Ice O Lator o Bubble Hash, cos’è e come è fatto

560
SHARES
Tempo di lettura 9 minuti

 

Aspetto del Bubble Hash
Aspetto del Bubble Hash

 

Il Bubble Hash, chiamato anche Ice O Lator (Ice-O-lator) o Water Hash, è uno degli estratti di cannabis di maggior purezza che si possa ottenere. La sua origine e il suo inventore rimangono un mistero nella comunità: alcuni danno la paternità a Mila Jensen di Pollinator, altri al Bubbleman di Bubblebags e altri al duo Robert Connell Clarke – Sam the Skunkman. Ancor oggi questa polemica nata negli anni ’80 continua, ma cosa c’è di speciale nell’hashish estratto con ghiaccio e acqua? Se continui a leggere te ne renderai conto…👉

 

 

🧐 Cos’è Ice O Lator o Bubble Hash?

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

 

È un metodo di separazione meccanica della resina di cannabis, che combina freddo e movimento per sciogliere i tricomi dalla materia vegetale. La resina rimane nell’acqua fredda e successivamente passa attraverso maglie che contengono fori di diverse dimensioni, dove vengono intrappolate le ghiandole che contengono la maggior parte dei cannabinoidi e degli oli essenziali di marijuana.

Esistono diverse qualità di Ice O Lator, in quanto le maglie o sacche raccolgono i pezzi di materia vegetale in base alle dimensioni dei loro fori. Le qualità migliori le chiamiamo “Full Melt Bubble Hash” o hash a fusione completa, il che significa che non lascia alcun tipo di residuo solido dopo la combustione.

 

Fotografia di un campione di Bubble Hash pressato e sezionato per verificarne la qualità *
Fotografia di un campione di Bubble Hash pressato e sezionato per verificarne la qualità *

 

 

Cosa serve per creare Bubble Hash?

 

  1. Sacche o maglie di estrazione di diversi micron
  2. Lavatrice o mixer specifico
  3. Secchio dove poter sistemare le maglie
  4. Cucchiaio o tessera per raccogliere l’hash
  5. Termometro
  6. Acqua molto fredda
  7. Erba congelata

 

La lavatrice per fare hashish si può trovare in diverse misure e prezzi, aiuta e facilita il processo, ma non è essenziale, poiché può essere realizzato perfettamente anche a mano. Nel caso si volesse fare manualmente, al posto della lavatrice o del mixer utilizzeremo un altro secchio e un cucchiaio di legno o simili.

Per eseguire correttamente questa tecnica di estrazione della cannabis abbiamo bisogno di meno strumenti rispetto alla maggior parte dei concentrati. Quindi si può dire che è un metodo più semplice, più economico e più sicuro di altri, soprattutto di quelli che necessitano di solventi.

 

 

🔥 Sacche o maglie per Bubble Hash

 

 

Esistono diversi tipi di sacchetti per estrarre hashish in acqua, di diverse unità, capacità, misure e modelli. Ci sono set da un gallone o 4 litri che vengono utilizzati per fare piccole quantità di concentrato, ci sono da 5 galloni o 19 litri e persino da 75 e 90 litri.

Esistono kit da 3, 4, 5 e fino a 8 maglie di micron differenti: mettendo più sacchetti non uscirà più Water Hash, bensì la stessa quantità ma distribuita in più qualità. Ognuna di queste sacche o maglie contiene piccoli fori che vengono misurati in micron; partendo da una sacca da lavoro che di solito è di 220 micron, a seconda del kit potranno poi esserci maglie da 160, 120, 90, 73, 45, 30 o 25 micron.

In passato, i modelli di sacche per Bubble Hash contenevano solo fori nella parte inferiore, il che rallentava un pó il processo. Per fortuna oggi sono migliorate e ci sono alcune tipologie con fori su tutta la superficie.

 

Ice-o-lator

 

Ice-o-lator...

Ice-o-lator è un modo semplice per estrarre la resina dai resti del nostro raccolto con l’aiuto di acqua e ghiaccio

Disponibile in varie misure
Small: 220-70-38 mc (3 sacche)
Small: 220-185- 120-90-70-45-38 mc (7 sacche)
Small: 70mc (1 sacca)
Small Mini Crystal 38 mc (1 sacca)
Small per Outdoor
Small per Indoor
Small Super Mini Crystal 25 mc (1 sacca)
Disponibili anche in misure Medium, Large, ecc…..

