Come estrarre il THC e tutti i suoi utilizzi

Tempo di lettura 8 minuti

 

Learn the most commonly used homemade methods of extracting the purest THC
Impara i metodi casalinghi più utilizzati quando si tratta di estrarre il THC più puro

 

Il THC (tetraidrocannabinolo) è il principale costituente psicoattivo della marijuana o della cannabis. Sapere come estrarre e produrre THC in modo sicuro è tecnica e arte combinate: oggi vi forniremo un breve riassunto dei diversi metodi per farlo.

Prima di tutto, dobbiamo avvertire che in molti paesi è illegale detenere e / o consumare marijuana in qualsiasi forma o modo.

Se hai meno di 18 anni, per favore non continuare a leggere. Queste sono informazioni per ADULTI. Non incoraggeremo mai il consumo, tantomeno il consumo di sostanze stupefacenti, alcoliche o che creano dipendenza, su minorenni.

Come prima accennato, non potrai acquistare l’olio di THC, quindi è ora che conosca i vari modi per estrarre e produrre THC. Non useremo termini tecnici complicati, con la parolatetraidrocannabinolo ne abbiamo già avuto abbastanza, ma faremo del nostro meglio per utilizzare un linguaggio facile e comprensibile per tutti.

 

 

🔥 Come estrarre il THC puro ?

 

 

Esistono varie tecniche e metodi per estrarre il THC. Alcuni consentono ottimi margini di purezza, anche vicini al 100%, mentre altri offrono resina con il 60% di purezza. Sebbene i metodi possano essere artigianali, dietro di loro c’è un’intera scienza basata sulla chimica.

L’estrazione del THC puro è possibile solo se vengono utilizzati i metodi corretti. Il modo migliore è con metodi di estrazione meccanica. Con questa metodologia, la percentuale di hashish THC è solitamente elevata in termini di purezza, a condizione che venga applicata correttamente.

L’estrazione del THC può essere effettuata anche con metodi fisico-chimici, che di solito sono più complicati e talvolta pericolosi. In questo caso stiamo parlando di processi di estrazione e non di semplice separazione dell’hashish THC.

Vediamo prima come estrarre il THC con metodi fisici o meccanici:

 

Come estrarre il THC dalla marijuana a secco con metodi meccanici

 

Non vogliamo entrare in questioni teoriche, ma dovresti sapere che questo aspetto è importante. La marijuana, come ogni vegetale, pone le sue condizioni quando si tratta di semina e raccolta. Se vuoi fare hashish con THC di alta qualità, non dovrai trascurare nessun dettaglio.

L’idea di questo metodo è quella di essere in grado di estrarre i migliori tricomi dalla pianta (un tricoma è una parte molto piccola delle piante, e nella marijuana sono molto importanti, poiché è lì che si concentrano gran parte delle proprietà della cannabis).

Come estrarre il THC dai fiori secchi:

  1. La prima cosa è avere cime di marijuana asciutte e ben conservate. Ciò si fa in contenitori di vetro ermeticamente chiusi, ma è necessario aprirli per arieggiarli durante i primi 5 giorni.
  2. Esistono anche metodi in cui si congelano. In questo modo le proprietà della sostanza vengono preservate intatte. Ma conservare senza congelare implica un processo di maturazione e stagionatura da 4 a 6 mesi.
  3. Questo metodo consiste nel setacciare e poi ripetere questa operazione attraverso maglie di diverse dimensioni, utilizzando fiori secchi. Questo può essere fatto manualmente o usando una macchina.
  4. Con i fiori essiccati viene seguito un processo di setacciatura che permette di prelevare quanti più tricomi possibile. Possiamo utilizzare reti serigrafiche, ideali per la setacciatura e per eliminare la “spazzatura” e conservare il meglio.
  5. La prima mesh da 160 micron sarà il punto di partenza per l’hashish di base. Da lì si passerà a una rete intermedia da 70 micron. Ciò che rimane qui è “il meglio del meglio”. Resta solo da passare attraverso i 45 micron, e ciò che resta lì sarà il “secondo migliore”. I resti che passano sono di “terza qualità”.
  6. Questa è la spiegazione approssimativa. Il processo di setacciatura può avere variazioni nel numero di maglie e si presume che maggiore è il numero di esse, migliore sia il risultato. Alcuni strumenti utilizzano un sistema di 190 – 160 – 70 – 45 – 25 (dove tutto ciò che è inferiore a 25 e superiore a 190 viene scartato).

