cui vuoi irrigare e l’ora di ciascuna di queste annaffiature.

Se invece l’acqua che esce dal vostro rubinetto è troppo dura, l’ideale è utilizzare l’acqua di osmosi o quantomeno eliminare il calcare e il cloro che la pianta non riesce ad assimilare. In questo caso si può riempire un fusto o cisterna con buona acqua, aggiungere in ogni fase i concimi corrispondenti e infine correggere il PH. Fatto ciò, viene inserita una pompa a cui è collegato un tubo flessibile, e in questo tubo possiamo posizionare i gocciolatori che metteremo distribuiti attorno ai tronchi delle piante.

Nelle colture indoor con sistemi idroponici o aeroponici, vengono anche annaffiate con sistemi automatici, anche nelle colture in vaso con fibra di cocco, poiché in questi ambienti i fabbisogni idrici sono maggiori rispetto al terreno.

 

 

🔥 Come togliere la calce dall’acqua e il cloro per innaffiare le piante nel modo migliore?

 

Una parte del cloro presente nell’acqua evapora a temperatura ambiente, basta lasciarlo in un contenitore aperto per circa 24 ore. Questo viene fatto da molti coltivatori per poter irrigare con acqua di rubinetto, anche se non si sa mai fino a che punto il problema è stato risolto.

Ma per togliere il calcare dall’acqua quel metodo non è più valido, in questo caso ci vuole un addolcitore, oppure direttamente un impianto ad osmosi inversa, che lasci l’acqua con una EC di 0 o 0,1. Poiché si usa l’osmosi, le membrane oi filtri devono essere cambiati, poiché nel tempo perdono la loro efficacia.

 

 

✅ Altre domande importanti da tenere in considerazione prima di annaffiare le piante di cannabis, PH ed EC

 

È inutile avere la migliore acqua di irrigazione con i migliori nutrienti se non si corregge il suo PH. Il PH è il potenziale di idrogeno contenuto nell’acqua, oscilla tra 0 e 14, dove 7 è il valore neutro. Il pH ideale dell’acqua di irrigazione varia a seconda del sistema di coltivazione e della fase o momento in cui si trovano le piante, ma normalmente si mantiene tra i margini di 5 e 7.

EC o EC è l’acronimo di elettroconduttività, cioè l’acqua dell’acqua capacità di condurre elettricità, anche se per noi l’importante è che sia così che si misura la quantità di sali disciolti contenuti nell’acqua, cioè la quantità di cibo quando questi sali vengono assimilati dalle piante.

Per preparare bene l’irrigazione della marijuana, devi iniziare con acqua base morbida, aggiungere i prodotti corrispondenti alla fase in cui si trovano le piante, regolare il PH e, se vuoi arricciare il riccio, metterlo a una temperatura compresa tra 20ºC e 24ºC. Se vuoi saperne di più sul PH e l’EC della marijuana, ti consiglio di leggere questo articolo in cui dettagliamo tutto molto meglio.

Immagine di un grafico in cui puoi vedere l'assimilazione dei nutrienti a seconda del PH dell'irrigazione *
Immagine di un grafico in cui puoi vedere l’assimilazione dei nutrienti a seconda del PH dell’irrigazione *

 

 

🚀 Quanta acqua è necessaria in ogni irrigazione?

 

Questo dipende da molti fattori, come la dimensione del vaso, la temperatura e l’umidità relativa dell’ambiente, la varietà, le dimensioni della pianta, la fase in cui si trova, ecc. ma vi dirò che è necessaria la giusta quantità per bagnare tutto il substrato e far scolare un po’ attraverso i fori inferiori del vaso. Di seguito puoi vedere un elenco con le quantità approssimative necessarie per ogni volume di

 

  • Vaso 0,5 litri: 50 ml. di acqua
  • Vaso 1 litro: 100-150 ml. di acqua
  • Vaso 3 litri: 300-400 ml. di acqua
  • Vaso 7 litri: 700-800 ml. di acqua
  • Vaso 11 litri: 1-1,2 litri di acqua
  • Vaso 15 litri: 1,4-1,7 litri di acqua
  • Vaso 25 litri: 2,3-2,7 litri di acqua
  • Vaso 50 litri: 4,5-5,5 litri di acqua

 

 

Vaso tondo Bianco

 

Maceta Redonda Blanca...

Vaso tondo bianco. Il colore bianco è un alleato contro il surriscaldamento delle radici…

TAMAÑOS
MACETA BLANCA 25 cm (10 litros)
MACETA BLANCA 30 cm (17 litros)
MACETA BLANCA 35 cm (27 litros)
MACETA BLANCA 40 cm (40 litros) (Con asa)
MACETA BLANCA 50 cm (50 litros) (Con asa)

Más información sobre
Maggiori informazioni su

 

 

Cosa succede se innaffio poco le piante?

 

I problemi di innaffiare le piante meno del necessario sono diversi. Il primo è che rallenta il suo sviluppo perché rallenta l’intero processo. Un altro grosso problema si verifica quando le aree del vaso rimangono prive di idratazione, e le radici che vi sono alloggiate possono morire, rendendole inutili per il resto del raccolto.

Un altro problema di mancanza di irrigazione è dovuto al substrato, che quando si asciuga troppo non assorbe più anche l’acqua, e quando si annaffia la maggior parte drena attraverso i fori di drenaggio. Se questo accade a te, c’è un trucco che puoi fare, ed è quello di mescolare un paio di gocce di fata (o qualsiasi sapone per i piatti) con l’acqua di irrigazione come agente umettante. Puoi fare lo stesso anche quando spruzzerei qualsiasi prodotto, poiché il sapone consente al prodotto che spruzzi di rimanere a contatto con le foglie più a lungo, rendendolo più efficace.

 

 

➕ Come faccio a sapere se sto innaffiando troppo una pianta?

 

Innaffiare troppo poco è tanto male quanto farlo troppo, perché in entrambi i casi la pianta può finire per morire. Se fai il test del peso del vaso appena innaffiato come ti ho detto prima, è raro che tu abbia problemi con l’irrigazione eccessiva, ma nel caso ti dirò alcuni segni che le piante mostrano in questa situazione.

Quando si annaffia troppo si provoca la mancanza di ossigenazione dell’apparato radicale, e questo crea a poco a poco carenze di nutrienti, poiché non vengono assimilati bene. Se vedi che le tue piante iniziano a ingiallire le foglie a causa del germoglio, potrebbe essere dovuto a un eccesso di acqua. Un altro segno è che vedrai le foglie cadute come quando mancano d’acqua, ma in questo caso, invece di sembrare appassite, appaiono lucide, scure e con i nervi ben marcati, ma per il peso dell’umidità che contengono, superano. Altro sintomo evidente è il rallentamento del ritmo di sviluppo, tanto che sembra che manchi di sostanze nutritive o abbia qualche blocco, ma no, è dovuto alla mancanza di ossigeno nella zona radicale.

 

 

📱 Conclusione

 

Oggi abbiamo visto l’importanza di innaffiare le piante di marijuana o qualsiasi altro pozzo, come e quando farlo correttamente, come preparare l’acqua per l’irrigazione e come innaffiare le nostre piante quando non siamo in casa. Se avete domande, potete farcele nei commenti, e se l’articolo vi è piaciuto spero che lo condividete, vi ringraziamo in anticipo

 

Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
See more posts

Lascia un commento