Tricomi della marijuana, cosa sono? funzione e colore per conoscere il punto di maturazione

560
SHARES
Tempo di lettura 7 minuti
Immagine dei tricomi, marcatore per il raccolto
Immagine dei tricomi, marcatore per il raccolto

 

 

Qual è il momento migliore per raccogliere questa genetica? Come devo tagliare le mie piante di cannabis affinché l’effetto sia più cerebrale? Cosa bisogna guardare per conoscere il momento ottimale della raccolta?

Tutte queste domande hanno la stessa risposta, i tricomi della marijuana, perché è necessario essere chiari sulla loro funzione e sugli stati che attraversano per determinare il punto di maturazione ottimale. In questo articolo cercheremo di chiarire tutti i dubbi al riguardo, e per inciso metteremo delle foto in modo che tutto sia molto più chiaro, quindi leggi attentamente cosa viene dopo…

 

 

⚠️ Cosa sono i tricomi nelle piante?

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

Sebbene la parola tricomi derivi dal greco e significhi capelli, in realtà non hanno nulla a che fare con i capelli se non il loro aspetto. I tricomi vegetali sono piccole ghiandole che si formano nell’epidermide di alcuni tipi di piante e altri esseri viventi e hanno diverse funzioni vitali.

I tricomi della marijuana sono anche chiamati resina, forse per la loro consistenza appiccicosa che ricorda la sostanza secreta dai pini e da altri tipi di alberi. Tuttavia, non hanno nemmeno nulla a che fare con i tricomi o la resina che altre piante producono naturalmente, quelli della cannabis sono unici.

 

 

🧐 Dove si trovano i tricomi della maria?

 

Puoi vederli sulla superficie dei boccioli e delle piccole foglie attaccate ad essi. Possono comparire anche in alcune foglie grandi e anche nei piccioli ma in misura minore, anche se è vero che negli anni molte genetiche si stanno evolvendo e le varietà più moderne contengono resina ovunque.

I tricomi di cannabis iniziano a essere prodotti fin dalla tenera età, anche se non possono essere visti ad occhio nudo finché le piante non iniziano a fiorire. Esistono tricomi ghiandolari e non ghiandolari e all’interno di questi ci sono fino a 6 diversi tipi di tricomi nelle piante di cannabis.

 

 

👾 Tipi e funzione dei tricomi della marijuana

 

  • Tricomi unicellulari semplici: sono molto piccoli e sottili, tanto da sembrare apparentemente dei peli che ricoprono gli steli delle piantine, i cotiledoni e le prime coppie di foglie. Sembra che la sua unica funzione sia quella di aiutare a trattenere l’umidità, migliorare la traspirazione e isolare termicamente le piccole piante durante le prime fasi della loro vita.
  • Tricomi cistolitici: molto simili ai semplici tricomi unicellulari, ma sono più lunghi e prendono il nome da un cistolite che formano alla loro base. Questi tricomi iniziano ad emergere sulle prime coppie di foglie vere che le piante sviluppano all’inizio della crescita vegetativa. Si ritiene che la sua funzione sia quella di respingere eventuali predatori, poiché danno un tocco ruvido e ruvido a queste foglie.
  • Tricomi ghiandolari sessili: Si potrebbe dire che sono i primi “veri” tricomi che la pianta produce, poiché questi già generano i composti aromatici e psicoattivi che tanto ci piacciono. Non contengono uno stelo, hanno come base una sola cellula che unisce la loro testa con l’epidermide, e le loro dimensioni non superano solitamente i 25 micron circa.
  • Tricomi bulbosi: hanno normalmente una dimensione compresa tra 10 e 20 micron, quindi sono tra i tricomi più piccoli e iniziano a comparire sulle prime foglie e sugli steli durante la crescita. Sono costituiti da una testa che può essere attaccata alla superficie delle piante tramite un piedino o 2 cellule insieme.
  • Tricomi anterali sessili: sono i tricomi sessili più grandi, poiché possono raggiungere una dimensione di 80 micron o più, e il loro nome deriva dal fatto che di solito compaiono nelle antere, sebbene possano apparire anche nei calici e in altre aree delle gemme. Sono uno dei più interessanti per i nostri scopi, poiché tendono a produrre grandi quantità di cannabinoidi, terpeni e altri composti.
  • Tricomi ghiandolari dentellati: All’inizio possono essere confusi con i tricomi sessili, perché la loro testa non rivela il gambo che contiene, che cresce man mano che la maturazione progredisce. Anche la testa aumenta di dimensioni poiché è piena di oli essenziali e può raggiungere normalmente una misura compresa tra 70 e 120 micron. A causa delle dimensioni, della quantità e della concentrazione di composti aromatici e psicoattivi, i tricomi ghiandolari dentellati sono i preferiti dei consumatori di marijuana, in particolare di coloro che amano le estrazioni o i concentrati.

