Come usare l’olio di neem nella coltivazione della marijuana

Tempo di lettura 11 minuti

 

Neem oil is one of those basic products that should not be missing in your grow staff
L’olio di neem è uno di quei prodotti base che non dovrebbero mai mancare tra i tuoi strumenti di coltivazione

 

Se sei uno di quelli che vuole coltivare le tue piante di marijuana nel modo più naturale possibile, l’ olio di neem è uno di quei prodotti base che non dovrebbero mancare tra i tuoi strumenti di coltivazione. Oggi parliamo della sua origine, delle proprietà e degli utilizzi per eliminare i parassiti più comuni e tante altre curiosità di questo prodotto che si estrae dall’albero che dà il nome all’olio, l’albero di Neem.

Lo so. Sono sicuro che hai sentito parlare molte volte dell’olio di Neem, in caso contrario probabilmente, non ti saresti fermato a leggere questo articolo. Ma sono anche convinto che, sebbene tu sappia alcune cose su di lui, non le sappia proprio tutte…..altrimenti non staresti nemmeno leggendo. Non mi sbaglio, vero?

 

 

Una breve introduzione preliminare

 

Certo, non pretendo che questo articolo sia un’enciclopedia o la grande guida sull’olio di Neem, ma vorrei approfittare delle seguenti righe per condividere con voi tutte le cose o, almeno, molti degli aspetti che, nel corso degli anni ho imparato a conoscere sull’olio di Neem: tutti i benefici che il suo utilizzo porta alle colture e, in particolare, alla marijuana, che è ciò che ci interessa in questo momento. Non è così?

 

Bene, sarò lieto, come dicevo, di fare un breve tour con te sull’olio di neem e quindi rispondere a domande di base quali “cos’è l’olio di Neem”, “quali sono le sue proprietà” o “come si usa l’Olio di Neem”, ma cercherò anche di rispondere a quelle domande che molti di voi ci pongono, tipo “come viene prodotto l’olio di Neem”,” dove acquistarlo “,” quanto costa “o” quali altri usi può avere questo prodotto”.

 

Ti va di fare questo viaggio con me? Mi piacerà farlo insieme, ma mi piacerà ancor di più se alla fine di questo viaggio mi dirai non solo cosa pensi, ma anche se hai qualcosa da aggiungere o correggere. Perché è chiaro che ci sono sempre notizie che sfuggono e sarò ben felice di conoscerle, anche perché è possibile che sorgano dubbi ai quali non ho dato risposta. Allora iniziamo? Andiamo con le basi.

 

 

Cos’è l’olio di Neem? Origini e proprietà

 

Questo olio di cui si sente tanto parlare, soprattutto tra coloro che sono favorevoli a coltivare le proprie piante in modo ecologico o biologico, deve il suo nome all’albero specifico da cui viene estratto, l’albero del Neem, originario dell’India, sebbene oggi sia anche coltivato in altri paesi con climi simili, cioè tropicali e subtropicali.

In questo senso, sono molti i paesi dell’America Latina dove troveremo questo albero, che è anche conosciuto dall’altra parte dell’Atlantico come Margosa o Lila India. La Birmania, oltre all’India come dicevamo prima, è un’altra delle regioni del mondo dove è possibile vedere crescere questo tipo di albero, che, in genere, raggiunge solitamente i 15 o 20 metri di altezza, anche se in rare occasioni può raggiungere 35-40 metri di altezza.

Quando fiorisce, i suoi fiori sono di un bel colore bianco e il suo frutto ha la forma di un’oliva, ma un pò più allungata (può raggiungere i 28 mm di lunghezza e 15 mm di larghezza). Il suo colore è giallastro e il suo sapore dolce, ma non è molto piacevole in bocca, almeno non quando è allo stato puro. Quindi, se ti stavi chiedendo che sapore avesse l’olio di Neem, ti appena dato una risposta.

 

 

Neem tree
L’albero di Neem

 

E, ora che abbiamo maggiori informazioni sull’albero dell’olio di Neem, dobbiamo ancora sapere da dove proviene, anche se ti ho appena dato un suggerimento. Infatti, questo prodotto naturale è ottenuto dai frutti e dai semi dell’albero. Il suo utilizzo più comune è in agricoltura, ma non è l’unico. Troveremo anche l’olio di Neem nella medicina alternativa, così come nei cosmetici o in altri settori che vedremo più avanti.

