Semi di marijuana: femminizzati o autofiorenti? Vi spieghiamo le differenze

560
SHARES
Tempo di lettura 4 minuti

 

Le differenze tra una pianta da semi femminilizzati e una da semi autofiorenti
Le differenze tra una pianta da semi femminilizzati e una da semi autofiorenti

 

Molti clienti ci chiedono la differenza tra semi di cannabis femminizzati e autofiorenti. Solo 15 anni fa, i grow shop vendevano solo semi normali. Tuttavia, attualmente esistono molti tipi diversi di semi, tra i quali spiccano quelli femminizzati e automatici.

 

 

🎬 Principali differenze tra femminizzata e autofiorente

 

 

 

Le principali differenze tra varietà di marijuana femminizzate e autofiorenti si possono riassumere in 3 punti: morfologiche, invisibili e coltivate:

 

Morfologico

  1. Dimensione
  2. Produzione
  3. Forma delle foglie
  4. Rapporto calice/foglia
  5. Densità dei fiori
  6. Potatura
  7. Quantità di resina

 

Non visibile

  1. Gene autofiorente
  2. Resistenza allo stress
  3. Potenza
  4. Quantità di terpeni e flavonoidi

 

Di coltivato

  1. Diversi fotoperiodi indoor
  2. Quantità di colture all’aperto
  3. Capacità di riproduzione asessuata nelle femmine femminizzate
  4. Possibilità di mantenere piante madri femminizzate
  5. Dieta diversa
  6. Maggiore vigore ibrido nelle piante autofiorenti

 

In generale differiscono parecchio, ma ci sono formati di semi che possono essere al 100% femminili e a fioritura automatica, cioè sia femminizzati che autofiorenti, ma questi punti diversi tra l’uno e l’altro sono importanti. Vuoi che li esaminiamo più attentamente? Quindi non smettere di leggere…😜

 

 

🎯 Differenze morfologiche tra varietà femminizzate e autofiorenti

 

 

Quelle femminizzate, come quelle fotoperiodiche in generale, crescono molto di più delle autofiorenti. Questo perché le autofiorenti iniziano a fiorire prima.

Quelle femminizzate possono formare diversi tipi di foglie, a seconda della loro percentuale di indica o sativa, può essere più larga o stretta, con più o meno fogliame. Tuttavia i ceppi automatici di solito formano la tipica foglia delle ruderalis, con 5 o 7 folioli e di media larghezza normalmente.

Il rapporto calice/foglia delle varietà femminizzate è molto più interessante di quello delle varietà autofiorenti come regola generale. Le autofiorenti producono più foglie e le cime hanno bisogno di più lavoro durante il raccolto.

La densità delle cime è solitamente molto più alta nelle varietà femminizzate rispetto alle autofiorenti, specialmente nelle varietà indica femminizzate.

Le femminizzate possono essere potate e modellate quanto vuoi, ma le autofiorenti con un ciclo vegetativo così breve non hanno interesse a potarle e quasi non possono essere modellate.

La genetica femminile al 100% produce più resina rispetto alle varietà a fioritura automatica.

 

imagen que muestra las diferencias morfológicas entre las autoflorecientes y las feminizadas*
immagine che mostra le differenze morfologiche tra autofiorenti e femminizzate*

 

 

 
Scarica il dizionario gratuito della marijuana
Scaricare gratuitamente Dizionario della cannabis Edizione 2023
Inserisci un indirizzo e-mail corretto
Devi accettare l'informativa sulla privacy
SITO DI NEGOZI ONLINE S.R.L con CIF: B98262777 e indirizzo per le notifiche in C/ VEREDA MAS DE TOUS Nº 22 LOCAL C, 46185 LA POBLA DE VALLBONA, VALENCIA, Telefono: 961658271 Email: customer(at)pevgrow.com
Per conto della Società di Consulenza trattiamo i dati da Lei forniti al fine di fornire il servizio richiesto, eseguire la fatturazione dello stesso. I dati forniti saranno conservati per tutto il tempo in cui sarà mantenuto il rapporto commerciale o per gli anni necessari a soddisfare gli obblighi di legge. I dati non saranno ceduti a terzi, salvo nei casi in cui vi sia un obbligo di legge. L'utente ha il diritto di ottenere la conferma che SITE OF SHOPS ONLINE S.R.L. stia trattando i suoi dati personali e pertanto ha il diritto di accedere ai suoi dati personali, di rettificare eventuali dati inesatti o di richiederne la cancellazione quando i dati non sono più necessari.
 

