Mancanza o eccesso di azoto nella tua marijuana

560
SHARES
Tempo di lettura 7 minuti

 

Colore delle foglie di marijuana quando hanno una mancanza o un eccesso di azoto
Colore delle foglie di marijuana quando hanno una mancanza o un eccesso di azoto

 

Quando si tratta di un problema di nutrienti nella tua coltivazione di cannabis, puoi fare più male che bene se non identifichi correttamente il problema.  L’azoto è un componente critico per la corretta crescita e funzionalità della marijuana. Conoscere questo macronutriente ti consentirà di coltivare cannabis di alta qualità e, allo stesso tempo, di evitare uno stress dovuto a problemi di carenza o tossicità.

 

 

Comprendere il ruolo dell’azoto nella cannabis

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

 

Studiando le operazioni di coltivazione quando lavoravo con un’agenzia di consulenza, ho scoperto che il problema più comune nelle colture di marijuana aveva a che fare con l’azoto. Non riesco a contare il numero di volte che ho visto distese a perdita d’occhio di raccolti color giallo intenso. Questo nutriente è responsabile di una serie di funzioni all’interno del nostro amato raccolto di marijuana. Vediamo di cosa è responsabile l’azoto prima di elencare i problemi comuni.

Innanzitutto, l’azoto è un componente cruciale nella produzione di clorofilla. Alcuni di voi potrebbero avere familiarità con questo termine grazie al corso di biologia, quindi spero che serva a rinfrescarvi la memoria. La clorofilla è il pigmento responsabile del colore verde della pianta. Ancora più importante, funziona come un pigmento che assorbe la luce, consentendo alle piante di fotosintetizzare i raggi del sole per trasformarli in cibo.

Senza questa funzione, le piante non esisterebbero come le conosciamo oggi. Questo adattamento all’ambiente è stato fondamentale per le piante in ogni parte del mondo.

Un’altra funzione dell’azoto è rappresentata dal suo ruolo negli amminoacidi. Gli amminoacidi sono i mattoni delle proteine ​​e senza queste ​​le piante non sopravviverebbero. Come per il nostro corpo, che ha bisogno di proteine ​​per funzionare correttamente, per le piante non è molto diverso.

Tutto l’azoto necessario viene assorbito attraverso l’apparato radicale o mediante spray fogliare. L’azoto viene assorbito dalla pianta sotto forma di nitrato (NO3) o ammonio (NH4), essenziali da ricordare, anche se più importante è comunque capirne il dosaggio.

 

Grafico che mostra le funzioni dell'azoto: produce clorofilla (conferisce alla pianta il suo colore verde e consente la fotosintesi), produce le proteine ​​di cui la pianta ha bisogno ed è responsabile della produzione di nuove foglie.
Grafico che mostra le funzioni dell’azoto: produce clorofilla (conferisce alla pianta il suo colore verde e consente la fotosintesi), produce le proteine ​​di cui la pianta ha bisogno ed è responsabile della produzione di nuove foglie.

 

Ricorda, l’azoto è l’impulso principale della tua pianta per produrre nuove foglie. Oltre all’apparato radicale, il fogliame di cannabis è fondamentale per la sopravvivenza della tua pianta di marijuana. Le foglie sono il motore, la luce è il carburante e la clorofilla è la combustione. L’azoto consente a tutti questi componenti critici di verificarsi, quindi è della massima importanza che ti prenda il tempo per comprendere appieno ed agevolare il ruolo dell’azoto.

 

 

🎯 Nutrire la tua cannabis con azoto

 

 

Se hai coltivato erba, hai già conosciuto tutti i prodotti nutrizionali per cannabis e le loro informazioni sui macronutrienti N-P-K. dove N sta per azoto, con fosforo e potassio; ma su questi ultimi due ci concentreremo più avanti.

Man mano che la tua pianta di cannabis inizia a crescere e ad assorbire i nutrienti, la disponibilità di azoto diminuisce. Ciò significa che dovrai nutrire continuamente con azoto la tua pianta di marijuana. Ovviamente, il tipo di azoto che dai alla tua pianta dipenderà dal metodo di coltivazione che stai utilizzando.

Gli utenti che crescono in idroponica dovrebbero usare una forma diversa di azoto rispetto a un coltivatore biologico che ha piante che crescono nel terreno. Per questo motivo, è fondamentale acquistare i prodotti nutrienti destinati al metodo specifico che stai utilizzando per coltivare la cannabis.

Il metodo più semplice è acquistare sostanze nutritive considerate “sicure”. Ciò significa che l’acquisto di una bottiglia di fertilizzante vegetale costituito da un NPK di 10-10-10 è generalmente uno standard sicuro. Il motivo è che tutte le varietà di marijuana hanno esigenze nutritive diverse e un rapporto lieve 10-10-10 è il migliore con cui iniziare.

