Come preparare in casa l’hashish marocchino

Tempo di lettura 10 minuti

 

Come preparare in casa l'hashish marocchino
Come preparare in casa l’hashish marocchino

 

Ci sono molti modi in cui la pianta di marijuana viene consumata e l’hashish è uno di questi. Oggi parliamo dei principali metodi per estrarre la resina dalla pianta di marijuana per produrre hashish “fatto in casa”, nonché degli strumenti di cui avrai bisogno per tale operazione.

 

 

Introduzione

 

Che brutta pubblicità ha avuto l’hashish, da sempre… giusto?!? La verità è che mi piacerebbe fermare un gruppo di persone a caso per strada, diciamo un campione di circa 100 persone, per esempio, e porre loro la seguente domanda: “Puoi dirmi cos’è l’hashish?” Sono convinto che, indipendentemente dall’età o dal sesso, molti di loro non saprebbero darmi una risposta precisa, al di là del fatto che si tratta di una droga. Ed è vero, l’hashish è nella lista delle droghe, ma è sempre bene sapere veramente di cosa si tratta.

Quindi, oggi, vorrei dedicare l’articolo del blog a questo prodotto il cui luogo d’origine più noto è il Marocco, oltre alle diverse tecniche per realizzarlo in casa, agli utensili di cui avrai bisogno e, ovviamente, alla storia di esso e gli effetti del suo consumo.

Ma come sempre, e se hai letto qualcuno dei miei post precedenti lo sai, mi piace iniziare la casa dalle fondamenta e non dal tetto, quindi, se per te va bene, sarei felicissimo che mi accompagnassi in una premessa in cui vorrei indicarti tutto ciò che devi sapere prima di immergerti nella produzione di hashish fatto in casa.

 

Tutto ciò che devi sapere prima di preparare l’hashish fatto in casa

 

Come ho già detto, sono più che convinto che ci siano molte persone che non sanno esattamente cosa sia l’hashish. Probabilmente non è il tuo caso (perché altrimenti non saresti qui!) ma non fa mai male aggiornare la nostra conoscenza e, quindi, inizierò con qualcosa di semplice come definire cos’è l’hashish.

A base di resine compresse della pianta di marijuana, l’hashish si ottiene per estrazione fisica o manuale, come dicevamo, principalmente da fiori e foglie di piante femmine della marijuana.

Il suo sapore, aroma e caratteristiche dipenderanno molto dalla varietà di marijuana femminile che utilizziamo, ma tra principali effetti che l’hashish provoca sulla persona che la consuma c’è quello rilassante, poiché nella sua composizione è presente una concentrazione maggiore di CBN (cannabinolo) che gli conferisce un maggiore effetto sedativo. Questo più alto contenuto di CBN deriva dall’ossidazione del THC all’aria e alla luce che si verifica durante la preparazione dell’hashish.

 

La concentrazione finale di THC nell’hash dipenderà dalla varietà di cannabis utilizzata

 

Il resto degli effetti psicotropi e terapeutici sono gli stessi di quelli attribuiti alla cannabis, come la distorsione del tempo e dello spazio, fornendo anche un certo grado di dipendenza psicologica dovuta al rito sociale che il fumo di hashish comporta.

Altri effetti collaterali che dipendono dalla potenza del THC dell’hashish sono: mancanza di coordinazione, incapacità di apprendere, paranoia, danni ai polmoni o episodi psicotici, che sebbene possano corrispondere a un sovradosaggio, sono transitori, lievi o moderati e altamente variabili, poiché dipendono molto non solo dalla dose somministrata, ma dalla capacità di metabolismo del consumatore. La sua dose deve essere sempre personalizzata e adattata con cura al consumo di ciascuno e per ogni lotto di hashish preparato.

 

Certo, non dovresti mai guidare dopo aver consumato hashish, né è consigliabile mescolarlo con l’alcool, a causa della moltiplicazione degli effetti negativi che questo potrebbe avere. Ma sono sicuro che, in questo senso, non ti sto dicendo niente di nuovo.

