La marijuana ha anche il suo PH

Tempo di lettura 5 minuti
Intervalli di pH segnati da strisce colorate sulle radici
Intervalli di pH segnati da strisce colorate sulle radici

 

Come per le persone, mantenere un PH ideale nelle colture di marijuana è fondamentale per garantire una corretta alimentazione e sviluppo delle piante, e molte volte non lo facciamo dargli l’importanza che ha. Per questo abbiamo pensato bene di creare questo articolo in cui spieghiamo cos’è e quali sono i migliori valori di PH per ogni fase del raccolto, quindi vi consiglio di leggerlo con attenzione.

 

 

⭐ Was ist der PH-Wert?

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

PH è l’acronimo di “potenziale di idrogeno”, quindi indica la quantità di ioni idrogeno che un corpo o qualsiasi soluzione acquosa contiene, e ne misura il grado di acidità o alcalinità. La scala dei valori di PH oscilla tra 0 e 14, dove 7 è il PH neutro, quindi qualsiasi valore inferiore a 7 è considerato acido, e tra 7 e 14 si può dire alcalino.

Il PH ideale per la coltivazione della cannabis è compreso tra 5,5 e 7,0 cannabis, variabile a seconda del tipo e della fase di coltivazione, poiché in sistemi “fuori suolo” come l’aeroponica o l’idroponica è meglio applicare più valori di acidità rispetto alle colture a  terra. È anche bene alzare il PH man mano che le piante attraversano la fase, perché in crescita lo preferiscono più basso che in fioritura. Se non è ancora molto chiaro cosa sia il PH, non preoccuparti, perché sono sicuro che una volta letto completamente questo articolo lo capirai perfettamente.

 

 

⛳ Quanto è importante il PH nelle colture di marijuana?

 

È molto importante, perché le piante hanno bisogno di assorbire i nutrienti per svilupparsi normalmente e per assimilare questi nutrienti devono avere valori di PH adeguati. Se aggiungi fertilizzanti all’irrigazione e ha un PH errato è come se preparassi una zuppa e non avessi un cucchiaio per mangiarla, ricordalo.

Per fare in modo che le piante abbiano un PH adeguato nell’apparato radicale, che è quello che deve assorbire i nutrienti, è necessario controllare il PH dell’acqua di irrigazione che bevono, perché è quella che può variare i valori del suolo , che alla fine è il più importante.

 

* immagine di un grafico in cui si possono vedere i valori di PH che la marijuana può assimilare
*Immagine di un grafico in cui si possono vedere i valori di PH che la marijuana può assimilare

 

 

✨ Come si misura il PH

 

Il modo migliore per controllarlo è con un pH metro elettronico, e hai molte marche e modelli diversi tra cui scegliere, con prezzi molto competitivi come questo di Wassertech o questo del marchio Adwa che riteniamo abbia la migliore qualità / rapporto prezzo. Ci sono anche i drop kit che sono ancora più economici a breve termine, anche se non sono altrettanto affidabili e richiedono più tempo per misurare il PH.

Questi misuratori servono per controllare il PH dell’acqua di irrigazione, basta inserire la sonda in essi contenuta nel caso siano elettronici, e con il kit goccia si preleva un piccolo campione, si aggiungono alcune gocce, e si confronta il colore con il scala che arriva sul prodotto stesso.

Bene, conosciamo già il modo per conoscere il PH che contiene la nostra soluzione nutritiva, ma se vuoi alzarlo e abbassarlo, hai bisogno di prodotti acidi o alcalini che causano la fluttuazione del PH, vengono venduti come PH – o PH + e sono sono molto economici. Se vuoi vedere un modo casalingo per abbassare il PH con prodotti che abbiamo tutti a portata di mano, ti consiglio di leggere questo interessante articolo.(Qui metterei un link alla notizia “Come abbassare il PH in casa” che non abbiamo ancora pubblicato.)