 

Riassunto di come estrarre il THC dai fiori secchi, è un metodo semplice
Riassunto di come estrarre il THC dai fiori secchi, è un metodo semplice

 

Questo è un metodo di base per estrarre il THC puro a secco, con mezzi puramente meccanici. La variante fatta con fiori congelati non è molto diversa.

Alla fine, devi raccogliere i tricomi con una carta e conservarli sotto forma di resina attraverso un processo di pressatura.

 

 

🎯 Come si prepara il THC in casa ?

 

 

Esistono molti modi per produrre THC a casa. In pratica possiamo dire che i vari mezzi che esistono per fare il THC possono essere considerati “artigianali”. Finora, lo status legale della cannabis nel mondo non è stato favorevole alla produzione del THC a livello industriale.

Ma se dovessimo definire un modo classico di produrre il THC in casa, rimarremmo fedeli ai metodi tradizionali di setacciatura, bubble hash (hashish fatto con acqua e ghiaccio), pressatura e qualsiasi altro metodo che consenta l’estrazione di cannabinoidi e terpeni con mezzi meccanici.

Abbiamo visto un metodo artigianale per estrarre il THC a secco. Ora vedremo come estrarre  hashish THC con ghiaccio e acqua, il famoso bubble hash.

Get the following materials:

  • 2 secchi.
  • Ghiaccio e acqua.
  • Un kit di maglie.
  • Un colino.
  • Qualsiasi oggetto o dispositivo che consenta di sbattere la miscela (trapano, mixer, ecc.)
  • Borsa a forma di piramide per conservare l’erba.
  1. Metti l’erba nel congelatore almeno 30 minuti prima di iniziare il processo.
  2. Riempi uno dei secchi fino a 1/3 del volume d’acqua, preferibilmente acqua fredda.
  3. Riempi metà del volume del secchio con il ghiaccio. Vogliamo raggiungere una temperatura tra 1º e 4º.
  4. Con le cime o gli avanzi d’erba ben sminuzzati, procedete a metterli nel sacchetto piramidale.
  5. Ora posiziona il sacchetto all’interno di uno dei secchi. Inizia a sbattere con un mixer, o qualunque cosa funzioni per dare movimento a tutta la materia vegetale che si trova nell’acqua. Al termine, prendi l’altro secchio e metti le maglie in ordine crescente, dal micron più piccolo al più grande.
  6. Indossa i guanti per il freddo e filtra il ghiaccio e l’acqua. Premi le maglie per aggiungere l’acqua, facendo attenzione a non far entrare residui vegetali nelle maglie. Se schiumano, puoi aggiungere acqua per risciacquare, quindi premere a mano.
  7. Il passaggio finale consiste nel convertire la resina in polvere per facilitare l’asciugatura. È qui che entra in gioco l’uso del filtro. Devi usare un cartoncino ricoperto di carta da forno dove raccoglierai tutta la resina polverizzata. Quindi, devi solo lasciarlo riposare finché non si asciuga.

Per pressare la miscela, è necessario attendere da 20 giorni a un mese di asciugatura. Questo è il metodo di base per estrarre hashish THC con ghiaccio e acqua.

 

 

Come si produce il THC sintetico ?

 

 

Potresti aver sentito parlare di spezie k2 e marijuana sintetica. Questa è una sostanza THC artificiale che non ha nulla a che fare con la marijuana naturale. Se vuoi sapere come produrre THC sintetico dovrai diventare uno specialista chimico (un Walter White), poiché si tratta di farmaci da laboratorio.

