Come fare un bonsai di marijuana

Tempo di lettura 5 minuti

 

Foto che mostra Miyagi che innaffia un bonsai di marijuana
Foto che mostra Miyagi che innaffia un bonsai di marijuana

 

Bentornato nel blog di Pevgrow! Questa volta dedicherò un articolo per cercare di far luce su come realizzare il proprio bonsai di marijuana, sì! Hai capito bene! Il signor Miyagi sarebbe orgoglioso di te, andiamo Daniel San! 👉

Quella del Bonsai è un’arte che richiede molta pazienza e un polso da chirurgo per mantenere con grazia una pianta in uno spazio di crescita molto piccolo. Ciò serve come ispirazione per poter coltivare cannabis in spazi molto piccoli. Più specificamente, la coltivazione dei bonsai di marijuana è perfetta per la conservazione delle piante madri in uno spazio di coltivazione molto piccolo. 🤗🤫

 

 

☕ Perché fare un bonsai di marijuana

 

Quando i coltivatori professionisti di marijuana trovano una pianta eccezionale, la mantengono come pianta madre, in uno stato vegetativo, per ricavarne i cloni di cui hanno bisogno. Il problema sorge quando vogliamo mantenere molte madri a 18 ore, poiché non smettono di crescere, arrivando a invadere l’intero spazio di coltivazione.

Bene, facendo bonsai di marijuana puoi preservare le tue genetiche preferite allo stesso modo ma in uno spazio molto più piccolo, non ci avevi pensato vero?🤗

Ho un minuscolo armadio dove raccolgo tutte le piante madri che sto selezionando, e la verità è che le coccolo come se fossero i miei stessi figli. In questo modo puoi raccogliere le migliori genetiche di cannabis che trovi o scambi in un piccolo spazio. Dobbiamo avere fino a 27 genetiche diverse in uno spazio di 1 M. x 1 M., cosa ne pensi?🌞

 

Immagine di una pianta madre bonsai conservata in un vaso da meno di 1 litro per più di 1 anno *
Immagine di una pianta madre bonsai conservata in un vaso da meno di 1 litro per più di 1 anno *

 

 

📲 Aspetti di base per la coltivazione dei bonsai

 

Prima di iniziare a coltivare il tuo bonsai, ti faccio alcune premesse preliminari che devi sapere affinché tutto vada alla perfezione. In primo luogo, la dimensione dei vasi, che dovrebbe oscillare tra 0,3 e 2 litri, permettendoti così di mantenere il controllo e avere più autonomia, e ovviamente potete acquistarli al prezzo più basso nel nostro Growshop online.

Un altro fattore da tenere in considerazione è il substrato, che idealmente è di tipo All Mix o simile, cioè con molti nutrienti. Questo è importante perché uno dei maggiori problemi che incontra un bonsai è l’accumulo di sali. All’inizio non ne risentono, finché le radici hanno un substrato pulito si sviluppano perfettamente, ma con il passare del tempo l’uso degli enzimi diventa essenziale e il vaso diventa piccolo, quindi hai solo 2 opzioni, trapianto o potatura di radici.

Il tipo di illuminazione è molto importante, si consiglia di utilizzare lampadine a basso consumo la cui potenza oscilla tra 125 e 200W. Anche i LED possono essere una buona opzione, purché non siano molto potenti. È necessaria una potenza minima affinché le piante in stato vegetativo non inizino a fiorire. Acquista i migliori sistemi di illuminazione nel nostro growshop online, cliccando qui.

 

 

💻 Come realizzare un bonsai di marijuana passo dopo passo

 

Tutto inizia con la selezione attenta delle talee di marijuana, che sono una tua selezione o un clone d’élite noto. Usando le talee, le piante risultanti sono più ramificate che allungate, il che ne rende più facile la miniaturizzazione, quindi non è consigliabile farli a partire dai semi.

Una volta selezionata la talea che intendi utilizzare, trapiantala in un piccolo vaso, da 0,3 a 0,5 litri. Non appena ti accorgi che inizia a crescere, devi eseguire la prima potatura apicale o FIM (questa notizia ti può interessare) per favorire la ramificazione precoce. Ciò rallenterà lo sviluppo verticale e promuoverà la crescita orizzontale.

 

 

🎯 Training per la modellazione del bonsai

 

Se vedi che la crescita verticale ancora non si ferma, dovresti usare quello che è noto come sistema di tutoraggio, cioè portare la crescita della pianta dove vuoi, usando il filo bonsai, e cercando di piegare i rami verso il suolo, costringendone così lo sviluppo orizzontale.

Alcuni coltivatori praticano dei piccoli fori nella parte superiore del vaso, attraverso i quali passano il filo per guidare i rami verso la parte inferiore della pianta: questa può essere una buona soluzione.

