Funghi nelle colture di cannabis, come prevenire o eliminare

560
SHARES
Tempo di lettura 12 minuti
Imagen de una planta de cannabis con signos de peligro acechando alrededor.
Imagen de una planta de cannabis con signos de peligro acechando de fondo.

 

Ci sono molti tipi di funghi che possiamo trovare quando coltiviamo marijuana, soprattutto se le condizioni non sono delle migliori, anche se alcuni sintomi possono essere dovuti a una parassita (identifica i parassiti qui). I funghi si riproducono attraverso spore, particelle microscopiche che si muovono nell’aria e si stabilizzano dove trovano le condizioni ideali per il loro sviluppo. I più comuni che incontriamo nelle colture di cannabis sono questi:

  • Oidio o Mal bianco
  • Botrite
  • Peronospora
  • Fusarium
  • Pythium
  • Roya (Ruggine del Caffè)
  • Macchia Nera delle Rose (Ticchiolatura)
  • Alternaria
  • Malattia del Vivaio (Damping-Off)

 

 

Index

⚠️ Cos’è l’Oidio e come influisce sulla marijuana?

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

 

L’Oidio è un fungo della famiglia delle Erysiphaceae, che è sempre più comune nelle coltivazioni di cannabis. Si manifesta come una sorta di polvere bianca sulle foglie e a prima vista può essere confusa con muffa. Di solito compare nelle colture indoor e nelle serre più che all’aperto, poiché si manifesta quando un certo calore è accompagnato da sbalzi di umidità.

Le spore dell’Oidio si depositano sulla parte superiore delle foglie e quando le condizioni sono soddisfatte producono una sorta di radice che è responsabile dell’assorbimento dei nutrienti. A poco a poco si espande su tutta la superficie della foglia e passa ad altre, e successivamente le foglie ingialliscono e cadono.

 

Come posso prevenire o eliminare l’Oidio?

 

La cosa migliore è prevenire in modo che non appaia, e per questo ci sono diversi rimedi. La prima cosa da fare è mantenere lo spazio di coltivazione il più pulito possibile. Mantenere anche l’umidità il più costante possibile e una temperatura che non superi i 27 ° C o scenda sotto i 18 ° C. E spruzzare le piante con propoli settimanalmente dalla seconda settimana di crescita.

Per combattere l’Oidio, fortunatamente, ci sono diversi prodotti efficaci sul mercato, come OidioProt, Oidio Killer o il fungicida Anti-Oidio di Flower

 

 

Esistono rimedi casalinghi per combattere l’Oidio?

 

Sì, e anche abbastanza efficaci se trattato precocemente. Il bicarbonato di sodio ha proprietà antisettiche, antibatteriche e fungicide tra le altre.

Per eliminare l’Oidio con il bicarbonato è necessario miscelare acqua, olio e bicarbonato di sodio in queste proporzioni: 1 litro di acqua, 2 cucchiai di olio d’oliva e 2 cucchiai di bicarbonato di sodio. Mescoliamo bene e con questa soluzione spruzziamo bene tutta la pianta, ponendo particolare enfasi sulle zone in cui vediamo macchie di Oidio.

 

Gli effetti dell'Oidio sulla marijuana
Gli effetti dell’Oidio sulla marijuana

 

💻 Botrite, che cos’è e come la riconosco?

 

 

La Botrite è uno dei peggiori funghi che può attaccare le piante di marijuana e quando ce ne accorgiamo ha già causato danni. Chiamata anche muffa grigia, di solito si manifesta più nelle colture all’aperto che all’interno, soprattutto quando le cime formate si bagnano.

È un fungo parassita, come l’Oidio, poiché necessita di una pianta ospite di cui si nutre. Ma genera anche tossine che distruggono i tessuti delle nostre piante, rendendole inutilizzabili per il consumo.

Sebbene la Botrite possa comparire in qualsiasi fase delle piante (anche morte) è più comune vederla nella fase di fioritura e maturazione. I primi sintomi che si possono osservare sono foglie con le punte gialle o secche direttamente sulle cime, poiché al loro interno si producono i primi danni. Osservando puoi vedere una specie di cotone nei fiori… quella cima è da buttare.

 

Come posso combattere la Botrite nelle colture di marijuana?

 

Come sempre, la cosa migliore in questi casi è prevenire la comparsa della Botrite. Nelle colture indoor, controllare l’umidità e la ventilazione per garantire che l’aria circoli in tutto lo spazio di coltivazione. All’esterno, cerca di non bagnare le cime dal momento in cui iniziano a formarsi.

