Raccogli piante di marijuana, tutte le informazioni

560
SHARES
Reading Time: 7 minutes
Imagen de una persona comprobanda si su planta de marihuana esta ya lista
Immagine di una persona che controlla se la sua pianta di marijuana è pronta

 

La raccolta della marijuana è la parte più felice del raccolto, perché rappresenta il successo del coltivatore, l’obiettivo prefissato al momento della germinazione dei semi. Ma per ottenere un raccolto di qualità, devi conoscere il momento perfetto per tagliare le piante, scegliere il punto ottimale di maturazione della resina ed eliminare i resti di fertilizzanti dal substrato in modo che la cannabis abbia il miglior aroma e sapore possibile.

 

 

⭐ Quando raccogliere le piante di marijuana nel loro punto ottimale?

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

Questa è la domanda principale, poiché non ha una risposta comune o definitiva, perché il tempo della raccolta della marijuana dipende dalla genetica, dal fenotipo in questione, dalle condizioni di salute delle piante, dai parametri ambientali e dalle preferenze riguardanti la effetto di ciascun consumatore. Ci sono diversi fattori che devono essere presi in considerazione prima di decidere quando tagliare la marijuana, il tempo di fioritura segnato nel catalogo della banca dei semi, lo stato dei pistilli delle cime o la maturazione dei tricomi, quindi… Come sapere quando raccogliere la mia pianta di marijuana?

È una buona domanda, perché ci sono volte in cui i seedbank indicano un tempo di fioritura più breve di quello reale, oppure puoi anche vedere che molti pistilli iniziano ad appassire ma la maggior parte dei tricomi sono ancora trasparenti o bianchi. Questa è una cosa molto comune, e se mi permetti di darti un consiglio, ti consiglio prima di tutto di leggere questo articolo del nostro blog in cui parliamo della maturazione dei tricomi, e basarti sul loro colore per decidere il momento migliore raccogliere la cannabis

 

 

Taglia la marijuana in parti

Questa è un’altra opzione molto interessante, perché capita spesso che le cime delle parti superiori maturino prima di quelle inferiori, e in quei casi è meglio raccogliere in parti e man mano che raggiungono il punto perfetto. Se controlli i germogli al microscopio ogni 2 o 3 giorni, puoi tagliare i rami man mano che maturano a tuo piacimento e potrebbe volerci più di 1 settimana da quando inizi a tagliare i primi germogli fino a quando non finisci di raccogliere quella pianta.

Utilizziamo l’esempio dei Girl Scout Cookies di PEV Seeds, che nella sua scheda tecnica indica che la sua fase di fioritura dura tra le 9 e le 10 settimane. In questo caso sarebbe interessante iniziare a controllare lo stato dei tricomi dall’inizio della settimana 9, ed eventualmente la raccolta durerà diversi giorni. È anche molto probabile che ci siano fenotipi più veloci che possono essere raccolti prima, e altre piante che potrebbero richiedere qualche giorno in più per maturare.

 

 

⛳ Pianta di marijuana pronta per la raccolta

 

Se vuoi che la yerba mate abbia l’aroma più intenso, il sapore più pulito e la massima potenza possibile, devi tagliare le piante con cime mature, con un substrato asciutto, e con il minimo contenuto di residui di nutrienti. Per raggiungere questo obiettivo, l’ideale è seguire le indicazioni della tavola di coltivazione della marca di fertilizzanti che utilizziamo per nutrire le nostre piante, per cercare di fare in modo che non manchi loro nulla e ottenere così le cime migliori, ma tenendo sempre presente che tutte le piante mangino allo stesso modo o vadano alla stessa velocità.

Dobbiamo combinare i dati forniti dalla banca dei semi relativi al tempo di fioritura della varietà che coltiviamo, con i dati della tabella di coltivazione, e tenendo conto di tutto ciò, dobbiamo scegliere il giorno del lavaggio delle radici, sapendo che se coltivare con fertilizzanti minerali, va fatto 2 settimane prima della raccolta, e se sono organici, si può fare una settimana o 10 giorni prima.

Una volta lavate le radici, per costringere le piante a consumare le riserve nutritive delle foglie, inizieremo a controllare lo stato di maturazione dei tricomi come vi dicevo prima. Quando si calcola che mancano 2 o 3 giorni alla raccolta, è meglio interrompere l’irrigazione in modo che la pianta consumi tutta l’umidità nel substrato. In questo modo, quando arriverà il giorno del taglio, le cime saranno al loro punto di maturazione ottimale (per il vostro gusto personale) con il minimo di nutrienti e con un substrato asciutto.