 

Infografica sull’hashish

 

Infografica sull'hashish
Infografica sull’hashish

 

 

Differenze tra cannabis e hashish

 

Ma se l’hashish è l’estrazione di resina dalla pianta di marijuana e gli effetti sono simili, quali sono le differenze tra cannabis e hashish?

Oltre a quelli citati, è chiaro che la prima cosa che spicca è la differenza di colore. Mentre la cannabis sarà verde, così come lo sono le cime con cui è realizzata, l’hashish è marrone scuro, differenziando le tonalità in base alle condizioni di produzione. Inoltre, anche il suo aspetto è completamente diverso: mentre la cannabis è un’erba, l’hashish viene solitamente prodotto o commercializzato sotto forma di palline o panetti, che sono piuttosto brutti, appiccicosi e argillosi. Niente a che vedere, quindi, con la cannabis in questo senso.

 

hashish vs marijuana Foto: Gea Seeds
hashish vs marijuana Foto: Gea Seeds

 

D’altra parte, una differenza significativa, e per la quale ci sono persone che preferiscono un prodotto più di un altro, è l’effetto che producono entrambi. Il fatto è che l’effetto dell’hashish NON è sempre più potente di quello della marijuana, poiché in molte occasioni i livelli di THC sono relativamente bassi. In effetti, oggi, troviamo analisi delle piante di marijuana con valori di THC che superano molte preparazioni di hashish.

Ciò è dovuto al fatto che molte volte i coltivatori non prestano attenzione alla selezione di piante di marijuana per la produzione di hashish, comprendendo nel processo produttivo piante fertilizzate, ermafroditi, maschi, piantine ecc …

Tuttavia, anche se va notato che l’Hash marocchino è uno dei più concentrati in THC, il più delle volte non supera il contenuto di THC trovato nelle nostre piante di marijuana e si distingue anche per le sue alte concentrazioni di CBD e CBN, da cui derivano i suoi effetti per la maggior parte sedativi.

La chiave è nel CBN. Il CBN è incluso insieme al THC nei calcoli dell’indice psicoattivo e troviamo quasi sempre più CBN nell’hashish.

Quando si tratta di sapere se la cannabis o l’hashish è di qualità, ci sono anche differenze. Nel caso della prima, è più facile vederlo al primo sguardo, perché se sai come identificarla correttamente, non è necessario bruciare l’erba. Invece, nel caso dell’hashish, certo che dovrai: è l’effetto del primo tiro. In pochi secondi puoi conoscerne il potere. Un altro modo per conoscerne la purezza è attraverso un’analisi semi-qualitativa dei cannabinoidi su piastre cromatografiche.

È proprio al momento di bruciarlo che vedrai un’altra delle distinzioni tra cannabis e hashish: l’aroma. Nel caso del primo è più floreale, invece, l’hashish è più intenso e profuma di muschio. Ciò è dovuto al fatto che durante la preparazione dell’hashish si perdono molti dei terpeni della cannabis, principalmente i monoterpeni, che, essendo “più leggeri”, tendono ad evaporare prima nell’ambiente. I monoterpeni sono responsabili dell’aroma agrumato e agrodolce della cannabis.

In questo senso, e tenendo conto di tutto il lavoro svolto negli ultimi anni per prevenire le frodi attraverso colture illegali, la verità è che l’Europa gode di una reputazione più che buona in termini di qualità dell’hashish, nonostante la gloria continui ad essere in capo al Marocco, il principale produttore ed esportatore di questo prodotto naturale.

 

Cosa sono i tricomi

 

En passant, prima ho accennato ai tricomi. Sai cosa sono? In caso contrario, questo ti interessa, perché è una delle parti essenziali della cannabis. Infatti, per ottenerela migliore estrazione a secco della resina, risulta essenziale conoscere i diversi tipi di tricomiche esistono nelle piante di cannabis. I tricomi sono formazioni simili a peli ghiandolariche sporgono dalla superficie delle foglie e dei calici.