Esistono anche efficaci fungicidi naturali che aiutano a prevenire la comparsa della Botrite, in questo caso l’equiseto o la propoli. Altra cosa importante è chiudere le ferite che si verificano nei rami e nei fusti con prodotti curativi, per evitare l’ingresso di agenti esterni.

Eliminare la Botrite è un compito molto complicato, è meglio tagliare con cura le zone colpite in modo da non diffondere le spore. Ci sono prodotti come BotryProt formulati per questa missione, ma rimane comunque un problema difficile da debellare.

 

Quale rimedio casalingo posso usare per sbarazzarmi della Botrite?

 

Non ci sono rimedi casalinghi per eliminare completamente la Botrite. Ma ne esiste uno che serve a prevenire l’attacco di questo fungo. Mescolando latte scremato, bicarbonato di sodio e acqua distillata con una proporzione di 4 parti di acqua per ciascuna di latte e 20 grammi di bicarbonato per ogni litro di miscela.

Ad esempio, se vogliamo fare mezzo litro di prodotto dobbiamo miscelare 400 ml. di acqua distillata con 100 ml. di latte scremato, mescolare bene e poi aggiungere 10 grammi di bicarbonato. Mescoliamo al massimo questa miscela e applichiamola nebulizzata sulle piante in modo preventivo.

 

Gli effetti della Botrite sulla marijuana
Gli effetti della Botrite sulla marijuana

 

 

🧐 Peronospora: Cos’è e come può danneggiarmi?

 

 

La Peronospora è una specie fungina molto simile all’Oidio: l’occhio può essere confuso in quanto è come una polvere bianca sulle foglie. Un modo semplice per differenziarli è strofinando le zone colpite, se viene rimosso si tratta di Oidio. Questo perché la Peronospora penetra all’interno delle foglie e anche se puoi rimuovere lo strato superiore, rimarrà comunque un’area biancastra.

Questo fungo di solito appare nelle colture di marijuana che non sono completamente pulite, poiché si riproduce facilmente nei detriti delle piante. Un altro fattore che accelera il suo sviluppo è l’elevata umidità, soprattutto combinata con temperature comprese tra 10°C e 25°C.

 

Cosa posso fare per evitare di soffrire di Peronospora?

 

È meglio mantenere il raccolto il più pulito possibile, rimuovendo tutte le foglie secche che vediamo. Controllare l’umidità nelle colture indoor in modo che non salga troppo, e ovviamente anche trattare le piante con fungicidi preventivi può aiutare molto.

 

Posso eliminare la Peronospora con un rimedio casalingo?

 

Certo che puoi, la camomilla è abbastanza efficace nel prevenire e combattere la Peronospora. Per preparare la miscela devi solo mescolare 5 grammi di fiori di camomilla con 100 ml. d’acqua. Una volta miscelati, si aggiungono 900 ml. di acqua per ottenere un litro di estratto che spruzziamo sulle piante colpite e anche su quelle sane per prevenire questo attacco fungino.

 

Gli effetti della Peronospora sulla marijuana
Gli effetti della Peronospora sulla marijuana

 

 

🎬 Che tipo di fungo è il Fusarium?

 

 

Il fungo Fusarium è uno dei più temuti nella coltivazione della cannabis, poiché può uccidere la pianta in poche ore. Questa specie fungina attacca le radici e il sistema vascolare delle piante, impedendo il flusso della linfa.

Essendo un fungo così distruttivo, quando vedi i primi sintomi è già troppo tardi. Un bel giorno vedi la tua pianticella che sembra mancare di annaffiatura, con foglie cadute e tristi. Ma quando ti avvicini scopri che il substrato è bagnato, ed è allora che dici … Non è vero!

È anche possibile che il problema si possa osservare su un unico ramo, con tutte le foglie cadute, e il resto della pianta con aspetto normale. Se guardi vedrai che quel ramo ha tonalità diverse: in quel caso devi tagliare e sperare che non si riproponga.

 

Come posso prevenire la comparsa del Fusarium nelle piante di Marijuana?

 

Questa piaga non ha cura, quindi non c’è altro da fare che tentare di prevenirla il più possibile in modo che non si presenti. All’interno, tutti gli attrezzi devono essere disinfettati tra una coltivazione e l’altra. Dobbiamo anche cercare di non portare le spore dall’esterno: il più delle volte infatti siamo noi che fungiamo da agenti di trasporto sui vestiti. Mantenere l’umidità non molto alta, così come la temperatura, poiché una miscela di entrambe è l’ambiente migliore per lo sviluppo del Fusarium.

