Sbianca, pallidi o diventare gialli, eccessivamente affumicati

560
SHARES
Tempo di lettura 7 minuti
Immagine che ricrea una pianta di marijuana umana, colpendo una persona di fronte ad essa.
Immagine che ricrea una pianta di marijuana umana, colpendo una persona di fronte ad essa.

 

È successo a tutti noi, inizi a fumare marijuana e quando renditi conto che hai un massimo di 15, e ora non puoi tornare indietro, vero? In questo post vedremo perché a volte la cannabis ha molto effetto su di noi, cosa fare quando si sbianca o sui diventa gialli  e soprattutto come evitarlo in modo che non si ripeta.

 

 

⭐ Cos’è diventare gialli o sbiancare ?

 
Telegram Pevgrow

 

Si chiama diventare giallo, pallido, sbiancare o altri sinonimi, per la sensazione di sopraffazione o disagio generale che proviamo quando ci sballiamo troppo con la cannabis. Il suo vero nome è ipotensione ortostatica, ma sicuramente quando sarà il momento non ricorderai i tecnicismi, quindi continueremo a chiamarlo sbiancare, diventare pallido o giallo, che è più facile da ricordare

Immagine del protagonista del film Scream causato dal fumo di troppa marijuana
Immagine del protagonista del film Scream causato dal fumo di troppa marijuana

 

⛳ Síntomas de una pálida o blancazo

 

  • Disagio: La prima cosa che senti è che non ti senti bene, sensazioni spiacevoli che non ti aspetti perché normalmente ti porta benessere.
  • Vertigini: In molti casi notiamo un leggero capogiro che non ci permette di mettere a fuoco chiaramente, i movimenti diventano più lenti e sembra che il terreno si muova.
  • Ansia: è uno dei sintomi più comuni, causato dal ciclo mentale in cui entriamo quando percepiamo di aver fumato spinelli. È curioso vedere come la cannabis normalmente calma l’ansia ma in eccesso può causare l’effetto opposto.
  • Sudorazione: la sudorazione in modo incontrollabile è un altro dei sintomi che ti sta dando un giallo, ed è perché la tua temperatura corporea aumenta e la sudorazione dovuta alla sudorazione è il modo in cui dobbiamo regolarla.
  • Panico: Il cervello può essere il nostro più grande alleato, ma in alcuni casi può anche diventare il nostro peggior nemico, come succede quando ti dà un sbiancamento . È inevitabile pensare al male in questi momenti, al punto da passare attraverso una paura incontrollabile o il panico per ciò che può accadere.
  • Confusione: In quel momento non sai molto bene cosa ti sta succedendo o cosa fare, non riesci a pensare con chiarezza e tutto diventa confuso. Da un punto di vista normale puoi vedere come una situazione facile da controllare, ma ti assicuro che in quel momento non è facile controllare i tuoi pensieri.
  • Paranoia: come il panico, la paranoia deriva dal ciclo psicologico che creiamo quando ci sentiamo male e non sappiamo come continueremo. È difficile controllare questa sensazione in quel momento, è come un brutto viaggio di funghi ma con meno intensità.
  • Tremori: uno dei sintomi fisici del merlano che si possono osservare più velocemente sono i tremori subiti dalla persona che ne soffre, che in molti casi sono totalmente incontrollabili.
  • Tachicardia: quando ci ammaliamo, il cuore inizia a pompare con maggiore intensità, al punto da avere tachicardia e sentirsi più veloci del normale.
  • Nausea: la sensazione di disagio di solito aumenta se non vengono prese misure, quindi è normale che compaiono nausea e persino mal di stomaco.
  • Vomito: In molti casi il candore si conclude con l’inevitabile vomito, e va detto che sebbene sia un male, può essere il modo migliore per porre fine al disagio causato dal consumo eccessivo di erba.

 

 

✨ Perché ci dà sbiancamenti o ingiallimenti ?

