Come germinare semi in modo sicuro

Tempo di lettura 11 minuti
Proponiamo diversi metodi per germinare i semi di marijuana
Proponiamo diversi metodi per germinare i semi di marijuana

 

 

Oggigiorno si possono incontrare diversi metodi per far germinare i semi di marijuana in modo sicuro, ma la cosa principale da tenere in considerazione è la temperatura del luogo in cui germoglieranno, poiché la temperatura ambiente è ciò che garantirà il successo di un raccolto, dal momento che, per eccesso o per difetto, le tue varietà di marijuana possono soffrire per via delle variazioni: è meglio pertanto fornire un ambiente stabile, assicurando che i semi rimangano  tra i 26ºC e i 27ºC.

 

Per far germogliare i semi di marijuana in sicurezza, immergi i tuoi semi qualche ora prima e, in un tupper, adagia una base di tovaglioli umidi, senza che siano inzuppati, e stendici sopra i semi, coprendoli con altri tovaglioli umidi. Chiudi il contenitore e posizionalo su una fonte di calore non troppo alta, ad esempio un dispositivo elettronico, e che non riceva molta luce. Dopo uno o due giorni, quando vedi che le radici iniziano a spuntare, puoi trasferire con cura in un piccolo vaso.

 

Affinché la tua semina sia efficace, devi seguire una serie di passaggi: ovviamente, come per tutte le piante, devi fornire loro acqua, a cui puoi aggiungere acqua ossigenata che ha proprietà antifungine e aumenta l’apporto di ossigeno nell’acqua. Quindi devi decidere dove vuoi che avvenga la germinazione e assicurarti che l’ambiente e la temperatura del luogo siano corretti.

 

 

 

Come far germogliare i semi di marijuana facilmente a casa?

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

Un procedimento molto semplice ed utile, consiste nel mettere i semi in un bicchiere d’acqua e lasciarli riposare fino a quando non vedi che la radice inizia a fuoriuscire, quando questo accade e con molta cura, puoi trapiantarli senza introdurli molto in profondità nella terra, lasciando che vengano alla luce.

 

Come far germogliare i semi di marijuana nei propagatori?

 

  • -Esistono dei dischi di torba pressata dove i semi possono germogliare e rappresentano uno dei metodi più utilizzati.
  • -Per prima cosa bisogna inumidire i semi in acqua, meglio se imbottigliata, perché quella del rubinetto contiene calcare che può rovinare i semi, per poi lasciarli riposare in un luogo buio per 48-72 ore finché non mettono radici.
  • -Idratare i germinatori con acqua minerale e attendere che si gonfino, quindi fare un piccolo foro e inserire la radice, lasciando la testa del seme a filo.
  • -Mantenere i semi inumiditi, ad una temperatura compresa tra 21ºC e 23ºC e sotto una forte luce.
  • -Germinare i semi di marijuana in vaso è un altro dei metodi utilizzati per la germinazione delle radici, poiché provoca il fenomeno noto come gravitropismo il quale provoca non solo la crescita basipeta delle radici, accelerandone anche il ritmo, ma anche la crescita verso l’alto delle foglie della pianta.
  • -I semi devono essere messi a bagno per almeno 12 ore in modo che il guscio sia adeguatamente idratato e il terreno sterilizzato con substrati di qualità, come humus di verme.
  • -Occorre inserire un seme per vaso, in modo che non si intralcino l’uno con l’altro, inumidire il terreno ed introdurvi le radici. Lasciare i vasi in un luogo caldo e buio finché non inizia ad emergere la pianta; a quel punto si può metterla alla luce.
  • -Una pratica molto comune tra i Cannalovers è quella di conservare i semi di marijuana in una scatola di conservazione come la 00 Box, e poi dopo qualche tempo farli germogliare: sono quelli comunemente noti come “vecchia marijuana”, ma devi tenere a mente alcune cose prima di iniziare la coltivazione.
  • -Se sei stato attento quando hai conservato i semi, non dovresti avere alcun problema. Io uso sempre la 00 Box che, con il suo controllo dell’umidità, fornisce un habitat di conservazione imbattibile.
  • -Avrai anche più possibilità che germoglino se i semi non hanno più di un anno e mezzo: da quel momento infatti il guscio si indurisce e le probabilità che la radice esca precipitano.

