Diagnosticare le malattie nelle piante di cannabis

560
SHARES
Tempo di lettura 13 minuti

 

Diagnosticare le malattie nelle piante di cannabis
Diagnosticare le malattie nelle piante di cannabis

 

Cosa sta succedendo al mio impianto? Questa è una delle domande che ci vengono poste più spesso, ed è che durante la coltivazione della cannabis possono verificarsi alcuni problemi che devono essere prevenuti o corretti in modo che causino il minor danno possibile. In Pevgrow vogliamo che i nostri clienti e amici ottengano sempre i migliori risultati, e per questo motivo abbiamo deciso di creare questo articolo in cui esamineremo i problemi che di solito si presentano e il modo migliore per risolverli.

 

 

⭐ Carenze, eccessi e blocchi dei macroelementi

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

I macroelementi sono 3, azoto, fosforo e potassio, e sono quelli di cui le piante hanno bisogno in grande quantità per tutta la loro vita. Sono elementi mobili, il che significa che quando mancano per formare nuovi germogli, le piante prelevano questi nutrienti dalle riserve delle foglie più vecchie, quindi sono proprio queste a mostrare il problema.

Quando la marijuana è carente di uno qualsiasi di questi nutrienti, si dice che ne manchi, e lo dimostra in un certo modo che deve essere conosciuto in modo che il problema non si accentui. Se le carenze di questi elementi non vengono corrette, la pianta non potrà svilupparsi completamente e la sua produzione può diminuire drasticamente, quindi bisogna saperle riconoscere il prima possibile e agire di conseguenza, quindi andremo a vedere ognuno di loro in dettaglio. individuale.

 

Carenza di azoto

Se le foglie inferiori della pianta iniziano a perdere il loro colore verde intenso, è molto probabile che ci sia una carenza di azoto. Questo problema è più probabile che si verifichi durante la crescita vegetativa e la pre-fioritura che durante la fioritura o la maturazione delle gemme. L’usura della lama è uniforme normalmente, dall’esterno verso l’interno, anche se a volte possono comparire delle macchie, come se fosse appassita, al punto che se non viene corretta finisce per staccarsi.

*Immagine di una foglia che mostra segni di carenza di azoto
*Immagine di una foglia che mostra segni di carenza di azoto

 

Perché si verifica una carenza di azoto?

Può essere per vari motivi, perché ha meno disponibilità di questo nutriente del necessario, perché il PH è inadeguato e non può assimilarlo, oppure perché c’è un eccesso di sali o altro elemento che causa il blocco dell’azoto. Potrebbe anche essere dovuto a un fattore secondario, come un problema nel sistema radicale o una mancata corrispondenza dei parametri ambientali.

Se coltivi in ​​terra, arriverà il momento in cui la pianta consumerà tutte le riserve di azoto del substrato, e da quel momento in poi dovrai trapiantare o dare il cibo mescolato all’acqua di irrigazione. È importante che la soluzione nutritiva per l’irrigazione abbia un pH di circa 6,0 in modo che l’azoto sia assimilabile il prima possibile.

 

Eccesso di azoto

L’eccesso di azoto si verifica quando diamo alla pianta più di questo elemento di quello che può assimilare, e provoca una tossicità che le piante mostrano con un colore più scuro delle foglie e piegando sotto forma di artigli le punte delle foglioline. In alcuni casi si possono generare bruciature anche sulla punta delle foglie, che diventano molto dure e con diverse sfumature di colore.

Un eccesso di azoto può essere anche peggio di una mancanza, perché le piante interrompono il loro sviluppo e se non viene corretto possono anche morire. Se si verifica questo problema, la cosa migliore che puoi fare è lavare le radici in modo che parte dell’azoto venga lisciviato e rimanga nelle quantità necessarie.

*Immagine di una pianta di cannabis affetta da azoto in eccesso
*Immagine di una pianta di cannabis affetta da azoto in eccesso

 

Blocco dell’azoto

Tra i nutrienti di cui le piante hanno bisogno ci sono compatibilità che possono creare una sinergia positiva, così come ci sono incompatibilità che possono causare problemi, sono gli elementi antagonisti, e devi fare attenzione fuori per loro.