Se vuoi saperne di più sui tricomi, ti consiglio di leggere questo articolo Tricomi, il marcatore naturale per la raccolta.

 

Ghiandole resinose della cannabis, chiamate tricomi
Ghiandole resinose della cannabis, chiamate tricomi

 

I tricomi si dividono in 2 categorie se guardiamo alla loro natura secernente i cannabinoidi:

 

  • Tricomi peduncolati (o a testa globulare  o “Stalked”): sono i più abbondanti e si sviluppano durante la fioritura. Sono quelli che producono la più alta quantità di cannabinoidi e terpeni, quindi sono ideali per fare hashish.
  • Tricomi sessili (o bulbosi): sono più abbondanti sulle piccole foglie attaccate alle gemme. Si sviluppano anche durante la fioritura, sono più piccole delle precedenti ma forniscono resina di alta qualità..

 

Pertanto, per produrre il miglior Hash, puoi considerare solo cime e foglie ricche di tricomi di tipo sessile e peduncolato.

Questo tipo di tricomi e la loro maturità possono essere visti da soli con un microscopio o lenti d’ingrandimento da 25x a 50x, che puoi trovare anche nella nostra Sezione di Accessori dedicati alla coltivazione del negozio online PEV Grow.

 

Lumagny microscope
Microscopio Lumagny

 

Ora conosci le principali differenze tra hashish e marijuana. Allora andiamo avanti. Sai qual è l’hashish più famoso? Ovviamente quello del Marocco, quindi, brevemente, vedremo un pò della sua storia e perché è diventata così conosciuto.

 

Storia dell’hashish marocchino

 

Come già saprai, l’hashish più conosciuto è quello del Marocco. Infatti, e nonostante la sua vera origine sia sconosciuta, gli storici in materia concordano sul fatto che sia arrivato durante le conquiste musulmane, ossia tra il XV e il XVII secolo, ma sarebbero passati molti secoli prima che fosse commercializzato in massa in tutto il mondo, negli anni 60-70, durante l’epoca d’oro degli hippy.

 

Una delle curiosità di questo prodotto è che, inizialmente, la sua coltivazione veniva effettuata in giardini e piantagioni privati. Al giorno d’oggi questo sarebbe qualcosa di impensabile considerando quanto sia rigida la legge marocchina a questo proposito, anche se sappiamo che in pratica intere città vivono della coltivazione della cannabis e della produzione di hashish.

 

L’hashish, come viene chiamato in questo territorio, viene solitamente consumato con tabacco nero, rollato in una canna o in una pipa. Tuttavia, nella zona del Rif, consumare hashish fa parte di alcuni rituali tipici. In effetti, fino agli anni ’50, questa regione godeva di privilegi quando si trattava di coltivare e consumare questo prodotto, qualcosa che altre zone del Marocco non avevano. Oggi si stima che in questa parte del paese migliaia di persone si guadagnino da vivere coltivando hashish. Una zona ideale per la sua produzione, viste le alte temperature che si verificano nella stessa che, pur terminando con altri tipi di colture, giovano molto alla pianta di cannabis da cui si estrae la sua resina.

 

Hash of Morocco
Hashish marocchino – Foto Flickr

 

 

Come fare l’hashish marocchino fatto in casa

 

Sebbene ci siano molti metodi per produrre hashish, si potrebbe dire che si dividono, principalmente, in due: estrazione della resina a secco o con ghiaccio, rimanendo la prima comunque la metodologia più comune. Ma poiché l’hashish marocchino è ancora considerato uno dei migliori al mondo, oggi vogliamo dedicare una sezione speciale alla preparazione di questo prodotto in maniera casalinga e nello stile di quel paese (sebbene si faccia così anche in paesi come il Libano o l’Afghanistan) , cioè setacciandolo o battendolo.