 

Qual è il momento migliore per germinare i semi di marijuana?

 

Il momento migliore per far germogliare i semi di marijuana è la primavera. La temperatura è calda ma senza essere esagerata, evitando che le tue piante subiscano un eccesso di luce e calore che le può rovinare. Nonostante questo, se stiamo attenti, possiamo germinare i semi durante tutto l’arco dell’anno.

 

Tempo di germinazione dei semi di marijuana

 

Il tempo di germinazione dei semi di marijuana può essere più o meno veloce. Questo varia a seconda di molti aspetti: temperatura, ambiente, genetica ed età del seme, metodo utilizzato per la germinazione, umidità, luce, ecc.

I semi di marijuana possono impiegare a germogliare, tra 2 e 10 giorni, devi solo avere pazienza e controllare che le condizioni del seme siano adatte, ossia se è inumidito e in un luogo buio.

 

 

Quali sono i diversi modi per germinare? Qual’è il migliore?

 

Prima di tutto, ti farò una rassegna delle condizioni di base che dobbiamo soddisfare prima di iniziare a germinare i nostri semi di marijuana. La prima condizione da tenere in considerazione è fornire loro l’umidità, cioè l’acqua. Questa può provenire dal rubinetto purché la sua EC non superi 1; inoltre il suo PH dovrebbe avere un valore prossimo al 6, con una temperatura ideale di circa 22 gradi.

Successivamente dovrai scegliere il metodo con cui vuoi far germinare i tuoi semi, che può essere:

 

– Germinare i semi di marijuana usando Jiffy o Torba Pressata.

Sono pastiglie di torba disidratate e pressate che vanno lasciate in ammollo fino a diventare un sacchetto pieno di substrato. Sono disponibili in diverse dimensioni e anche realizzate con fibra di cocco anziché torba, e la loro caratteristica principale è che trattengono una grande quantità di acqua, cosicché durante la germinazione non dovrai annaffiare nuovamente.

 

– Germinare i semi di marijuana usando i cubetti di lana di roccia.

Se opti per la coltivazione idroponica, senza dubbio far germogliare i semi di marijuana in cubetti di lana di roccia è la tua migliore opzione, poiché non sporcano il sistema di coltivazione e i semi germinano molto rapidamente con questo metodo. Si asciuga molto rapidamente, quindi l’umidità dovrà essere costantemente monitorata.

 

– Germinare i semi di marijuana con i tovaglioli di carta.

Questo sistema è il più utilizzato da tutti per far germinare i semi di marijuana, soprattutto perché è il più economico e semplice. Consiste semplicemente nel posizionare la carta da cucina su un contenitore come un piatto e inumidirla, più carta da cucina metti, maggiore sarà l’umidità che tratterrà e meno dovrà essere idratata in seguito.

Una volta inumiditi, i semi vengono posti sopra e ricoperti con un altro piatto, lasciando uno spazio tra loro affinché ciascun seme possa respirare bene. Devi tenere conto che la carta non si deve seccare mai, quindi devi tenere monitorata l’umidità.

 

-Germinare i semi di marijuana con i cubetti di propagazione Rootit

I cubetti di propagazione della radice Rootit sono come piccole spugne che permettono al seme di radicare bene. Sono totalmente biodegradabili. Il loro utilizzo è simile a quelli in lana di roccia.

 

 

Come far germogliare i semi di marijuana nella terra?

 

La germinazione dei semi di marijuana nel terreno è il metodo più utilizzato dalla stragrande maggioranza dei coltivatori, specialmente tra quelli che non coltivano cannabis professionalmente. Ti darò una serie di suggerimenti e indicazioni in modo che tu possa germinare i tuoi semi di marijuana nella terra e avere successo, senza commettere errori.

