Come essiccare la marijuana e fare una concia perfetta

Tempo di lettura 7 minuti

 

Passaggi da seguire per essiccare e conciare la marijuana
Passaggi da seguire per essiccare e conciare la marijuana

 

Arriviamo alla raccolta delle piante di cannabis e pensiamo che tutto il lavoro sia fatto, ma in realtà manca una parte molto importante. In questo post spieghiamo come essiccare le cime di marijuana per ottenere una consistenza, un sapore e una potenza di prima classe, ovvero una essiccazione e concia della marijuana perfetta.

 

 

⭐ Essiccazione della marijuana In cosa consiste?

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

La cannabis fresca contiene più del 70% di umidità, come con la maggior parte delle verdure, ma normalmente viene consumata fumata o vaporizzata, quindi l’essiccazione è essenziale per consumarla. Nel processo di essiccazione della marijuana, le gemme perdono umidità fino a raggiungere un contenuto che può variare dal 20% al 30%, ma anche la clorofilla che contengono viene persa o trasformata in modo che una volta consumate non abbiano un cattivo sapore.

È molto importante mantenere condizioni ambientali accettabili in modo che la marijuana non sia troppo secca e soprattutto che non contenga più umidità di quanto dovrebbe, poiché ciò potrebbe causare la comparsa di funghi sulle nostre cime. L’essiccazione della cannabis deve essere al buio e piuttosto lenta, soprattutto nell’ultima parte del processo, nella fase nota come concia della marijuana, ma lo vedremo più avanti.

 

 

⛳ Come tagliare ed essiccare la marijuana

 

Molti nuovi clienti ci chiedono come essiccare la marijuana, e questo è qualcosa che può essere fatto in diversi modi, ognuno con i suoi vantaggi e svantaggi. Alcuni coltivatori, soprattutto negli USA e in sempre più luoghi, tagliano le piante al tronco e le appendono a testa in giù senza togliere le foglie. Questo è qualcosa che dicono sia migliore perché i boccioli sono protetti dalle foglie e l’essiccazione è più lenta e più omogenea. Il problema è che poi bisogna togliere le foglie secche, e in quello stato l’erba rilascia una parte della resina con il minimo colpo, quindi bisogna stare molto attenti.

Altre persone preferiscono tagliare i rami delle piante, rimuovere tutte le foglie e poi appenderle a testa in giù, così sta benissimo anche lei. Ci sono anche persone che tagliano i boccioli uno per uno, tagliano le foglie e poi li mettono su una rete di asciugatura, che occupa meno spazio ma non ha un bell’aspetto come negli altri metodi. Quello che devi prendere in considerazione prima di tagliare ed essiccare la marijuana, è che i suoi tricomi sono maturati abbastanza e il substrato si è asciugato il più possibile, quindi devi solo decidere se preferisci appendere i boccioli o asciugarli.

 

 

✨ Dove essiccare la marijuana?

 

Attualmente ci sono armadi per l’essiccazione della marijuana che sono stati realizzati appositamente per questa missione, poiché sono simili agli armadietti per la coltivazione ma molto più ventilati. In questi armadietti puoi appendere una rete di asciugatura che viene fissata alle barre di metallo dal soffitto e contengono ripiani o scomparti per posizionare lì le gemme durante la loro asciugatura. La cosa migliore è che mantengono l’oscurità, hanno l’estrazione dell’aria e puoi mettere un filtro a carbone in modo che non si senta odore alcun all’esterno, e quando sono chiusi puoi mettere un piccolo deumidificatore per regolare l’umidità nei parametri che vogliamo.

Hai anche la possibilità di acquistare un kit di asciugatura completo, che contiene un armadio, filtro a carbone, aspiratore, schermo di asciugatura, deumidificatore, lente di ingrandimento per guardare i tricomi e forbici per raccogliere, cioè tutto ciò di cui potresti aver bisogno. Se non hai spazio a casa per installare un grande essiccatore, gli armadietti per l’asciugatura possono essere un’ottima soluzione per te.

 

Kit di raccolta e asciugatura

 

Kit di raccolta e asciugatura

Kit per essiccare la marijuana nel modo più ottimale, si sa che è inutile avere raccolto erba di prima classe se la stagionatura e l’essiccazione non è fatta come si tocca …

Componenti Kit di raccolta ed essiccazione:
-1 Cultibox Armadio luminoso 100 X 100 X 200 cm.
-1 maglia rotonda da 90 cm per appendere.
-1 Mini deumidificatore VDL.
-1 Forbici di precisione Punta dritta.
-1 Microscopio Lumagny 30X.
-1 Filtro antiodore Odor-Sock bocca 100/300mm (225m3/h).
-1 Cornwall Helical In-Line Extractor 100m.

