Stimolatore di radici fatto in casa per la marijuana impianti

Tempo di lettura 6 minuti
Radici di cannabis sotterranee con braccia muscolose su entrambi i lati che indicano forza e vitalità.
Radici di cannabis sotterranee con braccia muscolose su entrambi i lati che indicano forza e vitalità.

 

Ci sono prodotti che sono essenziali se vogliamo ottenere i migliori risultati nella coltivazione della marijuana, come ad esempio Stimolatore Radicale, che aiuta molto nello sviluppo e nella difesa dell’apparato radicale delle piante.

Che sia un contributo molto importante non significa che debba essere costoso, perché ci sono alcuni marchi che offrono prezzi molto competitivi, ma può essere anche più economico per te, dato che oggi ti insegnerò come creare il tuo stimolatore di radici fatto in casa ed ecologico al 100%, e vedremo anche le sue funzioni e differenze con altri prodotti simili. Ti ho già detto che mi sarebbe piaciuto molto trovare un articolo come questo quando stavo iniziando…

 

 

⚠️ Che cos’è uno stimolatore di radici?

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

Sono fertilizzanti speciali che provocano una crescita più rapida e forte delle radici delle piante, accelerando così il loro sviluppo, sono meno inclini a malattie e agenti patogeni e si ottiene un sistema di radici e ribaltamento molto più potente.

Gli stimolatori delle radici sono formulati a base di ormoni come auxine o gibberelline, vitamine, aminoacidi e alcuni alimenti. Possono essere di origine organica o minerale, e da qualche anno sono stati abbinati ad altri prodotti miracolosi per le radici come i funghi benefici trichoderma o micorrize.

 

 

Gli effetti specifici delle auxine sulle piante
Gli effetti specifici delle auxine sulle piante

 

🎯 Come si fa uno stimolatore radicale fatto in casa?

 

Guardando la composizione degli stimolatori di radici per la marijuana puoi pensare, E dove trovo tutto questo? Non preoccuparti, ce l’hai più vicino di quanto pensi. Esistono diversi modi per creare uno stimolatore radicale con le cose da casa e non ci vuole molto tempo per realizzarlo, quindi è interessante ovunque lo guardi.

Faremo 6 diversi tipi di stimolanti per la radice, due di questi sono progettati più come radicanti e gli altri 4 come cibo che accelera e fortifica sia le radici avventizie che quelle secondarie, qui puoi vederli in dettaglio.

 

Stimolatore radicale fatto in casa a base di lenticchie

È il più classico, e dal nostro punto di vista il migliore che si possa utilizzare come agente radicante, cioè per facilitare l’attecchimento delle talee, per aiutare a far germinare i semi più velocemente, oppure per farli I semi appena germogliati producono un maggior numero di radici nel più breve tempo possibile. Oltre ad essere facile da realizzare ed ecologico, è molto economico, prendete nota di come è fatto:

 

  1. Mettiamo in ammollo da 100 a 200 grammi di lenticchie per 24 ore
  2. Trascorso questo tempo, scoliamo l’acqua e la conserviamo in un contenitore chiuso, in un luogo buio a temperatura ambiente e
  3. Mettere le lenticchie in una ciotola e schiacciarle con l’aiuto di un frullatore.
  4. Aggiungere l’acqua che abbiamo tolto prima sopra le lenticchie schiacciate e aggiungere il succo di limone fino a quando la miscela ha un pH di 5,5
  5. Con l’aiuto di un colino per separare le particelle solide più grandi dal liquido, che è il nostro stimolatore di radici fatto in casa

 

Stimolatore radicale fatto in casa a base di lenticchie
Stimolatore radicale fatto in casa a base di lenticchie

 

Come si usa lo stimolatore di radici fatto in casa a base di lenticchie

È un prodotto naturale e abbastanza sicuro, quindi può essere applicato direttamente in irrigazione, senza il rischio di un’eccessiva fertilizzazione. Questo tipo di stimolatore casalingo per radici di cannabis è ricco di auxine, il che lo rende ideale per inumidire i semi e accelerare la germinazione, per bagnare i jiffy o i tappi di lana di roccia per facilitare l’attecchimento delle talee, o per le prime annaffiature dopo i trapianti.

 

Stimolatore radicale fatto in casa con altri legumi

Questo stesso processo che abbiamo fatto con le lenticchie può essere eseguito con altri tipi di legumi, poiché tutti i legumi sono carichi di ormoni che migliorano la crescita delle radici. Di seguito puoi vedere come viene realizzato uno stimolatore radicale fatto in casa con i semi di soia:

 

  1. Mettiamo circa 100 grammi di semi di soia in acqua per circa 6 ore.
  2. Filtrare l’acqua e tenerla da parte per usarla successivamente
  3. Avvolgiamo i semi in un panno umido o in un tovagliolo bagnato per 1 giorno
  4. Dopo questo tempo li misceliamo con l’acqua messa da parte te in precedenza, lasciarli un paio di ore sommersi, e poi filtrare l’acqua di nuovo
  5. Ripetiamo il processo più volte fino a quando non vediamo germogliare i semi.
  6. Una volta germinati, li filtriamo di nuovo, li frantumiamo e li mescoliamo di nuovo con la stessa acqua .
  7. Filtriamo il liquido per separare le parti solide più grandi e così avremmo già il nostro stimolatore di radici fatto in casa a base di soia

 

E lo stesso possiamo fare anche con semi di canapa, semi di grano e altri cereali, poiché si tratta di estrarre tutti gli ormoni possibili per trarne vantaggio nelle nostre colture. Questo stimolatore di radici fatto in casa creato con i semi può essere applicato direttamente, cioè puoi annaffiare direttamente con questo liquido senza pericoli, anzi, tornerà utile per le tue piantine.

