Come identificare una coltura di funghi contaminata

Tempo di lettura 7 minuti

 

Immagine di funghi umanizzati e una mano con una lente d'ingrandimento che cerca di identificare il problema
Immagine di funghi umanizzati e una mano con una lente d’ingrandimento che cerca di identificare il problema

 

La coltivazione domestica dei funghi magici è un’attività semplice, se si tiene conto di alcuni fattori, in particolare l’igiene e la sicurezza. Quando un pane di funghi è contaminato, perdiamo tempo, denaro e a volte anche l’illusione di produrre i nostri enteogeni.

Per imparare ad identificare la contaminazione durante la coltivazione dei funghi, è importante conoscere le fasi che attraversa, poiché ci sono fasi critiche in cui è più facile prendere le infezioni. In questo articolo vedremo le più comuni, e come evitare la loro visita alle nostre colture. Siete interessati? Bene, non perdiamo altro tempo.

 

 

📖 Perché le colture di funghi magici si contaminan?

 

 

Ci sono diverse ragioni per cui possono contaminarsi, la principale è che li coltiviamo artificialmente. Questo significa che in natura c’è un equilibrio tra batteri, funghi e altri organismi e microrganismi, ma per produrre funghi magici in casa è necessario preparare l’ambiente, il che provoca uno squilibrio biologico, e possibili infezioni.

Quando sterilizziamo un substrato lo lasciamo pulito dai contaminanti, ma l’assenza di altri agenti fa sì che il primo che entra nell’ambiente si sviluppi senza competizione, cosa che non avviene in natura grazie all’equilibrio tra le specie.

La contaminazione può arrivare attraverso l’aria, l’acqua, gli strumenti utilizzati, i nostri vestiti, ecc. Qualsiasi agente esterno che entra nel mezzo di coltura può rappresentare una minaccia, per cui è essenziale effettuare un’adeguata disinfezione e sterilizzazione. L’igiene e la cura nel maneggiare il pane di funghi è fondamentale, oltre a tenerlo lontano da animali domestici e da altri vettori contaminanti.

 

immagine di un micelio contaminato dalla muffa in un fungo magico fatto in casa*
immagine di un micelio contaminato dalla muffa in un fungo magico fatto in casa*

 

 

📲 Cosa fare quando una coltura di funghi allucinogeni è contaminata?

 

La prima cosa da fare è sbarazzarsene, in primo luogo perché non produrrà più nulla di utilizzabile, e in secondo luogo perché può contaminare altre colture. I kit di funghi che vendiamo in Pevgrow sono perfettamente sterilizzati, quindi è difficile che si contaminino, ma se lo fanno è meglio metterli in un sacchetto della spazzatura e gettarli nel contenitore apposito.

Se si dispone di più tupper o contenitori di coltura nello stesso spazio, l’infezione può passare dall’uno all’altro. Se si è in dubbio che alcuni di questi si siano contaminati, è meglio rimuoverli con cautela il prima possibile, in modo che non si diffonda ad altri. Se non siete sicuri di una possibile contaminazione nel mezzo di coltura dei funghi magici, potete inviarci una foto, cercheremo di aiutarvi il prima possibile.

 

 

✅ Quali sono le contaminazioni più frequenti nelle colture di funghi magici?

 

 

Gli agenti contaminanti più frequenti possono essere suddivisi in 3 gruppi, funghi, batteri e insetti, essendo i funghi più frequenti.

I funghi si diffondono formando reti di ife, una sorta di piccoli fili, e rappresentano la più alta percentuale di contaminazione durante la coltivazione di funghi da interno. Questo è normale, perché i funghi sono funghi, e quando prepariamo il loro mezzo di coltura ideale, stiamo fondamentalmente facilitando l’apparizione di questi esseri.

I batteri, invece, possono essere evitati in larga misura con una buona sterilizzazione del substrato, quindi di solito non contaminano la coltura di funghi allucinogeni se si sta attenti.

I parassiti degli insetti, come i batteri, con una corretta sterilizzazione e igiene possono essere evitati in larga misura.

