Semina e trapianta marijuana nel migliore dei modi

560
SHARES
Reading Time: 10 minutes
Imagen de unas manos soteniendo un transplante de marihuana
Immagine di alcune mani che tengono un trapianto di marijuana

 

La semina dei semi di marijuana è facile, ma devi tenere presente che sono piccoli esseri viventi piuttosto delicati, quindi devi farlo bene in modo che possano andare avanti senza problemi. Per fare in modo che ti sia chiaro l’intero processo di semina e successivo trapianto di piante di marijuana , abbiamo creato questo articolo spiegando tutto in dettaglio, quindi non perdo altro tempo …

 

 

⚠️ Tempo e data migliore per seminare marijuana

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

Prima di scegliere il momento migliore per seminare semi di marijuana, devi sapere che non è lo stesso coltivare indoor che coltivare all’aperto. Il periodo migliore per seminare all’aperto è la primavera, quando le giornate iniziano ad allungarsi e l’intensità della luce solare inizia a essere potente. È meglio aspettare che le temperature notturne non scendano sotto i 15°C circa, poiché il freddo può rallentare lo sviluppo delle piantine.

D’altra parte, la data migliore per coltivare marijuana indoor è dopo l’estate in molte parti del mondo, perché la temperatura ideale per la coltivazione indoor è intorno ai 24º C. Ciò non significa che la cannabis non possa essere coltivata indoor in estate, ma in molti luoghi richiede l’aria condizionata per mantenere i parametri corretti.

 

 

 

👾 Dove coltivare marijuana?

 

Dipende dal tipo di coltivazione che si vuole fare, perché se è in terra si possono seminare i semi in un jiffy o direttamente in un vasetto con terriccio, è bene iniziare con un volume compreso tra 0,25 litri e 3 litri. Ma se vuoi fare la coltivazione idroponica, consiglio di seminare i semi in piccoli vasi a rete con palline di argilla espansa, poiché in questo modo viene facilitato il successivo trapianto. Si può anche seminare in un tampone di lana di roccia, oppure nelle spugne che usiamo per fare le talee.

Se hai intenzione di utilizzare la fibra di cocco durante la coltivazione, puoi seminare i semi in una qualsiasi delle opzioni precedenti, ma forse l’opzione migliore sarebbe jiffy di cocco in modo che si abituino a quel substrato il prima possibile.

 

 

🧐 Passi per seminare marijuana

 

  1. Mettere i semi a germinare, ti consiglio di leggere questo articolo in cui si parla del modo migliore per far germinare i semi di marijuana
  2. Prepara il jiffy, il tappo o il vaso dove andremo a seminare i semi. Ricorda che il jiffy, le spugne o i tappi di lana di roccia devono essere idratati prima
  3. Scegli il luogo dove cresceranno, poiché nel momento in cui seminiamo i semi devono iniziare a ricevere la luce il prima possibile
  4. Preparare gli strumenti e i prodotti che utilizzeremo (pinzette, annaffiatoio, pipetta, stimolatore di radici) e la soluzione nutritiva da innaffiare subito dopo aver seminato i semi nella loro nuova posizione (acqua con stimolatore di radici con il PH regolato a 6.0)

 

 

🎯 Come seminare i semi di marijuana passo dopo passo

 

Una volta che i semi sono germinati, è il momento di seminarli per iniziare il ciclo di crescita vegetativa. Come dicevo all’inizio, l’azione della semina non è difficile ma bisogna stare molto attenti a non danneggiare le radici.

 

  1. Prendete il seme germinato aiutandovi con delle pinzette, facendo attenzione a non toccare la radice che ne esce.
  2. Inserisci con cura il seme nel substrato, in un jiffy o nella spina, radicando, a una profondità di circa mezzo centimetro.
  3. Coprire con terra se si tratta di un vaso , annaffiare lentamente intorno al seme, cercando di non far entrare l’acqua su di esso.
  4. Mettere sotto la luce se si tratta di coltivazione indoor, o al sole se si vuole coltivare all’aperto, per evitare che la pianta spicchi non appena inizia a crescere.

 

Ora abbiamo i nostri semi piantati nel substrato dove inizieranno a crescere, ma rimarranno lì fino al raccolto? No, l’ideale è trapiantare in un vaso più grande quando la pianta cresce un po’, in un sistema idroponico o aeroponico se hai intenzione di crescere “senza terra”, o in un vaso più grande con nuovo substrato, terra o fibra.

