Coltivare marijuana in climi freddi? Certo che è possibile!

560
SHARES
Tempo di lettura 7 minuti

 

Coltivare marijuana in climi freddi
Coltivare marijuana in climi freddi

 

È vero che il momento ideale per coltivare la stragrande maggioranza dei semi di cannabis è quando non fa particolarmente freddo e le ore di sole sono abbondanti, aiutandone la crescita e il corretto sviluppo. Tuttavia, il freddo non dovrebbe essere un impedimento per farti coltivare cannabis tutto l’anno. In questo post ti forniamo alcuni suggerimenti per realizzarlo.

 

Il periodo più comune per la coltivazione della marijuana è solitamente tra i mesi di aprile-maggio, e da settembre a ottobre per la raccolta (questo può variare a seconda di dove viviamo sul pianeta), poiché sono i mesi in cui il clima è meno ostile, mentre il resto dell’anno sono molti i coltivatori privati che si dedicano semplicemente a consumare tutto ciò che hanno raccolto.

 

Il freddo non dovrebbe essere un ostacolo alla coltivazione della marijuana. In periodi in cui fa più freddo o in paesi dove il freddo è presente quasi tutto l’anno. c’è quello che comunemente viene chiamato il raccolto invernale.

 

E quando parliamo di freddo, non ci riferiamo a temperature sotto lo zero nell’arco della giornata e per lunghi periodi, poiché in quei luoghi è difficile che questa pianta cresca; Ci riferiamo a climi in cui le temperature si mantengono in media tra 5 e 10 gradi, come di solito accade nel nord della maggior parte dei paesi dell’Europa o del Nord America, così come in paesi come Cina, Pakistan o Nord dell’India, dove il freddo sferza per gran parte dell’anno in alcune delle regioni più montuose.

 

 

La latitudine è la chiave per la coltivazione
La latitudine è la chiave per la coltivazione

 

È proprio da questi luoghi che provengono alcuni dei semi più adatti alla coltivazione in climi freddi e ostili o nelle stagioni fredde, intendendo il freddo, come dicevamo, a temperature inferiori ai 10 gradi, ma senza contare le gelate continue. .

 

Pertanto, se alcuni dei migliori semi nell’attuale mercato della cannabis provengono da questi paesi, è perché davvero è possibile coltivare cannabis durante la stagione fredda e molte delle genetiche che possono essere trovate nel mercato dei semi sono state progressivamente acclimatate a latitudini europee.

 

Certi aspetti vanno sempre tenuti in considerazione, come ad esempio conoscere bene le condizioni climatiche del luogo in cui vogliamo coltivare i nostri semi, nonché i semi che andremo ad utilizzare, essendo questo uno dei punti cardine per ottenere i risultati che vogliamo.

 

Prima di immergerci nei consigli su come coltivare la cannabis in climi freddi, è importante sapere che i semi che coltiviamo durante questo periodo non daranno luogo a grandi piante, anche se sappiamo che ne varrà la pena in quanto come conseguenza di ciò la produzione sarà migliore.

 

Se sei stanco di dover aspettare un clima più caldo per coltivare marijuana, ti invitiamo a continuare a leggere questo post, poiché sarà molto utile o, almeno, lo speriamo. Buona lettura

 

 

Come il freddo influisce sulla marijuana

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

Da diverso tempo, soprattutto nei paesi in cui nell’arco dell’anno non fa particolarmente freddo, come ad esempio nella maggior parte dei paesi europei, un gran numero di coltivatori di marijuana si dedica a questo compito nei mesi meno ostili, climaticamente parlando, cioè, quelli che vanno indicativamente da aprile-maggio (germinazione e trapianto di piantine e talee), fino a settembre-ottobre (raccolta), in cui si raccoglie il frutto del seminato. E, il resto dell’anno, si dedicano a godere dei propri risultati, oltre che a preparare i successivi raccolti.

 

In realtà, il problema non è il freddo in sé, che rallenta tutto, ma il fatto è che ci sia freddo perché l’irraggiamento solare non è così intenso ed il numero di ore di sole (fotoperiodo) è più limitato.

 

Noi di PEV Grow Shop vorremmo incoraggiare tutti coloro che lo vogliono, ma non osano, a provare a seminare durante tutto l’anno, poiché è possibile, soprattutto se si prendono in considerazione alcuni aspetti. Per fare questo, le prime cose cui bisogna pensare sono:

 

Il fotoperiodo è l’ideale per la fioritura: il che significa che la nostra pianta inizierà a fiorire quasi immediatamente. La cosa più consigliabile è coltivare le piante in casa fino a raggiungere una massa vegetale adeguata, e poi portarle fuori nel giardino esterno. Il passaggio al fotoperiodo naturale farà il resto. Non dimenticare di posizionare le piante all’aperto in modo che abbiano il sole diretto tutto il giorno.

