L’ermafroditismo nella marijuana…e ora?

560
SHARES
Tempo di lettura 6 minuti
Dettaglio di una pianta di marijuana ermafrodita con illustrazioni di cannabis e le sue parti sessuali
Dettaglio di una pianta di marijuana ermafrodita con illustrazioni di cannabis e le sue parti sessuali

 

Tra le piante di cannabis possiamo trovare esemplari dioici e monoici, cioè piante che mostrano solo un sesso definito, e altre che contengono fiori di entrambi i sessi.
Originariamente erano tutte monoiche, come nel caso di quasi tutte le varietà di canapa industriale, e come la stragrande maggioranza delle piante del pianeta.

In passato, questo non era un problema, perché tutta la cannabis veniva utilizzata per produrre fibre e si mangiavano i semi, quindi tutte le piante potevano essere usate. Successivamente si iniziarono a fumare i fiori dopo aver rimosso i semi e, secoli dopo, a produrre hashish, e ci si rese presto conto che per questi usi le piante femminili, o che mostravano a malapena fiori maschili, erano molto migliori.

Fu la mano dell’uomo pertanto che iniziò a isolare le femmine migliori per il proprio consumo e, in base alle selezioni e incroci, i tratti dioici furono fissati in alcune varietà pure. Dalle migliori landrace stabili nacquero i primi ibridi, e da loro la maggior parte dei poliibridi che conosciamo oggi. La stragrande maggioranza dei semi di marijuana oggi sono di sesso ben definito, ma ci sono ancora genetiche che possono mostrare l’ermafroditismo e questo è ciò che vedremo oggi: cos’è una pianta di cannabis ermafrodita e cosa possiamo fare con essa?

 

 

📲 Significato di ermafrodito

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

Suppongo che sia successo a tutti noi di arrivare ​​al raccolto e tra tutte le piante vediamo qualcosa di strano. Qualcosa che non ti aspetti, una pianta che ha cose strane tra le cime e quando ti avvicini per vederla bene i tuoi presagi si confermano, è un fiore ermafrodito…  ma cos’è l’ermafroditismo?

La definizione di ermafrodito nelle piante di marijuana si riferisce a esemplari che contengono entrambi i sessi nello stesso fiore, questo processo è anche chiamato Monocelia. Questo può essere un grosso problema se vuoi fumare le cime, perché i fiori maschili normalmente impollinano i fiori femminili e le tue gemme conterranno semi. Quindi l’ermafroditismo è un male? Per noi sì, anche se dobbiamo capire che a volte è una risposta positiva che la pianta mostra in determinate occasioni.

 

Fotografa dove puoi vedere i diversi sessi delle piante di cannabis *
Fotografa dove puoi vedere i diversi sessi delle piante di cannabis *

 

 

Tipi e cause dell’ermafroditismo nella cannabis

 

  1. Genetico
  2. Stress ambientale
  3. Stress colturale
  4. Eccessiva maturazione
  5. Agenti chimici

 

  1. Il motivo più comune per cui le piante sono ermafrodite è dovuto a ragioni genetiche. Come abbiamo visto prima, gli antenati di tutte le varietà attuali erano ermafroditi, ma negli anni hanno lavorato per stabilizzare il loro sesso. Le piante spesso contengono geni ermafroditi in modo recessivo, cioè alcuni esemplari potrebbero non mostrarlo, ma possono trasmetterlo alla loro prole. È anche il caso delle varietà che si presentano sempre come femmine pure, se coltivate in modo ottimale, ma che possono finire per mostrare fiori maschili sotto stress.
  2.  Anche l’ermafroditismo da stress ambientale è abbastanza comune, ma in questo caso ha a che fare con la teoria dell’evoluzione di Darwin. Può sembrare una cosa negativa, dato che può rovinare il raccolto, ma in realtà è un sistema di adattamento all’ambiente, poiché si verifica quando la pianta femmina percepisce che può morire a causa di irregolarità ambientali, quindi produce fiori maschili per autoimpollinarsi e procreare il prima possibile.
  3.  I problemi indotti dallo stress di coltura possono essere causati naturalmente o dall’agricoltore stesso. Una genetica afghana pura ha un fabbisogno idrico minimo, perché viene utilizzata per suoli asciutti e poco fertili, e quando si cerca di coltivarla in una zona piovosa di solito mostra segni di ermafroditismo. Al contrario, ovviamente, succede anche se porti una Messicana in Afghanistan, la cosa normale è che anche lei si stresserà rischiando di finire ermafrodita. Questo si può notare molto bene anche in alcuni ibridi quando sono troppo fertilizzati, o quando soffrono di stress idrico dovuto a siccità, irrigazione eccessiva o un PH inadeguato nella soluzione nutritiva.
  4.  L’ermafroditismo causato da eccessiva maturazione può colpire il 90% delle varietà di marijuana oggi in commercio. È una sorta di sistema di sopravvivenza della pianta, la quale, quando percepisce che la sua morte si avvicina e non è stata fecondata, crea dei fiori maschili per autoimpollinarsi e cercare di continuare con il lignaggio. Ci sono molte femmine sessualmente stabili che sopportano molti tipi di stress senza mostrare segni di ermafroditismo, ma che in caso di eccessiva maturazione finiscono per produrre fiori ermafroditi.
  5. La cannabis ha la capacità di invertire il suo sesso grazie a determinati prodotti chimici. Questo perché ci sono alcuni elementi che hanno la capacità di inibire la produzione di etilene degli esemplari femminili, mostrando quindi fiori maschili capaci di produrre polline. Un esempio di questo tipo di ermafroditismo è la STS (soluzione di tiosolfato d’argento) che viene utilizzata per produrre semi femminizzati. Le piante invertite con tiosolfato d’argento, argento colloidale o altri prodotti chimici, vengono chiamate ermafrodite anche se in realtà non sono proprio così, perché quando iniziano a generare fiori maschili smettono di produrre quelli femminili: potremmo forse chiamarle ermafrodite sequenziali o direttamente piante intersessuali.

