I paesi più produttori di cannabis al mondo

560
SHARES
Tempo di lettura 9 minuti
Immagine del globo con piante di marijuana in alcuni Paesi e sullo sfondo una pianta su ogni lato.
Immagine del globo con piante di marijuana in alcuni Paesi e sullo sfondo una pianta su ogni lato.

 

Storicamente, ci sono sempre stati una serie di paesi produttori di marijuana che tutti conoscono, ma da quando è iniziata l’ultima ondata di legalizzazione in tutto il mondo, e soprattutto da quando è iniziata la mania del CBD, ogni anno nuovi stati vengono aggiunti a questo mercato. hanno una lunga lista tra i produttori di marijuana, quelli che coltivano solo cannabis medica, anche quelli di CBD, hashish e persino i paesi che guadagnano di più dalla vendita di marijuana di tutti i tipi. Siediti, leggi attentamente e spero che questo articolo ti piaccia.

 

 

⭐ Paesi che producono la marijuana più psicoattiva in generale

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

Sebbene sia molto difficile trovare dati ufficiali a causa del divieto di cannabis nella maggior parte degli stati del pianeta, ci siamo basati sui dati forniti da diverse organizzazioni internazionali per fare questo elenco dei paesi che coltivano la maggior parte delle piante di marijuana in generale.

 

  1. Marocco

Secondo l’UNODC (Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine) il Marocco è il più grande produttore di piante di marijuana psicoattive del pianeta. La stragrande maggioranza dei terreni coltivati ​​in Marocco è concentrata nella regione del Rif, sulle montagne del nord del Paese, dove circa 57.000 ettari sono dedicati a questa missione. Fino a poco tempo si poteva dire che l’intera produzione era dedicata alla produzione di hashish, ma dal 2021 il governo ha approvato un disegno di legge che regolerà la coltivazione della cannabis medicinale e industriale.

 

  1. Mexico

Il Messico ha una lunga tradizione nella coltivazione della cannabis, ed è sempre stato tra i maggiori produttori al mondo, tra l’altro perché la sua popolazione lo ha molto normalizzato, dal 2009 il possesso di piccole quantità è stato depenalizzato, e il suo vicino al nord È quello con la più alta domanda a livello globale. Tuttavia, dal 1 febbraio 2021, l’uso personale, medico, scientifico e industriale ha iniziato a essere regolamentato, quindi siamo sicuri che sia una questione di tempo prima che il Messico diventi il ​​​​più grande produttore al mondo.

 

  1. Afganistan

Nel 2010, l’Afghanistan è diventato il paese che ha prodotto la più grande quantità di cannabis al mondo, dedicando circa 20.000 ettari alla sua coltivazione, ma negli ultimi anni è stato superato dai 2 stati che guidano questo progetto. L’Afghanistan ha una lunga tradizione con la marijuana, soprattutto per la produzione di hashish, e nella sola regione di Mazar-e Sharif vengono coltivate milioni di piante ogni anno. Questo paese ha subito molteplici tentativi di invasione, ma né i sovietici né gli americani sono riusciti a produrre marijuana, ora controllata dai talebani.

 

  1. Paraguay

Il Paraguay è il più grande produttore mondiale di marijuana pressata, che esporta in diversi paesi del Sud America a un prezzo molto basso, poiché è un prodotto di scarsa qualità e in molti casi tossico perché marcisce durante il processo, o perché direttamente Applicano prodotti chimici in modo che non abbiano odore durante il viaggio. Le colture sono concentrate principalmente nei dipartimenti di Alto Paraná, Amambay, Caaguazú, Caazapá, Canindeyú, Concepción, Itapúa e San Pedro, e da alcuni anni hanno anche esportato legalmente cannabis medica negli Stati Uniti, Canada, Australia ed Europa. Ad ottobre 2019 è stata autorizzata anche la coltivazione della canapa industriale, quindi il Paraguay è attualmente tra i maggiori produttori di cannabis in tutte le sue forme.