Ulteriori informazioni su
Ice-o-lator

 

 

🎯 Lavatrici per Bubble Hash

 

 

Sono macchine simili alle lavabiancheria che servono a rimuovere o centrifugare l’acqua, insieme a ghiaccio e marijuana, in modo che i tricomi vengano rimossi più facilmente.

Come per le sacche, esistono diverse tipologie e dimensioni di lavatrice per realizzare Ice O lator, 20 e 50 litri sono le più utilizzate, ma qualche tempo fa sono apparse sul mercato americano macchine industriali per fare Bubble Hash in grande scala.

 

Lavatrice Secret Smoke

 

Washer Secret Smoke...

Lavatrice Secret Smoke: la rinomata macchina per fare le estrazioni di resina di marijuana a freddo. Puoi usarla con acqua o ghiaccio…

Caratteristiche

Lavatrice con Centrifuga
per l’estrazione della resina a freddo.
Programma da 15 minuti.
Capacità: 14 litri.
135W…

Ulteriori informazioni su
Lavatrice Secret Smoke

 

Altri accessori necessari per realizzare Bubble Hash

Trova un secchio alto, con capacità idonea a far entrare tutto il contenuto e in cui puoi sistemare le sacche fissandole bene. Se hai intenzione di fare l’hashish senza lavatrice, avrai bisogno di un altro secchio grande dove puoi mescolare comodamente l’erba insieme al ghiaccio e all’acqua.

Avrai anche bisogno di un cucchiaio, una tessera o un altro attrezzo per raccogliere la resina dalle maglie. Un termometro, che di solito viene fornito con il kit di estrazione. Un paio di bottiglie di acqua fredda che ti serviranno in un secondo momento e, la cosa più importante, la cannabis, che può essere in cime o spuntature, fresche o essiccate.

 

 

⚠️ Come viene prodotto Ice O Lator ?

 

 

Per prima cosa vediamo come viene prodotto il Bubble Hash a macchina o con lavatrice. Innanzitutto colleghiamo la lavatrice, la riempiamo fino a metà o poco più con acqua, aggiungiamo una borsa di ghiaccio e aspettiamo che la temperatura dell’acqua raggiunga circa 4 ° C.

Nel frattempo, riempiamo la sacca a forma piramidale con il nostro materiale vegetale, la chiudiamo e quando viene raggiunta la temperatura desiderata la introduciamo nella lavatrice, e la facciamo partire. Lasciamo girare per 10 o 15 minuti, e ne approfittiamo per preparare il secchio con le maglie.

 

Come vengono utilizzate le sacche per Bubble Hash ?

È semplicissimo: basta inserire le Bubble bags nel secchio una dentro l’altra, iniziando da quella con meno micron. Se lavoriamo con un kit di 5 sacchi, per prima cosa mettiamo i 25 micron nel secchio e regoliamo con l’aiuto delle cordicelle. Quindi inseriamo i 45 micron e li manteniamo uguali, poi i 73, poi i 120 e infine i 160 micron. Quando si fa Water Hash a mano, l’ultima maglia è quella da lavoro, da 220 micron, dopo la vedremo; ora iniziamo con la parte complicata…😜

 

Immagine di un secchio con le maglie per Bubble hash pronte *
Immagine di un secchio con le maglie per Bubble hash pronte *

 

 

👾 Fare Bubble Hash con ghiaccio e lavatrice

 

 

Trascorsi i 10 o 15 minuti di ciclo, e quando il secchio con le sacche è pronto e in ordine, procediamo a filtrare il Water Hash. Per fare questo, posizioniamo il secchio sotto la lavatrice in modo che ne scarichi l’acqua direttamente all’interno.

È necessario che tutta l’acqua della lavatrice passi attraverso le maglie e finisca nel secchio, la resina nel frattempo rimarrà intrappolata nelle sacche in base alla loro dimensione, che è quello che stiamo cercando.

Una volta che tutta l’acqua sarà defluita, iniziamo ad estrarre le maglie, scolandole a poco a poco e raccogliamo l’Ice O Lator. Utilizziamo una delle bottiglie di acqua fredda che avevamo preparato, versando acqua in ogni sacca poco a poco, dall’esterno verso l’interno, in modo che la resina si raggruppi e sia più facile rimuoverla; questo serve anche per lavare l’estrazione.

Vedrai che in alcune sacche c’è poca resina mentre la maggior parte sarà concentrata in altre: è normale perché ogni varietà ha una dimensione di tricomi diversa, ma le qualità migliori sono solitamente nelle maglie da 73, 90 e 120 micron. Per raccogliere l’hashish utilizza con cura il cucchiaio o una tessera e lascialo separato per qualità, sul tavolo di essiccazione fornito con il kit. (Un pezzo di maglia simile alle sacche).