 

Immagine di una pianta di marijuana intersessuale, dove puoi vedere un fiore femminile accanto a uno maschile *
Immagine di una pianta di marijuana intersessuale, dove puoi vedere un fiore femminile accanto a uno maschile *

 

 

Differenza tra ermafrodita e intersessualità

Normalmente chiamiamo ermafrodite tutte le piante che contengono entrambi i sessi, e in effetti è così. Ma in realtà dobbiamo distinguere tra quelle che producono sia fiori femminili che fiori maschili separati e in zone diverse, chiamate intersessuali, da quelle che invece formano fiori maschili e femminili nella stessa gemma.

 

 

Come sfruttare una pianta ermafrodita ?

 

La cosa migliore che puoi fare quando rilevi una pianta ermafrodita nel tuo raccolto è rimuoverla con cura in modo da non spargere polline nel caso in cui abbia già aperto i fiori. Ma questo non significa che devi tagliarla e buttarla via, perché ci sono alcuni casi in cui puoi sfruttare tale pianta.

Alcuni esemplari possono avere 1 o 2 fiori maschili e niente più: succede a volte con i pre-fiori, presenti nel quarto o quinto nodo solitamente, che possono essere prelevati lasciando la pianta fiorire come una femmina. Conviene tenere d’occhio questi esemplari se si mischiano ad altre femmine, giusto nel caso in cui ad un certo punto tirino fuori una piccola “banana” o “platanito” (fiori maschili che sbucano in alcuni boccioli ermafroditi, sono pistilli gialli di forma allungata, da qui il nome).

Ci sono anche delle ermafrodite che possono produrre qualche “banana” in qualche gemma visibile e che può essere rimossa con una pinzetta. Anche in questi casi è meglio separarli con cura e, a seconda dello stadio di sviluppo delle gemme, scegliere se anticipare la raccolta o tenerle d’occhio fino al termine del loro ciclo. Dopo aver rimosso le “banane”, puoi sfruttare quella marijuana come qualsiasi altra.

Se è una pianta che mostra segni di ermafroditismo continuo durante le prime settimane di fioritura è bene tagliarla direttamente quando c’è il rischio che impollini altre femmine. Se mai ti capita, dovresti sapere che puoi sfruttare quella pianta per fare, ad esempio, alcool denaturato. Tuttavia, se devi tagliarlo con la fioritura più avanzata, ti consiglio di provare a fare BHO, poiché se le cime hanno già la resina a mio avviso rappresenta un modo migliore per sfruttare un ermafrodito.

 

E se sono semi di un ermafrodito, possono essere usati ?

Uno dei fattori che influenzano l’ermafroditismo è genetico, come abbiamo visto prima: è un tratto ereditario che viene trasmesso di generazione in generazione. Pertanto, i semi che escono dalle piante di marijuana ermafrodite hanno buone possibilità di essere anch’essi ermafroditi.

Ci sono casi in cui troviamo qualche seme nell’intero raccolto di una pianta, che di solito proviene dall’autoimpollinazione, noto come S1. Questo accade quando esce una “banana” e fertilizza una piccola area di una gemma, ecco perché ne escono solo pochi semi, a volte solo uno. Questi semi sono femminizzati e molto simili alla pianta da cui escono: pur derivandone sempre femmine, esse saranno comunque sempre inclini a produrre un fiore maschio tra i loro boccioli.

 

 

🚀 Come evitare che una pianta diventi ermafrodita ?

 

Questo non è sempre possibile, perché ci sono alcune varietà che lo hanno molto marcato geneticamente. Ma ce ne sono molte altre che hanno solo una tendenza all’ermafroditismo, o comunque una maggiore facilità a produrre fiori del sesso opposto. Questa tendenza ha molto a che fare con la capacità della genetica stessa di resistere allo stress: quelle che sono sessualmente pure, pochissime, sopportano molto più lo stress senza mostrare cambiamenti nel loro sesso. Se vuoi impedire loro questi cambiamenti, tieni presente i seguenti fattori:

 

  • Non esagerare con i nutrienti
  • Controlla il PH e calibra regolarmente il misuratore
  • Temperatura diurna intorno ai 24 ° C e notturna intorno ai 18 °
  • Mantieni il raccolto pulito, anche i parassiti stressano
  • Fotoperiodo rigoroso e non illuminare le piante durante le ore notturne
  • Non ritardare la raccolta, sai già che la sovramaturazione conduce all’ermafroditismo
  • Attenzione ai prodotti fitosanitari, alcuni sono molto forti e possono stressare la pianta
  • Non mettere molte piante in poco spazio, anche lo stress alle radici fa male

 

 

✅ Conclusione

 

Hai già visto che l’ermafroditismo nella marijuana non è un male in sé, anche se può dar fastidio. Almeno ora sai già come agire e come puoi sfruttare queste piante se ti succede. Spero che l’articolo ti sia piaciuto e, in tal caso, vorrei che lo condividessi.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 5 Media: 4.8]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione: 1

Lascia un commento

  1. Avatar for PASQUALE

    SALVE SONO PASQUALE. 57 anni, autodidatta a crescere in balcone dal 1990 ho imparato molto PERCHÉ con voi che avete confermato 80X100 di quello che ho capito.da pochi giorni la mia pianta è ermafrodito,però è nata da femmina e poi maschio.strss da andare al manicomio.lho puntata a novembre si sono mangiato la cima ma io l’ho fatta vivere ANCORA oggi.mi spieghi qualcosa? GRAZIE
    .

Skip to content