È un metodo molto semplice, ma richiede una certa esperienza se vogliamo ottenere i migliori risultati. In Marocco, l’elaborazione richiede i seguenti passaggi:

 

1- Prendi un secchio grande o una vaschetta e posiziona una maglia fine per schermare la materia vegetale

 

Place a fine mesh on the hub
Metti una maglia fine nel secchio

 

2- Vengono posizionate su questa rete le cime selezionate e ricoperte con una plastica.

 

Put the buds on that mesh
Deposita le cime su quella rete

 

3- Si prendono due bacchette e si sbattono fino ad estrarre la resina con cui sarà realizzato l’hashish.

 

Grab two rods and beat until the resin is extracted
Prendi due bacchette e batti fino a quando la resina non viene estratta

 

A questo punto si deve tenere conto della dimensione delle maglie utilizzate, poiché bisogna assicurarsi che la materia vegetale non si rompa in piccoli pezzi e si mischi con la resina, riducendo la qualità del prodotto finale.

Nel caso in cui ti piaccia conservare le cime e raccogliere la resina che rilasciano, da PEV Grow abbiamo il setaccio 00box, che ti aiuterà a preservare e setacciare la resina dalle gemme di marijuana senza alterarne il gusto o l’odore, né sprecare componenti di valore della pianta.

 

 

00box
La scatola 00box ti aiuterà a preservare e setacciare la resina dalle cime di marijuana

 

Uno dei vantaggi di questa scatola è che la maglia del setaccio è di 136 micron, una misura più che ideale, poiché ti aiuterà a evitare che la materia vegetale si mescoli con la resina, che, tra l’altro, sarà sempre disponibile e alla portata, nel cassetto della suddetta scatola. Uno degli aspetti che devi tenere in considerazione quando scegli il setaccio è, appunto, la dimensione della maglia: più è piccola, minori saranno le possibilità di passaggio della materia vegetale e maggiore sarà la qualità del prodotto finale.

A questo punto e per quanto riguarda la scelta della materia prima, vi consiglio di utilizzare le gemme della parte alta della pianta, perché sono quelle con la maggior quantità di tricomi. In questo modo il prodotto finale sarà più potente e di qualità superiore.

 

Inoltre, un’altra delle raccomandazioni che gli esperti danno quando si maneggiano le cime è che, prima di setacciarle, vengano congelate. Dicono che, in questo modo, si facilita il distacco dei tricomi, che è quello che ci interessa davvero.
The resin can either be smoked directly in a bong or pressed.
La resina può essere fumata direttamente in un bong o pressata

 

Una volta fatto l’ultimo passaggio, avremo la resina e potremo fumarla direttamente in un bong o pressarla. Se opti per la prima opzione e come novità, da PEVGrow ti proponiamo il vaporizzatore Vriptech, ideale sia per vaporizzare erbe che per resina, o anche utilizzando un blubber ovvero un bong di borosilicato.

 

The Vriptech vaporizer
vaporizzatore Vriptech, è ideale per vaporizzare le tue erbe e resine

 

Nel caso vogliatepressare la resina ottenuta e realizzare palline, vi proponiamo unapiccola pressa per polline, come strumento molto conveniente per qualsiasi tasca (sono solo 10 euro).

 

Polen Press
Pressa per polline piccola, ideale per pressare il polline dopo l’estrazione

 

E se quello che cerchi è un kit completo, da portare dove vuoi e per un prezzo inferiore a 30 euro, Cannaflex Simple Siever contiene: un setaccio da 150 micron di 560mm di diametro, una spatola per raccogliere e un setaccio piccolo da 25 micron per pressare il nostro hashish fatto in casa.

 

Cannaflex Simple Siever
Cannaflex Simple Siever è il metodo più semplice per l’estrazione della resina a secco

 

Se sei uno di quelli che invece può spendere un pò di più per ottenere un eccellente hashish fatto in casa, ti consigliamo il re dei re in materia di estrazione della resina a secco, che si basa sul metodo tradizionale di produzione dell’hashish in Marocco: l’estrattore di resina Pollinator P 150 / P 500. Questo moderno dispositivo ti consente di estrarre facilmente la tua resina, poiché contiene un motore elettrico che farà tutto il lavoro per te.