Ci sono almeno altri 3 fattori che possono aiutare a migliorare la qualità della cannabis, ma non sono così determinanti come quelli che abbiamo visto nei paragrafi precedenti. Ci sono coltivatori che lasciano le piante al buio negli ultimi 2, 3 e anche 5 giorni, perché presumibilmente migliorano la produzione di oli essenziali. Allo stesso modo, alcuni coltivatori hanno abbassato la temperatura a 12º C o 14º C negli ultimi giorni per lo stesso motivo, poiché in questo modo evaporano meno terpeni. Infine, c’è il “cold shock” che consiste nell’annaffiare con acqua molto fredda o posizionare dei cubetti di ghiaccio sul substrato delle piante per abbassare il più possibile la temperatura dell’apparato radicale.

 

 

✨ Raccolto di marijuana in coltivazione outdoor all’aria aperta

 

Quando coltiviamo indoor è facile prevedere i giorni prima del taglio delle piante, poiché possiamo impostare i parametri a nostro piacimento, ma come sapere il momento giusto per raccogliere la marijuana nelle colture outdoor? Questa domanda è più complessa di quanto sembri, perché all’aria aperta intervengono diversi fattori in più che possono causare l’anticipo o il ritardo della raccolta.

All’esterno possono sorgere problemi come pioggia, grandine, vento, funghi e parassiti. Questo non significa che nella coltivazione indoor non possano comparire tripidi o botrite nella fase finale del ciclo, ma outdoor è molto più comune perché le piante sono esposte a tutti i possibili problemi. Per questo motivo è necessario prestare maggiore attenzione durante le ultime settimane, conoscendo i tempi indicativi di fioritura, ma tenendo conto delle condizioni ambientali e dello stato di salute delle piante per determinare il momento giusto per raccogliere le piante di marijuana in esterno.

Un problema abbastanza comune nelle colture outdoor sono i bruchi, che possono comparire alcuni giorni prima della raccolta. Questi bruchi provocano funghi come la botrite, che finisce nel marcire delle cime e si diffonde facilmente, quindi la soluzione migliore potrebbe essere quella di anticipare il raccolto per non avere maggiori perdite nel raccolto. La raccolta all’aperto è di solito in autunno, perché la maggior parte delle varietà fotoperiodiche commerciali maturano in questa stagione dell’anno, che è anche la più piovosa in molti luoghi. Per questo motivo è necessario essere attenti alle previsioni meteorologiche e anticipare la raccolta di alcuni giorni in caso di pericolo per le piante. Le tempeste di vento possono spezzare i rami e può essere un altro motivo per anticipare il taglio, oltre alla grandine, ovviamente.

 

 

👌 Come sapere quando tagliare la marijuana

 

  • Tenere conto dei tempi di fioritura forniti dalla banca dei semi
  • Attendere che le cime siano ben formate
  • Almeno il 50% di pistilli appassiti
  • È meglio che le foglie abbiano perso il loro colore verde intenso
  • Controllare i tricomi ogni giorno per raccoglierli a nostro piacimento
  • È meglio raccogliere la prima cosa al mattino all’aperto, o quando la luce è appena stata accesa al chiuso

 

*Infografica che mostra i fattori da considerare per raccogliere la cannabis nel momento migliore*.
*Infografica che mostra i fattori da considerare per raccogliere la cannabis nel momento migliore*.

 

 

📲 Marijuana pronta per raccogliere foto

 

Di seguito puoi vedere alcune foto di marijuana pronta per la raccolta, a volte un’immagine vale più di 1000 parole. Con esempi grafici è più facile avere un’idea di quando raccogliere la cannabis nel momento giusto.

 

Foto de yerba lista para cosechar de la variedad Girl Scout Cookies*
Foto dell’erba della varietà Girl Scout Cookies pronta per la raccolta *

 

Imagen de Fat Banana de RQS en el punto óptimo para el corte*.
Immagine di Fat Banana da RQS nel punto ottimale per il taglio*.