Stimolatore radicale fatto in casa con altri legumi
Stimolatore radicale fatto in casa con altri legumi

 

Vuoi realizzare uno stimolatore di radici fatto in casa con un aroma dolce?

Hai letto bene, anche se la maggior parte dei concimi e dei fertilizzanti ha un cattivo odore, oggi imparerai come creare il tuo stimolatore di radici a base di cannella con un odore gradevole. È anche molto facile da realizzare, poco costoso, e in poche ore lo avete pronto:

 

  1. Riempite un recipiente con un litro d’acqua
  2. Aggiungete 3 cucchiai di cannella e la buccia di una o due carote
  3. Agitare bene il composto e farlo riposare dentro il frigorifero per 8 a 12 ore
  4. Filtrare il liquido con l’aiuto di un colino

 

Ecco come rapidamente e facilmente si può avere un additivo naturale che è molto buono per le piante di marijuana durante la fase di germinazione e le prime fasi di crescita, così come nel radicazione delle talee e fase post-trapianto. Come i precedenti mix, lo stimolatore di radici fatto in casa a base di cannella e carota può essere utilizzato direttamente e senza ridurre.

Stimolatore di radici a base di cannella
Stimolatore di radici a base di cannella

 

Stimolante delle radici fatto in casa con corteccia di salice

Anche se non tutti hanno un salice vicino a casa, ci sono alcune zone dove ce ne sono molti, e queste persone troveranno questa ricetta molto utile, perché il salice, oltre al radicamento naturale, ha molti altri benefici proprietà per altre piante.

 

  1. Per prima cosa bisogna prendere diversi rametti di salice, che hanno la corteccia ovviamente
  2. Vanno lavati con acqua e sciacquati
  3. Mettiamo a bagno i rami lavati per 3 o 4 settimane
  4. Separiamo i rami e mettiamo l’acqua in frigo
  5. Mettiamo a bollire i rami con acqua diversa per 15 minuti
  6. Filtriamo l’acqua usata per bollire e la lasciamo raffreddare
  7. Una volta fredda si mescola con l’acqua che abbiamo lasciato in frigo

 

Sarebbe pronta e pronta all’uso, è chiaro che questo metodo è non così veloce o facile da fare come gli altri, ma se hai la possibilità di farlo, vedrai quali risultati più sorprendenti.

Stimolante delle radici fatto in casa con corteccia di salice
Stimolante delle radici fatto in casa con corteccia di salice

 

Speciale agente radicante casalingo per talea

Infine, vedremo come realizzare uno stimolatore di radici fatto in casa utilizzando il caffè, ideale per preparare le talee alla fase di radicazione. Questo additivo può essere utilizzato anche come fertilizzante, un buon alleato per la coltivazione di cannabis per l’autoconsumo.

 

  1. Far bollire 2 manciate di chicchi di caffè per ogni litro d’acqua
  2. Dopo aver fatto bollire per 15 minuti, scolarlo per mantenere solo il liquido
  3. Lasciare raffreddare in modo che possa essere utilizzato in sicurezza.

 

Il modo di utilizzare questo agente radicante è a contatto con i gambi di le talee, così si può mettere il liquido in un contenitore dove possiamo mettere i cloni e lasciarli riposare per almeno mezz’ora.

Speciale agente radicante casalingo per talea
Speciale agente radicante casalingo per talea

 

Aspirina, lo stimolatore radicale che non ti aspettavi

L´aspirina torna utile per superare stati di stress, sia per noi umani che per i nostri amici vegetali, tieni presente questa ricetta per dare una sferzata di energia in alcune fasi della coltura, è molto facile

 

  1. Riempire mezzo bicchiere d’acqua, circa 100 ml.
  2. Inserisci una pillola di aspirina
  3. Attendi un po’ che si dissolva, puoi aiutare mescolando con un cucchiaio

 

Questo liquido si usa da applicare direttamente sul substrato di una pianta appena trapiantata, per superare lo stato di stress radicale che solitamente subiscono quando vengono cambiate da vaso o dopo potatura radicale. Un altro modo per utilizzare lo stimolatore di radici fatto in casa a base di aspirina è mettere i gambi delle talee appena tagliate delle piante madri che vogliamo radicare.

Aspirina, el estimulador radicular
Aspirina, el estimulador radicular

 

 

🧐 Conclusione

 

In questo post abbiamo visto 6 modi diversi per realizzare stimolatori di radici fatti in casa per coltivare piante di marijuana. Se non vuoi perdere tempo, o non hai alcuni dei componenti necessari per realizzare queste ricette, puoi acquistare ormoni radicanti commerciali come Clonex per talea, o stimolatori di radici di marchi noti come Rhizotonic, Root Juice, o Voodoo Juice, che vanno anche meglio di questi brodi fatti in casa, decidi tu.

Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
See more posts
2 commenti su “Stimolatore di radici fatto in casa per la marijuana impianti”
  1. Molto ma molto interessante, ho già messo i ceci nella lista della spesa.
    Grazie

    • Grazie mille per le tue parole Ginio!

Lascia un commento