Come pulire un grinder di plastica, metallo, legno e altro

560
SHARES
Reading Time: 5 minutes

 

illustrazione di un uomo che pulisce tre grinder
illustrazione di un uomo che pulisce tre grinder

 

La pulizia del grinder per l’erba è molto importante per il suo corretto funzionamento, poiché quanto più è sporco, peggio tritura la marijuana. Anche se all’inizio non lo vediamo, ogni volta che maciniamo una cima, rompiamo le teste ghiandolari dei tricomi.

Queste ghiandole rilasciano oli che, quando si asciugano e si ossidano, si induriscono e si scuriscono, rimanendo aderenti ai denti e ad altre parti del grinder. Quando lo strato di resina essiccata si accumula, ne impedisce il corretto utilizzo, quindi è fondamentale pulirlo regolarmente.

In questo articolo vedremo il modo migliore per pulire il tuo grinder, qualunque sia il materiale, e con oggetti che tutti possono reperire facilmente.

 

 

È possibile utilizzare la resina incastrata nel grinder ?

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

 

Certo che puoi, anche se ci sono persone che preferiscono buttarla via, abbiamo amici che puliscono il grinder solo quando non hanno nient’altro da fumare. Quello che deve essere chiaro è che se vogliamo sfruttare la pulizia per fumare questi resti, dobbiamo rimuoverli con un solvente non tossico.

Una cosa che dobbiamo tenere in considerazione prima di consumare i resti utilizzabili è che non tutto ciò che rimane bloccato sono i resti di marijuana, quindi bisogna prima pulire la sporcizia, in modo da non consumare sostanze che potrebbero essere dannose.

Vedremo separatamente quale può essere il miglior metodo di pulizia per ogni tipo di grinder e il modo migliore per sfruttare i resti consumabili.

 

 

Come posso pulire un grinder di metallo ?

 

 

Innanzitutto bisognerà pulire le parti esterne con acqua calda e sapone, poiché è meglio disfarsi di questo sporco. Una volta che tutte le facce esterne sono state pulite, passiamo all’interno, dove è rimasta la resina che possiamo consumare.

È meglio smontare il grinder in modo che tutte le sue parti siano separate. Se contiene impollinatore, togliamo le 2 parti dentate su un lato, poiché sulla parte delle punte o dei denti si accumulano sia la resina che piccoli pezzi di erba. Poi, si rimuovono la camera inferiore dove rimane il kief e la parte che contiene la rete filtrante; queste 2 parti normalmente contengono solo tracce di tricomi.

 

Immagine di un grinder che fa la doccia per rimuovere la resina *
Immagine di un grinder che fa la doccia per rimuovere la resina *

 

Alcool per pulire il grinder

 

Prepariamo un bicchiere con alcool etilico o etanolo, introduciamo all’interno tutte le parti del grinder in modo che siano sommerse e aspettiamo almeno un’ora. Vedremo che l’alcool si scurisce, significa che ha estratto la resina, quindi potremo togliere tutte le parti e dargli un’ultima spazzolatura con l’aiuto di uno spazzolino da denti o simili, e versare l’alcol su un piatto.

Facciamo evaporare l’alcool a temperatura ambiente, e quando non c’è più niente, raccogli lo strato di resina rimasto sul piatto e consumalo a tuo piacimento.

Questo metodo è valido per qualsiasi tipo di grinder in metallo, anche per quelli a forma di carta.

 

 

Come pulire al meglio un grinder in plastica?

 

 

Per pulire il grinder in plastica consigliamo di far bollire l’acqua anziché l’alcol o altri solventi. Questo perché la plastica può rilasciare componenti tossici durante questo processo, e noi siamo persone sane…

In questo caso l’acqua bollente non scioglie la resina, ma il calore aiuta ad ammorbidirla, tanto che costa poco estrarla successivamente per sfregamento. È un metodo semplice, devi solo mettere a bollire una pentola con l’acqua e inserire le parti del grinder che vuoi pulire. Lasciamo agire l’acqua bollente per qualche minuto, spegniamo il fuoco, tiriamo fuori il grinder e lasciamo raffreddare, quanto basta per poterlo prendere in mano e con l’aiuto di un tampone o di uno spazzolino strofiniamo per togliere tutto lo sporco. Successivamente è necessario risciacquare con acqua pulita e lasciare asciugare.