Ma come si estrae l’olio di Neem? Ci sono due modi principali per farlo:

 

-Spremere e macinare i semi di questo albero insieme alle sue foglie. Un processo che può essere fatto a caldo o a freddo. Si dice che sia il metodo più efficace affinché l’olio mantenga tutte le sue proprietà, specialmente se fatto a caldo. Questo quindi sarebbe l’olio più puro.

-Per estrazione con solvente (solventi organici industriali) da semi e frutti. La qualità finale risulta più bassa rispetto al primo metodo citato e si utilizza normalmente nella produzione di saponi.

Da questa estrazione c’è un sottoprodotto noto come torta di Neem. Da PevGrow, infatti, abbiamo questo prodotto in polvere, il suo utilizzo è ideale in agricoltura biologica come base per il controllo preventivo e la proliferazione di insetti responsabili di attacchi parassitari nella coltivazione della cannabis. Inoltre, questo prodotto non lascia residui sulle colture trattate, quindi il suo utilizzo è molto sicuro.

 

 

Neem powder ECO
Neem Cake Organik ECO in polvere

 

Tornando all’olio di Neem puro. Uno dei modi per identificarlo è in primo luogo il suo colore marrone (la tonalità può variare tra quella più vicina al giallo o all’arancio e quella che ha toni più scuri) e poi il suo aroma forte. In effetti, gli esperti dicono che odora di arachidi e aglio.  Mix divertente, giusto?

Sebbene sia vero che lo si utilizza nei suoi paesi di origine fra i rimedi della medicina tradizionale, sono diversi gli studi che ne sconsigliano l’ingestione: infatti non è un prodotto per il consumo umano ma bensì un prodotto fitosanitario, a causa di elementi contenuti nella sua composizione che partecipano alla sua azione pesticida.

 

L’olio di neem per consumo umano o cosmetico non contiene gli stessi elementi, nella sua composizione, dello speciale olio fitosanitario per uso agricolo.

 

In ogni caso, in questo momento ciò che ci interessa di più è il suo utilizzo per la nostra coltivazione di marijuana: quindi non dobbiamo preoccuparci del suo aroma sgradevole, poiché non influenzerà la qualità del sapore del nostro raccolto, se il Neem viene usato correttamente, rispettando la data di scadenza.

 

Ebbene sì, l’olio di Neem è l’ideale per prendersi cura delle nostre coltIvazioni, principalmente perché ci aiuta a prevenire e trattare molti parassiti della cannabis, agendo come repellente naturale nel caso in cui l’infestazione non si sia ancora verificata e come insetticida naturale, nel caso in cui non siamo stati in grado di prevenirla.

 

Ma ciò che è veramente ottimo è che il suo utilizzo corretto non influisce su persone o animali, quindi può essere utilizzato sia in coltIvazioni di cannabis indoor che outdoor, evitando, come dicevamo, la comparsa o la diffusione di parassiti, in particolare insetti come mosche bianche, afidi, cocciniglie, bruchi, minatori di foglie, tripidi o acari, tra gli altri, e possono anche prevenire l’insorgenza di alcuni tipi di funghi patogeni che attaccano la cannabis quali oidio, botrite, alternaria. Si consiglia di miscelare olio di neem puro con sapone di potassio o bicarbonato di sodio per promuovere l’azione fungicida.

Come dicevo, l’olio di Neem è stato utilizzato per secoli, principalmente in agricoltura, ma nel suo paese di origine è utilizzato anche nella medicina tradizionale e nell’Ayurveda. Ma  sebbene non ci siano molti studi sulle caratteristiche di questo olio, le sue proprietà principali sono note: è ricco di Omega 3, 6 e 9. In particolare, è associato a proprietà antisettiche, antiparassitarie e antielmintiche. Allo stesso modo, è noto che una delle proprietà principali del frutto da cui si estrae questo olio è quella di essere purgante.