 

Piante più piccole: Tenendo conto del punto precedente, è logico che la pianta che coltiviamo in inverno non raggiunga una grande dimensione. Si stima infatti che normalmente non superino i 100 centimetri di altezza, ma possono darci tra i 20 ei 60 grammi per pianta. Non è comunque una buona idea farlo con piante autofiorenti, poiché queste genetiche non avranno fotoperiodo né un’intensità di luce adeguata per poter fornire una quantità accettabile di massa vegetale.

 

Prova con una serra: meglio una cultura all’aperto in una serra a vetri. È la raccomandazione principale da tenere in considerazione quando si vuole coltivare in inverno, poiché in questo modo la temperatura del raccolto viene aumentata, e ha meno possibilità di essere invasa da parassiti. Anche l’umidità è molto ben controllata in questo modo, poiché le piante non sono esposte alle piogge.

 

 

Greenhouse crops, better if glazed
Greenhouse crops, better if glazed

 

Usa una varietà Indica

o ibrida: sono quelle che, in generale, si adattano meglio a questo tipo di clima. In seguito daremo una carrellata dei migliori semi per questo tipo di clima; nel frattempo potete dare un’occhiata ad un articolo più ampio già pubblicato da PEV Grow in passato che tratta proprio di questo punto.

Le varietà Sativa si adattano meglio ai climi tropicali, in quanto hanno bisogno di molta intensità luminosa.

 

Trucchi per combattere il freddo

 

Come in ogni cosa, ognuno ha i propri trucchi e assi nella manica, ma vogliamo darti qualche consiglio generale e di provata efficacia per poter portare avanti la tua coltivazione di marijuana durante l’inverno o nei periodi freddi dell’anno:

 

Se partiamo dai semi: si consiglia di farli germogliare al chiuso in qualsiasi mese invernale. La germinazione è da effettuarsi con acqua naturale, tra i 18-22 ° C.

 

Si consiglia di mantenere le piantine in casa fino a quando la massa della pianta è adeguata. Nel caso si tratti di talee non è necessario portarle subito fuori, possiamo farle crescere per circa 30 giorni.

 

Occhio! Non appena portiamo le nostre piante all’aperto, la cosa più normale è che fioriscano, perché noteranno il contrasto del fotoperiodo.

 

Luce artificiale: proseguendo con il punto precedente e se vogliamo allungare il fotoperiodo della pianta, al fine di migliorarne la crescita, dobbiamo utilizzare una luce artificiale, come quella alogena. Per aiutarti a coltivare, in PEV Grow hai a disposizione un ampio catalogo dedicato all’illuminazione.

 

Usa i vasi: soprattutto se coltiviamo all’aperto e anche se in questo caso usiamo una serra. Perché? Perché le piante coltivate direttamente nel terreno sono più difficili da riscaldare, se il terreno non è caldo. Il vaso, appunto, eviterà questo problema. Why? Because plants that are directly grown directly in the soil are more difficult to give them heat, if the soil is not hot. However, the pot will avoid this problem.

 

Cerchi vasi? Abbiamo per te tutti i tipi di attrezzi ed accessori dedicati alla coltivazione, cliccando qui. Potrai inoltre migliorare i tuoi risultati inserendo un pezzo di sughero o di legno sotto i vasi per isolarli ancor più dal freddo

 

Abbiamo anche la possibilità di utilizzare una “coperta” per il pavimento, realizzata con materiali che assorbono il calore, come ad esempio una coperta di pietra calcarea. È una tecnica molto utilizzata nei vigneti, per smorzare l’escursione termica tra il giorno e la notte. Se ci sono gelate, eviteremo il congelamento delle radici.

 

Fai attenzione all’umidità! Anche se è vero che in inverno sono meno comuni, l’umidità può causare problemi di parassiti. Dobbiamo tenerlo a mente. Utilizzare sempre fungicidi preventivi, soprattutto nelle stagioni piovose.

 

Raccolti sfalsati nel tempo: è un’opzione interessante poiché, se ci fosse una gelata imprevista, non perderemmo l’intero raccolto; avremmo inoltre una finestra di tempo più larga da dedicare alla raccolta della marijuana e potremmo utilizzare meno spazio rispetto al coltivare tutti i semi allo stesso tempo. A tal fine dovresti dedicare la germinazione e il mantenimento delle piantine al chiuso.

 

 

Proteggi la tua pianta di marijuana dal freddo
Proteggi la tua pianta di marijuana dal freddo

 

Riscaldamento e termostato: questa opzione è praticabile solo nelle serre. Pertanto, e al fine di mantenere la temperatura ideale in ogni momento, sulla base del periodo di sviluppo in cui si trova la nostra pianta di marijuana, è meglio posizionare un termostato sia nel substrato (temperatura del substrato) che nella serra (temperatura dell’ambiente di coltivazione), per sapere quale temperatura abbiamo in ogni momento e in base a questa, avviare eventualmente il riscaldamento. Se il substrato è molto freddo, non dimenticare di preparare i brodi di coltura riscaldando l’acqua con una resistenza, per mantenerla tra 18º e 22º.