Un’altra cosa che aiuta molto sono i Trichodermi, cioè funghi benefici che colonizzano l’apparato radicale. Questi organismi, oltre ad aiutare a prevenire contro il Fusarium e altri funghi maligni, aiutano le nostre piante a nutrirsi, quindi sono altamente consigliati.

Anche la disinfezione dell’acqua di irrigazione è una buona idea, specialmente nelle colture idroponiche, aeroponiche o in qualsiasi altra coltivazione in cui le piante condividono l’acqua di irrigazione.

 

Esistono rimedi casalinghi efficaci contro il Fusarium?

 

Ebbene, per eliminarlo non ci sono trucchi casalinghi, ma per evitare che raggiunga le nostre colture, o che le spore si sviluppino, possiamo usare la propoli, che è un fungicida naturale efficace come preventivo.

 

Gli effetti del Fusarium sulla marijuana
Gli effetti del Fusarium sulla marijuana

 

 

📱 Cos’è il Pythium e come lo riconosco?

 

 

Il Pythium può essere confuso con il Fusarium per i loro primi sintomi. È anche chiamato marciume radicale e rappresenta un altro dei funghi più letali capaci di attaccare le piante di cannabis. 

Di solito infetta i sistemi di radici che rimangono umidi, come le colture idroponiche. Può anche apparire nel terreno o nel cocco quando il vaso non è ossigenato o ben drenato. Il fungo Pythium cambia il colore delle radici e queste diventano scure, e sebbene possa essere eliminato, i danni che provoca e il costo per eliminarlo completamente, rendono più interessante eliminare direttamente le piante colpite, anche se – come si dice sempre – la cosa migliore è cercare di prevenire.

 

Come posso prevenire la comparsa del Pythium?

 

Uno dei modi più sicuri, efficaci ed economici per prevenire questo e altri funghi alle radici è con l’uso di batteri e funghi benefici. Trichoderma e Micorrize possono lavorare insieme per proteggere le radici dall’invasione di funghi temuti come Pythium e Fusarium.

L’ideale è aggiungere questi organismi sia nel substrato che nelle prime irrigazioni; in caso di rinvasi si ripete nel nuovo substrato e nelle successive irrigazioni. Questa micro-vita, oltre a difendere l’apparato radicale, aiuta a portare i nutrienti alle radici delle nostre piante preferite.

È anche importante rispettare il ciclo di asciugatura tra un’annaffiatura e l’altra, e se coltiviamo idroponica o aeroponica dobbiamo ossigenare al massimo l’acqua nella vasca. 

Nel caso di subire l’attacco di questo fungo maligno, nonostante ci siano prodotti per eliminarlo, sconsigliamo di provare a combatterlo, la perdita di produzione e di tempo non ne vale la pena. È meglio ricominciare da capo, ma prima disinfetta il più possibile l’intera area di coltivazione.

 

Come posso trattare il Pythium con i rimedi casalinghi?

 

Come con Fusarium, un attacco di Pythium è molto difficile da sradicare e il danno rimarrà sempre. Quindi possiamo solo prevenire e pregare che non ci faccia visita.

L’equiseto è efficace per la prevenzione contro il Pythium e altri funghi che infestano la cannabis. Mescoliamo 100 grammi di equiseto per ogni litro d’acqua, scaldiamo il composto e mescoliamo bene. Quindi lasciamo raffreddare e filtriamo l’acqua con l’aiuto di un colino e abbiamo così pronto il nostro fungicida.

 

Gli effetti del Pythium sulla marijuana
Gli effetti del Pythium sulla marijuana

 

 

👾 Qual è il fungo noto come Roya?

 

 

La Roya o Ruggine del Caffè è un fungo che di solito si manifesta in ambienti umidi. Le sue spore si diffondono nell’aria, dove possono durare più di 50 giorni finché non trovano il mezzo perfetto per crescere. Quando queste spore cadono su una foglia di marijuana, penetrano nell’epidermide e iniziano a svilupparsi.

I primi sintomi che si percepiscono di un attacco di Ruggine sono piccole macchie sulle foglie, di diverso colore, marrone, giallo, arancio e rossastro. La superficie della foglia non è più liscia, sono presenti piccole ondulazioni e protuberanze che possono causare necrosi e addirittura seccare.