I cannabinoidi sintetici sono prodotti in laboratori specializzati, che cercano di emulare gli effetti della marijuana naturale in modo sicuro e legale. Ma a quanto pare sono farmaci molto pericolosi poiché i loro effetti a lungo termine sul corpo e sui recettori cerebrali sono sconosciuti.

 

 

Come estrarre il THC per cucinare ?

 

 

La marijuana può essere una vera delizia culinaria. L’importante è sapere come estrarre il THC per cucinare, in modo da poter aggiungere questi concentrati in diversi menu, in modo che abbiano un effetto “speciale“.

In questo articolo ti abbiamo mostrato vari modi per estrarre i migliori tricomi che ti danno l’hashish più puro. Ora vedremo un modo per estrarre gocce di THC che possono essere aggiunte come olio al cibo.

Con questi metodi non dovrai acquistare THC liquido, sebbene non sia un’opzione da scartare se vuoi risparmiare tempo nella preparazione delle tue ricette.

Puoi estrarre il THC per cucinare nei seguenti modi:

  • Farina di marijuana: le  cime o le foglie di cannabis devono essere asciutte e pulite accuratamente. Si macinano in un tritacarne e poi in un macinino fino ad ottenere una polvere finissima. Con questa farina si possono preparare svariate ricette.
  • Estratti: si tratta di rimuovere il THC dai tricomi della pianta e fissarlo in una sostanza adatta sotto forma di resina. La sostanza può essere grassa come burro, olio oppure alcol..

 

Come fare l’E-Liquid con il THC ?

 

Vaporizzare la marijuana in forma liquida con THC e CBD è una delle grandi gioie della vita. La cosa ancor migliore è che possiamo produrre questo liquido da soli, con pochi materiali a casa nostra.

Un passaggio necessario è riscaldare l’alcol, quindi prendi tutte le misure di sicurezza possibili e non distrarti.

Materiali:

  • 2 vasetti di vetro grandi.
  • Da 5 a 6 grammi di cime di alta qualità.
  • Grande pentola per bollire.
  • Flacone contagocce da 5 ml.
  • Propilenglicole alimentare.
  • Alcool etilico o etanolo (alcool di alta qualità. Non usare mai un comune alcool disinfettante)
  • Siringa da 5 – 10 ml.
  • Teglia da forno e foglio di alluminio.
  • Guanti e occhiali protettivi.

 

Material to make E-Liquid with THC
Materiale per produrre E-Liquid con THC

 

Passaggi:

1. Decarbossilazione della marijuana. È un processo chimico che non puoi saltare per attivare il THC. Bisogna tritare finemente le cime e metterle in forno a 105 – 110º per 15 minuti.

Descarboxilación de la marihuana
Passaggi per decarbossilare la marijuana

 

2. Mettere la cannabis decarbossilata in uno dei barattoli di vetro e riempirlo con alcool ad alta gradazion.

Mete el cannabis descarboxilado en uno de los tarros de cristal con el alcool
Metti la cannabis decarbossilata nella bottiglia con l’alcol.

 

3. Fare evaporare l’alcol. Si fa a bagnomaria con mezzo litro d’acqua nella pentola e si inserisce il barattolo, fino a quando l’alcool evapora e il composto diventa scuro. Ricorda di stare attento alla temperatura e all’alcol.

Evapora el alcohol al baño maria
Con il metodo a bagnomaria, l’alcol evapora.

 

4. Aggiungere altro alcol fino al livello originario..

Agrega más alcohol
Successivamente dovrai aggiungere altro alcol

 

5. Prendi l’altro contenitore di vetro e versa il composto mentre coli i germogli con un panno. Torna al passaggio 3 finché non sono rimasti solo 5 ml.

Cuelas los brotes
Usa il panno come colino per filtrare i germogli più volte..

 

6. Preparare la miscela. Aggiungere 20 ml di glicole propilenico mescolando bene. Dovresti ottenere 25 ml di THC E-Liquid con i tuoi 6 gr. di marijuana.

Añade 20 ml de propilenglicol mezclandolo bien
Aggiungere glicole propilenico e mescolare

 

 

Come fare l’olio al THC ?