 

Infografica su come seminare i semi di marijuana passo dopo passo
Infografica su come seminare i semi di marijuana passo dopo passo

 

 

⛳ Post-semina, dalla piantina alla pianta di marijuana giorno dopo giorno

 

In questo caso coltiveremo in terra, quindi una volta seminati i semi e annaffiato il substrato, non ci resta che attendere la comparsa delle piantine. Il tempo e la velocità di sviluppo dipendono da molti fattori, sia esterni che dal seme stesso, quindi è meglio mantenere i corretti parametri ambientali per velocizzare il processo. Poiché piantiamo i semi nel terreno, l’ideale è mettere i vasi alla luce e mantenere una temperatura di 24 o 25 °C e un’umidità relativa compresa tra l’80% e il 90% i primi giorni, ma lo vedremo giorno giorno per giorno per rivedere le modifiche.

 

  • Giorno 1: le piantine spesso impiegano più di un giorno per emergere dal substrato, quindi potrebbero non essere ancora viste. Non essere impaziente, a volte a causa della genetica o del vigore potrebbero aver bisogno di più tempo, ma devi sapere che ci sono prodotti che possono aiutare ad accelerare questo processo, che è l’irrigazione con stimolatore delle radici e microvita. Anche l’irrigazione con acqua calda aiuta, poiché è meno scioccante dell’acqua fredda o molto calda.
  • Giorno 2: Quando la piantina germoglia non ha ancora foglie vere, la prima cosa che di solito si vede sono due piccole foglie verdi di forma rotonda, sono i cotiledoni e contengono la prima riserva alimentare della piantina. È anche molto probabile che la prima cosa che si vede uscire dal terreno sia lo stesso seme agganciato ai cotiledoni o allo stelo, perché a volte non si aprono completamente o sono trattenuti dal funicolo (una specie di placenta vegetale). In questo caso è meglio aspettare qualche giorno per vedere se la piantina stessa è in grado di rilasciare il seme, poiché man mano che i cotiledoni crescono lo spingono, ma ci sono momenti in cui non c’è altra soluzione che aiutare a rilasciarlo manualmente.
  • Giorno 3: Dal momento in cui si vedono i cotiledoni delle piantine, è importante che abbiano una buona disposizione della luce in modo che non germoglino. Il primo giorno il fuoco può essere posizionato a 1 metro di distanza, il secondo a 60 o 70 cm, e dal terzo giorno possiamo basarci sulla temperatura per regolare l’altezza della luce, posizionando un termoigrometro o la sua sonda al altezza delle piantine e avvicinando la messa a fuoco al massimo purché non superino i 24 o 25 ºC. All’inizio i cotiledoni sono molto piccoli, ma aumenteranno di dimensioni durante la prima settimana di vita.
  • Giorno 4: Durante questa prima settimana di coltivazione si può annaffiare quotidianamente, ma senza bagnare il substrato, irrigheremo solo l’area attorno allo stelo, e allargheremo gradualmente l’anello di irrigazione fino a completare l’intera superficie del substrato. Al momento sono visibili solo i cotiledoni, ma lo stelo crescerà gradualmente e aumenterà di spessore, con un ritmo di sviluppo crescente. Se si vuole accelerare il rafforzamento dello stelo, è meglio mettere un ventaglio che muova un po’ le piantine, ma con attenzione in modo che non si pieghino o cadano.
  • Giorno 5: Finora non è possibile osservare un grande sviluppo aereo delle piantine, poiché i cambiamenti più importanti stanno avvenendo nella parte sotterranea, con le radici che stanno progressivamente colonizzando l’intero substrato del vaso. Le radici crescono cercando l’umidità di cui hanno bisogno, e per questo si sviluppano meglio quando viene rispettato il ciclo secco tra le irrigazioni. Se innaffiamo solo attorno allo stelo e il perimetro del vaso rimane asciutto, non ci sono problemi, ma dal momento in cui inizieremo a bagnare l’intero substrato, dovremo aspettare che si asciughi prima di annaffiare nuovamente. È possibile che i cotiledoni non si sviluppino più, ma d’ora in poi vedremo spuntare le prime foglie vere, inizia la parte buona…
  • Giorno 6: Sopra i cotiledoni vedremo una specie di germoglio che in realtà sono le prime 2 foglie vere che iniziano a crescere. All’inizio le piante producono foglie con una sola fogliolina, al nodo successivo avranno 3 foglioline, ai successivi 5, e così via fino all’inizio della fase di fioritura. Se seguiamo le indicazioni della tabella di coltivazione della marca di fertilizzanti che utilizziamo, è possibile che ci consiglino di iniziare ad applicare il fertilizzante base di crescita, altrimenti si prosegue con lo stimolatore radicale e microlife.
  • Giorno 7: Dal momento in cui il primo paio di foglie vere inizia a crescere, il tasso di sviluppo accelera parecchio, soprattutto quando hanno tutti i parametri giusti o sono genetiche molto vigorose. È importante rinforzare gli steli in modo che possano sostenere il peso delle foglie effettive, altrimenti possono piegarsi e non crescere così velocemente. La prima settimana di coltivazione è finita, e d’ora in poi si possono vedere foglie vere di una certa dimensione, si può considerare che hanno cambiato fase, da piantina a pianta, e a seconda delle dimensioni del vaso, è possibile che toccheremo il trapianto.

