Potatura della marijuana, tutte le tecniche

Tempo di lettura 8 minuti

 

Imagen representando un barbero preparado para realizar una poda a una planta de marihuana
Imagen representando un barbero preparado para realizar una poda a una planta de marihuana

 

È arrivato il momento di potare la tua pianta di marijuana e non sei sicuro di come farlo? Non sei sicuro che sia il momento perfetto per potare la cannabis? 🙄 Quando è il momento migliore per potare? Non preoccuparti, nessuno nasce già esperto di questi concetti ma per fortuna non sono difficili da imparare.

La potatura viene eseguita nella produzione di marijuana per guadagnare in produzione, di solito infatti, molte varietà tendono a creare una grande cima centrale se viene loro permesso di crescere e fiorire a modo loro. Tuttavia, una volta potata, la cannabis può sfruttare al meglio la distribuzione della luce tra tutte le parti della pianta, che in questo modo produce più cime ben formate nei rami secondari e anche in quelli inferiori.

In questo articolo vedremo quando e come la marijuana si pota per far aumentare il peso totale al momento della raccolta, iniziamo osservando i diversi metodi di potatura e i loro vantaggi:

 

 

🧐 Tipi di potatura della marijuana

 

  1. Potatura apicale (parti superiori della pianta)
  2. Potatura FIM (parti superiori della pianta)
  3. Potatura bassa o Lollipop (parti inferiori della pianta)
  4. Potatura delle radici (zona delle radici)

È necessario differenziare i tipi di potature da effettuarsi nelle parti superiori della pianta, rispetto alle altre. Prima di iniziare dobbiamo capire il funzionamento delle cellule responsabili della crescita delle piante, le Auxine, che si trovano sempre nei germogli superiori, e una volta tagliati questi germogli tali cellule si spostano nelle parti superiori successive che rimangono sulle piante. Ciò significa che quando la marijuana viene potata, incoraggiamo la crescita nelle altre parti superiori che rimangono nella pianta.

 

 

👾 Potatura apicale della marijuana, come si fa?

 

 

Cos’è la potatura apicale? Ebbene, è la tecnica di potatura della cannabis più comune, e farla è molto semplice: devi solo tagliare il germoglio superiore all’altezza dell’ultimo nodo. In questo modo invece di avere un’unica cima principale ne avremo 2, se facciamo 2 potature apicali avremo 4 cime principali, e così via per quante volte vogliamo, sempre mentre siamo nel periodo di crescita. Una volta entrata in fioritura, non è più consigliabile effettuare alcun tipo di potatura nelle parti alte.

 

foto di una pianta di marijuana con potatura apicale eseguita *
foto di una pianta di marijuana con potatura apicale eseguita *

 

Quando iniziare a potare la cannabis?

 

Se vuoi iniziare il prima possibile, attendi almeno che la pianta abbia formato 4 nodi, cioè 4 paia di foglie normali, senza contare i cotiledoni. Per continuare a potare la marijuana, devi aspettare che i futuri rami principali inizino a crescere con vigore, quando vedi che ci sono già altri rami secondari in sviluppo. Per approfondire questo metodo di miglioramento della produzione, ti consiglio di leggere l’articolo che parla specificamente della potatura apicale della cannabis passo dopo passo.

 

 

🎯 Potatura FIM di una pianta di cannabis

 

 

Questa tecnica è stata scoperta per caso, FIM è l’acronimo di “Fuck i Miss” che significa una cosa del tipo “Fuck I failed”, che è proprio ciò che è successo a un coltivatore nordamericano quando ha provato a fare la potatura apicale delle sue piante. marijuana. Poco dopo, ha scoperto che ciò che sembrava un errore si era invece trasformato in un grande successo, dal momento che diversi nuovi rami hanno iniziato a crescere dalla cima che aveva tagliato.

 

Come e quando viene eseguita la potatura FIM?

 

Per effettuare la potatura apicale sezioniamo il germoglio all’altezza dell’ultimo nodo, in questo caso è necessario lasciare tra il 10% e il 20% del germoglio. In questo modo, la crescita rallenta un pò in quel momento, ma in seguito il tempo perso sarà più che recuperato, poiché invece di una punta, cresceranno 3, 5 o anche più germogli su quello stelo.

Se stiamo potando la cannabis per raggiungere il peso massimo alla raccolta, l’ideale è provare a fare la potatura FIM di tutti i rami di tutte le piante di cannabis, non aver paura se è la tua prima volta e non sei sicuro di poter lasciare la dimensione di germoglio ideale per farla bene. Ma cosa succede se sbaglio la potatura FIM? Beh, dipende, se lasci più del 20% del germoglio nel taglio, è molto probabile che lo stesso germoglio continui a crescere allo stesso modo ma con le foglie principali tagliate. Se, al contrario, tagli di più e lasci meno del 10%, farai la tipica potatura apicale, quindi non temere, se non esegui correttamente la FIM non succederà niente di terribile.