Questo metodo serve per pulire il grinder in plastica nel migliore dei modi, ma non va bene per pulire uno in legno, perché può deteriorarsi, o per uno metallico perché potrebbe arrugginire.

 

 

 

Allora come posso pulire grinder di  legno?

 

 

Il grinder di legno è uno dei più complicati da pulire bene, perché con questo materiale non è possibile il contatto prolungato con acqua, alcool o altri solventi.

Dal nostro punto di vista, il modo migliore per pulirlo in sicurezza è con l’aiuto del congelatore. Mettiamo il grinder aperto, con ciascuna delle parti separate, e lo lasciamo nel congelatore per un’intera notte, o almeno 6 ore. Successivamente lo tiriamo fuori e su una teglia, alluminio o simile, lo colpiamo in modo che venga rilasciata la resina, che una volta congelata si stacca molto facilmente. Potremmo aver bisogno di un piccolo punteruolo, una lama o qualche utensile con cui possiamo grattare nelle aree difficili da raggiungere.

 

 

È possibile pulire anche un grinder elettrico?

 

 

Certo che puoi, almeno le parti che si sporcano di più. L’impugnatura di solito accumula sporco di ogni tipo, che quindi non può essere utilizzato per il consumo. Ma la ciotola e le lame di solito sono sporche di resina, quindi proveremo ad estrarla.

Per prima cosa bisogna smontare la ciotola, che può essere immersa direttamente nell’alcool etilico, insieme alle lame da svitare. Una volta smontate le lame, possiamo approfittarne per pulire il meccanismo interno con una lama o un punteruolo, poiché la resina si accumula lì e poco a poco ne impedisce il corretto funzionamento.

Fare molta attenzione nel rimontare il grinder elettrico: ricordati che contiene lame e se non è correttamente assemblato può essere pericoloso.

 

 

🧐 Come posso pulire il grinder con il latte?

 

 

Molti clienti ci chiedono se il grinder può essere pulito con latte, lo hanno sentito e suona come una leggenda metropolitana. Ma la risposta è che sì, può essere pulito con il latte perché esso contiene grassi e, come sappiamo, la cannabis è liposolubile, cioè si dissolve in grasso.

L’ideale è pulire prima le parti esterne con acqua e sapone come abbiamo visto prima, dato che il grinder all’esterno si sporca di tutto. Una volta pulita la parte esterna, si scalda il latte intero in una pentola (il latte intero è meglio perché contiene più grassi) senza farlo bollire. Poi lo mettiamo il grinder aperto, in pezzi, nella pentola con il latte caldo. Bisogna lasciarlo agire per almeno 10 o 15 minuti, in modo che tutta la resina si stacchi e si sciolga nel latte.

Questo latte psicoattivo può essere consumato direttamente caldo o utilizzato per realizzare altre ricette con un tocco di erba.

 

 

Immagine di un grinder all'interno di un bicchiere di latte *
Immagine di un grinder all’interno di un bicchiere di latte *

 

 

👾 Suggerimenti e trucchi per pulire meglio il grinder rapido

 

Abbiamo visto molte persone pulire il loro grinder grattando forte con un oggetto metallico, asciutto e a temperatura ambiente. Questo può essere pericoloso, poiché graffiando, i componenti in legno, plastica o metallo possono staccarsi e terminare nei nostri polmoni.

Il modo più semplice per pulire facilmente un grinder è metterlo nel congelatore quando vai a dormire. Il giorno successivo basta tirarlo fuori dal congelatore e colpirlo su una superficie dura, sulla quale abbiamo appoggiato una carta o simile per raccogliere la resina che rilascia.

Se è metallico, può anche essere pulito rapidamente con l’aiuto di Coca-Cola o una bevanda simile alla cola. Questo serve anche per rimuovere la ruggine che solitamente compare in questo tipo di grinder, ma il problema è che la resina che puliamo non può essere utilizzata successivamente. La parte buona è che il grinder è come nuovo e gira in modo spettacolare.

 

 

☕ Conclusione

 

 

Una buona manutenzione del grinder è importante, per evitare che si accumuli molta sporcizia. Inoltre non è necessario pulirlo accuratamente dopo ogni utilizzo, ma regolarmente, ogni 15 giorni o 1 mese, a seconda della frequenza di utilizzo.

Se hai domande a riguardo, puoi consultarci nei commenti o in una mail, e se l’articolo ti è piaciuto condividilo in modo che raggiunga più persone… grazie in anticipo.

 

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content