L’azoto viene assorbito rapidamente dalla pianta di marijuana e noterai presto se ne hai aggiunto troppo o troppo poco. Per semplificare le cose, diamo un’occhiata e identifichiamo i problemi legati all’azoto.

 

 

👾 Carenza di azoto

 

 

La carenza di azoto è solitamente uno dei problemi più comuni che i coltivatori devono affrontare. All’improvviso la tua pianta di marijuana  sta diventando gialla. Non capisci perché le foglie inferiori iniziano ad appassire e morire, ma sai che è un problema. Prima di somministrare più nutrienti alla pianta, fermati e identifica il problema.

È normale che i coltivatori facciano più male che bene quando iniziano ad aggiungere alla cieca vari nutrienti alla loro coltivazione di cannabis senza prima identificare il problema in questione.

Il più grande indicatore di una carenza di azoto è quando le foglie inferiori iniziano a diventare gialle. Il motivo per cui ciò si verifica è che la pianta ha esaurito l’azoto disponibile da assorbire. Ciò fa sì che le foglie più alte che sono più vicine alla luce rubino l’azoto alle foglie inferiori. Se non si interviene, le foglie inferiori alla fine cadranno e il problema continuerà a risalire la pianta dal basso verso l’alto fino a quando la pianta non si cannibalizza da sola alla ricerca di azoto.

Fortunatamente, le carenze di azoto sono estremamente facili da trattare. In generale, devi solo aumentare la dose del tuo nutriente in modo equilibrato del 10-15%. Cioè, se dai alle tue piante di cannabis 10 ml di 10-10-10 ogni giorno, dovresti provare a dargli 11-11,5 ml. Ricorda che dovresti sempre aumentare le dosi lentamente per assicurarti di non cadere in un altro problema: la tossicità.

Saprai se la tua pianta si sta riprendendo se l’ingiallimento non continua e le foglie iniziano a ritrovare la loro sana tonalità verde. Il verde chiaro è sempre un primo avvertimento che sta per verificarsi una carenza di azoto.

Il momento peggiore in cui si verifica una carenza di azoto è all’inizio della fase vegetativa, poiché questo è il momento in cui la pianta si concentra sulla crescita del fogliame che aiuterà una volta che si passi alla fase di fioritura. D’altra parte, è alla fine della fioritura che i coltivatori tendono a creare intenzionalmente una carenza di azoto per rimuovere la clorofilla dalla pianta.

Ora che hai identificato il problema e aumentato la dose di nutrienti per le piante, dovresti attendere alcuni giorni per confermare se la tua pianta si sta riprendendo. Ricorda, la pazienza è metà del lavoro quando si tratta di coltivare marijuana.

 

L’unica situazione in cui vorrai una carenza di azoto

 

C’è, infatti, un momento in cui desidererai una carenza di azoto. L’unica volta che vorrai questo come coltivatore di marijuana è alla fine della fase di fioritura. A seconda della varietà, vorrai che le tue foglie di cannabis diventino gialle intorno alla settimana 8-10 di fioritura.

Ma perchè? Questa è una situazione molto specifica per la coltivazione della marijuana perché tutto ha a che fare con il prodotto finale. Sicuramente l’hai già indovinato, ha a che fare con le cime che finalmente fumeremo quando il processo di essiccazione e stagionatura sarà terminato.

La clorofilla, come sapete, è il pigmento necessario per assorbire la luce. Verso la fine del processo di fioritura dovremo uccidere le nostre piante per raccoglierle. Il problema con la clorofilla è che questo pigmento contiene un odore simile al fieno o all’erba secca, che si assapora quando il prodotto finale viene fumato.

 

 

Immagine divertente che rappresenta il cattivo odore e sapore della clorofilla
Immagine divertente che rappresenta il cattivo odore e sapore della clorofilla

 

Il modo più semplice per sbarazzarsi di questo odore e sapore è lavare via quanta più clorofilla possibile. I coltivatori generalmente iniziano ad annaffiare le loro piante con solo piccole quantità di nutrienti per forzare una carenza di azoto. Questo è molto visibile quando si guardano le foto dei coltivatori che raccolgono le loro piante. Quello che vedrai sono grandi cime e distese di foglie giallo brillante.

Questo non è un passaggio essenziale, perché la clorofilla in eccesso può essere rimossa anche durante il processo di essiccazione. Tutto quello che dovrai fare è lasciare le tue piante nella completa oscurità per alcuni giorni per accelerare la dissipazione della clorofilla dalle foglie.

 

 

⚠️ Tossicità da azoto

 

 

L’opposto di una carenza di azoto è quando rileviamo la tossicità da azoto. Questo di solito è comune quanto la carenza di azoto perché i nuovi coltivatori tendono a sovradosare le loro piante. È un dato di fatto che spesso i coltivatori novellini uccidano le loro piante di cannabis per la cura eccessiva.