Un eccesso di potassio nel terreno può comportare una scarsa assimilazione o un blocco diretto dell’azoto e, se non agiamo rapidamente, il problema aumenterà. Se usi acqua dolce, regolando il PH, e tieni conto della quantità di cibo che contiene il substrato, è difficile soffrire di blocco dell’azoto, ma se una di queste varianti fallisce e non riconosci il problema, la cosa più normale è che pensi che la pianta manchi di azoto e aumenti la dose, creando un problema maggiore in alcuni casi.

 

Carenza di fosforo

Un’altra carenza che si manifesta nelle foglie più basse e più vecchie delle piante, poiché è un elemento mobile. In questo caso, invece di impallidire o ingiallire, le foglie possono assumere sfumature bluastre e macchie o segni di usura sulla loro superficie. Un altro sintomo che si verifica spesso con carenza di fosforo è che i piccioli che uniscono le foglie al tronco diventano scuri, viola o rossi.

*Immagine di una foglia di marijuana che mostra una carenza di fosforo
*Immagine di una foglia di marijuana che mostra una carenza di fosforo

 

Perché compare una carenza di fosforo?

La mancanza di questo elemento nelle colture di marijuana si verifica solitamente durante la fase di fioritura, cioè quando la pianta ne ha bisogno in maggiore quantità. Come per l’azoto, la carenza di fosforo può verificarsi a causa della sua mancanza di disponibilità, di un pH errato della soluzione nutritiva o del substrato, o di un eccesso di sali causato dall’irrigazione con acqua molto dura o da troppo fertilizzante.

 

Eccesso di fosforo

Le conseguenze di un eccesso di fosforo possono essere molto gravi perché, tra le altre cose, diminuisce l’assorbimento di altri nutrienti come ferro o zinco, tra gli altri. Uno dei sintomi più visibili è che le foglie diventano molto scure e iniziano ad apparire macchie, screziature o motivi a mosaico, che sono i segni del blocco dei nutrienti che provoca.

*Immagine di una pianta di marijuana con accentuato eccesso di fosforo
*Immagine di una pianta di marijuana con accentuato eccesso di fosforo

 

Blocco del fosforo

La carenza di fosforo causata dal blocco di altri nutrienti di solito non compare nelle colture di cannabis, ma a volte il blocco si verifica per altri motivi. Terreni molto compatti, poco ventilati, e con un basso contenuto di sostanza organica possono causare problemi di assimilazione del fosforo. Anche la bassa temperatura ambiente, l’umidità relativa o troppo bassa o alta possono influenzare l’assorbimento di questo elemento, ai parassiti o come problemi alle radici.

 

Carenza di potassio

Il potassio è il secondo elemento più importante tra tutti coloro che sono coinvolti nella dieta della cannabis, e per questo motivo la sua mancanza, eccesso o blocco può portare a una grande perdita della produzione totale. Quando una pianta è carente di potassio, si può vedere chiaramente nelle sue foglie inferiori, che iniziano a ingiallire dai bordi verso l’interno, mantenendo le parti centrali verdi dove i nervi sono.

Questo problema può manifestarsi in qualsiasi fase della coltura, ma ha conseguenze peggiori quando si manifesta durante la fase di fioritura, poiché una delle funzioni del potassio è quella di compattare le cime, quindi oltre a vedere le foglie colpite potrai controlla come rallenta il tasso di ingrasso dei fiori.

*Immagine di una foglia di marijuana con carenza di potassio
*Immagine di una foglia di marijuana con carenza di potassio

 

Perché compare una carenza di potassio?

Può insorgere per diverse ragioni, dovute alla sua mancanza di disponibilità, a causa di un PH inadeguato, di acqua di irrigazione troppo dura, oa causa di un eccesso di azoto. Quando appare in crescita può essere dovuto ad un PH errato o ad un eccesso di N, ma in fioritura è più comune che sia dovuto alla mancanza di sufficiente disponibilità.

 

Eccesso di potassio

Il problema più grande causato dall’eccesso di potassio è il blocco di parte dell’azoto, del magnesio e di alcuni microelementi, ed è anche difficile da identificare perché spesso viene confuso con altre carenze. Fortunatamente, non è uno dei problemi più comuni della cannabis e, se ne soffri, può essere facilmente risolto con un lavaggio delle radici.

