CO2 per la coltivazione indoor di piante di marijuana

560
SHARES
Tempo di lettura 7 minuti
Immagine delle lettere CO2 e di una pianta di marijuana sullo sfondo
Immagine delle lettere CO2 e di una pianta di marijuana sullo sfondo

 

La CO2 fa bene alle piante, questo è risaputo, ma ciò non significa che l’anidride carbonica debba essere fornita sempre e in qualsiasi quantità. Le piante assorbono CO2 in certi momenti, ma in altri la emettono e questo è un dato di cui bisogna tener conto, perché la mancanza di CO2 può rappresentare un problema così come applicarla in certi momenti, e per questo abbiamo pensato che potrebbe È bello avere questo articolo a portata di mano, dove chiariremo come utilizzare la CO2 con le piante di cannabis coltivate indoor. Tieni presente che non tutto è in anidride carbonica, è importante avere una luce potente in modo che le piante possano assimilarla bene, e se non sei sicuro di quale possa essere l’ideale, ti lascio qui questo altro articolo in cui parliamo di La migliore illuminazione per la coltivazione indoor.

 

 

⭐ La CO2 e il suo rapporto con le piante

 

 

Le piante hanno bisogno di CO2 per svolgere la fotosintesi, combinandola con luce e acqua per convertirla in carboidrati e potersi sviluppare normalmente. Durante il giorno o la fase illuminata le piante consumano anidride carbonica ed emettono ossigeno, ma durante la notte o la fase oscura fanno esattamente il contrario, cioè consumano ossigeno ed emettono CO2. Come regola generale, nell’aria c’è una concentrazione di CO2 di circa 350-380 PPM (parti per milione) ma le piante di cannabis sono in grado di assimilarne molto di più, e questo può essere molto utile.

Aumentando la concentrazione di CO2 nella coltivazione indoor, aumenta anche l’attività fotosintetica, e questo si riflette in una maggiore resa di cime, una più rapida velocità di fioritura e maturazione, e in alcuni casi anche un miglioramento della qualità finale del prodotto. Bisogna però cercare di fornire questo elemento nella giusta misura e solo nei momenti in cui le piante possono veramente trarne vantaggio per migliorare la produzione di fiori.

 

 

⛳ Come utilizzare la CO2 nella coltivazione indoor

 

In molti casi, il contributo di CO2 per le piante in crescita vegetativa non è buono, poiché in questo caso, nonostante le piante crescano più velocemente, di solito si ottengono strutture appuntite che non vanno bene per la coltivazione indoor, poiché è interessante che le piante abbiano una morfologia più compatta in modo che la luce sia più efficace. Alcuni coltivatori forniscono un’ulteriore anidride carbonica in fase vegetativa per accelerare la crescita delle piante madri o risparmiare tempo nella realizzazione dello SCROG, ma come regola generale non viene solitamente applicata nella crescita vegetativa.

L’ideale è fornire CO2 durante la fase di fioritura e solo durante il ciclo illuminato, normalmente dalla terza settimana ad un paio di settimane prima della raccolta, in questo modo si accelera notevolmente il processo di generazione delle infiorescenze che finiranno per formare i boccioli, ottenendo in molti casi un miglioramento delle prestazioni del 20% o del 25%. Inoltre è importante sapere che le piante consumano la CO2 disponibile nell’ambiente in circa 30 minuti, hanno bisogno di tempo per assimilare il tutto, quindi con alcuni metodi di generazione di CO2 non è necessario fornirla sempre.

Il modo di utilizzare la CO2 nella coltivazione indoor è dall’alto, poiché questo gas pesa più dell’ossigeno e tende a scendere verso il basso, ed è importante accompagnare l’eccesso di anidride carbonica con un aumento delle dosi di fertilizzante, un aumento della temperatura, e se possibile anche una maggiore emissione di luce, è il modo migliore per le piante di sfruttare appieno la CO2 extra.

 

 

 
Semi USA
Scaricare gratuitamente Dizionario della cannabis
Inserisci un indirizzo e-mail corretto
Devi accettare l'informativa sulla privacy
SITO DI NEGOZI ONLINE S.R.L con CIF: B98262777 e indirizzo per le notifiche in C/ VEREDA MAS DE TOUS Nº 22 LOCAL C, 46185 LA POBLA DE VALLBONA, VALENCIA, Telefono: 961658271 Email: customer(at)pevgrow.com
Per conto della Società di Consulenza trattiamo i dati da Lei forniti al fine di fornire il servizio richiesto, eseguire la fatturazione dello stesso. I dati forniti saranno conservati per tutto il tempo in cui sarà mantenuto il rapporto commerciale o per gli anni necessari a soddisfare gli obblighi di legge. I dati non saranno ceduti a terzi, salvo nei casi in cui vi sia un obbligo di legge. L'utente ha il diritto di ottenere la conferma che SITE OF SHOPS ONLINE S.R.L. stia trattando i suoi dati personali e pertanto ha il diritto di accedere ai suoi dati personali, di rettificare eventuali dati inesatti o di richiederne la cancellazione quando i dati non sono più necessari.
 