 

Ci possono essere diversi motivi, ma di solito si verifica in persone con una bassa tolleranza al THC, poiché quelli di noi che sono molto abituati a consumare cannabis di solito non soffrono mai di pallore. Ma può anche succedere che un giorno il tuo corpo non sia in splendida forma e noti l’effetto molto più potente, perché hai mangiato poco, la tua pressione sanguigna è un po’ bassa, o ne consumi troppo in poco tempo.

Lo sbiancamento per fumare le canne si verifica anche quando cambiamo varietà, anche quando si passa dal consumo di una potente a una meno forte. La ragione di ciò è dovuta alla tolleranza di cui abbiamo parlato prima, poiché il corpo si abitua a un profilo di cannabinoidi e terpeni specifico e  quando iniziamo a fumare una nuova genetica possiamo sentirlo molto più invece che dopo diversi giorni di consumo.

Ma i motivi più comuni per cui diventiamo pallidi sono solitamente dovuti alla miscelazione della marijuana con alcol o altre droghe, consumo al sole, troppo caldo o umidità, stanchezza o mancanza di sonno. L’impostazione del set&setting è anche molto importante, cioè , l’ambiente in cui ci si trova, perché se è un luogo conosciuto in cui si sono confortevoli, o sei con persone di fiducia, è più difficile che l’ingiallimento  compaia .

Tutti questi sintomi sono causati dall’effetto dei cannabinoidi nel nostro corpo, perché quando entrano nel nostro flusso sanguigno e raggiungono il sistema cardiovascolare provocano un grande abbassamento della pressione sanguigna, riducendo notevolmente l’irrigazione che raggiunge il nostro cervello.

 

 

➕ Cosa fare se ti colpisce?

 

Se sei solo e noti che inizia ad assumere un colore giallo o bianco, è meglio smettere immediatamente di consumare e bere acqua e / o qualcosa di dolce, poiché lo zucchero ti aiuterà a ridurre la cannabis in eccesso. Un succo, una tavoletta di cioccolato o i tipici spuntini che mangiamo quando la fame ci colpisce dopo aver fumato, può essere la soluzione che migliora il tuo stato in quel momento.

Se sei con un collega e noti che si sta sbiancando , non ridere di lui, perché questo può accentuare il suo disagio. La cosa migliore che puoi fare è aiutarlo a sedersi o sdraiarsi, e se non vomita o ha la nausea, dagli dell’acqua o qualcosa di dolce, proprio come se fosse per noi. Se lo vedete molto accaldato o sudato è meglio portarlo in un luogo fresco, dargli l’aria della strada può aiutare a calmare le sue condizioni, in caso contrario è meglio stargli accanto, lasciandolo in una posizione confortevole finché non passa.

D’altra parte, se il collega vuole vomitare, l’ideale è non dargli nulla da mangiare, poiché può farlo stare male in quella situazione. In tal caso, devi metterlo su un fianco per evitare che soffochi con il suo stesso vomito come è successo a Jimmy Hendrix, e lasciarlo sotto osservazione per un po’ per vedere come progredisce. Resta al suo fianco in modo che sappia che non è solo, poiché potrebbe aver bisogno di te in qualsiasi momento.

Succede a te o capita a un altro collega, la cosa più importante è che ti sia sempre chiaro che nessuno è mai morto per uso di cannabis, quindi non succederà nulla e si risolverà in breve tempo. Dico questo perché a volte il male psicologico causato dal ciclo negativo di pensare a ciò che può accadere è peggiore del male causato dal consumo eccessivo.

 

 

🚀 Come evitare di essere colpiti?