 

  • Controlla il PH dell’acqua e del suolo, con dispositivi specifici per la misurazione del PH.
  • Prepara tutto il materiale prima di iniziare, non dimenticare nulla! Devi avere pronti tutti i fertilizzanti e i nutrienti di cui avrai bisogno.
  • Analizza il tuo clima e le caratteristiche dei tuoi semi: è molto importante che tu scelga bene. E soprattutto, devi conoscere perfettamente le caratteristiche del tuo seme, al fine di ottenere il miglior risultato possibile.

 

Se usi la madre terra per germinare i tuoi semi di marijuana, otterrai risultati migliori, e se li metti nella giusta zona del giardino dove ricevono le ore di luce di cui hanno bisogno per crescere forti e sani, otterrai una produttività molto più elevata.

 

El método más utilizado para germinar es la tierra
El método más utilizado para germinar es la tierra

 

Come germinare con la fibra di cocco?

 

La germinazione dei semi di marijuana con la fibra di cocco è molto efficace grazie alla capacità di ossigenazione del cocco, che aiuta molto nello sviluppo delle radici, permettendo di raggiungere un livello di germinazione del 90%. Andiamo passo passo:

 

  1. Tavora bene la fibra di cocco con le mani, in modo che non rimangano grumi, per poi riporla nel vaso dove andremo a germinare.
  2. Idrata molto bene la fibra di cocco, con acqua di qualità.
  3. Una volta ben idratata, pratica un buco di non più di 1 cm per posizionare il seme.
  4. Copri bene il seme e aggiungi qualche goccia d’acqua.

 

Ora semplicemente mantieni una buona idratazione e una temperatura stabile, lasciando che la natura faccia il suo corso. I vantaggi fondamentali del substrato di cocco sono che consentono una crescita delle radici maggiore rispetto a quella di altri tipi di substrato, e raccolgono l’umidità molto bene: i tuoi semi cresceranno e diventeranno piante più grandi e quindi con livelli di produttività più elevati.

 

¿Cómo germinar con jiffys?

 

La germinazione dei semi di marijuana con Jiffy è uno dei metodi più efficaci e con il più alto tasso di successo di tutti. I Jiffy, o torba pressata, sono dei germinatori che vengono introdotti in un contenitore ermetico e inumiditi fino a raggiungere la loro piena dimensione; quindi si fa un piccolo foro al centro e si introduce la radice del seme che in precedenza avremo messo a bagno per circa 24 ore in un bicchiere di acqua minerale, contenente un pH di 6,5 ad una temperatura di circa 20 gradi. Questo passaggio non è essenziale, ma aiuta molto in seguito a che il seme si apra più facilmente.

Quindi dobbiamo coprire il contenitore e lasciarlo riposare in un luogo buio al caldo.

Questo metodo è molto efficace e fornisce una maggiore quantità di semi che germinano correttamente.

 

I Jiffy o Torba Pressata trattengono una grande quantità di acqua
I Jiffy o Torba Pressata trattengono una grande quantità di acqua

 

Carta igienica, tovaglioli?

 

Senza dubbio, non sarà possibile germinare i semi di marijuana nella carta igienica, poiché la carta igienica è progettata per dissolversi a contatto con l’acqua e non intasare i tubi di casa, mentre la carta da cucina è progettata per assorbire la maggior quantità di acqua possibile, e questo è ciò che farà germogliare correttamente i tuoi semi di marijuana.

Ah, dimenticavo! Una cosa da tenere sempre a mente quando inizi la germinazione dei tuoi semi di marijuana con carta assorbente: metti il ​​30% in più dei semi che vuoi far germogliare, perché questi metodi non sono infallibili e alcuni potrebbero non germogliare.

 

Usiamo un tupper?

 

¡La respuesta es sí!, germinar semillas de marihuana en un tupper, te ayudará a conservar la humedad de las servilletas donde hemos colocado las semillas y además mantendrá a salvo en un ambiente donde la temperatura se puede controlar mucho mejor que si utilizas un plato. En invierno acuérdate que será ideal, si colocas el tupper encima de la tele o el TDT, y conseguirás una agradable temperatura interior de unos 20 grados.