 

Potassio bloccante

I cationi ammonio (azoto) e potassio sono monovalenti, quindi c’è un effetto antagonista tra le loro forme ioniche Cosa significa questo? Ebbene, più ce n’è uno, peggiore sarà l’assimilazione dell’altro. Questo può essere un problema durante la coltivazione, perché possiamo confondere il blocco con una carenza e aggiungere più fertilizzante, accentuando ancora di più il problema.

 

 

⛳ Calcio, magnesio e zolfo, gli elementi secondari

 

Dopo i macroelementi, gli elementi secondari sono quelli di cui le piante necessitano in maggior quantità durante tutta la coltura. Dei 3, calcio e magnesio sono i più importanti, determinanti per il perfetto sviluppo delle piante e devono sempre mantenere un equilibrio tra i due.

 

Carenza, eccesso e blocco di calcio

Nelle colture outdoor nel suolo madre, non è molto comune, perché il calcio è solitamente presente in grandi quantità nel suolo. Ma nelle idroponiche, aeroponiche o persino in fibra di cocco è abbastanza comune, oltre alle colture su terreni dove viene irrigata con acqua dolce o osmosi.

La carenza di calcio si manifesta nei germogli superiori, poiché è un elemento immobile e la pianta non può trasportarlo. Si può notare come le nuove foglie escano deformate, più piccole del solito, e con un colore più chiaro o giallastro. Questa carenza può essere corretta aggiungendo calcio come monoelemento, mescolando acqua del rubinetto con acqua di osmosi nelle irrigazioni successive, o aggiungendo una soluzione di calcio/magnesio come Calmag di Biobizz, Canna o Atami. La cosa migliore è che utilizzi uno di questi prodotti commerciali che hanno una distribuzione equa tra calcio e magnesio, ricorda che entrambi gli elementi devono essere sempre mantenuti in equilibrio. L’eccesso di calcio si manifesta come una mancanza di altri nutrienti come magnesio, potassio, ferro e manganese, anche se i più evidenti sono solitamente i primi 2.

*Immagine di una foglia di marijuana con carenza di calcio*
*Immagine di una foglia di marijuana con carenza di calcio*

 

Carenza, eccesso e blocco di magnesio

La carenza di magnesio è una delle più tipiche nelle colture di cannabis e questo elemento intermedio è richiesto in grandi quantità e ci sono diversi fattori che possono impedirne il corretto assorbimento. Uno dei motivi per cui si crea una carenza di magnesio è dovuto ad un PH inadeguato, ma in molte occasioni il problema deriva dall’eccessiva umidità o dalla bassa temperatura del supporto.

Il magnesio è un elemento mobile nella pianta, quindi può essere trasportato dalle riserve delle foglie ai nuovi germogli. La mancanza di questo elemento si manifesta nelle foglie più vecchie, solitamente nella parte centrale e inferiore della pianta, che iniziano a ingiallire tra i nervi e in alcuni casi i bordi sono ripiegati.

Un eccesso di magnesio provoca una tossicità che può ridurre notevolmente la produzione complessiva se non trattata in tempo, ma porta anche al blocco di altri nutrienti come il calcio. Per fortuna di solito non si presenta molto spesso, e anche la soluzione è facile, poiché il magnesio si trascina facilmente per lisciviazione, quindi con un leggero lavaggio delle radici si risolve.

Il blocco del magnesio di solito appare normalmente a causa dell’eccesso di calcio, specialmente nelle colture dove vengono irrigate con acqua di rubinetto. In misura minore può essere causato da un eccesso di potassio o idrogeno causato anche, ma utilizzando substrato e fertilizzanti specifici per la cannabis è difficile causare il blocco.

*Immagine di una foglia di marijuana con carenza di magnesio*
*Immagine di una foglia di marijuana con carenza di magnesio*

 

Carenza, eccesso e blocco di zolfo

All’interno degli elementi intermedi o secondari essenziali per lo sviluppo delle piante di marijuana, lo zolfo è quello di cui hanno meno bisogno, ma è importante conoscerne il comportamento per non avere problemi o squilibri nutrizionali. Lo zolfo è un elemento semimobile, il che significa che ha una certa mobilità nelle piante ma dipende da diversi fattori.