 

illustrazione che mostra la differenza tra potatura FIM e potatura apicale *
illustrazione che mostra la differenza tra potatura FIM e potatura apicale *

 

 

🔥 Potatura bassa o tecnica Lollipop

 

 

Questo metodo di potatura della marijuana ha diversi vantaggi: da un lato puliamo le parti inferiori della pianta, dove la luce non arriva bene e che sicuramente produrranno poco o nulla, consumando energia e risorse che saranno meglio utilizzate dalle cime delle parti superiori, dove la luce arriva bene.

Nella coltivazione in indoor si ottiene anche una migliore ventilazione, poiché sgombrando le zone basse, l’aria scorre meglio attraverso quelle parti, evitando pericolose sacche di umidità che potrebbero favorire la formazione di funghi che rovinerebbero il nostro raccolto.

 

fotografia che mostra un raccolto di marijuana indoor con potatura bassa *
fotografia che mostra un raccolto di marijuana indoor con potatura bassa *

 

Come si esegue la potatura delle parti basse?

 

Con l’aiuto di un cutter o delle forbici, tutte le foglie e i germogli devono essere tagliati dove la luce non arriva. Lasceremo gli steli puliti dal vaso fino all’altezza in cui le cime inizieranno a formarsi bene.

Se coltivi con il metodo “Screen of green” puoi tagliare tutto ciò che sta sotto la rete, se usi la tecnica “Sea of green” l’ideale è lasciare solo la punta principale di ogni pianta, mentre se non usi nessuna tecnica di ottimizzazione, puoi fare affidamento sulla profondità della tua illuminazione: ovunque vedi che la luce non arriva puoi potarla. Tagliare le foglie delle piante di cannabis in molti casi non è l’ideale, in quanto sono come dei pannelli solari che catturano la luce per trasformarla in energia, sono anche riserva di nutrienti e quando il substrato non ha ciò che è necessario, le piante si nutrono di tali riserve. Ma in questo caso, tagliare foglie e germogli di cannabis è una cosa positiva, poiché se la luce non arriva, resta più materiale di quanto non venga alla fine utilizzato dalla pianta stessa.

 

Quando tagliare le foglie alte della cannabis?

 

In linea di principio , le foglie sane delle parti superiori delle piante non dovrebbero mai essere tagliate, tranne quando bloccano eccessivamente la luce ad altre piante. Le foglie attaccate alle cime non devono mai essere rimosse, ma in tal caso si possono tagliare quelle grandi, di media altezza.

 

 

🚀 Potatura delle radici nella Marijuana

 

 

Le 3 tecniche di potatura sopra indicate vengono eseguite per ottenere maggiore produzione al momento del raccolto, ma la potatura delle radici viene eseguita più per una questione di manutenzione. In una coltivazione normale, quando la pianta cresce e il vaso è troppo piccolo, di solito trapiantiamo e il problema è risolto. Questo non è sempre possibile con le piante madri, soprattutto con le “madri bonsai”, che cerchiamo di tenere in vasi piccoli, in modo da avere più varietà in meno spazio. In questo caso, ciò che di solito viene fatto è una potatura delle radici delle piante di cannabis e la possibilità di utilizzare lo stesso vaso per un tempo più lungo.

 

Come si esegue la potatura delle radici?

 

Per prima cosa devi rimuovere la pianta con la sua zolla dal vaso. Quindi con l’aiuto di un cutter, un seghetto o un coltello, tagliamo una parte del perimetro della zolla, se utilizzassi un vaso 15 x 15 potremmo togliere 3 o 4 centimetri da ogni lato, come puoi vedere nell’immagine sottostante.

 

immagine di una pianta madre cui vengono potate le radici *
immagine di una pianta madre cui vengono potate le radici *

 

Una volta tagliata la zolla, aggiungiamo nuovo terreno al vaso, rimettiamo la pianta in sede e riempiamo lo spazio ottenuto con nuovo substrato ben più ricco di sostanze nutritive. In questo modo, la pianta madre crea nuove radici, guadagnandone in salute e vigore fino a quando non avrà nuovamente problemi di spazio, sarà in quel momento che eseguiremo nuovamente la potatura delle radici della nostra pianta di marijuana.

 

 

⭐ Posso potare le piante autofiorenti ?

