Kief di Marijuana

Tempo di lettura 7 minuti

 

Immagine della consistenza e del colore del Kief con tricomi sullo sfondo
Immagine della consistenza e del colore del Kief con tricomi sullo sfondo

 

Sicuramente hai sentito parlare di persone che fumano una canna o un blunt di Kief, e hai detto: Che cos’è il Kief? Non preoccuparti, in questo articolo decifriamo tutti i segreti di questo misterioso prodotto.

 

 

Cos’è il Kief ?

 

 

Kief è il prodotto derivante dall’estrazione meccanica dei tricomi dalla cannabis. È un concentrato che si ottiene accumulando la resina essiccata della marijuana. Kief deriva dalla parola araba “Kaif”, che tradotto significa “gusto” o “piacere”, quindi la definizione di Kief è qualcosa come “il polline di marijuana che dà piacere”.

Il Kief appena preso è di solito di colore chiaro, si chiama Kief biondo o verde, ed è quello prodotto nella regione del Rif, nel nord del Marocco. Questa zona è il principale produttore di hashish al mondo e, sebbene non abbiano loro inventato il metodo, il Kief del Rif  è considerato il miglior hashish del pianeta, soprattutto quando si fanno diversi setacciature.

 

 

Foto ingrandita che mostra Kief di alta qualità *
Foto ingrandita che mostra Kief di alta qualità *

 

Da dove viene il Kief ?

La tecnica dell’estrazione a secco della polvere di marijuana proviene dall’Asia, in particolare dal nord dell’India, dove i suoi abitanti separavano la resina dalle piante di cannabis essiccate con l’aiuto di un setaccio di stoffa. Questo setaccio contiene fori molto piccoli: abbastanza grandi da consentire il passaggio dei tricomi, mentre la materia vegetale più grande rimane intrappolata nel setaccio.

Tra la fine degli anni ’60 e l’inizio degli anni ’70, c’erano molti viaggiatori hippie che, tra le molte altre destinazioni per fumatori, andavano in India. In questi viaggi hanno raccolto semi dai paesi produttori attraverso i quali sono passati, Afghanistan, Pakistan, India o Nepal tra gli altri. Oltre ai semi, in alcuni viaggi hanno scoperto il metodo di estrazione Kief che usavano in Asia, e non passò molto tempo prima che lo esportassero nel nord del Marocco.

 

 

👌 Come si prepara il Kief di marijuana ?

 

 

Attualmente ci sono diversi modi per produrre Kief puro in modo semplice. Il più comodo è l’estrattore di Kief, o lavatrice a secco, ovvero un contenitore che al suo interno ha un cestello coperto da una rete che ruota sul proprio asse. La marijuana essiccata viene posta all’interno del tamburo, che quando inizia a girare, rimuove la materia vegetale, che rilascia la resina e viene filtrata attraverso il setaccio, rimanendo nel contenitore di Kief. Più a lungo giri, più Kief ottieni, ma di minore qualità.

Una tecnica simile viene utilizzata con la scatola Kief, o scatola per produrre hashish secco. Questa scatola è separata da diverse camere, il setaccio superiore contiene fori che filtrano i tricomi, che sono intrappolati nella camera inferiore. E potresti chiederti, di che dimensione o micron del setaccio ho bisogno per creare Kief? Beh, questo dipende dalla qualità e dalla quantità che vuoi ottenere: più piccoli sono i fori, minore è la quantità, ma maggiore è la qualità. Devi anche tenere conto del tempo e dell’intensità delle setacciature.

 

 

Immagine del tavolo da lavoro per estrarre Kief 00 *
Immagine del tavolo da lavoro per estrarre Kief 00 *

 

Un altro metodo semplice è con i sacchetti Kief, che in realtà sono gli schermi di estrazione per fare hashish con ghiaccio o Ice-o-lator, in particolare il sacchetto da 120, 150 o 160 micron. In questo caso mettiamo un vassoio liscio per raccogliere la resina, mettiamo la cannabis secca nella rete e agitiamo con cura in modo che i tricomi che vengono filtrati cadano nel vassoio.