Ma anche, parlando in termini più scientifici, ci risultano molto interessanti se comprendiamo i benefici del suo utilizzo nella nostra coltivazione di marijuana, dato che il neem contiene più di 50 tetranortriterpenoidi. Fra i più conosciuti e abbondanti l’Azadiractina, che esercita un’azione emetica (provoca il vomito e inibisce l’alimentazione) sull’insetto invasore della nostra coltivazione.

E’ che l’olio di Neem, a differenza di altri insetticidi industriali, non uccide direttamente gli insetti o i parassiti che cercano di invadere le nostre coltivazioni, ma impedisce agli insetti di nutrirsi riducendo le possibilità che possano riprodursi, quindi finalmente o muoiono o scompaiono. Questo impedisce la diffusione dei parassiti, senza dimenticare che se stanno cercando di raggiungere la nostra coltivazione già trattata con olio di neem, l’odore di questo olio li respingerà. E tutto ciò essendo un prodotto naturale al 100% e senza rischi per la salute. Cosa si può volere di più!

 

Sono diversi gli studi e, soprattutto, i coltivatori di marijuana, che hanno concluso che l’utilizzo di questo prodotto naturale, oltre ad essere utilizzato come insetticida, migliora anche la salute delle piante di marijuana, rafforzandone la resistenza e le difese naturali.

 

Infografica dell’olio di neem

 

Infografica dell’olio di neem
Infografica dell’olio di neem

 

 

Come si usa l’olio di Neem?

 

In questo caso, ci sono due modi principali: irrorazione diretta e irrigazione del substrato. Il primo è il più utilizzato e, in generale, il più efficace, ma è vero che il secondo è più efficace nei casi di parassiti specifici, quali la mosca del suolo. Ma andiamo per gradi. Ora ci concentreremo sulla spruzzatura.

 

Come spruzzare l’olio di Neem?

Pressure sprayer Previa 2 Liters
Pressure sprayer Previa 2 Liters

 

Molto facile; avrete bisogno di uno spruzzatore, ad esempio questo vaporizzatore a pressione da 2 litri, acqua, olio di Neem (parleremo di alcuni prodotti specifici più avanti) e sapone di potassio (o bicarbonato di sodio).

 

Perché usare il sapone di potassio per l’olio di Neem?

 

Molto facile; Come ben sapete l’acqua e l’olio non si mescolano bene, quindi per farli mescolare dobbiamo utilizzare un prodotto che, senza danneggiare la nostra pianta, ci aiuti a farlo e il sapone di potassio (un insetticida naturale di per sé) è il meglio che si possa trovare, inoltre aumenta il pH, che favorisce l’azione fungicida e insetticida.

E qui di nuovo ti chiederai. Perché? Perché il sapone di potassio, come l’olio di Neem, è un insetticida naturale al 100%, che oltre ad aiutarci a sciogliere il suddetto prodotto in acqua,  agisce anche direttamente contro alcuni tipi di parassiti, a differenza dell’olio, che agisce molto più lentamente. Pertanto, avremo un prodotto naturale al 100% e molto più efficace.

 

Tipo di irrorazione da eseguire

 

Bene, ora che hai tutto il materiale, il prossimo passo da tenere in considerazione è il tipo di irrorazione che andremo ad utilizzare o, meglio, l’obiettivo che vogliamo raggiungere con l’utilizzo dell’olio di Neem sulla nostra pianta. Questi obiettivi si dividono in tr:

  • Bagnatura (uso preparativo iniziale per conoscere la tolleranza della pianta), cioè per far beneficiare la nostra pianta delle proprietà di questo prodotto. In questo caso, e a meno che il prodotto che avete non indichi diversamente, dovete utilizzare: 2 ml di olio, per ogni litro di acqua, oltre al sapone di potassio ovviamente. Spruzzerai ogni 12 o 14 giorni. Il prodotto verrà assorbito dalla pianta, esercitando una minima azione sistemica, aiutando il suo sistema difensivo.
  • Preventivo, come suggerisce il nome, per evitare possibili parassiti. In questo caso la proporzione è di 4 ml di olio per ogni litro d’acqua e va nebulizzato ogni 10 giorni. Nonostante il fatto che l’irrorazione implichi sempre il contatto con il parassita, in questo caso aumentiamo la dose per rafforzare l’azione preventiva del prodotto, tenendo conto che le piante lo tollerano perfettamente.
  • Insetticida, nel caso in cui hai percepito che la tua pianta abbia già insetti o funghi e vuoi combatterli, devi mescolare 8 ml di olio per ogni litro d’acqua e spruzzare ogni 7 giorni, anche se a seconda del tipo di parassita che è, dovrai farlo ogni 3 o 4 giorni.

