Cos’è il Rosin e come viene prodotto? Il Metodo Rosin Tech

Tempo di lettura 8 minuti

 

Come appare il Rosin
Come appare il Rosin

 

ll Rosin ha causato una vera rivoluzione nel mondo delle estrazioni di marijuana. La velocità e la facilità con cui è possibile ottenere un concentrato puro, ha spodestato altri estratti dal trono di preferito dai consumatori di cannabis. In questo post vedremo cos’è, come è fatto e altre curiosità, vuoi scoprirle? Continua a leggere…😀

 

 

📲 Che cos’è il Rosin ?

 

È un metodo di estrazione della cannabis che si basa su 3 fattori che determinano la qualità e la quantità del prodotto finale, pressione, temperatura e tempo. In genere vengono utilizzate una pressa multi-tonnellata, filtri e carta colofonia, ma ci sono più modi per farlo.

 

Immagine di Rosin appena uscito dalla pressa *
Immagine di Rosin appena uscito dalla pressa *

 

Cosa significa Rosin?

In italiano è resina o colofonia, e come definizione si può pensare a qualcosa di simile al residuo ambrato ottenuto dalla distillazione dell’oleoresina grezza. Nel nostro caso non proviene dalla distillazione, il processo è diverso ma il sottoprodotto che si ottiene è simile.

È nato negli Stati Uniti, quando un utente ha messo una cima avvolta in carta da forno in una piastra per capelli e premuto fino a quando la resina ha iniziato a uscire. Da allora, la tecnica non ha smesso di progredire e oggi ci sono migliaia di fan di Rosin Tech in tutto il mondo.

 

 

Cosa serve per fare il Rosin ?

 

La cosa più importante è la pressa per Rosin, e dirai … e cos’è una pressa per Rosin? Ebbene, non è altro che una pressa, che può essere pneumatica o idraulica, adattata con piastre riscaldanti regolabili, che viene utilizzata per pressare la cannabis fino all’estrazione della sua resina. Ci sono presse portatili che funzionano molto bene, ma ci sono anche produttori che utilizzano presse industriali giganti.

Avrai anche bisogno di reti o sacchetti filtro, servono per introdurre cime o hash, in questo modo non si mescolano con l’estrazione del Rosin. Contengono fori di diverse dimensioni misurati in micron, che vanno da 25 a 190 micron.

Un’altra cosa di cui avrai bisogno è la carta colofonia, che è un tipo di carta siliconica abbastanza antiaderente, che viene utilizzata per avvolgere le maglie in modo che la resina vi si attacchi. Successivamente è facile raccogliere il Rosin dalla carta con l’aiuto di un dab o simile.

E l’elemento essenziale, ovviamente, è la cannabis, che può essere sotto forma di un fiore, kief, bubble hash o persino ritagli di raccolto. Analizzeremo uno ad uno tutti gli elementi necessari per rendere la produzione di Rosin più chiara.

 

Immagine di Kief preparato per la pressatura e la trasformazione in Rosin *
Immagine di Kief preparato per la pressatura e la trasformazione in Rosin *

 

 

🚀 Presse per Rosin

 

Esistono decine di modelli di presse per il Rosin, con diverse dimensioni, forme e potenze. Si potrebbe pensare che più tonnellate di pressione può esercitare la pressa, meglio è, ma non è sempre così, poiché 10 tonnellate sono più che sufficienti.

Esistono presse pneumatiche che facilitano il processo di estrazione del Rosin, poiché funzionano con un compressore che si attiva premendo un pulsante, senza la necessità di alcuno sforzo aggiuntivo.

Le presse elettriche per Rosin sono anche molto comode, simili a quelle pneumatiche, richiedono uno sforzo ma non sono così potenti e sono piuttosto costose.

Il modello di pressa per Rosin più popolare funziona con un martinetto idraulico. Potete trovarli da mezza tonnellata a più di 30 T. Il problema di quelle più grandi è la difficoltà di trasporto, ma in rapporto qualità/prezzo non hanno rivali.

Le più pratiche sono le portatili ad alta potenza, poiché sono leggere ma offrono ottime funzionalità. Una pressa portatile che non sia troppo pesante o che occupi molto spazio e abbia una pressione nominale di 5, 6 o 10 tonnellate è l’ideale per ottenere un alto rendimento e un estratto senza solventi di qualità.

 

 

Reti o sacchetti filtro per Rosin

 

Queste reti fungono da filtro in modo che il concentrato non venga miscelato con la materia prima durante il processo di estrazione. Sono più importanti quando si pressa il kief o il Bubble Hash che per i fiori, perché quando si frantumano le cime la maggior parte dei resti vegetali può essere pulita manualmente, tuttavia si consiglia comunque il loro utilizzo.