Una pianta infetta dalla Ruggine è difficile da curare, come nel caso di altri tipi di funghi che colpiscono la cannabis. Ma la cosa buona è che con prevenzione e cura è facile che non compaia mai, quindi vedremo come evitare la comparsa della temuta Ruggine.

 

Qual è il modo migliore per prevenire un attacco di Roya?

 

Una buona ventilazione e pulizia delle piante aiuta molto sia per questo che per altri funghi. Fungicidi preventivi come lo zolfo o l’equiseto possono essere utili a questo scopo, così come la propoli o quelli commerciali che vengono utilizzati contro la Peronospora o l’Oidio.

 

Come posso combattere la Ruggine con i rimedi casalinghi?

 

Tra i diversi rimedi casalinghi efficaci contro la Ruggine ci resta l’estratto di aglio, poiché ha anche altre proprietà. Per produrlo dobbiamo mescolare 3 o 4 spicchi d’aglio sbucciati con 1 litro di acqua, e lasciarlo marinare per 24 ore. (Se l’acqua è tiepida meglio)

Successivamente diluiamo 100 ml. di questa miscela per ogni litro d’acqua che useremo. Ad esempio 3 litri di acqua con 300 ml. del mosto preparato e abbiamo il nostro rimedio fatto in casa contro la Ruggine.

 

Gli effetti del fungo Roya sulla marijuana
Gli effetti del fungo Roya sulla marijuana

 

 

🎯 Come posso riconoscere la Macchia Nera in una coltura di marijuana?

 

 

La Macchia Nera delle Rose è facile da rilevare poiché, come suggerisce il nome, sono macchie nere che compaiono sulla superficie delle foglie. Questo fungo non compare spontaneamente, emerge sempre in seguito a qualche altro attacco precedente, solitamente da parte di insetti come la mosca bianca.

Conosciuto anche con il nome di Ticchiolatura, questo attacco fungino non è uno dei più gravi e la sua eradicazione non è complicata, ma laboriosa.

 

Come posso prevenire o eliminare la Macchia Nera dalle mie colture?

 

Per eliminare completamente questo fungo dal raccolto, è essenziale prima uccidere gli insetti che lo hanno causato. Per fare ciò, sarà prima necessario rilevare con un microscopio che tipo di parassita è e quindi agire.

Una volta sterminato il parassita, è necessario pulire le foglie colpite con l’aiuto di sapone di potassio e un panno. Possiamo polverizzare tutte le foglie, aspettare qualche minuto che il sapone agisca e poi strofinare le foglie colpite con il panno per eliminare le macchie nere.

Per prevenire la comparsa della Macchia Nera dobbiamo evitare di essere attaccati da insetti nocivi, in particolare cocciniglie, afidi e mosche bianche. Questi insetti, infatti, quando succhiano la linfa dalle foglie e dagli steli, creano una dolce melassa che è ciò che provoca la comparsa di questo fungo; quindi, se difendiamo la coltivazione di questi insetti, la Macchia Nera sicuramente non apparirà.

 

Rimedi casalinghi efficaci per trattare la Macchia Nera nelle colture di marijuana

 

Il normale sapone unito all’acqua pressurizzata può essere un ottimo alleato per rimuovere la Ticchiolatura in casa. Se l’acqua è tiepida o calda è più efficace, e se dopo aver spruzzato sotto pressione strofiniamo le foglie colpite con un panno, ancora meglio.

 

Gli effetti della Macchia Nera nella marijuana
Gli effetti della Macchia Nera nella marijuana

 

 

Cos’è l’Alternaria e come posso rilevarla?

 

 

L’alternaria è uno dei funghi più distruttivi delle colture in generale. Le sue spore possono diffondersi attraverso qualsiasi mezzo, sia aria che acqua. Prolifera più velocemente in ambienti con elevata umidità e temperatura, sebbene possa comparire anche in luoghi con repentini cambiamenti ambientali.

I primi sintomi dell’attacco di Alternaria nelle colture di cannabis sono sulle foglie delle piante. Alcune macchie marrone scuro o grigie che finiscono per produrre necrosi che asciugano la superficie. Questi punti possono essere di forma ovale o circonferenziale e possono formare cerchi concentrici su foglie e steli.

Di solito si manifesta o si riproduce più facilmente a temperature moderatamente elevate, ed anche in vasi dove il substrato rimane umido per lungo tempo.

 

Come posso prevenire ed eliminare l’Alternaria?