Hai anche la possibilità di produrre Kief con uno Shaker, che è un contenitore simile a un barattolo da conserve, ma al suo interno contiene un piccolo setaccio con fori. Funziona in modo simile all’estrattore di scatole, ma in questo caso mettiamo la materia vegetale e scuotiamo a mano. Se stai facendo Kief e preferisci la quantità alla qualità, hai la possibilità di inserire una piccola moneta, che aiuterà a macinare la marijuana e renderà più facile il rilascio della resina.

Fare Kief con un grinder è uno dei modi più comuni e da quando sono diventati molto diffusi i grinder con impollinatori, la maggior parte di noi fumatori ne ha uno e… non vediamo l’ora di pulirlo!

 

Come raccogliere il Kief?

Sia con l’estrattore che con la scatola o gli schermi, il Kief verrà accumulato su un vassoio. Idealmente, pulire l’intero vassoio con l’aiuto di una carta di credito o di una spatola, raccogliendo tutta la polvere al centro. Una volta che abbiamo tutto insieme, con l’aiuto della tessera lo estraiamo a poco a poco e lo mettiamo con cura in un contenitore di silicone o simile. Con lo Shaker è più semplice, la camera inferiore si svita per facilitare il processo di raccolta del Kief.

 

 

Cosa fare con il Kief?

 

 

Gli usi del Kief sono molto vari, può essere pressato per ricavare hashish dal Kief, fumarlo o vaporizzarlo direttamente o prepararlo per la cottura. Se decidi sulla prima, dovresti sapere che in commercio esistono presse per Kief ad un prezzo spettacolare, la resina viene introdotta e con l’aiuto della pressione viene compattata fino a diventare una moneta.

Questo concentrato è molto versatile e, a differenza di altre estrazioni come BHO o Ice-o-lator, il Kief può essere fumato o vaporizzato all’istante. Questo è uno dei tanti vantaggi che ha rispetto alle altre estrazioni, sebbene abbia anche i suoi svantaggi, dal momento che se vuoi ottenere un prodotto di elevata purezza devi ri-vagliare o setacciare più volte.

 

Rosin tech Kief

Ultimamente è l’uso più diffuso per questa forma di estrazione, fare Rosin con Kief è di moda e non c’è da stupirsi, in quanto è uno dei modi più veloci, comodi e sicuri per ottenere un concentrato di cannabis di alta qualità. Può essere considerato un modo per raffinare il Kief, come se fosse filtrato a secco con il metodo dell’estrattore.

 

Pressare il Kief per ottenere Rosin

Per questo metodo è necessario disporre di filtri dove viene messo il Kief, altrimenti il Rosin può venire contaminato. Mettiamo il Kief nel filtro o nello schermo, copriamo il tutto con carta da forno e prepariamo la pressa a 90º C.

Quando raggiunge la temperatura introduciamo il tutto e pressiamo per 1 minuto e mezzo a circa 10 tonnellate. Il rendimento con questo metodo è molto alto, dipende dalla purezza della materia prima, ma solitamente supera il 50% del peso iniziale.

 

 

🎯 Come fumo il Kief? Modi per consumare il tuo estratto

 

 

Il modo migliore per fumare il Kief, o meglio, il modo più diffuso, è mischiarlo al tabacco, come se stessi facendo una canna di hashish, ma in questo caso staresti fumando Kief. Può anche essere miscelato con la marijuana, ma di solito viene fumato misto. Se ti stai chiedendo se puoi fumare Kief senza erba o tabacco, la risposta è sì, ma se non è molto puro lascerà molti residui nella ciotola.

 

Vaporizzare il Kief

Un altro modo per consumare questa estrazione di cannabis è vaporizzarlo. In commercio hai a disposizione diversi vaporizzatori che hanno un adattatore appositamente progettato per funzionare con i concentrati; a nostro modesto parere uno dei migliori in questa categoria è il Pax 3.