 

Fotografía de un cogollo de Gorilla Glue #4 lista para la cosecha*
Fotografia di cime di Gorilla Glue # 4 pronte per la raccolta *

 

Imagen de una planta de cannabis a punto de cosechar*
Immagine di una pianta di cannabis pronta per la raccolta *

 

 

➕ La raccolta della marijuana passo dopo passo

 

Esistono diversi modi per raccogliere la cannabis, ma vedremo come tagliare una pianta di marijuana che, dal nostro punto di vista, conserva la resina in uno stato migliore. Si tratta di tagliare il tronco per appendere le piante a testa in giù in un luogo fresco, moderatamente asciutto e buio per un periodo compreso tra 10 e 20 giorni, ma diamo un’occhiata più da vicino. Possiamo fare l’essiccamento nella stessa stanza del raccolto, se è un armadio possiamo sfruttare le barre di metallo sul soffitto per posizionare i ganci, e se è una stanza possiamo fissare un cavo o una corda da muro a parete.

Se scegliamo la stessa coltura ad essiccare, lasceremo l’estrazione e la ventilazione interna 24 ore su 24, ma i ventilatori che non sono puntati direttamente sulle piante, a meno che non oscillino da una parte all’altra. La luce deve essere spenta poiché deve essere scura durante l’asciugatura, e può essere una buona idea attivare un deumidificatore se necessario per mantenere l’umidità intorno al 60% la prima settimana e tra il 40% e il 50% il resto dell’asciugatura. Il filtro al carbone tornerà utile perché le piante continuano a puzzare molto durante questa fase, e la temperatura ideale sarebbe compresa tra 15º C e 20º C.

 

  1. Il giorno prima della raccolta possiamo togliere tutte le foglie grandi e lasciare solo quelle che circondano le gemme. Questo faciliterà l’asciugatura e sarà un lavoro che avremo in anticipo quando dovremo fare la manicure.
  2. Una volta che la pianta è pronta per la raccolta, aspettiamo che il substrato sia asciutto, e tagliamo alla base del tronco con l’aiuto di forbici da potatura per poter appendere l’intera pianta a testa in giù.
  3. Per appenderli dobbiamo solo sfruttare uno dei rami più bassi, poiché grazie alla sua forma ci permette di usarlo come gancio. Le varietà Sativa diffondono i rami più lontano dal tronco, ma con le indica potrebbe essere necessario allargarlo un po’.
  4. Si consiglia di separare le piante pensili in modo che non si tocchino, in quanto ciò potrebbe portare alla comparsa di funghi. Si consiglia inoltre di controllare quotidianamente le cime per rimuovere le parti interessate il prima possibile ed evitare che si diffondano.
  5. Il tempo di essiccazione dipenderà dai parametri ambientali, dall’umidità contenuta nelle piante al momento della raccolta e dal tipo di cime, poiché quelle ariose delle sativa si asciugano molto prima di quelle dense e compatte delle indica o ibridi. Tuttavia, l’essiccazione deve essere lenta per ottenere la migliore qualità organolettica, poiché se si asciugano completamente in meno di una settimana, la clorofilla non verrà eliminata completamente.

 

 

🚀 Conclusione

 

In questo articolo abbiamo visto il momento migliore e il modo ottimale per raccogliere piante di marijuana per ottenere la migliore qualità nelle nostre cime da autocoltivazione, abbiamo anche visto come essiccare la cannabis per evitare problemi. Se vuoi saperne di più sull’essiccazione di questa pianta, ti invito a leggere questo articolo sul nostro blog dove lo approfondiamo, e se ti è piaciuto o hai imparato qualcosa di nuovo, ti sarei grato se lo condividessi sui tuoi social network.

 

 

✅ Domande frequenti

 

Cosa succede se le cime vengono tagliate prematuramente?

Dipende da quanto tempo, perché se sono 2 o 3 giorni, non succederebbe praticamente nulla, ma se è più di una settimana, la cosa più normale è che il sapore non è così intenso e la potenza è generalmente inferiore. Se viene tagliato in anticipo senza lavare le radici, il sapore può essere rovinato dai resti di fertilizzanti. Anche il tipo di effetto varia, perché se si tagliano le cime immature, è più cerebrale e attivo che se si lascia maturare di più.

 

Come tagliare le foglie di marijuana?

Dipende dal tipo di foglia, perché se sono grandi e prive di resina possono essere tagliate dal picciolo, e queste foglie possono essere scartate o utilizzate per fare il compost. Le foglie grandi che contengono un po’ di resina all’interno possono essere tagliate a metà o all’altezza della resina, per sfruttare in seguito quei tricomi, come tutte le foglie che sono vicine alle gemme e contengono molta resina, quelle Sono ideali per realizzare estrazioni, ricette, ecc. Queste piccole foglie possono essere tagliate a filo del bocciolo o cercare di raggiungere i loro piccioli per lasciare i fiori più puliti.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content