Quando compare la carenza di zolfo per eccesso di azoto, la si nota nelle foglie più recenti, che nascono con toni più chiari o giallastri, molto simili alla carenza di ferro. Quando invece si manifesta la mancanza di zolfo per una generale carenza di nutrienti, si verifica solitamente nelle foglie più vecchie, anche se questo è meno comune. In entrambi i casi uno dei sintomi più probabili è un rallentamento del tasso di sviluppo.

Un eccesso di zolfo provoca uno sviluppo abnorme delle piante, che formano foglie più piccole, alquanto deformate, con colori più vivi e più scure nelle parti centrali, e con margini giallastri. Normalmente questo eccesso di solito non ha gravi conseguenze, a patto che la CE non sia troppo alta.

Il blocco dello zolfo di solito compare per un pH non corretto o per un eccesso di calcio, ma in questo caso è perché entrambi sono precipitati e si forma un gesso residuo, che impedisce l’assorbimento di entrambi gli elementi. Questo problema è più comune nelle colture idroponiche ed è uno dei motivi per cui alcuni fertilizzanti vengono solitamente offerti separatamente in 2 parti, A + B.

*Immagine di una pianta di marijuana con mancanza di zolfo*
*Immagine di una pianta di marijuana con mancanza di zolfo*

 

 

✨ Carenze, eccessi e blocchi di microelementi nelle colture di marijuana

 

I microelementi o micronutrienti sono quei nutrienti di cui la pianta ha bisogno in misura minore rispetto ai macroelementi. Ciò non significa che non siano importanti, poiché hanno funzioni base per il perfetto sviluppo in tutte le fasi della coltura. Fortunatamente, utilizzando terriccio e prodotti commerciali speciali per la cannabis e regolando il PH dell’irrigazione, è difficile che si manifestino problemi di carenza, eccesso o blocco di micronutrienti, quindi consigliamo sempre di investire in marchi affidabili.

 

Carenza, eccesso e blocco di ferro

Il ferro è un elemento immobile nelle piante ed è anche difficile da assorbire perché richiede un PH inferiore a 6,5, quindi è facile che si verifichino problemi di assimilazione del ferro nelle colture di cannabis. Questo nutriente è molto importante perché è coinvolto nel trasporto di elettroni e nella gestione degli zuccheri, oltre ad avere funzioni vitali nella fotosintesi e in altri processi.

Quando le piante soffrono di carenza di ferro, lo manifestano con un progressivo ingiallimento delle foglie più giovani, dal centro ai bordi. Per fortuna questo problema si può correggere facilmente spruzzando ferro chelato se vi capita durante la fase di crescita, oppure annaffiando con un fertilizzante monoelemento ricco di ferro se vi capita durante la fioritura. Controlla il PH per assicurarti che sia inferiore a 6,5, che è il modo migliore per le piante di assorbire il ferro. Gli eccessi di ferro sono rari nelle colture di marijuana e appare con una colorazione marrone o ramata nelle foglie. Se pensi che le tue piante abbiano un eccesso di ferro, puoi risolverlo facilmente con un lavaggio delle radici.

*Immagine di una pianta di marijuana con carenza di ferro*
*Immagine di una pianta di marijuana con carenza di ferro*

 

Carenza, eccesso e blocco di zinco

Lo zinco è essenziale per la formazione degli ormoni della crescita come le auxine e aiuta a creare la clorofilla, che è essenziale per svolgere la fotosintesi. Quando una pianta soffre di carenza di zinco, il suo sviluppo rallenta e la clorosi si manifesta nelle foglie più giovani sotto forma di bruciature ai bordi delle foglie . Può anche causare una crescita deforme o anormale di nuove foglie e in alcuni casi la distanza tra i nodi viene drasticamente ridotta.