I kit di coltura di funghi vengono sterilizzati e preparati, quindi non dovrebbero esserci problemi di contaminazione. Ma quando si coltivano diverse colture (Flush) è possibile averli, quindi è importante essere attenti e preparati

 

 

🎯 Contaminazione più comune dei pani di funghi magici

 

La muffa verde (fungo) è l’infezione più comune, il pane di funghi diventa verde e una schiuma bianca di solito appare sulla parte superiore. Quando questo si verifica di solito è dovuto ad un’infezione da Trichoderma Harzianum, anche se i sintomi sono molto simili a quelli di Aspergillus e Penicillium. All’inizio appare una muffa simile al micelio, ma quando rilascia le spore diventa verde e si diffonde rapidamente in tutto il substrato. È così difficile da eliminare che non vale la pena di combatterlo, quindi si consiglia di rimuovere il tupper dal raccolto non appena si vede una qualsiasi area verde, in quanto è facile che si diffonda attraverso le sue spore. Una cattiva igiene, mosche o una sterilizzazione insufficiente possono essere la causa della comparsa di questi inquinanti durante la colonizzazione o la fruttificazione della coltura di funghi magici.

 

Foto che mostra l'infezione da Trichoderma Harzianum su agar*
Foto che mostra l’infezione da Trichoderma Harzianum su agar*

 

Il Cobweb è un altro fungo che spesso distrugge i raccolti, in primo luogo perché non è facile da identificare se non si è esperti, ma anche per la rapidità con cui si diffonde. È simile al micelio, anche se di colore più grigio, da cui la difficoltà di individuarlo da parte dei consumatori inesperti nella produzione di funghi da autoconsumo. Forma filamenti più sottili del micelio, e può diffondersi su tutto il substrato in un giorno o 2. Normalmente compare in colture con umidità relativa eccessivamente elevata, ma può anche svilupparsi a causa di una scarsa ventilazione.

 

Picture of a Cobweb-type contamination*
Picture of a Cobweb-type contamination*

 

Overlay is a fungal strain that looks like mycelium, but has a more cottony texture. It usually comes out because of high temperature and too low humidity and, if you don’t stop it, it will colonize the whole substrate. To stop its development is as easy as disinfecting a sharp knife and removing the affected area. Then, the remaining part should be sprayed with a solution of water + oxygenated water.

 

Immagine di una contaminazione di tipo Cobweb
Immagine di una contaminazione di tipo Cobweb*

 

 

👾 Altre contaminazioni nelle colture di funghi psicoattivi

 

Quando prepariamo noi stessi il substrato per far crescere i funghi magici, è necessaria una buona sterilizzazione. Anche quando la facciamo correttamente, possiamo avere problemi con le infezioni, abbiamo visto prima che a volte la contaminazione arriva alla cultura da qualche agente esterno, quindi è importante conoscere bene il nostro nemico.

I bacilli sono batteri che di solito compaiono nei contenitori di grano, questo perché le loro endospore possono sopravvivere alle alte temperature. Si presentano sotto forma di bava grigia, che inumidisce il substrato ed è caratterizzato da un forte odore di marcio. Per evitarne la comparsa è necessario immergere il substrato per 12 o 24 ore a temperatura ambiente, prima della sterilizzazione. In questo modo le endospore germoglieranno e moriranno durante la sterilizzazione.

 

Immagine di una contaminazione da Bacillus in un substrato di grano
Immagine di una contaminazione da Bacillus in un substrato di grano*

 

Lo Pseudomonas Tolaasii appare come una macchia gialla sopra o sotto il cappello del fungo, ed è anche noto come “macchia batterica“. Di solito escono a causa di un eccesso di umidità o di scarsa ventilazione dopo l’irrigazione. Per rimuovere questo fungo contaminante, è meglio preparare una soluzione di ipoclorito di calcio (Cloro) e abbassare l’umidità, perchè se applicato e continua ad esserci umidità elevata, i batteri si riprodurranno più velocemente di quanto agirà il Cloro.

 

Immagine del danno causato dal batterio Pseudomona in uno psilocybe*
Immagine del danno causato dal batterio Pseudomona in uno psilocybe*

 

La muffa rosa è un fungo, noto anche come Neurospora, e di solito appare su substrati di grano o polimeri di tipo agar. È in grado di diffondersi da un contenitore all’altro anche quando è chiuso, e la sua crescita è molto veloce, quindi al primo sintomo si raccomanda di rimuovere il contenitore o il tupper contaminato. Si tratta di un fungo letale e molto difficile da eliminare, e se si è così sfortunati da soffrirne, si consiglia di disinfettare tutti gli utensili, i contenitori, le macchine per la frutta, ecc. prima di usarli di nuovo.