 

  1. India

Nel 2019, è stato stimato che circa 31 milioni di persone sono consumatori di cannabis in India, il che lo rende il secondo paese con il maggior numero di consumatori al mondo, nonostante sia illegale dal 1985. È anche il più grande paese produttore di charas al mondo, un tipo di hashish ottenuto sfregando le cime a mani nude che di solito vengono vendute ai turisti o esportate in mercati come quello olandese. La tradizione indiana della cannabis risale a 4000 anni fa, essendo la più lunga insieme a Cina, Nepal o Tibet. In questi paesi, le piante di marijuana nascono spontaneamente e crescono spontaneamente senza l’aiuto dell’uomo, quindi la loro eradicazione è piuttosto complicata.

 

Infografica sui paesi che producono la maggior quantità di marijuana psicoattiva
Infografica sui paesi che producono la maggior quantità di marijuana psicoattiva

 

 

⛳ I più grandi paesi produttori di hashish al mondo

 

Tra i paesi che producono più marijuana al mondo, ce ne sono alcuni che elaborano la maggior parte del raccolto per produrre diversi tipi di hashish, setacciato, charas o persino bubble hash. Alcuni di loro coincidono con i maggiori produttori di cannabis in generale, ma ci sono anche piccoli paesi che si distinguono per la grande quantità che producono, soprattutto per l’esportazione ovviamente.

 

  1. Marocco

Secondo gli ultimi dati ufficiali, il Marocco esporta circa il 20% del totale di hashish prodotto nel mondo. Si stima che tra 1 e 1,5 milioni di persone vivano direttamente dalla coltivazione della cannabis nella regione del Rif, che rappresenta circa il 20% della popolazione totale di questa regione. Si stima che nel 2021 abbiano lavorato circa 40.000 tonnellate di hashish, per un valore che arriva fino al 10% del PIL totale del Paese del Maghreb

 

  1. Afganistan

L’Afghanistan è un altro dei maggiori produttori di cannabis al mondo, la stragrande maggioranza di hashish, poiché rappresenta circa il 10% del totale, sebbene le cifre non siano ufficiali. Questo paese ha un’antica tradizione nella produzione di hashish, anche più lunga di quella del Marocco, e in vari momenti della storia è stato il più grande produttore al mondo, ma nel 1973 il re lo “proibisce” e l’esercito distrusse molti campi di coltivazione. Ci sono colture di cannabis in 17 delle 34 province dell’Afghanistan, principalmente nella regione di Mazar-e Sharif.

 

  1. Libano

Nonostante non sia un Paese di dimensioni molto grandi, il Libano è il terzo produttore di cannabis sotto forma di hashish dell’intero pianeta, e per molti è uno dei migliori in termini di qualità, soprattutto quello noto come “Lebanese Red”. della Valle della Bekaa. Prima del suo divieto nel 1991 era molto socialmente accettato, ma dopo le guerre e tutti i problemi che questo paese ha avuto negli ultimi anni, la sua popolarità è diminuita parecchio, anche se si stima che producano ancora circa il 6% del totale In tutto il mondo.

 

  1. India 

Sebbene sia molto difficile ottenere dati ufficiali al riguardo, l’India rimane tra i paesi che producono più cannabis sotto forma di hashish, in particolare Charas nelle valli Malana e Parvati, nella regione dell’Himachal Pradesh. Si stima che tra il 5% e il 6% del totale di hashish prodotto nel mondo sia prodotto in India, la stragrande maggioranza per la vendita ai turisti di tutto il mondo o per l’esportazione nei coffeeshop di Amsterdam. Questi prodotti sono spesso più costosi dei concentrati di resina ottenuti tramite setacciatura, ed è anche un hashish più esclusivo.

 

  1. Pakistan

Il Pakistan è il quinto più grande produttore di hashish del pianeta, con cifre approssimative del 5,1%. Buona parte della coltivazione è concentrata nella Tirah Valley, nei pressi del Khyber Pass, dove il clima caldo e piovoso, sommato ai suoi fertili terreni, facilita la crescita di tutti i tipi di piante, in particolare cannabis e oppio. L’hashish pakistano è anche uno dei migliori al mondo, è fatto con i precursori del famoso HinduKush o Pakistan ChitralKush, è normalmente setacciato, ed è molto gustoso e potente.