Le misure dei fori di queste maglie variano a seconda della materia prima utilizzata per la pressatura, di seguito potete vedere i micron di filtraggio consigliati per ogni tipo di estrazione:

 

  • 25 micron: per bubble hash o kief, meno rendimento ma qualità suprema
  • 37 micron: per bubble hash o kief, buon equilibrio tra rendimento e alta qualità
  • 45 micron: per bubble hash o kief, ottimo rendimento e buona qualità
  • 73 micron: per kief, fiori o talee, buona resa e qualità eccellente
  • 90 micron: per kief, fiori o talee, migliore resa con ottima qualità
  • 120 micron: per fiori o talee, ottima resa e ottima qualità ancora
  • 160 micron: per fiori o talee, ottima resa e buona qualità
  • 190 micron: per fiori o talee, resa eccellente e comunque di buona qualità

 

 

🔥 Qual è la carta migliore per produrre Rosin?

 

Fino a tempi relativamente recenti usavamo tutti carta da forno per fare il Rosin, che funziona, ma da quando sono uscite le carte specifiche per l’estrazione, sono senza dubbio le più consigliate. Tra tutti i marchi scegliamo Raw per la sua resistenza ed efficacia, poiché permette di raschiare i concentrati con chiodi o lame senza rompersi.

Un altro punto a suo favore è che non contiene Chylon, un componente chimico di solito presente nelle normali carte oleate e che può essere dannoso per la salute. È ricoperta da una sottile pellicola di silicone che la rende molto antiaderente, ed è possibile acquistarla in rotolo o in fogli separati.

Un’altra marca di carta colofonia che ci piace è Lion Rolling Circus, realizzata con carta al naturale 100%, senza sbiancanti, con bassa porosità e grande potere antiaderente.

 

 

🎯 Come si prepara il Rosin? Pressare il Flower Rosin

 

La tecnica del Rosin è abbastanza semplice, basta scaldare le piastre riscaldanti della pressa fino a raggiungere una temperatura di circa 90 °C. Mentre si stanno scaldando prendiamo una cima essicata e la introduciamo nel filtro, di una misura tra 73 e 190 micron, prendiamo un pezzo di carta colofonia e avvolgiamo il tutto formando una sorta di busta.

Raggiunta la temperatura che abbiamo impostato, introduciamo la busta preparata con la cima e il filtro tra le piastre della pressa, facendo attenzione a non scottarci.

Quindi iniziamo ad applicare pressione poco a poco, fino al massimo possibile, e manteniamo la pressione per circa 3 minuti, o fino a quando non vediamo che la resina smette di uscire. Quindi apriamo le piastre e tiriamo fuori la nostra busta, la apriamo e togliamo il filtro con il bocciolo, e mettiamo in freezer per qualche minuto la carta con il Rosin attaccato.

Questo è il modo più comune per preparare il Rosin fatto in casa con fiori o cime (Flower Rosin) ma ci sono altri metodi per ottenere diverse consistenze e qualità, come il Live Rosin.

 

 

Come si prepara il Live Rosin?

 

Il processo è simile, ma cambia sia la materia prima, il tempo di pressione, i filtri e la temperatura. In questo caso al posto delle cime essiccate abbiamo bisogno di Bubble Hash realizzato con il metodo Fresh Frozen, cioè fatto con materia vegetale fresca congelata.

Una volta che il campione di Bubble Hash è asciugato, introduciamo in un filtro con maglia di 25, 37, 45 o 73 micron e copriamo con carta colofonia mentre riscaldiamo i piani della pressa ad una temperatura di circa 75 °C. Quando si raggiunge quella temperatura lo mettiamo tra le piastre riscaldate e pressiamo poco a poco, più lentamente che con i fiori, poiché l’hashish espelle più resina e se viene fatto velocemente il filtro può rompersi.

Il tempo di pressione dipende dalla resa, ma finché la resina continua a fuoriuscire, è bene aspettare, poiché la qualità del Live Rosin è impressionante. Questo tipo di estratto è anche chiamato Rosin Hash o Bubble Hash Rosin.

 

 

👾 Come raccogliere il Rosin dalla carta

 

Quando il Rosin è ancora caldo, è difficile rimuoverlo dalla carta, quindi consigliamo di metterlo nel congelatore per qualche minuto, questo è il modo per stabilizzare il Rosin. Una volta raffreddato è facile toglierlo con l’aiuto di un dab o simile, con cura separando con la punta un pò di Rosin: è la parte più difficile, perché poi quel Rosin che porti sulla punta del dab ti aiuta a togliere più facilmente il resto.

 

Immagine in cui puoi vedere come viene raccolta il Rosin dalla carta con l'aiuto di un dab*
Immagine in cui puoi vedere come viene raccolta il Rosin dalla carta con l’aiuto di un dab*

 

Abbiamo anche visto persone che incollano parte della carta con Rosin, con altre aree della carta in modo che durante l’incollaggio e la pelatura l’estrazione si stacchi e aderisca alla parte con più Rosin.