 

 

📱 Come fare Ice O Lator a mano

 

 

Come abbiamo detto prima, per fare hashish con acqua fredda a mano abbiamo bisogno di un secchio separato per mescolare. Lo riempiamo a metà con acqua, aggiungiamo ghiaccio e aspettiamo che l’acqua raggiunga una temperatura di circa 4º C. Nel frattempo stiamo preparando le maglie nell’altro secchio, proprio come se lo facessimo a macchina, ma questa volta dobbiamo farlo aggiungendo il sacchetto da 220 micron alla fine, che è dove rimarrà tutta la materia vegetale insieme al ghiaccio.

Quando l’acqua è a 4 ° C togliamo l’erba dal congelatore e la aggiungiamo all’acqua, e con l’aiuto di un cucchiaio di legno o simile mescoliamo tutto il contenuto per 10 minuti. Per questa operazione possiamo usare anche un mixer da cucina elettrico, oppure un trapano con miscelatore.

Terminata la fase precedente, passeremo gradualmente l’acqua da un secchio all’altro. Quindi togliamo le sacche, le scoliamo una ad una ed estraiamo l’hashish come nel processo a macchina. Mettiamo da parte la rete da 220 micron con tutto il contenuto se vogliamo fare più passaggi con la stessa materia vegetale, cosa che consigliamo per sfruttare al meglio l’erba..

 

 

👌 Come asciugare il Bubble Hash

 

 

Per prima cosa bisogna preparare il Water Hash per l’essiccazione, cioè schiacciare la resina in piccoli pezzi per favorire la perdita di umidità. Per questo l’ideale è un colino da cucina, al di sotto mettiamo un cartone e su di esso carta da forno, e con cura “raschiamo” l’Ice O Lator con il colino in modo che la resina cada sulla carta.

 

Fotografia di un campione di Water hash triturato su carta per facilitare l'asciugatura *
Fotografia di un campione di Water hash triturato su carta per facilitare l’asciugatura *

 

Per eliminare l’umidità che ha preso la nostra estrazione, è sufficiente lasciarla in un luogo fresco, buio e asciutto, sotto i 20 gradi e con il 40% di umidità relativa se possibile. Con queste condizioni il nostro concentrato sarà asciutto in circa 15 giorni.

Per i più golosi e grandi produttori è stato lanciato uno speciale liofilizzatore per essiccare l’Ice O Lator; il problema è che è piuttosto costoso e non è disponibile per tutti.

 

Stagionatura del Bubble Hash

Una volta che l’hash si è asciugato, può essere consumato perfettamente, ma come con altri prodotti dell’estrazione della resina, dopo la polimerizzazione sono migliori. Per stagionare il Water Hash è meglio lasciarlo chiuso in un contenitore ermetico al buio, in un luogo dove non sia esposto a fonti di calore o umidità, aprendo il contenitore di tanto in tanto.

 

 

Pressarlo o no? Qual è il modo migliore per mantenere l’Ice O Lator ?

 

 

Ecco un dilemma, un dibattito in cui molti esperti non sono d’accordo, è meglio pressare il Bubble Hash? Alcuni puritani pensano che sì, l’ideale è pressare l’hashish e trasformarlo nel tipico panetto di hashish. C’è persino chi dice che se fumi l’hashish senza impastare, il sapore non sarà buono come quello pressato.

C’è anche chi afferma che pressare Ice O lator sia come porgli la data di scadenza, o anche, detto in modo differente, che dal momento in cui lo si pressa inizia il conto alla rovescia per il suo consumo senza perdere proprietà. Altri dicono che l’ideale è tenerlo sminuzzato fino al momento del consumo e poi pressarlo.

 

 

Come consumare Bubble Hash

 

 

Puoi vaporizzare, mangiare e, naturalmente, fumare il Bubble Hash e persino usarlo per creare creme, bevande o unguenti. Vaporizzato è una delizia, essendo senza dubbio l’estrazione di cannabis senza solventi più gustosa, ma hai bisogno di un buon vaporizzatore per concentrati. In questo modo sfrutterai al meglio la stessa quantità di hashish, risultando più salutare rispetto ad altre forme di consumo, come fumare Bubble Hash, e anche l’effetto sarà più pulito.