 

Le migliori varietà per climi freddi

 

Come abbiamo già accennato in precedenza, i migliori semi da coltivare in climi freddi o nei periodi invernali appartengono alla varietà Indica, poiché, per la maggior parte, provengono da climi ostili come l’India o il Pakistan e vengono utilizzati per i terreni montuosi, dove la crescita di per sé è già abbastanza difficile, rendendoli pertanto più resistenti a insetti nocivi, funghi e freddo.

 

Inoltre, questi semi richiedono meno tempo per svilupparsi e, sebbene non produrranno piante di grandi dimensioni, i risultati saranno comunque buoni, se si tiene conto dei consigli offerti nella sezione precedente.

 

Su PEV Grow puoi trovare un’ampia selezione di semi Indica, tra i quali evidenziamo, ad esempio, le varietà PEV Bank Seeds Critical Femminizzati, PEV Bank Seeds Mazar Femminizzati o PEV Bank Seeds Bruce Banner Femminizzati.

 

 

BRUCE BANNER FEMMINIZZATA DI PEV BANK SEEDS

 

Bruce Banner causes in general cerebral effects givind us euphoric and creative notes which spread in the body providing a state of well-being...

Bruce Banner provoca un effetto di base cerebrale, combinando l’euforico al creativo e portandoti verso uno stato di benessere generale del corpo…

Caratteristiche
Banca: PEV Bank Seeds.
Tipo: femminizzato.
Periodo di fioritura: 8-10 settimane.
Genetica: Og Kush x Strawberry Cough x Sour Diesel.
Produzione indoor: 350-500 gr / m2
Produzione outdoor: 500-650 gr / pianta
Altezza: 110-200cm
THC: 22,0-27,5%
CBD: 0,03% -0,06%

Maggiori informazioni sui
semi di banca PEV femminizzati Bruce Banner

 

 

 

PEV Bank Seeds mette a tua disposizione le migliori genetiche sul mercato a prezzi incredibili, con varietà Indica e Ibride, acclimatate alle latitudini europee del clima mediterraneo e continentale.

 

Altre genetiche ancestrali del fenotipo Indica, molto apprezzate dai nostri migliori breeder, sono varietà come Sensi Seeds Afghani 1, Blue Hash di Dinafem, Dutch Passion Mazar e Sweet Seeds S. A. D.

 

 

Dinafem Blue Hash

 

It is a great producer outdoors, due to its size, and a good choice for high altitude mountain areas, where cold nights give it attractive colours...

Produce molto bene all’aperto e sopporta i climi rigidi di alta montagna, dove grazie al freddo notturno acquisisce il colore sorprendente che la rende così attraente…

Caratteristiche
Banca: DINAFEM SEEDS
Sesso: Femminizzato
Genotipo: Blueberry x California HashPlant.
Fenotipo: Indica-Sativa, prevalentemente Indica.
Altezza: fino a 3 metri all’aperto.
Tempo di fioritura: 56-70 giorni
Resistenza alle muffe: Alta
Resistenza ai parassiti: Alta
Produzione: Media.
Livello di THC: 12%

Maggiori informazioni su
Dinafem Blue Hash

 

 

Conclusione

 

Come puoi vedere è possibile coltivare cannabis ad alto rendimento anche in condizioni “non ideali”. Semplicemente, devi selezionare bene i semi e avere una serie di attenzioni particolari per la pianta.

 

Per coltivare cannabis all’aperto, il clima più favorevole, soprattutto nella sua fase di fioritura, è il Mediterraneo, anche se con un programma di irrigazione artificiale. Ma anche nei climi freddi è possibile la sua coltivazione: senza andare troppo lontano abbiamo l’esempio della marijuana olandese, dove si coltivano genetiche di marijuana molto potenti e fenotipi ibridi fondamentalmente Indica.

 

In PEV Grow, hai un’ampia selezione di semi femminizzati per assicurarti un buon raccolto, della migliore qualità e al contempo risparmiare denaro.

 

E se non vuoi correre il rischio di fare un raccolto invernale, in altri post tratteremo le coltivazioni interamente indoor, fornendoti i migliori consigli per questo tipo di esperienza

 

Se invece hai osato, per favore condividi la tua esperienza e dicci quale varietà hai coltivato, in quali condizioni e se hai applicato i nostri consigli.

 

Con voi, non smettiamo mai di imparare… Saluti cannabici!

 

By Noelia Jimenez Team Piensa En Verde

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Alan Martínez Benito
Alan Martínez Benito
CEO di Pev Grow, coltivatore esperto con più di 20 anni di esperienza. Continua a battersi senza sosta per la regolamentazione del settore della cannabis, particolarmente in campo medico.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content