 

Se hai già il prodotto e sei molto chiaro sull’uso che vuoi farne, i passaggi da seguire per irrorare la tua pianta sono i seguenti.

 

  1. Pulire le piante, se possibile, manualmente, per eliminare il maggior numero possibile di insetti o uovae.
  2. Spruzza la pianta da tutte le angolazioni, sia superiore che laterale e non dimenticare la parte inferiore delle foglie (lato inferiore), che è ciò che molti dimenticano quando si spruzza, ottenendo risultati che non si aspettavano, ovviamente. Idealmente, va fatto foglia per foglia e va spruzzata su entrambi i lati. Assicurati che non ci siano foglie che ne coprono altre e che vengano tutte ben impregnate. Se necessario, eseguire un secondo ciclo di spruzzatura.
  3. Ripetere l’operazione almeno 1 o 2 volte nei successivi 15 giorni, fino a quando non saremo sicuri di aver eliminato il parassita che stava danneggiando il nostro raccolto.

 

Oltre a questi tre punti, altri suggerimenti da tenere a mente quando si spruzza la nostra pianta di marijuana con olio di neem sono i seguenti:

 

-Mantenere la ventilazione diretta verso le piante (in colture indoor), in modo da evitare la creazione di sacche di condensa tra le foglie. Quest’aria renderà anche difficile per gli invasori continuare a deporre le uova. Ovviamente, mentre irrorate le foglie spegnete i ventilatori per un’ora o due, fino a quando le foglie saranno ben ricoperte di questa miscela.

 

-Quando spruzzate, agitate costantemente lo spruzzatore, in modo da assicurarvi che la miscela sia sempre ben omogenea.

 

-Se puoi, fai l’operazione di irrorazione quando c’è poca luce, cioè di notte o molto presto al mattino.

 

-Sebbene non sia tossico, NON irrorare MAI le cime in una fase avanzata di fioritura, nel caso la tua pianta sia in quella fase, poiché l’olio di Neem potrebbe alterare il sapore delle stesse oltre ad avere un effetto negativo sul tricomi.

 

-Consigliamo inoltre, se hai mobili a cui sei affezionato vicino alle piante o qualcosa che non vuoi macchiare, di rimuoverlo, perché con l’irrorazione le particelle potrebbero cadere su tali oggetti.

 

 

E se volessi annaffiare perché hai un’infestazione da mosche del suolo?

 

In tal caso va messo sulle radici della pianta e la miscela agirà da insetticida sistemico, cioè la pianta assorbe il Neem e lo accumula nei tessuti della pianta, quindi in questo modo il trattamento è diretto o per contatto, su tutti quegli insetti o funghi che proliferano nel substrato. In questi casi, si consiglia generalmente di aumentare la dose, ma dipenderà da ciascun fornitore. La cosa migliore è che dai un’occhiata agli importi che indicano. Se stai per annaffiare, sarà sufficiente ripetere l’operazione dopo 3 o 4 settimane. Durante questo periodo sarà molto importante che tu guardi bene le tue piante, in modo da notare che c’è un miglioramento e non il contrario.

 

Nel caso in cui i parassiti siano i tripidi

 

Gli esperti raccomandano di svolgere entrambe le attività: irrigazione e irrorazione. Quindi, se quest’ultimo è il tuo caso …forza!

 

A proposito, non ne abbiamo discusso finora, ma …lo sapevi che l’olio di Neem può trattare le infestazioni di fino a 200 tipi di insetti e funghi diversi? Non c’è male!

 

Conosci l’albero di Neem un pò più da vicino con questo video

 

Come fare l’olio di Neem in casa?