Un buon metodo è quello di praticare un foro nella parte superiore di ciascun lato del vaso e guidare i 4 rami inferiori della talea in ciascuna direzione. In questo modo si favorisce l’ingresso di luce e aerazione anche nelle parti inferiori della pianta.

 

immagine di una pianta madre che inizia a essere addestrata per diventare bonsai *
immagine di una pianta madre che inizia a essere addestrata per diventare bonsai *

 

È molto importante osservare la pianta durante la crescita e tagliare dei germogli, in modo che la luce possa entrare e si eviti la comparsa di muffe o insetti che potrebbero danneggiarla.Per questo ti consiglio, fin dall’inizio, di utilizzare un buon fitosanitario che applicato regolarmente ti aiuterà a evitare la comparsa di diversi parassiti che possono colpire il tuo prezioso bonsai di marijuana. Interessante anche l’uso del cicatrizzante per riparare i danni causati dalla potatura.

In questo video potrai vederlo in modo molto più esplicito e sono sicuro che non avrai più dubbi!

 

 

 

🎬 Potatura delle radici, manutenzione dell’apparato radicale

 

Una volta che hai le piante nei loro vasi, devi mantenere il substrato in buone condizioni, per questo è fondamentale fare attenzione alla crescita delle radici, base di tutti i bonsai di marijuana. Con il tempo le radici avranno colonizzato l’intero vaso, quindi può presentarsi un problema di spiralizzazione o soffocamento delle radici che può essere fatale per le piante madri.

Questo, a sua volta, fa sì che la ritenzione di acqua e sostanze nutritive sia molto più bassa, quindi la soluzione non sarà altro che trapiantare il bonsai di marijuana su un substrato precedentemente condizionato. Per mantenere la forma compatta del bonsai di marijuana, sarà obbligatorio mantenere la stessa dimensione del vaso, quindi quello che devi fare è applicare una potatura delle radici o Root Trimming, che consiste nel tagliare nettamente i bordi della zolla, per rimuoverne una fetta di circa 2-3 cm, per poi riempire con nuovo terriccio, assicurandosi così che le radici godano ancora una volta di un substrato fresco con un volume di massa radicale limitato.

Idealmente, questa potatura delle radici dovrebbe essere eseguita alcuni giorni dopo che le talee sono state tagliate, così che la massa delle radici e della pianta sarà bilanciata.

 

Immagine della potatura delle radici di una pianta bonsai, dove si può vedere il taglio effettuato nel substrato *
Immagine della potatura delle radici di una pianta bonsai, dove si può vedere il taglio effettuato nel substrato *

 

 

 

👾 Come prendersi cura dei bonsai di marijuana?

 

I bonsai di marijuana si possono conservare per circa due anni praticamente senza problemi, ma per far ciò bisognerà tenere conto di una serie di condizioni che garantiranno la loro salute e quindi la loro longevità. Il problema più grande con la conservazione a lungo delle piante madri è che i fusti delle talee diventano sempre più legnosi, quindi il radicamento è sempre più difficile e richiede più tempo.

L’ideale è rinnovare le piante madri bonsai ogni 6 mesi o massimo 1 anno.

 

– Nell’apparato radicale, base di ogni pianta, si consiglia un’attenta annaffiatura, in modo che lo sviluppo delle radici sia adeguato per evitare la comparsa di malattie come il Phytium, che si manifesta a causa di un substrato troppo zuppo.

– Per quanto riguarda l’illuminazione, consiglio di utilizzare un fotoperiodo di 18 ore di luce e 6 di buio, poiché vogliamo che la pianta cresca e non fiorisca. Alcuni utenti hanno provato un ciclo di luce di 6/6/6/6, cioè 6 ore di luce, 6 di buio, altre 6 ore di luce e altre 6 di buio ogni giorno, ciò rallenta la crescita, ma può stressare le piante.

– Quando il bonsai è già formato, consiglio di non cambiarne la posizione, poiché l’illuminazione e le condizioni ambientali possono influenzarlo, provocando la comparsa di stress. Pertanto, l’ideale è tenerlo in un armadio da coltivazione, dove dargli le condizioni ambientali, la temperatura, ecc. ideali.

In questo articolo, ti ho spiegato cos’è un bonsai di marijuana e come farlo passo dopo passo, oltre a diversi suggerimenti per rendergli la vita più lunga possibile. Spero ti abbia aiutato, e se ti è piaciuto condividendolo sui social, aiuterai questo blog a continuare a crescere e ogni settimana potrà continuare a portarti nuovi consigli. Ah! Non dimenticare che puoi raccontarci la tua esperienza con i bonsai di marijuana nella sezione commenti, Think Green Cannalover!😜

 

[Voti: 0   Media: 0/5]
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
See more posts

Lascia un commento