 

 

📱 Quale peso o resa si ottiene con il Rosin?

 

Normalmente, con un fiore conciato, ben coltivato e resinoso, si ha una resa in Rosin che si aggira solitamente tra il 12% e il 22% del peso totale del fiore. Con il kief puoi ottenere una resa compresa tra il 40% e il 60%: è un buon modo per pulire l’hashish secco. Il massimo ritorno in Rosin si ottiene producendo Live Rosin, fino all’80%, ma ovviamente pensa che in questo caso la materia prima è già un concentrato di qualità.

Come con altre tecniche di estrazione, la resa del Rosin dipende da diversi fattori. Il primo è la qualità della materia prima, se si tratta di una cima con poca resina è impossibile ottenere un grosso peso con il nostro concentrato. Il secondo fattore è la temperatura durante il processo di pressatura: maggiore è la temperatura, maggiore è la resa, ma minore è la qualità.

Un’altra variante che influisce è l’essiccazione della materia vegetale, più secca è più resa si ha, ma anche di qualità inferiore. Anche la pressione di pressatura è importante, con una pressione di 10 tonnellate si ha un ritorno maggiore rispetto a 2 tonnellate con la stessa materia prima.

 

 

🎬 Come consumare il Rosin

 

Arriva la parte che ci piace di più, il momento di assaggiare la nostra estrazione, e lo si può fare in tanti modi. Sebbene possa essere consumato appena tolto dalla pressa, l’ideale è stabilizzarlo e poi lasciarlo riposare per qualche giorno in modo che il concentrato “si depositi” prima di gustarlo nella sua interezza.

Se ti piace fumare, i migliori modi per fumare Rosin sono i bong o le pipe di vetro: una buona dose di Rosin solleverà il morale di tutti.

 

Dal nostro punto di vista, il modo migliore per goderne il sapore e l’effetto è vaporizzare il Rosin. Con l’aiuto di un buon vaporizzatore come il Pax 3, ti godi ognuno dei terpeni ed è molto meno tossico del fumo. Le cartucce di Rosin da vaporizzare sono molto popolari in molti luoghi perché offrono comfort e discrezione.

 

Puoi anche cucinare edibili con Rosin, molto di moda negli Stati Uniti, in Canada e in altri paesi. In questo caso ricordati di decarbossilare il Rosin prima di mescolarlo alla tua ricetta preferita, per attivare tutti i cannabinoidi.

 

 

🧐 Effetti del Rosin

 

Il potere del Rosin è al livello dei migliori Bubble Hash, al di sopra del kief o dell’hashish secco e ovviamente anche del charas, e superato solo da alcune estrazioni con solventi. La cosa migliore dell’effetto del Rosin è che contenendo più terpeni della maggior parte dei concentrati, l’effetto entourage è più efficace e più potente di molti tipi di BHO e persino diamanti di THC senza salsa di terpeni.

Vaporizzare Il Rosin o fumarlo in una piccola quantità ti dà un effetto molto pulito, quindi dipenderà dalla genetica utilizzata se l‘effetto sia rilassante o stimolante, ma è certamente un effetto molto più chiaro e pulito rispetto al rollarsi una canna di Rosin con tabacco.

 

 

💻 BHO Vs Rosin

 

Il BHO può darti più rendimento e potenza rispetto al Rosin, ma il pericolo che deriva dal lavorare con il gas è uno svantaggio. Lo spurgo del BHO è una questione molto delicata e difficile da eseguire correttamente, poiché l’equilibrio tra l’eliminare tutto il gas senza rimuovere i terpeni non è alla portata di tutti. Inoltre il tempo che passa da quando si estrae BHO fino a quando può essere consumato è molto maggiore di quello del Rosin.

Il Rosin si prepara e si consuma in meno di 5 minuti: è meglio lasciarlo riposare, ma se vuoi puoi già provarlo. A parte la velocità, la sicurezza di lavorare con la pressa non ha nulla a che fare con lo spurgo di gas infiammabili. Il Rosin non deve essere spurgato, il che facilita notevolmente il successivo processo di estrazione.

Personalmente preferisco il Rosin, non solo per sicurezza e velocità, ma anche per la qualità del prodotto finale, che tende ad avere più aroma e sapore.

 

 

 

⚠️ Conclusione

 

Il Rosin è cannabis concentrata con facilità e al miglior rapporto qualità/prezzo: forse è per questo che ha superato altre estrazioni come preferita dal pubblico. In soli 5 anni si è evoluto molto e sicuramente continuerà a farlo perché ci sono sempre più fan del Rosin.

Se l’articolo ti è piaciuto, ci farai un favore condividendolo sui tuoi social… ti ringraziamo anticipatamente.😜👍

 

[Voti: 0   Media: 0/5]
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
See more posts

Lascia un commento