Marijuana bianca, mito o realtà?

560
SHARES
Reading Time: 4 minutes

 

Marijuana bianca, mito o realtà?
Marijuana bianca, mito o realtà?

 

La marijuana bianca è stata a lungo considerata un prodotto immaginario come l’unicorno o lo Yeti. Una stravaganza che non potrebbe essere altro se non il frutto di montaggi fotografici.

C’era una leggenda metropolitana tra i consumatori che riguardava un potente ceppo bianco di cannabis che cresceva nel sistema fognario di New York, dove i semi erano arrivati ​​con altre sostanze meno piacevoli gettate nella toilette durante una retata di droga.

La mancanza di luce fece diventare le piante bianche, e così nacque la reale New York White, a cui alcuni coltivatori fornivano un pò di cure laggiù nelle fogne per poi raccoglierne le cime bianche e super potenti.

In questo post proveremo a smantellare alcuni miti che girano su Internet e guarderemo l’argomento con un occhio più scientifico.

 

 

Introduzione

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

 

La marijuana bianca è il risultato di una mutazione genetica che si verifica in natura; questo fenomeno è noto come albinismo.

L’albinismo non è una mutazione unica degli animali, può verificarsi anche nelle piante. In entrambi i casi il fenomeno è caratterizzato dall’assenza di pigmenti: melanina negli animali e clorofilla nelle piante.

 

Mancanza di clorofilla nelle piante.
Mancanza di clorofilla nelle piante.

 

 

Piante di marijuana bianche

 

 

Il colore bianco nella marijuana si manifesta di volta in volta, a seguito di un doppio gene recessivo che determina l’assenza di clorofilla o per via di uno scarso sviluppo dei geni che ordinano la produzione del pigmento.

Il primo risulta in una pianta assolutamente bianca, sebbene non sia la più usuale; e nel secondo caso ciò che muta è la cima o una parte della pianta. Un’altra possibile spiegazione è che la scarsa pigmentazione derivi dalla mancata corrispondenza tra i genomi nucleari e dei cloroplasti.

La clorofilla è il pigmento che dà colore alle piante. Il suo scopo, più che estetico, è fondamentale poiché è necessaria per il processo di fotosintesi. La clorofilla nelle foglie di cannabis è responsabile dell’assorbimento della luce solare, che innesca la reazione chimica che produce il glucosio che alimenta la pianta a partire dall’anidride carbonica (CO₂) e dalla linfa grezza ottenuta da sali minerali e acqua del suolo.

 

La scarsa pigmentazione è dovuta alla mancata corrispondenza tra i genomi nucleari e cloroplastici.
La scarsa pigmentazione è dovuta alla mancata corrispondenza tra i genomi nucleari e cloroplastici.

 

 

Effetti della marijuana bianca

 

 

Se è vero che la marijuana bianca ci regala un bel fiore, i bassi livelli di clorofilla forniscono un prodotto di qualità inferiore rispetto alle varietà convenzionali.

La marijuana albina non può creare l’energia necessaria a provocare le reazioni chimiche prodotte dai cannabinoidi, presenti in basse concentrazioni in questo tipo di marijuana.

Oltre ai fattori genetici, l’albinismo può avere fattori scatenanti ambientali come luce, temperatura e terreno di coltura.

Le piante di cannabis possono mostrare toni bianchi a causa dell’esposizione alla luce. Queste varietà non sono originariamente albine o bianche, ma piante verdi che vengono scolorite durante la loro crescita a causa di un avvicinamento, intenzionale o accidentale, a una fonte di luce, come può essere un faretto ad alta intensità che cade sul pigmento.

Ciò provoca uno sbiancamento, che colpisce principalmente le zone sovraesposte della pianta. Questa alterazione di solito si manifesta nelle piante coltivate indoor, mentre è estremamente raro che si verifichi all’aperto.

Lo scolorimento dovuto alla sovraesposizione alla luce causa stress alle piante, anche se normalmente colpisce solo quelle parti della pianta che ricevono luce in eccesso. Il progresso della depigmentazione comunque può essere prevenuto con l’uso di fertilizzanti e leggeri aggiustamenti all’illuminazione.

I fattori genetici producono una piccola quantità di clorofilla quando la pianta albina germina. Al contrario, nella clorosi, una malattia che può disturbare la nostra prole, lo sbiancamento è causato dalla mancanza di nutrienti nel sottosuolo.

La marijuana ha bisogno di molto azoto (N), una moderata quantità di potassio (K) e una piccola percentuale di fosforo (P) nella sua fase di crescita vegetativa. Meno azoto, più fosforo e livelli simili di potassio in fase di fioritura, nonché micronutrienti come calcio (Ca), rame (Cu), boro (B), ferro (Fe), manganese ( Mn), zolfo (S), molibdeno (Mo), magnesio (Mg) e zinco (Zn) per moltiplicare il numero e le dimensioni delle cime.

Quando la depigmentazione è causata dalla clorosi, puoi fermarla fornendo fertilizzanti che contengono questi elementi e fornendo un integratore di glucosio per allungare l’aspettativa di vita della pianta e aumentarne i tassi di produzione.

 

La clorosi nella cannabis non è necessariamente una cosa negativa
La clorosi nella cannabis non è necessariamente una cosa negativa

 

L’incapacità degli esemplari albini di eseguire il processo di fotosintesi significa che queste piante non hanno la capacità di riprodursi. La maggior parte di loro ha una vita breve, che giunge al termine senza necessità che alcun parassita debba intervenire, poiché la mancanza di clorofilla è sufficiente a rallentare lo sviluppo del fiore. Le talee che alla fine germogliano sono destinate alla morte immediata.

Le varietà quasi albine, note come variegate, hanno maggiori probabilità di raggiungere la maturità poiché le aree che conservano una tonalità verde possono fotosintetizzare, mantenendo viva l’intera pianta.

Nonostante questo, alcuni esemplari di marijuana bianca vivono a lungo. I ricercatori non sono stati in grado di determinare con certezza cosa mangiano in assenza di clorofilla per produrre i propri nutrienti; Anche se tutto sembra indicare che si tratti di parassiti che si nutrono di carboidrati ottenuti dalla sintesi di altri organismi.

 

Le varietà quasi albine, note come variegate, hanno maggiori probabilità di raggiungere la maturità
Le varietà quasi albine, note come variegate, hanno maggiori probabilità di raggiungere la maturità

 

 

✅ Conclusione

 

 

Le piante albine rappresentano un ostacolo alla massimizzazione del raccolto, della qualità dello stesso e del tasso di crescita: per questo la maggior parte dei coltivatori preferisce lasciarle morire se mostrano segni di albinismo già nelle prime fasi della vita.

La verità è che, comunque, negli ultimi tempi, sono molti i coltivatori che, proprio per il fatto di avere questa pianta bianca di grande bellezza (che non si può negare) nella loro coltivazione, ne stanno producendo di più rispetto al passato. Tu cosa ne pensi? Vorresti averne una o almeno provarla? Attendiamo la tua opinione!

 

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 2]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Alan Martínez Benito
Alan Martínez Benito
CEO di Pev Grow, coltivatore esperto con più di 20 anni di esperienza. Continua a battersi senza sosta per la regolamentazione del settore della cannabis, particolarmente in campo medico.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content