 

Riassunto dei tipi e delle funzioni dei tricomi di marijuana
Riassunto dei tipi e delle funzioni dei tricomi di marijuana

 

 

🎯 Colori dei tricomi e loro maturazione

 

I tricomi che producono oli essenziali come cannabinoidi e terpeni, cambiano colore man mano che maturano, e questo può servire come indicatore che indica il punto ottimale per il raccolto di marijuana. All’inizio sono trasparenti, poiché la testa non contiene nessun composto all’inizio, quindi non appaiono in nessun colore. Diventano poi biancastre, sempre più solide, fino a raggiungere un bianco latte totale. Successivamente acquisiscono un colore ambrato che avverte che stanno già arrivando alla fine, e se li lasci maturare ulteriormente finiranno con un colore rossastro più scuro.

Bisogna chiarire che non tutti i tricomi maturano contemporaneamente, quindi ci muoviamo per percentuali o per maggioranze, cioè sceglieremo il momento ideale quando vedremo circa il 50% dei tricomi ambrati, ma in quel momento troverete un 30% di colore lattiginoso, 15% trasparente e 5% rosso scuro. Questo è solo un esempio, quindi sai che non si può dire che sia meglio raccogliere con tricomi di un colore, perché vedrai sempre più colori contemporaneamente. Questo perché i boccioli sono formati dall’unione di tanti fiori sorti in tempi diversi, ed ognuno di essi ha il proprio stato di maturità.

 

Tricomi trasparenti e immaturi

I tricomi trasparenti indicano che i boccioli sono ancora immaturi da raccogliere, quindi non ne vale la pena e tagliare che contengono solo oli essenziali, quindi non avranno molto sapore o potenza. È il primo stato in cui passa la resina di cannabis e in quel momento non hanno ancora iniziato a produrre composti attivi.

 

Tricomi lattiginosi, effetto cerebrale

Quando la maggior parte dei tricomi è bianco latte è un buon momento per raccogliere se ti piace l’effetto cerebrale e meno fisico, poiché in questo momento la marijuana contiene già abbastanza cannabinoidi per offrire un’elevata psicoattività. Anche le proprietà organolettiche sono molto migliori rispetto a quando i tricomi sono trasparenti, ma non avrebbero ancora raggiunto il loro punto ottimale.

 

Tricomi d’ambra, effetto fisico e narcotico

Quando la maggior parte dei tricomi sono di colore ambrato, l’effetto di quell’erba si percepisce meno psicoattivo ma molto più fisico, il tipo di leva sul divano. Da un punto di vista medicinale può essere il miglior stato di maturazione, perché viene potenziato il lato narcotico e analgesico, soprattutto per alleviare il dolore o aiutare ad addormentarsi.

 

Tricomi molto scuri o stantii

Se fai una pianta di marijuana, i suoi tricomi maturano eccessivamente diventano sempre più scuri e rossi, indicando che sono troppo maturi o troppo maturi. In questo caso, l’effetto è molto simile al taglio con la maggior parte dei tricomi ambrati, ma l’aroma e il sapore saranno leggermente diversi, in alcuni casi in meglio, ma non in altri.

 

*Immagine di una rappresentazione di 4 fiori femminili di cannabis e il colore dei loro tricomi.
*Immagine di una rappresentazione di 4 fiori femminili di cannabis e il colore dei loro tricomi.

 

 

🚀 Foto di tricomi pronti per il taglio

 

Nella foto seguente puoi vedere il punto di raccolta ottimale se ti piace che l’effetto non sia molto corporeo:

*Picture of trichomes ready to harvest and enhance the cerebral effect.
* foto di tricomi pronti per il raccolto e valorizzare il effetto cerebrale

 

In quest’altra fotografia puoi vedere uno stato di maturazione ideale per raccogliere marijuana che ha un effetto equilibrato, dove si può vedere una buona percentuale di tricomi ambrati:

* immagine di una grande varietà di colori nei tricomi di una foglia di marijuana ingrandita
* immagine di una grande varietà di colori nei tricomi di una foglia di marijuana ingrandita

 

 

 

✅ Come vedere i tricomi con una lente d’ingrandimento?