 

Fumare Bubble Hash

Il modo migliore per fumare Bubble Hash è dabbarlo a bassa temperatura, per godere appieno delle qualità organolettiche e non farti saturare dal fumo. In un bong tipo bubbler, riscaldare con il cannello o con chiodo, senza esagerare e con piccole quantità di hashish.

 

Immagine di un dab di Ice O lator che sta per essere consumato *
Immagine di un dab di Ice O lator che sta per essere consumato *

 

Sebbene non sia l’ideale, a molte persone piace rollarsi una canna di Ice O lator, specialmente i dipendenti dalla nicotina. In questo caso puoi mescolare la resina sbriciolata con il tabacco, oppure se hai pressato l’hashish puoi fare un bastoncino sottile che si estende per tutta la canna.

 

Mangiare Bubble Hash

Negli USA sono popolari i Brownies di Bubble Hash, ma non è l’unica ricetta che puoi “condire” con questo concentrato. Può essere aggiunto ad altri cibi e persino a bevande alcoliche e preparare infusioni super potenti.

Una cosa assolutamente indispensabile se hai intenzione di mangiare il Bubble Hash: devi prima decarbossilarlo in modo che la cannabis mantenga tutte le sue proprietà.

 

 

Effetti del Bubble Hash

 

 

Tra i concentrati privi di solventi, la potenza del Bubble Hash a fusione completa è sicuramente tra le più alte, insieme al Live rosin. Quando lo fumi direttamente, l’effetto è istantaneo, sentendolo nel corpo e nella mente dal momento stesso in cui espelli il fumo.

Il contenuto di THC del Bubble hash può raggiungere una percentuale del 75% o più, quindi non è raccomandato per i consumatori con poca esperienza. Il tipo di effetto varia a seconda della genetica utilizzata per l’estrazione.

 

 

Peso o resa del Bubble Hash

 

 

Se stai cercando un ottimo rendimento, otterrai rese migliori con altri tipi di estrazione di marijuana, come BHO o Rosin, dove può superare il 20%. Tuttavia, Ice O Lator può darti un rendimento compreso tra il 12% e il 15%, questo però facendo più passaggi della stessa erba.

Le estrazioni meccaniche in genere producono meno delle estrazioni con solvente, ma hanno il vantaggio di non richiedere lo spurgo, quindi possono essere più sicure.

 

 

📖 Come si puliscono le sacche di Bubble Hash ?

 

 

Prima di pulirle potete metterle in freezer per 3 o 4 ore, per sfruttare la resina che rimane intrappolata nei fori. Una volta tolte le maglie dal congelatore puoi sbatterle su una superficie liscia e vedrai come cadono i tricomi.

Poi puoi metterle a bagno in acqua calda, in poco tempo saranno come nuove. Inoltre, se le strofini con le mani, il processo sarà ancor più rapido: è un materiale molto facile da pulire.

Un’altra opzione è immergere le sacche in etanolo o alcool etilico, in questo modo la resina si dissolve in questo liquido e le maglie rimangono completamente pulite. Successivamente non resta che far evaporare l’alcol e raccogliere la resina che rimane, e ottenere così un Qwiso. Se hai intenzione di farlo in questo modo, non è necessario mettere le maglie nel congelatore, poiché l’alcol estrarrà tutti i tricomi.

 

 

Suggerimenti su Bubble Hash

 

  • Scolare le sacche poco a poco, senza forzare o strizzare. Puoi lasciarle su carta assorbente per agevolare il processo, le maglie di micron inferiori impiegano più tempo per evacuare tutta l’acqua.
  • Utilizzare acqua pulita e sempre fredda. Se l’acqua nella tua zona è molto dura, meglio usare l’acqua distillata e se hai intenzione di fare più passaggi aggiungi ghiaccio tra uno e l’altro.
  • Una volta terminato il processo di estrazione, puoi essiccare la materia vegetale e usarla per fare olio, crema o edibili, poiché ha ancora resina

 

 

 

▶ Conclusione

 

 

Il Bubble Hash o Ice o Lator è il metodo di estrazione della cannabis preferito da molti consumatori, tra cui il sottoscritto. All’inizio può sembrare una seccatura e difficile, ma quando ci si prende la mano è davvero facile.

Il prodotto ottenuto è purissimo e può essere realizzato in diversi modi. In un altro articolo vedremo come realizzare Bubble Hash in stile Fresh Frozen.

Se ti è piaciuto, spero che tu condivida questo articolo..😀👍

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 4 Media: 4.3]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content