 

Come germinare con l’alcool?

 

L’uso di alcool per far germogliare i semi di marijuana può far morire o bruciare i semi. Meglio è usare l’acqua ossigenata dove li immergeremo: questo fornirà ai semi più nutrienti e ossigeno e li aiuterà nella loro crescita.

 

Come germinare nel cotone?

 

La germinazione dei vostri semi di marijuana nel cotone ha un procedimento che è sostanzialmente lo stesso dei tovaglioli bagnati, l’unica differenza è che non è necessario coprire i semi con un altro strato di cotone inumidito. Così facendo, anche se sono in un contenitore chiuso, non è necessario aprirlo o rimuovere lo strato superiore per vedere se le radici delle nostre piante hanno iniziato ad emergere, il che è decisamente preferibile quando si tratta di germinare.

 

Germinare con la luce o senza luce?

 

Per far germogliare i tuoi semi di marijuana, è necessario che siano al buio, e solo una volta che le radici hanno iniziato a germogliare, è tempo di terminare il processo di germinazione posizionando le tue piante sotto la luce del sole o sotto i faretti della tua coltivazione indoor; fino ad allora la piantagione deve rimanere in un contenitore chiuso e coperto e in un luogo buio e umido.

 

Per germinare i tuoi semi di marijuana questi devono rimanere al buio
Per germinare i tuoi semi di marijuana questi devono rimanere al buio

 

Come germinare con l’acqua?

 

Un altro metodo per germinare i tuoi semi di marijuana è usare un bicchiere d’acqua, che è molto più comodo e facile da maneggiare rispetto alla germinazione in un piatto. Bisogna metterlo in un luogo caldo e buio tra i 20-22 gradi, regolando il PH dell’acqua tra 6.0 e 6.5 e poi aggiungere i semi. Dovresti cambiare l’acqua ogni 24 ore o aggiungere una goccia di acqua ossigenata per evitare che marcisca.

Durante il processo di germinazione iniziale dei tuoi semi di marijuana in acqua, questi galleggeranno, ma non appena inizieranno ad aprirsi tra le 24 e le 72 ore, cadranno sul fondo. Una volta che le radici sono comparse, togli il cotone o i tovaglioli dall’acqua e pianta i semi nel vaso a una profondità da 0,5 a 1 cm.

Ricorda che per far germogliare i tuoi semi di marijuana nell’acqua, devi usare acqua minerale, anche se puoi anche usare l’acqua del rubinetto qualora nella tua zona soddisfi i requisiti di PH; io comunque, per qualità, preferisco l’acqua minerale.

 

Perché usare l’acqua ossigenata?

 

L’uso dell’acqua ossigenata nel processo di germinazione dei semi di cannabis ha ampiamente dimostrato i vantaggi che sto per descriverti. In primo luogo, nel caso di optare per una germinazione dei vostri semi con acqua, aggiungere una goccia di acqua ossigenata impedirà all’acqua di marcire o di doverla cambiare ogni 24 ore. Inoltre elimina funghi e batteri grazie alle sue proprietà antifungine, se scegli di utilizzare l’acqua del rubinetto.

 

L'aggiunta di una goccia di acqua ossigenata elimina funghi e batteri
L’aggiunta di una goccia di acqua ossigenata elimina funghi e batteri

 

 

🚀  Come germinare con le autofiorenti?

 

I semi autofiorenti sono le varietà più coltivate oggigiorno, soprattutto grazie ai brevi periodi di fioritura, che fanno gioco forza contro le loro sorelle femminizzate, in un’epoca in cui la velocità e il tempo dominano le nostre vite, questi semi stanno assumendo una notevole importante.

Il loro processo di germinazione è identico a quello dei semi femminizzati o regolari, quindi non dovrai fare nulla di diverso.

 

C’è differenza in base al ceppo?