 

 

La risposta è si, eccome se puoi, ma davvero non fa la differenza, poiché la pianta perderà solo tempo nel recuperare il tasso di crescita dopo la potatura, quel tempo che impiegano le auxine a riposizionarsi nella pianta. Le piante autofiorenti hanno un ciclo di crescita così rapido che invece di sfruttare la potatura per produrre di più, puoi perdere in produzione a causa del tempo di sviluppo perso.

Altra cosa è se vuoi invece potare le piante automatiche per problemi di altezza, in questo caso puoi fare le potature apicali o la FIM, per favorire la crescita laterale rispetto a quella verticale.

 

 

✨ Potatura in coltivazione outdoor

 

 

La potatura in indoor ha più senso rispetto a quella in outdoor, questo perché in indoor la luce è fissa in alto, tuttavia in outdoor il sole si muove, distribuendo la luce molto meglio a tutte le parti delle piante. Ma ciò non significa che non vada bene fare delle potature nelle coltivazioni outdoor, poiché in questo caso può aiutare ad ottenere maggiori prestazioni dalle piante.

Le piante più produttive in outdoor sono quelle a forma di siepe, il più possibile tondeggianti, per le quali è necessaria molta potatura. Prima la punta principale, dopo alcuni giorni si potano i rami secondari, poi i successivi, e si continua così finché le piante mostrano i prefiori, cosa che rappresenta il segnale che bisogna smettere di potare le parti superiori. Quindi, la parte inferiore può essere pulita, in modo che quando la pianta si concentra sulla fioritura sarà il più preparata possibile.

 

Tutte le varietà di marijuana possono essere potate ?

 

Tutte le varietà possono essere potate, ma ce ne sono alcune più inclini di altre a questa operazione. Gli ibridi a predominanza sativa e le sative sono le migliori, perché tendono a ramificarsi più delle indiche. In effetti, ci sono indiche per cui la potatura non è molto particolarmente consigliata, infatti si comportano molto meglio senza potatura, perché sono molto incolonnate e compatte, concentrando la maggior parte della produzione sulla cima principale.

 

 

⛳ Suggerimenti e trucchi per potare la cannabis

 

 

Si consiglia di utilizzare un prodotto curativo per trattare le piante appena potate. Quando tagliamo il fusto della marijuana stiamo infatti aprendo una via di accesso a funghi e altre malattie, per cui se li ricopriamo eviteremo problemi futuri.

La potatura aerea viene sempre eseguita durante la fase di crescita vegetativa, sia la potatura apicale che la FIM. Questo perché la marijuana crea nuovi germogli durante questo ciclo, ma una volta iniziata la fioritura, smette di formarli per concentrarsi sulla creazione di fiori.

 

Potatura della cannabis durante la fioritura

 

Se non hai più possibilità di farla e ti stai chiedendo come potare in fioritura, devi sapere che la produzione non migliorerà, ma se la cosa è dovuta a problemi di spazio e non c’è altra scelta che potare, puoi farla.

Tuttavia, la potatura bassa può essere fatta anche durante la fioritura, l’ideale è farla appena prima del cambio di ciclo, ma in questo caso non c’è problema se viene fatta anche durante la fase di fioritura.

 

Posso guadagnare in produzione senza potare ?

 

Certo, esistono delle tecniche per contenere le dimensioni delle piante e allo stesso tempo far esporre alla luce più parti. Il modo migliore è l’LST, che significa “low stress training / allenamento a basso stress”, che è come modellare la pianta a proprio piacimento senza causarle danni. In cosa consiste questo metodo?

Si tratta di piegare la punta ed i rami per lasciarli in posizione orizzontale, si legano con cura al vaso, i modo che i tralci di tali rami e la punta crescano verticalmente in modo omogeneo, sfruttando meglio tutto lo spazio senza dover tagliare nulla.

Un altro buon metodo è il Super Cropping, che consiste nello schiacciare con molta cura lo stelo, a una distanza compresa tra 10 e 20 centimetri dalla cima principale, per piegare la punta di circa 90 gradi, in modo che sia perpendicolare alla luce della lampada.

Dopo alcuni giorni, quando i rami secondari sono cresciuti a sufficienza, si ripete l’operazione su questi ultimi, per cercare di porre tutti i rami principali in orizzontale, e più o meno alla stessa altezza.

 

Disegno raffigurante una pianta di marijuana su cui è eseguita la tecnica del super cropping *
Disegno raffigurante una pianta di marijuana su cui è eseguita la tecnica del super cropping *

 

Conosci un altro modo per potare le piante di marijuana? Se è così, faccelo sapere e se hai trovato l’articolo interessante, facci un favore e condividilo.🤨👉

 

[Voti: 0   Media: 0/5]
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
See more posts

Lascia un commento