✨ Livello ottimale di CO2 per la crescita delle gemme delle piante

 

Quanta CO2 assorbe una pianta? Il miglioramento delle prestazioni si vede chiaramente da 700 PPM, le piante di cannabis possono assimilare fino a 1500 PPM o anche 2000 PPM, ma ciò non significa che sia bene fornire così tanto, poiché la stessa cosa accade con i fertilizzanti in eccesso e le piante si stressano. Inoltre non è consigliabile partire con il massimo contributo, l’ideale è iniziare con poco e aumentare gradualmente fino a raggiungere un massimo di circa 1200 PPM, accompagnando questo aumento con un aumento di iscritti, luce, temperatura, ecc.

Di seguito puoi vedere un diagramma con i dati indicativi in ​​modo da poter applicare la CO2 nella tua coltivazione indoor in modo simile, ma tenendo sempre presente che ogni varietà può avere esigenze diverse, e così come alcune possono assimilare più nutrienti di altre, la la stessa cosa accade con l’anidride carbonica.

 

*(Tabella indicativa per varietà di marijuana con 9 settimane di fioritura)*

SETTIMANA DI FIORITURA LIVELLI DI CO2 (PPM) FERTILIZZANTI (EC) TEMPERATURA (ºC)
3 800 1,4 26
4 900 1,6 27
5 1000 1,8 28
6 1100 2,0 29
7 1200 2,2 30

 

 

👌 Modi per utilizzare meglio la CO2 nella coltivazione indoor

 

Prima ti dicevo che le piante hanno bisogno di circa mezz’ora per consumare completamente la CO2 disponibile, ma nella coltivazione indoor abbiamo una ventilazione costante che non smette di prendere aria ed espirare. Quindi l’estrazione rimuoverà anche la CO2? Esatto, e un buon modo per non sprecare nulla è regolare il tempo di funzionamento dell’aspiratore, collegandolo a un timer in modo che si attivi solo 15 minuti ogni ora. Sicuramente ora starai pensando, se abbasso il tempo di estrazione, la temperatura all’interno non salirà molto? Beh, hai ragione, ma in questo caso non è un problema perché con l’apporto di CO2 le piante possono sopportare senza problemi una temperatura più alta.

D’altra parte, con l’aumento del calore costringiamo le piante ad aprire maggiormente gli stomi delle foglie per migliorare la traspirazione, e questo facilita una maggiore assimilazione di CO2 da parte delle piante, mentre risparmiamo elettricità e sfruttiamo molto meglio l’apporto di anidride carbonica.

 

 

📲 Come creare CO2 per le piante

 

Esistono diversi metodi o sistemi per produrre CO2, ciascuno con i suoi vantaggi e svantaggi, da bruciatori, pillole, sacchetti, ecc. Qual è la migliore CO2 per le piante? Dipende dal tipo di coltivazione e dalle condizioni del coltivatore, i professionisti tendono a utilizzare i sistemi più efficaci, ma quelli possono essere piuttosto costosi per le persone che coltivano per autoconsumo. Qui sotto puoi vedere diversi metodi per generare CO2 extra nel tuo raccolto di marijuana

 

 

🚀 Generatore di CO2 con bruciatore a gas propano

 

È il sistema più professionale e sono disponibili diversi modelli con un diverso numero di bruciatori. È un dispositivo rettangolare che contiene 2 anelli nella parte superiore in modo da poterlo appendere alle barre superiori della tenda da coltivazione o fissarlo al soffitto della stanza. Sebbene l’investimento iniziale sia superiore a quello necessario per acquistare altri metodi di generazione di CO2, alla lunga può essere più economico perché funziona con bombole di propano.

Generador de CO2 con quemadores
Acquista CO2 GENERATOR LP
 

 

✅ Kit CO2 per coltivazione indoor di cannabis

 

Il kit CO2 con bombola usa e getta è dal nostro punto di vista il più interessante in termini di qualità/prezzo. Consiste in una bombola di CO2 da 1 chilo, un’elettrovalvola e un riduttore, ed è molto comoda e pratica perché puoi posizionare solo l’estremità del tubo dove fuoriesce la CO2 nella parte superiore del raccolto, e la bottiglia con il resto del kit può anche rimanere fuori dalla coltivazione. L’elettrovalvola può essere collegata ad un timer in modo che fornisca solo anidride carbonica nei tempi che vogliamo.