 

 

🔥 Quando trapiantare la marijuana?

 

Questo dipende dalla capacità del vaso in cui l’hai piantato, ma all’incirca ti dirò che in un vaso da 0,25 litri con terriccio tipo “All mix” possono durare circa 1 settimana, in 1 litro possono stare 2 settimane, e in quelli da 3 litri fino a circa 3 settimane.

Alcuni coltivatori aspettano fino a quando non si accorgono che alla pianta manca il cibo per trapiantare, anche se non lo consiglio con l’autofiorente, perché altrimenti possono rallentare il suo sviluppo e perdere la crescita. Con le normali piante da fiore puoi aspettare di vedere i cotiledoni iniziare a sbiadire, poiché sono le prime riserve di cibo che hanno.

Nelle colture indoor si consiglia il trapianto prima di cambiare il fotoperiodo in fioritura, perché è una procedura che se non eseguita correttamente può causare un certo stress alle piante, con la conseguente perdita di resa.

 

 

✅ Primo trapianto di marijuana

 

Il primo trapianto viene eseguito quando le piante di marijuana sono ancora piccole, quindi bisogna fare attenzione durante il processo, poiché un cattivo movimento o una caduta può portare alla rottura del tronco o di qualche ramo.

Si consiglia di utilizzare lo stesso tipo di substrato in ogni trapianto, perché è un buon modo per evitare stress nelle piante, poiché sono abituate a una certa consistenza e sostanze nutritive.

Il primo trapianto di marijuana va fatto quando è necessario, non è bene aspettare troppo perché le piante inizieranno a mostrare carenze nutritive e perderanno parte del loro sviluppo.

 

 

🚀 Come trapiantare la marijuana passo dopo passo

 

1-Prepariamo vasi che hanno almeno tre volte la capacità delle piante prima del trapianto, riempiendo di terra fino alla metà in più o in meno.

*Imagen de una maceta que han llenado con sustrato hasta la mitad
*Immagine di un vaso che è stato riempito per metà di substrato

 

2-Aspettiamo che il substrato sia asciugato fino a dove sono le piante in modo che non costi molto rimuoverle con la zolla.

3-Con una mano prendiamo il vaso dove si trova la pianta che vogliamo trapiantare, lasciando il tronco tra l’indice e il medio.

*Imagen que representa la forma de coger una planta antes de su trasplante
*Immagine che rappresenta come raccogliere una pianta prima del trapianto

 

4-Con l’aiuto dell’altra mano, la giriamo con cura, e togliamo il vaso tenendo la pianta tra le dita.

5-Una volta rimosso il vecchio vaso, giriamo di nuovo la pianta con il substrato e la posizioniamo con cura nel nuovo vaso.

*Imagen del momento de meter el cepellón de una planta en su nueva maceta
*Immagine del momento di mettere la zolla di una pianta nel suo nuovo vaso

 

6-Ora dobbiamo finire di riempire il nuovo vaso di substrato, assicurandoci che l’intero apparato radicale della pianta sia ben coperto.

7-E infine, non resta che annaffiare con acqua e stimolatore radicale in modo che le radici colonizzino il nuovo substrato il prima possibile.