 

Non annaffiare eccessivamente e rispettare il ciclo di asciugatura tra annaffiatura e annaffiatura aiuta molto, oltre ad una corretta pulizia del raccolto in generale. Anche la ventilazione è importante, devi controllare che non si formino sacche di umidità, soprattutto all’interno e in serra.

La prevenzione è importante come sempre, soprattutto durante la primavera e l’autunno, quando ci sono più spore nell’aria (causa di alcune allergie).

L’uso di un fungicida come la Propoli regolarmente durante il periodo di crescita vegetativa aiuta a prevenire la comparsa dell’Alternaria.

 

Posso eliminare l’Alternaria con rimedi casalinghi?

 

Puoi farlo se inizi a trattarla dai primi sintomi. Il migliore è l’equiseto, che oltre alle proprietà fungine funge da insetticida.

Per preparare il miscuglio bisogna mescolare 25 grammi di equiseto con un litro d’acqua e mescolare per circa 15 minuti. Quindi lasciar riposare il composto per 24 ore, poi mescoliamo di nuovo bene e lo filtriamo con un colino.

Questa miscela deve essere diluita in acqua in un rapporto di 4 parti di acqua per ogni parte della miscela. Può essere spruzzato sin da quando le piante sono piccole, a livello preventivo, 1 volta a settimana. In caso di trattamento per eliminarlo, spruzzare bene per 3 giorni consecutivi e ripetere dopo una settimana.

 

Gli effetti dell’Alternaria sulla marijuana
Gli effetti dell’Alternaria sulla marijuana

 

 

🎯 Cos’è la Malattia da Vivaio o Damping-off nelle colture di marijuana?

 

 

La Malattia del Vivaio più che un fungo è una situazione causata da uno o più attacchi fungini. Colpisce piantine o talee durante la fase di radicazione, quando le piante sono più vulnerabili, quindi può essere altamente distruttivo.

Diciamo che può essere una combinazione di diversi funghi perché può essere Fusarium, Pythium o Botrite. Puoi osservare come lo stelo si indebolisce, piegando la pianta fino alla morte; una volta attaccata, quella pianta non può riprendersi.

Normalmente te ne rendi conto quando appare una specie di anello bianco alla base del fusto, a filo con il substrato. Quando lo vedi è troppo tardi, quell’esemplare è già perso, ma è ora di agire per cercare di salvare le piante vicine, poiché la Malattia del Vivaio si sta diffondendo rapidamente in tutto il raccolto.

 

Come prevenire la comparsa della Malattia del Vivaio?

 

Questo parassita non compare per caso, esce in ambienti con eccessiva umidità o calore, o entrambi. Può anche darsi che il fungo fosse già presente nel terreno o su qualche utensile utilizzato per la coltivazione. Può essere presente spesso in luoghi caldi quando germinano tardi, oppure in tarda primavera o estate, quando il substrato si surriscalda in coincidenza con il radicamento.

Per evitare la loro comparsa, cerca di ventilare adeguatamente lo spazio di coltivazione, mantieni tutto il più pulito possibile e arieggia la serra di tanto in tanto se stai radicando talee.

 

Si può prevenire la Malattia del Vivaio con rimedi casalinghi?

 

Si può e in effetti il ​​modo migliore per prevenire il Damping-off o Malattia del vivaio è con un rimedio fatto in casa. Perché cosa c’è di più casalingo che germogliare in casa? Questo semplice passaggio farà molto per evitare questo fungo distruttivo.

Se germogliamo e iniziamo la crescita delle nostre piante in casa, e le rimuoviamo e trapiantiamo quando hanno già diverse foglie, le possibilità di ricevere questo attacco fungino sono notevolmente ridotte.

 

Los efectos del mal del vivero o Damping-off en la marihuana
Los efectos del mal del vivero o Damping-off en la marihuana

 

 

 

✅ Conclusioni

 

 

I funghi che attaccano la cannabis compaiono maggiormente in spazi di coltivazione con scarsa ventilazione, alta umidità, temperatura o entrambe, e soprattutto in luoghi non molto puliti.

È sempre interessante trattare le piante fin dalla giovane età con fungicidi preventivi, così come, in generale, avere una buona igiene nella coltura.

Ci sono altri problemi associati a malattie delle piante di marijuana come virus o batteri, così come altri tipi di funghi meno comuni, ma in questo post abbiamo passato in rassegna quelli che di solito attaccano maggiormente le nostre amate piante. E tu? Conosci altri funghi che influenzano la cannabis? In tal caso, dicci di più e, se hai trovato l’articolo interessante, condividilo in modo che anche altri possano trarne vantaggio.😜

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content