 

Sai già che da Pev Grow amiamo essere dei tuttofare, ma dato che in questo caso abbiamo prodotti completamente naturali per semplificarti la vita già nel nostro catalogo, ci soffermeremo solo un attimo su questo punto.

 

Di cosa avrai bisogno?

 

Un mortaio, semi dell’albero di Neem e acqua

 

I passaggi da seguire sono questi:

 

Mettete i semi nel mortaio e schiacciateli. A poco a poco vedremo che si crea una sorta di amalgama appiccicoso a cui aggiungeremo olio d’oliva, o se preferite, paraffina liquida (scelta più economica) in piccole quantità. Vedrai tu stesso se vorrai che sia più o meno spessa. Così semplice!

 

Ma ovviamente, dove trovare i semi?

 

Ti consigliamo di essere molto più pratico e di acquistare uno dei prodotti che abbiamo nel nostro negozio. Quanto costa l’olio di Neem? Niente in confronto a quanto ti aiuta, tra i 12 ei 15 euro circa. Da PevGrow ti offriamo l’Olio di Neem per parassiti e funghi di AgroBeta, che contiene i 3 agenti attivi più potenti e abbondanti dei semi dell’albero di cui sopra: Azadiractina, Nimbina e Salanina. È 100% Bio.

 

Neem Oil
Parassiti e funghi dell’olio di neem

 

Se questo non ti convince, abbiamo anche l’olio di Neem biologico al 100% della Organik. Agisce come repellente ed è efficace contro tutti i tipi di acari, tripidi, cocciniglie e coleotteri. Dato che il prodotto precedente è piuttosto preventivo, questo è ideale per eliminare i parassiti.

 

Neem Oil 100% Organic
Olio di neem biologico al 100%

 

In entrambi i casi, e affinché il prodotto possa dissolversi bene in acqua, sai che l’uso del sapone di potassio è sempre una buona cosa. Qui ti proponiamo anche due prodotti: il Sapone Concentrato di Potassio Organik, un prodotto unico che oltre ad essere insetticida, aiuterà anche le vostre piante a crescere più forti e sane.

 

Concentrated Potassium Soap
Sapone Concentrato Di Potassio

 

Da parte sua, il THC Plant Clean Potassium Soap è ideale per pulire le tue piante.

 

Potassium Soap Plant Clean THC
Potassio Soap Plant Clean THC

 

Altri usi dell’olio di Neem

 

Come dicevamo all’inizio, l’uso principale dell’olio di Neem è in agricoltura, ma viene utilizzato anche in alcuni paesi (soprattutto in India o in quelli dove cresce questo albero):

 

-Topicamente contro l’orticaria
-Topicamente per trattare l’eczema della pelle.
-In India e Bangladesh viene utilizzato per realizzare prodotti cosmetici per creme per capelli, corpo e mani, oltre che come per sapone per le mani o per lavare i vestiti) anche In Europa ci sono estratti di Neem utilizzati nei cosmetici.
-Nella medicina ayurvedica è utilizzato anche per abbassare la febbre e l’infiammazione.
-Come spermicida (per uso vaginale).

 

 

Conclusioni

 

Come hai visto, l’olio di Neem ha molteplici utilizzi, ma per quanto ci riguarda, ovvero le nostre piante di marijuana, la cosa più importante è che sia un prodotto 100% naturale ed efficace che non danneggia le nostre piante, Piuttosto, è un rinforzo naturale per il suo sistema difensivo contro funghi e insetti, oltre a fungere da biocida da contatto, ed è un prodotto molto economico e di facile utilizzo.

E ora che sai tutto questo, oserai usarlo? L’hai mai fatto? Ha funzionato per te? Hai qualche consiglio da condividere in merito? Domande da risolvere e a cui non abbiamo risposto? Ci piacerebbe avere tue notizie!

 

By Noelia Jiménez, PevGrow Team

[Voti: 0   Media: 0/5]
Alan Martínez Benito
Alan Martínez Benito
CEO di Pev Grow, coltivatore esperto con più di 20 anni di esperienza. Continua a battersi senza sosta per la regolamentazione del settore della cannabis, particolarmente in campo medico.
See more posts

Lascia un commento