L’aspergillo è un tipo di fungo molto comune nelle colture di funghi magici, come appare di solito su substrati di grano, compost, agar, ecc. Può essere nero, grigio, blu, giallo o verde, e quest’ultimo può essere facilmente confuso con il Penicillium. Alcune specie di Aspergillus producono una tossina epatocarcinogena che può essere fatale, quindi si raccomanda di maneggiare con la dovuta cura le contaminazioni.

 

Immagine di Aspergillus che cresce su agar*
Immagine di Aspergillus che cresce su agar*

 

Il penicillium è un altro tipo di fungo che può apparire durante la colonizzazione o la fruttificazione di funghi magici. È facile da rilevare perché produce una muffa verde/blu, anche se può essere confuso con l’Aspergillus. Le sue spore sono costantemente nell’aria, quindi è un vero problema per micologi e dilettanti nella coltivazione di funghi fatti in casa.

 

Immagine del fungo Penicillium in pieno sviluppo*
Immagine del fungo Penicillium in pieno sviluppo*

 

 

Il Verticillium è un fungo che può attaccare in diversi stadi di coltivazione e, a seconda del momento, le sue conseguenze possono essere viste in un modo o nell’altro. Se l’infezione arriva durante la formazione dei primordi, può causare molti danni, con gravi malformazioni incurabili. Se arriva in un momento più avanzato, possono apparire macchie di forma circolare nei funghi, di colore grigio o marrone, e deformazioni come la base più larga o il cappello attorcigliato

 

Immagine di funghi affetti dal fungo Verticilium
Immagine di funghi affetti dal fungo Verticilium*

 

Gli acari sono insetti che di solito si trovano in natura nel compost, nella paglia o in altri substrati per la coltivazione dei funghi. Molti sono benefici e non causano alcun danno ai nostri psilocybe, ma ce ne sono altri che possono essere fatali. Il Tarsonemide è un microscopico acaro marrone che si nutre di ife, causando macchie rossastre alla base dei funghi. Gli acari del genere Tyrophagus si nutrono di resti organici, sono di colore traslucido e causano danni agli steli e ai cappelli dei funghi. Il Pygmephorus spesso avverte della presenza del Trichoderma, poiché questo acaro si nutre di muffa e può contribuire alla diffusione di un’infezione. Hanno un aspetto appiattito e si riproducono molto rapidamente.

 

Immagine di acari appoggiati sul cappello di un fungo
Immagine di acari appoggiati sul cappello di un fungo*

 

Le mosche fungine che possono creare contaminazioni durante la coltivazione di funghi allucinogeni sono 3, Sciaridae, Lycoriella e Megaselia. Sono piccoli insetti che di solito non superano i 0,3 cm e sono di colore scuro. Le loro larve sono di colore più chiaro e di dimensioni dimezzate rispetto all’adulto, si nutrono di micelio e possono trasmettere malattie come Cobweb, Mycogone o Verticillium

 

Immagine di una mosca Sciaridae sul cappello di un fungo*
Immagine di una mosca Sciaridae sul cappello di un fungo*

 

I nematodi possono anche causare problemi di contaminazione durante la formazione di funghi e sono presenti nella maggior parte dei substrati agricoli. Attaccano il micelio, diventando scuri e causando la malformazione dei funghi, o inibendo direttamente la loro crescita, quindi possono essere estremamente fastidiosi.

 

Immagine microscopica di un nematode afelenoide
Immagine microscopica di un nematode afelenoide*

 

 

🧐 Conclusioni

 

La contaminazione deriva sempre da una cattiva disinfezione o sterilizzazione del terreno di coltura e degli utensili. Anche una cattiva manipolazione può influire negativamente, o possiamo anche noi stessi a fungere da vettori di trasmissione delle infezioni. Da Pevgrow raccomandiamo sempre un’estrema pulizia quando si maneggia il kit per la coltura dei funghi, ma se avete dei dubbi siamo qui per aiutarvi.

Se vi è piaciuto l’articolo vi saremmo grati se lo condivideste sui vostri social network, a volte aiutiamo gli altri utenti semplicemente condividendo le informazioni.

 

[Voti: 0   Media: 0/5]
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
See more posts

Lascia un commento