 

Una normale lente d’ingrandimento non è altamente consigliata, poiché occorrono tra le 60 e le 100 volte per poter apprezzare chiaramente il colore e lo stato dei tricomi. Per fortuna ci sono modelli di lenti a buon mercato per vedere i tricomi che funzionano molto bene, poiché l’ingrandimento può essere regolato e contengono una luce che aiuta molto a differenziare i colori.

La cosa migliore di queste lenti d’ingrandimento è la loro dimensione gestibile, che ci permette di tenerle con una mano mentre prendiamo una gemma con l’altra per vedere i suoi tricomi. Non è necessario incollare completamente la lente d’ingrandimento, poiché questo può rompere lo strato esterno delle delicate ghiandole, basta lasciare circa mezzo centimetro tra la lente d’ingrandimento e il bocciolo.

Hai anche la possibilità di controllare la maturazione dei tricomi con un microscopio ottico, ma questi sono dotati di una base dove devi posizionare il pezzo di foglia o germoglio che vuoi osservare. Il vantaggio di osservare i tricomi con un microscopio ottico è la comodità da un lato, dall’altro il fatto che il campione è fermo per poterlo osservare in profondità.

 

Microscopio Lumagny Zoom 60x to 100x

 

Microscopios Lumagny Zoom 60x to 100x
Questo design non è stato applicato in nessun altro microscopio prima….

Caratteristiche:
-Zoomare la luce dentro e fuori l’obiettivo.
-Luce incorporata
-Può anche essere usato come torcia
-La lente può essere facilmente regolata per ottenere una visione più nitida

Ulteriori informazioni
Microscopio Lumagny Zoom 60x to 100x

 

 

 

✨ Come vedere i tricomi senza lente di ingrandimento

 

I tricomi possono essere visti ad occhio nudo, anche se in questo modo è quasi impossibile determinare con precisione lo stato di maturità, perché i colori non possono essere chiaramente distinti. Fortunatamente, la maggior parte degli smartphone odierni dispone di fotocamere con tecnologia macro focus, che permette di scattare foto da meno di un centimetro di distanza, in modo da poter catturare un’area di un bocciolo che può poi essere ingrandita per vedere bene il colore del bocciolo. . Tuttavia, per il prezzo di speciali lenti di ingrandimento o microscopi per vedere i tricomi, vale davvero la pena investire per poter funzionare correttamente.

 

 

⛳ App lente d’ingrandimento per vedere i tricomi

 

Se il tuo cellulare non ha una buona fotocamera, hai anche la possibilità di scaricare un’app che funge da lente d’ingrandimento o microscopio per vedere i tricomi, che amplifica notevolmente l’ingrandimento della fotocamera del nostro dispositivo. Funziona proprio come qualsiasi altro microscopio portatile, puoi tenere lo smartphone con una mano e tenere un ramo con l’altra per dare una buona occhiata alla resina.

Con questa applicazione con lente d’ingrandimento puoi vedere abbastanza bene lo stato dei tricomi in tempo reale, ma la cosa migliore è che puoi scattare foto in diverse parti delle piante, per controllare poi il loro punto di maturità in modo calmo, senza dover stare con le gemme catturate.

 

 

⭐ Conclusione

 

Ora puoi scegliere il momento ottimale per raccogliere le tue piante di cannabis , perché in questo articolo abbiamo visto le diverse fasi di maturazione dei tricomi e l’effetto che provocano in ciascuna delle loro fasi, quindi non hai più scuse per ottenere il meglio mini cuffie.

 

 

📲 Domande frequenti

 

Quando iniziano a comparire i tricomi?

Infatti iniziano a spuntare praticamente non appena le piante germogliano, perché anche nei cotiledoni contengono piccoli tricomi. Ma se parliamo del tipo di tricomi che ci interessa, quelli che contengono THC, CBD e altri cannabinoidi e oli essenziali, non iniziano ad apparire fino all’inizio della fioritura delle piante.

Quali piante hanno i tricomi?

Sebbene non siano dello stesso tipo di quelli della cannabis, ci sono piante come l’ortica o la magnolia, o anche alberi come l’olivo che contengono tricomi e svolgono diverse funzioni come trattenere l’umidità o riflettere la luce solare. Ma i tricomi si possono trovare anche in alghe, licheni e altri esseri viventi.

 

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content