 

La cosa migliore è conoscersi, sapere in quali situazioni può farci stare l’uso della marijuanamale ed evitarle. Come ti ho detto all’inizio di questo articolo, le persone che hanno un’alta tolleranza alla cannabis di solito non soffrono di sbiancamenti , ma è comunque meglio sapere come evitarlo, prendi nota:

 

  • Evita il consumo a stomaco vuoto: Ci sono persone che fumano molto .La prima cosa che fanno quando si alzano dal letto è rollarsi una canna, il “wake and bake” che lo chiamano gli stoner americani. Questo può essere un po’ pericoloso, poiché fumare a stomaco vuoto può aumentare gli effetti del THC.
  • Non fumare troppo spesso: In Spagna lo chiamiamo “fumo con la faccia da cane”, e alcune persone fumano come se fosse l’ultima volta che lo fanno, o come se stessero per rimuovere la canna. Quando fumi è facile notare come funziona la marijuana, ma se lo fai troppo velocemente,passerà e senza rendertene conto.
  • Non consumare al sole o in luoghi molto caldi: il calore provoca un calo della pressione sanguigna, che, aggiunto all’effetto della cannabis, può anche farti svenire. Di questo bisogna tener conto anche quando facciamo esercizio fisico o qualunque sia la nostra temperatura corporea più alta del normale.
  • Non mischiare con alcool o altre droghe: Capita molto spesso che le persone combinino l’uso della cannabis con quello di altre droghe, e questo può essere molto pericoloso. Mescolando sostanze stimolanti con altri depressivi del sistema nervoso centrale, si tende a consumare di più perché uno inibisce l’altro, ed è facile crollare.
  • Rimani idratato: sembra sciocco, ma la disidratazione è uno dei motivi principali per cui diventi bianco dopo aver fumato canne. Un buon modo per evitare l’imbiancamento  causato dalla marijuana è bere succhi o bibite, poiché allo stesso tempo ti idrati, lasci riserve di zucchero.
  • Evita di consumare in situazioni scomode: ci sono momenti in cui dobbiamo svolgere alcune attività che generano insicurezza e tendiamo a pensare che se fumiamo li affronteremo meglio o con più calma. A volte può funzionare, ma molte altre volte ha l’effetto opposto, perché l’alto livello  accentua la nostra insicurezza.

 

Infografica che ricrea il modo migliore per consumare cannabis e non soffrire di pallore o candore
Infografica che ricrea il modo migliore per consumare cannabis e non soffrire di pallore o candore

 

 

✅Conclusione

 

A volte il candore è inevitabile, ma il più delle volte è dovuto a un uso improprio di cannabis, sia per eccesso che per consumo nel momento, luogo sbagliato o con la compagnia sbagliata. La cosa più importante è che ti ricordi che nel peggiore dei casi causerà solo un brutto momento, ma passerà, soprattutto se prendi in considerazione ciò che hai letto in questo post, che sarebbe bello se condividessi in modo che non succede ai tuoi amici.

 

🎯 Domande frequenti

 

Quanto dura un pallore ?

Questa domanda viene posta da molte persone e la verità è che non ha una risposta concreta, perché colpisce ogni persona in modo diverso. Come regola generale, non durerà più di 3 ore e, se puoi, la cosa migliore che puoi fare è sdraiarti per un po’ e aspettare che passi. Se vuoi ridurre quel tempo o eliminare la brutta sensazione di candore, l’ideale è prendere lo zucchero come abbiamo visto in precedenza, quindi è consigliabile avere la fame chimica nelle vicinanze quando vai a consumare per ogni evenienza.

Come rimuovere il fumo?

Quell’erba era così ricca che te la sei persa per sbaglio, e adesso? In questi casi, non è consigliabile assumere ansiolitici o tranquillanti, perché la combinazione con la cannabis può causare un problema maggiore. Inoltre, non è necessario andare in ospedale per lavarsi lo stomaco, ricorda che un’overdose di THC non sarà mai grave come lo sarebbe con altri farmaci. Se non hai lo stomaco malato, è meglio bere acqua, succo o bibite, per idratarti e aggiungere zucchero al flusso sanguigno, e uscire per darti un po di aria fresca in modo che l’effetto del fumo passi al più presto il più possibile.

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content