🔥 Differenze non visibili tra autofiorenti e femminizzate

 

 

La più grande differenza tra questi due tipi di cannabis non può essere vista ad occhio nudo. Le femminizzate, come tutte le fotoperiodiche, accumulano una proteina durante il periodo notturno che regola il ciclo per sapere quando crescere e quando fiorire. Le autofiorenti sono prive di questa proteina, invece hanno una sorta di orologio vitale che indica loro il momento in cui iniziano a fiorire, normalmente circa 3 settimane dopo la germinazione.

I femminizzati sono più soggetti allo stress, questo perché questi semi provengono da piante sottoposte a stress per invertire il loro sesso. Le autofiorenti sono molto resistenti allo stress, in particolare allo stress leggero, che non le influenza affatto.

Le femminizzate contengono normalmente livelli più elevati di cannabinoidi, anche se negli ultimi anni le auto sono notevolmente migliorate in questo senso. Attualmente abbiamo piante automatiche con livelli di THC superiori al 20%, ma in generale sono ancora al di sotto di quelle femminizzate.

Il contenuto di terpeni e flavonoidi delle femminizzate è anche molto superiore a quello delle autofiorenti, anche se è anche vero che a poco a poco inizia ad eguagliare.

 

imagen que muestra las diferencias no visibles entre las feminizadas y las autoflorecientes*
immagine che mostra differenze non visibili tra femminizzata e autofiorente*

 

 

📱 Differenze di coltivazione tra femminizzate e autofiorenti

 

 

Nella coltivazione indoor, è necessario modificare il fotoperiodo da 18 ore a 12 ore di luce diurna in modo che le varietà femminizzate inizino a fiorire. Le autofiorenti possono avere lo stesso fotoperiodo di luce per tutto il raccolto, non importa fino a 12 ore, 18, 20 o anche di più.

Nella coltivazione all’aperto, le varietà femminizzate hanno un’unica stagione di crescita, nell’emisfero settentrionale da marzo a ottobre circa. Con le varietà automatiche puoi coltivare diversi raccolti all’anno all’aperto, poiché i raccolti non si basano sulle ore diurne circa 3 mesi dopo la germinazione, indipendentemente dalla stagione.

Le femminizzate possono essere coltivate da talee, tuttavia le autofiorenti possono essere coltivate solo da seme.

Le piante madri di quelle femminizzate possono essere salvate ma non di quelle autofiorenti. Questo perché la fem. Possono essere tenuti in crescita vegetativa a 18 ore di luce per tutto il tempo che vogliamo, ma non quelli automatici, poiché fioriscono anche a 18 ore.

Le autofiorenti tollerano l’iperfertilizzazione meglio di quelle femminizzate, con la fem dipende dalla varietà, alcune mangiano di più e altre di meno. Al contrario, le autofiorenti tendono a mangiarne molte e, naturalmente, resistono meglio ai nutrienti in eccesso.

Le piante a fioritura automatica godono di un vigore ibrido maggiore rispetto alla maggior parte di quelle femminizzate. Questo perché le auto sono un incrocio tra la sottospecie ruderalis e sativa o indica, che sono sottospecie diverse, e più sono distanti, maggiore è il vigore dell’ibrido.

 

imagen que muestra las diferencias de cultivo entre las autoflorecientes y las feminizadas*
immagine che mostra le differenze di coltivazione tra autofiorenti e femminizzate*

 

👾 Conclusione

 

 

Sentiamo spesso dire che le femminizzate o le fotoperiodiche sono migliori delle autofiorenti, e questo non è del tutto vero. Come abbiamo visto in precedenza, ognuno è il migliore per ogni situazione, quindi non si può dire che uno sia migliore dell’altro in generale. Se l’articolo ti è piaciuto, considera di condividerlo sui social network, è il modo migliore per raggiungere più persone, ti ringraziamo in anticipo.🤜😜

 

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Leave a Comment