 

 

👌 Suggerimenti e trucchi per seminare e trapiantare la marijuana nel modo migliore

 

  • Alcune persone seminano i semi non appena l’apice della radice si mostra un po`, ‘o anche prima, non appena i semi sono idratati. Consigliamo di aspettare ancora un po’, almeno finché la radice non sarà un paio di centimetri . Non succede nulla se la piantina esce dal seme, con cura e con l’aiuto di una pinzetta si può seminare senza problemi, ma in questo caso invece di interrare tutta la piantina, i cotiledoni vanno lasciati all’esterno.
  • Potete inumidire il substrato prima di seminare i semi, in questo modo eviterete il problema che il getto d’acqua può causare se cade sulla piantina. Puoi anche bagnare il substrato con l’aiuto di uno spruzzatore, così sei sicuro di non danneggiare la pianta.
  • Al momento del trapianto puoi preparare il nuovo vaso riempiendo il substrato a metà, quindi inserire il vaso dove si trova la pianta e riempirlo di terra intorno in modo che abbia la forma giusta di cui avrai bisogno. In questo modo, quando trapiantate la capanna è già creata e non dovete riempire di terriccio altro che la superficie, potete vedere il metodo nella seguente sequenza di immagin
*Imagen de una maceta dentro de otra para hacer el molde del habitáculo en el sustrato
*Immagine di un vaso dentro un altro per fare lo stampo della cabina nel substrato

 

*Imagen donde se ve el llenado de sustrato que hay que hacer para crear el molde
*Immagine che mostra il riempimento del substrato da eseguire per creare la muffa

 

*Imagen del resultado de la técnica del molde en el sustrato antes del trasplante
*Immagine del risultato della tecnica della muffa sul substrato prima del trapianto

 

  • L’aggiunta di micro-vita come micorrize o tricoderma al substrato accelera la radicazione, previene lo stress radicale, facilita l’assorbimento dei nutrienti e, ciò che è meglio, protegge dall’attacco di funghi come il fusarium.
  • Approfitta del trapianto per verificare lo stato di salute delle radici, così potrai evitare problemi futuri. Le radici devono avere un colore bianco sano, con molti rami e hanno colonizzato la maggior parte del substrato. Se non si sono sviluppati molto o hanno un tono brunastro, c’è un problema.

 

 

✨ Conclusione

 

Oggi abbiamo imparato l’importanza di seminare e trapiantare correttamente le piante di marijuana, un atto molto importante che può segnare il futuro del raccolto, quindi devi farlo bene. E tu, hai una tecnica particolare o un trucco che ti aiuti a compiere queste azioni in modo migliore? Se è così, faccelo sapere nei commenti e, se possibile, condividi questo articolo per estendere il più possibile le informazioni.

 

 

⭐ Domande frequenti

 

Si può coltivare marijuana in inverno?

Nella coltivazione indoor senza problemi, ma all’aperto non ne vale la pena, poiché le piante smettono di svilupparsi quando le temperature scendono sotto i 15º C. Ad alcune latitudini del pianeta è possibile coltivare marijuana all’aperto senza problemi in inverno, soprattutto quelle che sono vicino all’equatore, perché in queste regioni si mantiene una temperatura simile durante tutto l’anno, ma nella maggior parte del globo non vale la pena provarci.

 

Le autofiorenti vengono trapiantate?

Questa domanda è stata posta più di 1000 volte, e la verità è che è un argomento che ha creato qualche polemica, perché molte persone consigliano il trapianto, ma altri consigliano di seminare direttamente i semi autofiorenti nel vaso definitivo. Il problema con le auto è che hanno un periodo di crescita vegetativa così breve che devi cercare di sfruttare al meglio ogni giorno. Con le piante normali possiamo aspettare che abbiano creato una grossa zolla prima di trapiantare, ma con quelle automatiche non possiamo farlo o perderebbero parte della loro crescita. Personalmente mi piace trapiantare tutte le piante, piante come le autofiorenti cerchiamo di trapiantarle prima che le loro radici abbiano colonizzato l’intero substrato, con il conseguente pericolo di rompere alcune radici durante il trapianto. Si fa come con le normali piante da fiore, ma con molta più cura, soprattutto quando si rimuove il vaso. Se non sei sicuro di trapiantare senza danni, è meglio piantare i semi nel vaso finale.

 

Qual è la luna migliore per piantare o trapiantare marijuana?

Devi aspettare che ci sia una luna discendente in una fase crescente, e se può coincidere con una costellazione dell’aria (Gemelli, Bilancia o Acquario) Questo accade ogni mese almeno una volta, ma se non vuoi esserne consapevole puoi scaricare la nostra App del calendario lunare per coltivare marijuana, che aggiorniamo ogni anno e segniamo le azioni corrispondenti a ogni giorno.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui social network!
Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
Vedi altri post
Partecipa alla discussione

Lascia un commento

Skip to content