Più informazioni
Kit di raccolta e asciugatura

 

 

Essiccare la marijuana in scatole di cartone

Non è il modo più consigliato, tranne se si utilizza una grande scatola di cartone per realizzare un essiccatore con delle corde all’interno. Il cartone lascia passare una piccola parte dell’aria, quindi può essere una buona opzione per l’ultima parte dell’essiccazione o della cura dell’erba, ma dal nostro punto di vista non per l’essiccazione delle piante appena tagliate.

 

Boccioli di marijuana essiccati in barattoli di vetro

Ancor meno che nelle scatole di cartone, perché il vetro non lascia passare direttamente l’aria, quindi l’umidità si concentra e può portare a perdite di raccolto dovute a funghi. I barattoli di vetro ermetici sono speciali per curare la cannabis, ma non per asciugarla.

 

Essiccare le piante di marijuana all’esterno

Ci sono persone che seccano le piante all’aperto, soprattutto coltivatori guerriglieri che non possono trasportare il raccolto in altri luoghi. Anche questo non è raccomandato, poiché siamo esposti alle condizioni atmosferiche ed è molto facile che compaiano funghi o altri agenti patogeni quando si sta all’aperto.

 

 

🚀 Temperatura e umidità durante l’essiccazione della marijuana

 

Più alta è la temperatura, più velocemente l’erba si asciuga, ma anche più terpeni, terpenoidi e flavonoidi, le molecole responsabili dell’aroma e del sapore, evaporano, quindi la marijuana sarebbe di qualità inferiore. La temperatura ideale per essiccare la marijuana è tra i 15º C e i 20º Ce, se ne hai la possibilità, la cosa migliore è che la prima settimana di essiccazione sia più vicina ai 20º C e da lì abbassala a 15º C o 16º C per il resto del tempo.

Qualcosa di simile accade con l’umidità relativa dell’aria, più bassa è, più veloce sarà il processo, ma questo può far sì che una parte della clorofilla rimanga nell’erba, e non è quello che vogliamo. L’umidità ideale per l’essiccazione della marijuana è del 60% -70% durante la prima settimana, e per il resto dell’essiccazione e della stagionatura sarebbe meglio abbassarla al 50% -60% e mantenerla stabile fino al consumo. In molti casi, la marijuana dovrà essere essiccata con un deumidificatore, poiché in alcune regioni è impossibile mantenere l’umidità entro parametri accettabili altrimenti.

 

Fattori importanti da tenere in considerazione per una corretta essiccazione della nostra erba
Fattori importanti da tenere in considerazione per una corretta essiccazione della nostra erba

 

 

✅ Quanto tempo si lascia asciugare la marijuana?

 

Ciò dipende direttamente dalla temperatura e dall’umidità dell’ambiente durante l’essiccazione e dalla quantità di acqua che contengono le gemme, poiché non sono tutte uguali. Anche la morfologia stessa della gemma può influire, poiché le gemme sativa aerate si seccano prima di quelle più dense e compatte, perché l’aria non interessa solo la parte esterna.

Quindi quanto tempo impiega la marijuana ad asciugarsi? Come regola generale, se le condizioni sono più o meno corrette, si può dire che il tempo normale per l’essiccazione della marijuana è compreso tra 10 e 15 giorni, meno di questo sarebbe troppo veloce, ma in alcuni casi potrebbe volerci più di 15 giorni.

 

 

🔥 Come sapere quando l’erba si è seccata?

 

Un buon modo per controllare l’essiccazione della marijuana è con la rigidità dei suoi steli, poiché quando è fresca sono molto flessibili, ma quando si asciuga perdono flessibilità e iniziano ad essere molto rigidi. Più sono fini, meglio è, quindi migliori sono i piccioli delle foglie che sono attaccati ai fiori.

 

 

🎯 Quando curare la marijuana?

 

Se mantieni i corretti parametri ambientali, puoi iniziare a testare la rigidità dei piccioli dal decimo giorno di essiccazione, se piegandoli scricchiolano e si spezzano, è il momento di passare alla fase di stagionatura. Durante la stagionatura della marijuana si tratta di quale l’ultima parte dell’umidità che deve perdere lo fa in maniera molto più lenta.