 

Infografica sui maggiori paesi produttori di hashish
Infografica sui maggiori paesi produttori di hashish

 

 

✨ I paesi che guadagnano di più con la marijuana medica

 

La cannabis medica sposta circa 150.000 milioni di dollari all’anno e ogni anno la domanda aumenta in tutto il mondo, quindi queste cifre non smettono di aumentare. La marijuana medica include sia il mercato legale di THC, CBD che altri derivati ​​della cannabis

 

  1. Stati Uniti

Gli Stati Uniti guidano le entrate dalla vendita di cannabis medica, dal momento che fatturano circa 10.000 milioni di dollari all’anno in totale, e buona parte di queste entrate proviene dalla marijuana terapeutica. Ciò è dovuto al fatto che circa il 18% della popolazione totale utilizza questa pianta quotidianamente o sporadicamente e in totale ammontano a quasi 50 milioni di persone. Negli Stati Uniti sono comparse centinaia di aziende dedite alla coltivazione di questa pianta, dalle piccole fattorie che forniscono dispensari, alle multinazionali giganti che sono quotate in borsa e coltivano in tutto il mondo per soddisfare la grande richiesta di questo Paese. Il Colorado è stato il primo stato degli Stati Uniti a legalizzare la vendita di cannabis ricreativa, ma il mercato è guidato dalla California per numero di abitanti, cultura della cannabis e perché è stato il primo stato a legalizzare la marijuana medica più di 25 anni fa

 

  1. Canada

Il Canada è stato il primo paese del G8 a legalizzare la cannabis in tutte le sue forme a livello statale e il secondo al mondo dopo l’Uruguay. Come negli USA, da quel momento emersero molte aziende orientate alla coltivazione e distribuzione di prodotti a base di cannabis, sia per il mercato ricreativo che terapeutico. Si stima che fatturano circa 5.500 milioni di dollari all’anno nell’industria della cannabis, circa lo 0,3% del loro PIL, e gran parte proviene solo dal mercato dei medicinali. Si stima che circa il 14,37% della popolazione canadese utilizzi regolarmente cannabis e il mercato terapeutico è in crescita.

 

  1. Germania

In Europa, il leader nella marijuana medica è la Germania, che era già leader nell’industria medica generale grazie a grandi società come Bayer. Si stima che il fatturato totale della cannabis in Germania sia di circa 87,2 milioni di dollari all’anno, ma queste cifre sono precedenti all’annuncio del nuovo governo che questo paese legalizzerà completamente il consumo di questa pianta. Buona parte della cannabis medicinale venduta in questo stato viene importata da paesi come Spagna, Svizzera o Italia, ma si sta preparando un’industria che soddisferà la crescente domanda di prodotti a base di cannabis, sia per uso medico che ricreativo.

 

  1. Italia

In Italia, diversi fattori si sono uniti per renderlo uno dei paesi che guadagna più soldi direttamente o indirettamente dalla cannabis. Si stima che praticamente il 10% della popolazione consumi in modo abituale o sporadico, terapeutico e soprattutto ricreativo, perché socialmente accettato anche se legalmente vietato. L’Italia ha avuto un grande boom con il mercato del CBD, tanto che in questo Paese si è creata la più grande industria in questo senso in tutta Europa. Le entrate totali legate alla marijuana in Italia sono stimate in 47,8 milioni all’anno, ma queste cifre stanno aumentando considerevolmente.

 

  1. Uruguay

L’Uruguay è stato il primo Paese al mondo a legalizzare la marijuana in tutte le sue aree nel 2013, anche se è stato solo nel 2017 che hanno iniziato a distribuirla, e da allora è diventata un’industria che fattura circa 45,5 milioni di dollari l’anno. Soprattutto, in questo paese sudamericano, la legalizzazione ha fatto perdere al mercato nero circa 22 milioni di dollari, e ora i consumatori possono acquistare la loro cannabis nelle farmacie autorizzate, con controlli di ogni tipo e con la garanzia di acquistare un prodotto pulito e sicuro Prodotto.