 

 

👌 PH ideale per la coltivazione indoor di cannabis

 

Inizieremo con la coltivazione del suolo perché sono le più diffuse, poiché la maggior parte delle persone che si uniscono al mondo dell’auto coltivazione della cannabis usa il suolo come substrato. Se lo confrontiamo con i valori ideali nelle colture fuori suolo, vedremo che il terreno necessita di valori leggermente più alti, tra 6.0 e 6.8 sarebbe l’ideale, ma se vuoi vederlo meglio, dai un’occhiata alle seguenti tabelle:

 

PH ideale per la coltivazione indoor in terreno durante il ciclo di crescita

 

Settimana1234
PH6,06,16,26,2

 

PH ideale per coltivare marijuana indoor durante la fase di fioritura

 

Settimana123456789
PH6,36,46,56,56,66,66,76,76,8

 

Come puoi vedere, abbiamo messo fino a 4 settimane di crescita vegetativa, ma se vuoi che le tue piante continuino in questa fase più a lungo, puoi continuare con un pH di 6.2 perfettamente. Come per la fase di fioritura, se le tue piante richiedono più settimane puoi annaffiare con un PH compreso tra 6,6 e 6,8, anche se l’ideale è espandere la tavola in proporzione. Questo vale anche per altri sistemi di coltivazione, non solo a terra, se le tue piante hanno bisogno di più tempo di fioritura dovrai allungare il numero di settimane.

 

PH ideale per coltivazione indoor in cocco durante la fase di crescita

 

Settimana1234
PH5,65,75,85,8

 

PH consigliato per coltivazione indoor in cocco durante la fase di fioritura

 

Settimana123456789
PH5,96,06,16,26,36,36,36,36,4

 

PH perfetto per la coltivazione idroponica e aeroponica durante la crescita

 

Settimana1234
PH5,55,65,65,7

 

PH corretto per la fioritura della marijuana in idroponica e aeroponica

 

Settimana123456789
PH5,85,95,96,06,16,26,26,26,3

 

 

🚀 Cosa succede se innaffiamo con il PH sbagliato?

 

Se coltivi in ​​terra, potrebbero volerci diversi giorni per notare che le piante hanno un PH inadeguato, perché il terreno stesso smorza un po’ questo errore. Se guardi i sacchetti di substrato vedrai che indicano il PH contenuto nel terreno che trasportano, e di solito è abbastanza stabile, quindi non cambia per una o 2 irrigazioni con PH errato.

Il problema nasce quando si annaffia più volte con un PH troppo alto o troppo basso, poiché a poco a poco il PH del substrato cambierà, fino a raggiungere valori che possono diventare un problema, perché come dicevo prima, se le piante non hanno un buon PH, non saranno in grado di assimilare bene i nutrienti dal terreno. Questo accade perché quando coltiviamo sulla terra, le piante prendono cibo dal terreno, che fertilizziamo attraverso l’irrigazione con fertilizzanti.

Un’altra cosa è nelle colture di fibra di cocco, NFT (Nutrient Film Technique), idroponica o aeroponica tra gli altri, poiché in questi sistemi le piante prendono il cibo direttamente dall’irrigazione, quindi il PH deve essere il più preciso possibile per evitare problemi.

 

 

✅ Conclusione

 

Oggi abbiamo imparato l’importanza del PH per avere successo nelle colture di marijuana, quindi non hai più scuse per ottenere il meglio dalle tue colture. In questo blog troverai molte più informazioni sulla nutrizione della cannabis, nonché guide per coltivare nei diversi sistemi che abbiamo esposto in questo articolo.

 

 

🎯 Domande frequenti

 

Quanto deve essere il PH della marijuana

Il valore di PH ideale per poter assorbire bene tutti i macro e microelementi di cui la cannabis ha bisogno è 6,0, ma in realtà è compreso tra 5,5 e 7,0, perché è consigliabile che in crescita si avvicini a 5,5 e aumenti gradualmente fino a raggiungere valori vicino a 7.0.

 

Devi misurare il PH dell’acqua prima o dopo aver aggiunto i fertilizzanti?

Sempre dopo aver aggiunto fertilizzanti e altri additivi all’acqua di irrigazione, perché questi prodotti possono causare una fluttuazione del PH, solitamente verso il basso. Infatti, se hai una soluzione nutritiva avanzata e ne trarrai vantaggio in un altro momento, ti consiglio di regolare nuovamente il PH, perché la cosa più normale è che è cambiato.

 

Come regolare il PH dell’acqua?

Sebbene possa essere regolato in casa con prodotti usati per cucinare, l’ideale è utilizzare acidi commerciali creati per questa missione, poiché sono molto economici (più di prodotti fatti in casa come aceto o limone) e sono molto più stabili, perché difficilmente causare la fluttuazione del pH nella soluzione nutritiva.

Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
See more posts

Lascia un commento