Per questo, devi mettere le gemme in scatole di legno, barattoli di vetro o barattoli sottovuoto e aprire i contenitori una volta al giorno per altri 15 o 20 giorni. Quando li apri puoi vedere come i primi giorni abbiano ancora un odore un po’ di muffa, ma a poco a poco quell’odore si perde. Lascia i contenitori aperti per circa 5 minuti ogni giorno durante questo processo e la tua yerba avrà il sapore più pulito e definito.

Le scatole di stagionatura sono l’opzione migliore se te lo puoi permettere perché devono un igrometro per controllare l’umidità all’interno e quindi sapere esattamente a che ora è la polimerizzazione.

 

00 Box

 

00 Box

00 Box è una scatola di legno per curare la marijuana, è fatta di legno di cedro perché non altera il sapore o l’odore e migliora le proprietà della cannabis una volta curata e pronta da consumare….

Formati di scatola OO Box:
Grande: 32 X 46.6 X 10.6 cm (60-75 gr)
Mediana: 22 X 32.5 X 10.6 cm (40-50 gr)
Pequeña: 17 X 24.5 X 10.6 cm (30-40 gr)
Tasca: 9 X .55 X 4 cm (5 gr).

Più informazioni
00 Box

 

 

👾 Come essiccare velocemente la marijuana

 

Se vuoi velocizzare un po’ il processo di essiccazione senza intaccare troppo la qualità finale della yerba, la cosa migliore che puoi fare è mettere un ventaglio che punti verso i boccioli, ma senza molta potenza in modo che lo facciano non seccare. Puoi anche abbassare l’umidità relativa al 45% o al 50%, e avanzare di 3 o 4 giorni, ma non è consigliabile abbassarla di più, altrimenti rimarrà parte della clorofilla che influirà sul sapore.

 

Essiccare la marijuana nel forno o nel microonde

Questa è la cosa peggiore che puoi fare per asciugare rapidamente la marijuana, ma è la migliore se vuoi rovinarla. Quando la fai seccare al forno o al microonde, la marijuana perde la maggior parte dei suoi oli essenziali e con essi cannabinoidi, terpeni e altri composti aromatici.

 

Essiccare la marijuana al sole È una buona idea?

No, prima perché non riusciremo a controllare bene la temperatura, e sicuramente in molti casi sarà più alta del dovuto e l’erba si asciugherà. Ma è anche una cattiva idea asciugare la marijuana al sole perché il THC si degraderà e diventerà CBN, quindi l’effetto perderà potenza, sarà meno psicoattivo e molto più fisico e narcotico. Se ti sei mai chiesto quale sia l’effetto pesante dell’hashish marocchino, ecco la risposta: essiccare le piante al sole.

 

 

🧐 Conclusione

 

L’essiccazione e la stagionatura della marijuana è un processo chiave di coltivazione e molte volte non gli diamo l’importanza che ha. In questo articolo abbiamo visto il modo migliore per essiccare e curare la marijuana in modo che abbia il miglior aroma, sapore ed effetto, il segreto meglio custodito di molti campioni delle competizioni cannabiche.

 

 

⚠️ Domande frequenti

 

Quanto peso perde la marijuana quando si secca?

Normalmente tra il 70% e l’80%, poiché di solito viene lasciato con circa il 20% -30% del peso totale che aveva quando la pianta era in vita. Come abbiamo visto in questo post, l’ideale è perdere la maggior parte di quel peso durante la fase di asciugatura, ma l’ultima parte dell’umidità andrà persa durante la stagionatura.

 

Com’è la marijuana secca?

La marijuana ben essiccata è croccante, ma non si polverizza quando viene pressata, come può essere il caso delle cime che sono diventate troppo secche. La yerba ben essiccata contiene una piccola parte di umidità che si nota al tocco e quando si rompe, né troppo bagnata né troppo secca.

 

Qual è la migliore essiccazione delle gemme?

Come avrai letto in questo articolo, la migliore essiccazione si fa lentamente, al buio, con una temperatura di circa 18ºC e un’umidità relativa di 60% circa il, sarebbe un buon modo per riassumere.

Alan Martínez Benito
Alan Martínez Benito
CEO di Pev Grow, coltivatore esperto con più di 20 anni di esperienza. Continua a battersi senza sosta per la regolamentazione del settore della cannabis, particolarmente in campo medico.
See more posts

Lascia un commento