 

Infografica sui paesi che guadagnano di più dalla marijuana medica
Infografica sui paesi che guadagnano di più dalla marijuana medica

 

 

🚀 Paesi produttori di CBD

 

La stragrande maggioranza dei prodotti sul mercato del CBD proviene da coltivazioni di canapa industriali, ma negli ultimi anni sono apparse una serie di varietà ricche di cannabidiolo create appositamente per questo scopo. Il più grande produttore di canapa al mondo è la Cina, ma usa il raccolto per scopi industriali, mentre i paesi in questa lista si concentrano sempre più su fiori, estratti, creme, oli e tutti i tipi di medicinali.

 

  1. Canada

Tra il 2016 e il 2017 in Canada, gli acri dedicati alla coltivazione della canapa sono aumentati da 75.000 a 140.000, quasi il doppio. Non dedicano proprio tutta la produzione a prodotti con CBD, una parte è focalizzata sui semi di canapa che hanno anche molte proprietà per il loro alto contenuto di acidi grassi. La maggior parte della coltivazione della canapa in Canada è concentrata in Saskatchewan, Alberta e Manitoba.

 

  1. Stati Uniti

Anche gli Stati Uniti hanno vissuto negli ultimi anni un’esplosione di cannabis in tutte le sue forme, anche nelle piantagioni di canapa dedicate al CBD dopo la recente legge sulla canapa industriale del 2018. Attualmente ci sono circa 80.000 acri di coltivazione sparsi in 23 stati, anche se non tutti sono destinati a medicinali, poiché hanno una parte industriale, e addirittura producono estratti psicoattivi a base di Delta 8 dalle piante di canapa.

 

  1. Francia

Le coltivazioni di canapa in Francia rappresentano circa il 35% del totale in Europa, ma una buona parte è per scopi industriali. Tuttavia, negli ultimi anni ea causa dell’esplosione del CBD in diversi paesi europei, sono aumentate le colture che finiscono in medicinali di ogni tipo. Si stima che coltivino quasi 50.000 acri ogni anno e siano anche allevatori di molte delle varietà più conosciute nel catalogo europeo dei semi di canapa industriale.

 

  1. Italia

La cannabis è consentita in Italia purché contenga una percentuale di THC inferiore allo 0,5%. Questo, sommato alla comparsa di varietà di marijuana ricche di CBD e con bassi valori di THC negli ultimi anni, ha provocato una vera esplosione nella coltivazione della canapa, e una vera e propria nuova industria, in particolare i fiori di CBD. In questo momento circa 4.000 ettari sono dedicati alla coltivazione di questa pianta ogni anno in Italia, e queste cifre continuano ad aumentare.

 

 

Acquista Indoor CBD Flowers
 

  1. Portogallo

A poco a poco, sta diventando uno dei migliori paesi al mondo per coltivare cannabis legalmente. Grazie al suo clima speciale, la canapa industriale è sempre stata coltivata, ma da quando sono state depenalizzate le piccole aziende agricole, e soprattutto da quando hanno iniziato a concedere licenze per la coltivazione di CBD e THC, è diventata una destinazione prioritaria per le aziende di tutto il mondo.

 

Infografica sui paesi che producono CBD
Infografica sui paesi che producono CBD

 

 

🔥 Conclusione

 

In generale, si potrebbe dire che tra i paesi produttori di cannabis del mondo dovrebbero esserci sempre USA, Cina, India, Marocco e Canada, ma ciò non è solo dovuto alla loro cultura della cannabis, poiché ha anche a che fare con loro popolazione ed estensione. Ci sono altri paesi come il Cile, la Svizzera o i Paesi Bassi, che in proporzione alle loro dimensioni e popolazione potrebbero anche essere considerati uno dei maggiori produttori di piante di marijuana al mondo.

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content