 

La germinazione dei semi di marijuana è la stessa indipendentemente dalla varietà: solo il periodo di germinazione di ciascun ceppo varierà, ma i processi o metodi di germinazione sono universali, sebbene alcuni di essi, come abbiamo visto sopra, siano particolarmente indicati per alcune tipologie di colture, perché è lì che ottengono la massima resa.

 

Come posso utilizzare il calendario lunare per far germogliare i miei semi?

 

Per migliaia di anni l’essere umano, ha utilizzato le diverse fasi lunari per l’agricoltura, e oggi il calendario lunare è molto importante per poter ottenere le migliori prestazioni possibili dalle proprie piante di cannabis.

In base alla posizione della luna, le sue fasi possono esercitare una forza diversa in molti aspetti della vita, comprese le colture di marijuana e tutti i loro stadi, a partire dalla germinazione dei semi.

La fase lunare ideale per far germinare i tuoi semi di marijuana secondo il calendario lunare è la fase crescente. In questa fase la luna aumenta la potenza dei suoi raggi, a cui le piante rispondono con un aumento del fogliame e delle radici. La fine di questa fase è quella perfetta per far germogliare i tuoi semi, quindi inizierai a piantarli il primo giorno di luna piena.

Abbiamo un’applicazione per il calendario lunare che puoi scaricare QUI. Con essa potrai sapere qual è il momento migliore per germinare e svolgere qualsiasi azione relativa alla tua coltivazione.

 

 

Cosa fare se i miei semi non germogliano?

 

Se i tuoi semi non germogliano, questo può essere il risultato di diverse azioni eseguite male, come ad esempio quando i semi sono eccessivamente bagnati o la temperatura rimane al di sopra o al di sotto di quanto necessario. Può anche essere che i semi utilizzati non siano pronti per la semina. Quando si verificano questi casi, dobbiamo ricominciare da capo, con altri semi.

Ricorda che se li acquisti su PEV Grow, garantiamo la germinazione (maggiori informazioni qui). Nel caso in cui non germoglino e tu abbia utilizzato un metodo idoneo, è sufficiente restituirceli con il contenitore originale e provvederemo a sostituirli immediatamente

 

 

Cosa fare dopo la germinazione?

 

Quando la tua pianta di marijuana è già germogliata, devi trasferirla alla coltivazione. Sii paziente, perché durante la prima settimana non vedrai praticamente alcun progresso, ma da quel momento in poi gli eventi saliranno alle stelle a una velocità folle..

 

C’è una differenza tra inverno ed estate?

 

Ovviamente sì, germinare i tuoi semi di marijuana in estate è la cosa più logica da fare, soprattutto se si opta per una coltura outdoor, poiché i semi di marijuana devono avere un clima caldo e una buona dose di luce solare, per poter crescere forti e vigorosi

È sempre più consigliabile iniziare a piantare bene in primavera, avendosi temperature ideali perché i semi possano prendere piede e offrire il loro sviluppo migliore.

C’è anche la possibilità di germinare i tuoi semi di marijuana in inverno, ma per questo sono necessarie le serre; in alternativa durante questo periodo puoi scegliere di coltivare i tuoi semi di marijuana in colture indoor.

 

 

 

👾 Conclusione

 

Tutti questi strumenti per la radicazione possono essere acquistati nel tuo Grow Shop di fiducia e permetterti così di provare per vedere quale metodo funziona meglio per te personalmente; come anticipato, abbiamo descritto alcune delle modalità di germinazione dei semi di cannabis ma, come si dice in giro, “ogni campanile suona le proprie campane”…!

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social e te ne sarò davvero grato! Che la nostra  Comunità continui a crescere!

Anche nei commenti puoi condividere opinioni e dubbi a cui i nostri esperti di cannabis saranno felici di rispondere. Forza, coltiviamo Cannalovers!

 

Alan Martínez Benito
Alan Martínez Benito
CEO di Pev Grow, coltivatore esperto con più di 20 anni di esperienza. Continua a battersi senza sosta per la regolamentazione del settore della cannabis, particolarmente in campo medico.
See more posts

Lascia un commento