La carenza di zinco è solitamente causata da un eccesso di altri nutrienti, quindi il modo più interessante per risolvere questo problema è con un buon lavaggio delle radici. Un altro modo per ovviare a questa carenza è applicare un fertilizzante monoelemento ricco di zinco, spruzzato durante la fase di crescita, oppure irrigato se si è già nel ciclo di fioritura. L’eccesso di zinco è molto raro nelle colture di cannabis, ma quando si verifica può essere un problema serio che può portare alla morte delle piante. Se sospetti che possano avere un eccesso di questo microelemento, ti consiglio di fare un lavaggio radicale urgente, aggiungendo enzimi all’acqua per aiutare a sciogliere i sali accumulati.

Primo stadio di carenza di zinco in una pianta di marijuana
Primo stadio di carenza di zinco in una pianta di marijuana
Pianta di marijuana con uno stadio avanzato di carenza di zinco Carenza
Pianta di marijuana con uno stadio avanzato di carenza di zinco Carenza

 

Carenza, eccesso e blocco di manganese

Il manganese partecipa a vari processi enzimatici e fotosintetici vitali per le piante di marijuana e funge anche da una difesa contro situazioni di stress idrico, eccesso di sali o mancanza di ossigeno. Tuttavia, viene consumato in piccole quantità e normalmente non deve mancare nelle colture normali, anche se è importante conoscerne i sintomi in modo che i problemi non si aggravino.

I primi segni di una carenza di manganese possono essere visti come una diminuzione della velocità di crescita o fioritura, che può interrompersi completamente se non trattata in tempo. Si può osservare anche uno sviluppo anomalo delle foglie più giovani, che si diffonde gradualmente al resto delle foglie della pianta. Un eccesso di manganese provoca ossidazione sulle foglie che possono essere viste come macchie arancioni che assumono una tonalità brunastra con l’avanzare del problema, e normalmente causa carenza per blocco di ferro e zinco, ma questo è facilmente risolvibile con un lavaggio delle radici.

*Immagine di una pianta di marijuana con carenza di manganese*
*Immagine di una pianta di marijuana con carenza di manganese*

 

 

Carenza, eccesso e blocco di boro

Il boro è un microelemento vitale per le piante perché, insieme al calcio, è responsabile della produzione e del rafforzamento delle pareti cellulari, oltre ad agire nella gestione degli zuccheri e carboidrati tra le altre cose. Altre funzioni del boro sono il metabolismo dell’azoto, è coinvolto nella produzione di alcune proteine ​​e ormoni e aiuta nella formazione di infiorescenze che finiranno per diventare grandi gemme.

La carenza di boro è rara nelle colture di cannabis e di solito compare quando c’è una mancanza di irrigazione o un’umidità ambientale troppo bassa, sebbene possa anche essere causata da un blocco causato dall’eccesso di sali accumulati nel substrato. La prima cosa che si nota è un rallentamento del ritmo di sviluppo delle piante, ma il più visibile è una crescita anormale dei germogli, che compaiono con macchie verde chiaro o bruciature in alcune zone. Anche l’eccesso di boro non è molto comune nelle colture di marijuana e i segni sono simili ad altre tossicità nutrizionali, come punte o bordi delle foglie bruciati. Se non viene curata in tempo, la necrosi avanza al centro della foglia, asciugandosi completamente e facendola cadere, ma devi sapere che questo problema si risolve facilmente con un buon lavaggio radicale.

*Immagine di una pianta di marijuana con carenza di boro*
*Immagine di una pianta di marijuana con carenza di boro*

 

Carenza, eccesso e blocco di molibdeno

Il molibdeno è il micronutriente meno utilizzato dalle piante, ma ciò non significa che sia irrilevante, poiché è necessario trasformare il fosforo e l’azoto in elementi assimilabili, in oltre a partecipare alla sintesi degli aminoacidi. È uno dei pochi microelementi mobili presenti nelle piante, e normalmente nelle colture normali il molibdeno non è solitamente carente, ma è importante conoscere i sintomi della sua carenza affinché il problema non causi perdite di produzione.

Essendo un nutriente mobile, la carenza di molibdeno si manifesta nelle foglie più vecchie e in quelle nella parte centrale della pianta, e bisogna prestare attenzione perché è facile confonderla con una carenza di magnesio o azoto. Se vedete che le vecchie foglie nella parte centrale della pianta iniziano a ingiallire attorno ai bordi, probabilmente soffrono di carenza di molibdeno, soprattutto se vedete comparire delle macchie rosa o arancioni. Un eccesso di molibdeno provoca carenza di ferro blocking, ed è evidenziato da un forte ingiallimento delle foglie dei nuovi germogli. Il blocco del molibdeno è molto raro nelle colture di cannabis, poiché è necessario in proporzioni molto basse.