 

La procedura che ti andiamo a mostrare è la variante standard per produrre olio di marijuana medicinale per il dolore o per qualsiasi uso tu voglia. Successivamente ti daremo una procedura alternativa ben nota.

 

I materiali e gli ingredienti sono i seguenti:

  • 1 ciotola o un contenitore per miscelare da 1,90 litri.
  • 1 contenitore medio in ceramica o vetro.
  • Grande cucchiaio di legno.
  • Spatola in silicone.
  • Siringhe orali.
  • Una pentola per bagnomaria.
  • Guanti e equipaggiamento protettivo.
  • 29 grammi di marijuana.
  • Un gallone di alcool ad alta gradazione per il consumo umano. L’Everclear è quello consigliato.

 

Ingredientes para hacer aceite de marihuana medicinal
Ingredienti per la produzione di olio di marijuana medicinale

 

Procedura:

1. Posizionare le cime di cannabis nel contenitore di vetro e riempire il barattolo con il solvente alcolico ad alta concentrazione fino a quando non mancano 2,5 cm prima che sia pieno.

Mete los cogollos de cannabis en el recipiente de vidrio con el alcool
Aggiungi l’alcol nel barattolo dove hai già le cime di cannabis

 

2. Mescolare con il cucchiaio schiacciando l’erba con il solvente, per 3 minuti.

Mezcla y machaca con la cuchara.
Usa il cucchiaio per schiacciare il composto

 

3. Filtra la miscela di marijuana e solvente nell’altro contenitore.

Cuela la mezcla de marihuana
Trasferisci la miscela di marijuana in un altro contenitore attraverso il colino.

 

4. Immergere nuovamente, mescolare e filtrare la soluzione una seconda volta.

Repite los 3 pasos anteriores
Ripeti i 3 passaggi precedenti

 

5. Far evaporare il solvente alcolico a bagnomaria. Aggiungi l’acqua sul fondo della pentola. Aggiungi la miscela verde scuro. Accendi il fuoco e inizia a riscaldare. Quando bolle, spegni e lascia che evapori da solo. Procedi e pulisci i lati con la spatola

Evapora el alcohol solvente en un baño de María
Mettere il composto a bagnomaria in modo che l’alcol evapori

 

6.  Quando si sarà rimasto solo un liquido verde scuro, il solvente sarà evaporato. Questo è il tuo olio al THC. Quando si raffredda, si addenserà.

Cuando veas solo que queda un líquido verde oscuro, el solvente estará evaporado
Il solvente sarà evaporato quando la miscela diventerà verde scuro.

 

7. Conserva l’olio nella siringa.

Guarda tu aceite en la jeringa
Conserva il tuo olio in una siringa per somministrazione orale.

 

 

 

⛳ Conclusioni

 

 

Abbiamo visto alcune procedure generali su come estrarre e produrre il THC a casa. È tempo che tu sperimenti da solo, ma è molto importante che tu capisca che le procedure o il sistema che usi non servono a niente se non hai una buona materia prima.

Affinché un esperimento abbia successo e desideri ripetere dei buoni risultati, è necessario che la tua cannabis abbia lo stesso fenotipo e sia stata seminata e raccolta nelle migliori condizioni.

Solo allora sarai in grado di estrarre un THC puro che può essere utilizzato per preparare ricette o oli medicinali.

E com’è andata con l’estrazione del THC? Saremo felicissimi di conoscere la tua esperienza al riguardo.

Se questo articolo ti è piaciuto, ci farebbe molto piacere condividerlo sui tuoi social network. Sicuramente servirà a qualcun altro e aiuterà molto il nostro sito web. Grazie!.

 

[Voti: 0   Media: 0/5]
Alan Martínez Benito
Alan Martínez Benito
CEO di Pev Grow, coltivatore esperto con più di 20 anni di esperienza. Continua a battersi senza sosta per la regolamentazione del settore della cannabis, particolarmente in campo medico.
See more posts

Lascia un commento