È comune che i coltivatori causino tossicità da azoto anche seguendo il dosaggio raccomandato elencato per il loro nutriente. Il dosaggio consigliato offerto dalle aziende di nutrienti è solo una indicazione orientativa, poiché alcuni ceppi ne avranno bisogno di più o meno. Nessun ceppo viene coltivato allo stesso modo di un altro e questo significa che ogni varietà che coltivi richiederà dosi variabili di nutrienti.

Quando incontri un problema di tossicità da azoto, vedrai una tonalità verde intenso sulle foglie della tua pianta di marijuana. L’ombra profonda del verde può peggiorare e persino assumere una leggera sfumatura blu scuro in casi estremi. Questo è un sintomo molto evidente e quindi facile da identificare e correggere prima che si verifichi un danno effettivo alla tua pianta di marijuana.

Un altro sintomo notevole della tossicità dell’azoto è il cosiddetto “artiglio”. Le estremità delle foglie saranno rivolte verso il basso, simili nell’aspetto a un artiglio di uccello. Questo sintomo si verifica anche quando le piante di cannabis sono eccessivamente idratate: se però non è così, questo segno dovrebbe portarti a pensare che stai affrontando un problema di tossicità da azoto.

Un altro sintomo da aggiungere alla lista è anche la bruciatura della punta della foglia. Quando viene aggiunto troppo azoto, la pianta cerca di liberarsene attraverso le estremità delle foglie. Questo le fa apparire necrotiche con le punte dall’apparenza bruciata.

 

Azoto: eccesso vs carenza
Azoto: eccesso vs carenza

 

Se si lascia che la tossicità dell’azoto continui, la pianta sospenderà molte delle funzioni necessarie a mantenere una crescita vigorosa. Non dovresti mai permettere che un problema di tossicità colpisca le tue piante poiché ciò causerà un periodo di recupero più lungo.

Il modo migliore per risolvere un problema di tossicità da azoto è diminuire la dose di nutrienti. È essenziale dimezzare la dose e prestare molta attenzione alla risposta della tua pianta. L’artiglio della foglia si ferma? Le foglie stanno tornando al loro colore normale? La pianta sta fiorendo di nuovo? Queste sono tutte cose da tenere a mente per assicurarti che la tua strategia per il trattamento della tossicità da azoto funzioni.

Devi ricordare che è pericoloso interrompere bruscamente la somministrazione di nutrienti quando si rileva un problema di tossicità da azoto, perché la pianta sta ancora assorbendo gli altri nutrienti necessari. Se smetti di dare nutrienti, puoi trovarti nella situazione esattamente opposta: una carenza di azoto!

I piccoli dettagli sono fondamentali per non creare un problema più grande. L’aggiunta o la diminuzione dei nutrienti richiederà alcuni giorni prima che i risultati siano visibili.

 

 

🔥 Il ruolo del pH e dell’azoto

 

 

Come tutti sappiamo, ci sono una serie di fattori che possono andare storti durante la coltivazione della marijuana. Un’importante complicazione che si associa alla tossicità o alla carenza di azoto è quando sopraggiungono anche problemi di pH.

A seconda del mezzo in cui coltiviamo, il pH gioca un ruolo fondamentale per la salute delle nostre piante. Ciò è estremamente evidente quando si coltiva in sistemi idroponici o aeroponici. Questi sistemi non hanno il tampone naturale che si trova nelle piante coltivate nel suolo. La cannabis coltivata in sistemi fuori suolo si affida ai suoi coltivatori per impostare il pH al livello corretto per consentire alle piante di assorbire efficacemente i nutrienti.

Se non regoli il pH al livello corretto (di solito pH 5-6), aggraverai i loro problemi e vedrai come le carenze o le tossicità inizieranno ad accumularsi. La zona della radice non sarà a suo agio con un pH errato e lo mostrerà interrompendo l’assorbimento dell’azoto e portando così alla carenza dello stesso

 

 

📖 Conclusione

 

Questi sono solo alcuni esempi delle complessità della coltivazione della marijuana.

La maggior parte degli aspetti della pianta di cannabis sono interconnessi, portando spesso a un problema che interessa anche un’altra parte della pianta.

Affinché le piante di marijuana si sviluppino senza problemi, sia il pH che la dose di nutrienti devono essere monitorati continuamente.

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 2 Media: 3.5]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Alan Martínez Benito
Alan Martínez Benito
CEO di Pev Grow, coltivatore esperto con più di 20 anni di esperienza. Continua a battersi senza sosta per la regolamentazione del settore della cannabis, particolarmente in campo medico.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content