 

Pollinator Extractor Resin P 150 / P 500
Estrattore Resina Impollinatore P 150 / P 500

 

I passaggi da seguire sono gli stessi visti poc’anzi: bagniamo e congeliamo le cime e poi le mettiamo nel Pollinator. Si chiude il cofano e si avvia il motore e, a questo punto, i risultati dipendono da te: se lo lasci per meno tempo, avrai più resina, ma la qualità sarà inferiore rispetto a quando lo lasci più a lungo. La parte migliore? Iin mezz’ora, più o meno, avrai tutta la resina estratta!

 

 

Altri metodi tradizionali di estrazione della resina

 

Il Pakistan, l’India o l’Himalaya sono altri luoghi del pianeta in cui l’hashish ha un’ottima reputazione. È proprio in questi luoghi che si realizza il metodo artigianale di fare le palle di hashish o charas come segue:

 

  • Prima di tagliare le cime, quando il fiore è in piena fioritura (e i tricomi sono pronti), vengono passate le mani tra le cime, sfregandole, in modo che la resina si attacchi.
  • Quando ne avremo abbastanza, lo rimuoveremo con cura, in modo che non rimangono resti vegetali attaccati.

 

La parte buona di questo metodo è che la qualità del prodotto, se fatto bene, è davvero buona e pura, con un accattivante colore nero. Anche se dobbiamo comunque confessarti che non è il nostro metodo preferito in quanto comporta una bassa resa.

 

Suggerimenti per preservare l’hashish fatto in casa

 

Ora che sappiamo come realizzarlo e gli strumenti di cui abbiamo bisogno per realizzarlo nel più puro stile marocchino, dobbiamo solo sapere come conservarlo per consumarlo quando ne abbiamo voglia. In questo senso, ci sono diversi aspetti che devono essere presi in considerazione:

 

  • Deve essere protetto dall’aria, dalla luce, dall’umidità e dal calore in modo che tutte le sue proprietà siano preservate ed evitare, ad esempio, la comparsa di muffe o funghi o che ossidi.
  • L’hashish in polvere si rovina più facilmente di quello pressato.
  • Si consiglia di conservarlo in contenitori ermeticamente chiusi, anche se prevediamo di consumarlo entro pochi giorni.
  • Annotare la data di confezionamento e la varietà che è stata utilizzata, in modo da tenere in considerazione i pro e i contro, a fronte delle prossime estrazioni che effettueremo

 

Slick Ball by Oil Slick
La Slick Ball di Oil Slick è un piccolo contenitore in silicone a forma di palla, aderente. Ideale per conservare le nostre estrazioni di resina più appiccicose

 

 

 

Conclusione

 

Cosa ne pensi di questo viaggio attraverso l’hashish fatto in casa? Ricorda che ci sono tre passaggi molto semplici: scegliere le cime centrali, poiché sono quelle con la maggior quantità di tricomi, bagnarle e congelarle, quindi usare il setaccio a maglia piccola (tra 135 e 150micron è l’ideale) e setacciarle fino a ottenere tutta la resina estratta.

Per conservarlo, metterlo in un contenitore ermetico, che lo isola dal calore, dall’umidità, dall’aria o dalla luce, poiché questi tipi di condizioni climatiche deteriorano lo stato della resina, nonché il suo aroma e sapore.

Se ti è piaciuto questo post, mi piacerebbe che lo condividessi sui social network, oltre a contribuire con il tuo granello di sabbia raccontandoci la tua esperienza di produzione di hashish, se hai qualche metodo o trucco che vuoi condividere o una brutta esperienza che il resto di noi non deve eseguire….

Grazie per l’aiuto!

 

[Voti: 0   Media: 0/5]
Alan Martínez Benito
Alan Martínez Benito
CEO di Pev Grow, coltivatore esperto con più di 20 anni di esperienza. Continua a battersi senza sosta per la regolamentazione del settore della cannabis, particolarmente in campo medico.
See more posts

Lascia un commento