Kit CO2 con bombona desechable
Acquista CO2 Kit Disposable bottle
 

 

 

🔥 Sacco CO2 per piccole colture

 

È il metodo più economico per aumentare la quantità di CO2 disponibile nell’ambiente delle colture indoor. L’investimento iniziale è minimo e non consuma energia elettrica. Si tratta di un sacchetto traspirante che contiene una miscela di massimo 15 ingredienti organici che provocano una reazione che genera CO2. L’unico inconveniente è che devi portarlo fuori dalla coltivazione di notte, ma con un singolo sacchetto di CO2 Boost Buddy hai abbastanza anidride carbonica per fornire questo gas a una tenda da coltivazione di 1,2 x 1,2 metri per circa 6 mesi. Trascorso quel tempo puoi gettare il suo contenuto in giardino o nella compostiera, poiché può servire come fertilizzante per le piante. Viene predisposto per essere appeso in alto all’armadio in modo che la forza di gravità lo costringa a scendere e che le foglie possano assimilarlo.

Co2 Boost Buddy
Acquista Co2 Boost Buddy
 

 

 

🎯 CO2 Boost per la generazione passiva in grandi colture

 

CO2 Boost è un cubo che contiene una miscela organica che rilascia grandi quantità di CO2 per 2 o 3 mesi, a seconda del suo utilizzo. Viene fornito con un erogatore che viene posizionato sul coperchio del secchio e contiene un piccolo compressore che estrae il gas e lo porta in un tubo che deve essere posizionato sopra il raccolto in modo che la CO2 cada sulle piante. È pensato per grandi colture, di almeno 6 mq per sfruttarlo al meglio. Non produce calore e puoi acquistare il secchio solo se hai già il dosatore.

CO2 Boost Cubo Con Dosificador De CO2
 

 

👾 Dispenser di CO2 potenziatore TNB Naturals

 

Un’altra ottima opzione per aumentare la quantità di CO2 nel tuo raccolto di marijuana senza dover investire molto in materiali. È una bottiglia che contiene una miscela di composti organici e il suo funzionamento è semplice come aggiungere acqua calda e agitare affinché avvenga la reazione chimica che rilascia CO2. Si consiglia di agitare ogni 2 giorni e con un singolo dispenser TNB Naturals Enhancer sarai in grado di aumentare l’anidride carbonica fino a 1200 PPM in una tenda di coltivazione di 1,2 x 1,2 metri o meno per un tempo che può oscillare tra 15 giorni e al mese, a seconda dell’uso.

Dispensador de CO2 Enhancer TNB Naturals
Acquista CO2 dispenser TNB Naturals
 

 

 

🎬 Pillole di CO2 per piante di marijuana

 

Queste pastiglie non servono ad aumentare la CO2 ambientale, vengono miscelate all’acqua di irrigazione per migliorare la fertilizzazione carbonica, poiché in questo caso l’anidride carbonica viene assorbita dalle radici delle piante. Ogni confezione viene fornita con 60 compresse, e ogni compressa è sufficiente per fornire CO2 a 100 litri di acqua, quindi è un investimento molto interessante, in primo luogo perché il miglioramento delle piante è più che notevole, ma anche perché ne hai abbastanza per varie colture.

Pastillas de CO2
Acquista CO2-Tabletten
 

 

 

🧐 Conclusione

 

Aumentare la disponibilità di CO2 per le piante coltivate indoor può avere molti vantaggi, in quanto si può ottenere un aumento della resa del 25% o anche di più, ma deve essere fatto bene per non stressare le piante e causare problemi. Ricorda che la CO2 è efficace al 100% nelle colture in cui tutti i parametri sono corretti, se non sei sicuro di farlo bene ti invito a leggere questo articolo dove troverai ottimi consigli per coltivare cannabis indoor, e se ti è piaciuto informazioni che ti sarei grato se le condividessi sui tuoi social network.

 

 

⚠️ Domande frequenti

 

Dove entra la CO2 nelle piante?

Le piante assorbono la CO2 atmosferica attraverso le loro foglie, più precisamente attraverso microscopici fori che possono aprirsi e chiudersi chiamati stomi. D’altra parte, possono anche assimilare la CO2 attraverso le radici, in questo caso come fertilizzazione carbonica, ma in entrambi i casi la elabora per produrre, tra le altre cose, carboidrati.

 

Può esserci eccesso di CO2 nelle piante?

Ci possono essere avvelenamenti dovuti all’eccesso di CO2, e questo può causare stress nelle piante. Tuttavia, perché si verifichi un eccesso, sarebbe necessario superare i 3000 PPM per un tempo molto lungo, cosa non facile. Qualcosa che tende ad accadere quando diamo troppa CO2 è che possono comparire alcune carenze di nutrienti, in particolare il magnesio, motivo per cui si consiglia di aumentare gradualmente la dose di fertilizzanti man mano che aumentiamo il contributo di CO2.

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 4]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Leave a Comment