*Immagine di una pianta di marijuana con carenza di molibdeno*
*Immagine di una pianta di marijuana con carenza di molibdeno*

 

Mancanza, eccesso e blocco di rame

Come con il molibdeno, il rame è un micronutriente che è appena richiesto nelle colture di cannabis, ma svolge alcune importanti missioni speciali. Questo elemento è essenziale per lo svolgimento di numerosi processi fotosintetici, favorisce l’attività enzimatica ed esalta l’aroma, il sapore e il colore delle cime. Un’altra importante funzione del rame è la protezione dell’apparato radicale dall’attacco dei funghi, motivo per cui viene utilizzato sia come fungicida nelle colture indoor che outdoor.

Il rame è immobile nelle piante, quindi la sua carenza si manifesta nelle foglie di nuovi germogli, che nascono di un colore più chiaro, con alcune deformazioni, epossono comparire macchie nere in alcune zone. Questa carenza è simile a quella del calcio, quindi bisogna fare attenzione a non confonderla. Se ti capita, puoi spruzzare sulle foglie un fungicida ricco di rame, sempre a luci spente nelle coltivazioni indoor, o al tramonto nelle colture outdoor. L’eccesso di rame di solito non si verifica con la marijuana, ma se sospetti che le tue piante ne possano soffrire, è meglio irrigare con abbondante acqua per correggerlo.

*Immagine di una foglia di marijuana con carenza di rame*
*Immagine di una foglia di marijuana con carenza di rame*

 

Carenza, eccesso e blocco di cloro

Il cloro svolge diverse importanti funzioni nelle piante di cannabis, poiché attiva enzimi come l’amilasi o l’asparagina sintetasi, tra gli altri. Insieme al potassio, il cloro agisce sull’apertura e chiusura degli stomi, interviene quindi nella regolazione della traspirazione e dell’umidità interna. Il cloro è altamente mobile in alcune colture e viene rapidamente trasportato in aree con attività fisiologica, ma nel caso della cannabis di solito non è così, quindi si comporta come un elemento immobile.

Per questo motivo la mancanza di cloro si rileva nelle foglie nuove o più giovani, dove compaiono punte o bordi bruciati, che acquistano toni abbronzati o pallidi. Se al momento di fare un trapianto vedete che le radici hanno punte molto spesse, è possibile che abbiano una carenza di cloro, soprattutto se dopo il trapianto la pianta cresce molto lentamente. Gli eccessi di cloro si verificano solitamente nelle colture dove vengono irrigate con acqua di rubinetto molto dura, e i segni hanno a che fare con l’accumulo di sali che provoca, poiché suppone il blocco dell’assorbimento di molti altri nutrienti. Per risolvere facilmente questo problema, puoi lavare le radici con acqua distillata o di osmosi.

 

 

👾 Sintesi dell’ eccesso e della carenza nella coltivazione della marijuana

 

Eccesso di nutrienti e carenze nella cannabis
Eccesso di nutrienti e carenze nella cannabis

 

 

🎯 Come evitare malattie nelle nostre piante

 

Come evitare malattie nelle nostre piante
Come evitare malattie nelle nostre piante

 

 

✅ Conclusione

 

In questo articolo abbiamo cercato di darvi alcuni consigli, per identificare i principali problemi della vostra pianta, ma soprattutto per cercare di prevenire eventuali futuri problemi nella vostra coltivazione indoor o outdoor.

Se la vostra pianta inizia a mostrare foglie gialle, siamo sicuri che si tratta di un problema minore che sarete in grado di risolvere in modo semplice, seguendo anche i nostro consigli, proposti in questo e altri post.

Speriamo che sia stato di vostro gradimento, non esitate a condividere le vostre esperienze con noi, saremo più che lieti di ascoltarle e imparare sempre nuove cose relative alla nostra dolce medicina.

 

Per ulteriori informazioni, visitate il nostro sito Web.
Ci vediamo presto

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 8 Media: 3.9]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content