 

Immagine del catalogo del vaporizzatore Pax 3 *
Immagine del catalogo del vaporizzatore Pax 3 *

Maggiori informazioni qui
Vaporizzatore Pax 3

 

Cucinare con Kief

Se ti stai già vedendo diventare viola mangiando Kief con i tuoi dolci preferiti, prima di tutto dovresti decarbossilare il kief. Se non sei sicuro di come farlo, ti consiglio di leggere questo articolo che parla della decarbossilazione della cannabis.

Una volta attivato il Kief, il modo in cui ci piace di più mangiarlo è attraverso il burro di Kief, cioè fare il burro con il nostro concentrato decarbossilato e successivamente aggiungerlo ad altre ricette o mangiarlo direttamente, ad esempio spalmato su pane tostato. Fai attenzione quando mangi cibi che contengono marijuana, ricorda che ci vuole molto tempo per avere effetto, aspetta almeno un’ora prima di farti un secondo giro.

 

 

🔥 Potenza ed effetto del Kief

 

 

Nella categoria delle estrazioni di cannabis, a mio avviso, il normale Kief fatto in casa in termini di potenza si colloca nella parte inferiore della classifica, solo davanti al Charas, ma sotto BHO, Ice-o-lator o Rosin tra le altre. Altra discorso invece per il Kief raffinato, quello cioè che dopo diversi passaggi attraverso vari setacci, guardandolo al microscopio rimane solo con teste ghiandolari.

Il tipo di effetto dipende dalla varietà che si ottiene, i classici paesi produttori lavorano con le Indiche e gli ibridi con predominanza Indica.

 

 

🧐 Le migliori varietà per produrre Kief

 

 

Le genetiche che hanno i tricomi più grandi sono le Indica, alcune di esse sono varietà selezionate generazione dopo generazione per la loro qualità e quantità di Kief. Molte delle varietà commerciali che hanno successo oggi provengono da alcune di questi ceppi puri.

  1. Afghanistan
  2. Pakistan
  3. India
  4. L1bano

 

 

👾 Principali paesi produttori di Kief

 

  • Nell’area di Mazar-i-Sharif in Afghanistan, si produce con questo metodo uno dei migliori al mondo e il prodotto finale dopo la pressatura è nero e molto potente.
  • Nella Valle della Bekaa (Libano) lavorano con genetiche meno potenti, ma ottengono un gustoso concentrato con un effetto speciale, il Lebanese Rosso .
  • Nel nord dell’India si producono Charas e anche Kief, i più famosi sono quelli della valle del Parvati e di Manalí, ma ce ne sono molti di grande qualità.
  • Anche in Pakistan se ne produce tanto e buono, e al confine tra India e Pakistan si trova un altro dei migliori al mondo, il Kashmir.

Sebbene ci siano altri paesi produttori finiremo questa recensione con il Marocco, il principale, che già in passato era uno dei migliori nonostante la sua genetica non fosse molto buona; negli ultimi anni però stanno arrivando alla Valle del Rif semi femminizzati di tutte le varietà sfuse e commerciali, e attualmente si sta producendo Kief da molti ceppi conosciuti.

 

 

 

 

🎬 Suggerimenti per ottenere il miglior Kief

 

 

Dal nostro punto di vista, è meglio passare attraverso un setaccio da 150 micron, e poi fare 2 ri-setacciature con quello da 90 micron. Con l’aiuto di una tessera o simile, il Kief si distribuisce su tutto il setaccio, uniformemente, a poco a poco, in modo che la polvere più piccola dei fori cada ma i tricomi rimangano intrappolati.

In questo modo il rendimento è ovviamente inferiore, ma la qualità non ha nulla da invidiare ad altre estrazioni. Il Kief che viene scartato può essere raccolto e passato attraverso la pressa per Rosin, uscirà poco ma almeno viene utilizzato. Può essere utilizzato anche per cucinare.

Se conosci altri metodi o trucchi per realizzare Kief, faccelo sapere e, se ti è piaciuto l’articolo, condividilo in modo che anche altri possano scoprirlo.

 

[Voti: 0   Media: 0/5]
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
See more posts

Lascia un commento