Semi femminizzati VS regolari: Pro e contro

560
SHARES
Tempo di lettura 4 minuti
Imagen de una planta de marihuana mitad Feminizada mitad Regular
Immagine di una pianta di marijuana mezza femminizzata e mezza regolare

 

I semi di cannabis femminizzati hanno gradualmente superato i semi regolari come preferiti in molti paesi. Questo perché questi tipi di semi offrono alcuni vantaggi rispetto a quelli normali o standard. In questo articolo vedremo le differenze tra gli uni e gli altri, perché alcuni sono migliori per determinate situazioni e come sapere quale scegliere… ti interessa? Dai, vediamo un pó di cosa si tratta …😜👉

 

 

⚠️ Qual è la differenza tra semi di cannabis regolari e femminizzati ?

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

Ad occhio nudo non puoi vedere le caratteristiche che differiscono tra i semi che incontri tutti i giorni e quelli femminizzati moderni. Esteriormente sono identici, sarebbe impossibile riconoscere se la pianta proviene da un seme regolare o femminizzato.

Tuttavia, nel loro genoma hanno una grande differenza, e cioè che i semi femminizzati contengono solo cromosomi femminili (XX) Questo perché per creare semi femminili al 100% è necessario impollinare una femmina con un’altra femmina, cioè ( XX) con (XX).

I semi regolari provengono dall’incrocio tra una femmina (XX) e un maschio (XY), quindi la loro informazione genetica contiene entrambi i sessi e mostreranno l’uno o l’altro a seconda di diversi fattori.

L’unica differenza è che da un seme femminizzato ci si aspettano solo esemplari femminili; invece, da uno normale, possono uscire sia femmine che maschi o anche intersessuali o ermafroditi.

Puoi anche trovare semi femminizzati ermafroditi, ma questo è dovuto ad una cattiva scelta dei genitori nel breeding della varietà; quindi, possiamo dire che i semi femminizzati sono buoni?

Molte persone ci chiedono se avranno tanto sapore quanto gli altri, o se usciranno forti o dubitano addirittura che i semi femminizzati siano meno potenti: la risposta è che sono completamente uguali a quelli normali, quindi se non escono buoni è dovuto o al processo di produzione o da una scarsa selezione di genitori.

 

immagine in cui si vede un seme di una varietà regolare rispetto a uno femminizzato *
immagine in cui si vede un seme di una varietà regolare rispetto a uno femminizzato *

 

 

🎯 I semi femminizzati sono migliori di quelli regolari?

 

 

Dipende da cosa significa “migliori”. Per i coltivatori che cercano praticità e semplicità, quelli femminizzati potrebbero essere migliori, poiché ti permettono di germinare la giusta quantità di piante di cui hai bisogno in ogni momento. Con quelli regolari, devi mettere circa il doppio delle piante, in modo che quando rimuovi i maschi, ci siano abbastanza femmine da riempire bene l’intero spazio di crescita.

Con le varietà femminizzate puoi utilizzare meglio lo spazio di coltivazione, oltre a risparmiare su substrato e prodotti come fertilizzanti, insetticidi, ecc. Eviti anche il problema che può accadere se in un dato momento dimentichi di rimuovere un maschio o non te ne accorgi.

I coltivatori più puritani affermano che i semi regolari contengono più vigore ibrido di quelli femminizzati. Non ha molto a che fare con esso: il vigore ibrido si ottiene infatti mescolando 2 razze diverse, ed è maggiore quanto più sono lontane l’una dall’altra. Avviene lo stesso con quelli femminizzati; chi non mi crede provi a coltivare una Moby Dick della Dinafem e mi dica se ha vigore o no. Dal nostro punto di vista, questa credenza deriva dal fatto che alcune varietà femminizzate sul mercato sono S1, cioè prodotte dall’autoimpollinazione di una talea. I semi femminizzati S1 possono perdere vigore a causa della consanguineità, ma questo accade anche con semi regolari, come puoi vedere in alcune varietà autoctone ad esempio.

 

Moby Dick

 

Los premios que atesora Moby Dick...

I premi che Moby Dick custodisce sono tali e tanti che la sua stanza dei trofei ha avuto bisogno di un’estensione per poterli ospitare tutti…

Caratteristiche
Tipo: femminizzata
Banca: Dinafem Seeds
Genetica: Haze x White Widow
Fenotipo: ibrido Sativa / Indica
Raccolta Outdoor HN: metà ottobre
Raccolta Outdoor HS: metà aprile
Produzione Indoor: 650 gr per m2
Produzione Outdoor: 1500 gr / pianta
Periodo di fioritura Indoor: 60-70 giorni
THC: 17-22% – CBD: 0,01-0,2%

Maggiori informazioni su
Moby Dick

 

La stragrande maggioranza delle genetiche femminizzate sul mercato proviene da cloni d’élite che sono stati ampiamente testati per fumare erba. Questo è un grande vantaggio, poiché è più facile intuire i tratti che la discendenza può ereditare.

Per conoscere la qualità come genitore riproduttore di una pianta di cannabis maschio c’è solo un modo, ovvero controllare il livello della sua discendenza. Invece, quando incroci 2 piante madri che hai già utilizzato per fumare, conosci già le loro qualità sia nella coltivazione che nel prodotto finale, e pertanto quando si realizzano semi femminizzati è più facile intuire il risultato dell’incrocio.

Molte persone pensano che le varietà regolari siano migliori per creare semi, o che quelle femminizzate non siano valide per la riproduzione, abbiamo scoperto che non è così, quando una pianta è femmina sessualmente pura non importa se proviene da semi regolari o femminizzati.

 

 

✅ Vantaggi dei semi femminizzati

 

  1. Provengono da 2 cloni d’élite nella maggior parte dei casi
  2. Si possono coltivare solo i semi di cui hai bisogno
  3. Risparmi tempo, risorse e manodopera
  4. Nessuna necessità di sessaggio, che può essere difficile per i coltivatori principianti

 

 

🔥 Vantaggi dei semi regolari

 

  1. Sono quelli originali, per molti la loro genetica è più pura
  2. Nascono sia maschi che femmine, quindi permettono di creare facilmente nuovi semi
  3. Non hanno bisogno dell’intervento di agenti chimici per la loro produzione
  4. Sono più efficaci come piante madri per produrre cloni, dicono alcuni

 

 

⛳ Infografica

 

Infografica che illustra i benefici dei semi femminizzati e regolari
Infografica che illustra i benefici dei semi femminizzati e regolari

 

 

✨ Conclusione

 

 

Deve essere chiaro che la cosa più importante nella qualità dei semi di cannabis è la loro genetica, che non dipende dalla provenienza da piante regolari o femminizzate. La scelta dei genitori riproduttori è il fattore chiave quando si tratta di produrre semi, non solo misurare la qualità attraverso i tratti che possiamo misurare.

È importante conoscere il livello di stress che sono in grado di sopportare, poiché questa è un’altra qualità che trasmetteranno alla loro discendenza; però le femminizzate che sono sessualmente stabili e che sopportano alti livelli di stress idrico, luminoso, termico, ecc. sono altrettanto brave a creare semi come quelle regolari stabili.

Per conoscere il modo migliore per realizzare semi femminizzati, ti invito a visitare anche altri articoli del blog, e se ti è piaciuto questo, considera di condividerlo: in questo modo aiuti noi e puoi aiutare anche molti altri coltivatori. Grazie in anticipo!.💪

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content