Black FridayBLACK FRIDAY! 2 x 1 PEV SeedsBlack Friday

Ottieni cime più grandi e resinose naturalmente

Tempo di lettura 9 minuti
Get bigger and resinous buds naturally
Ottieni cime grandi e resinose

 

Oggi nel nostro Blog vi daremo le nozioni necessarie affinché possiate raggiungere lo “zenit” nel vostro raccolto di marijuana, con ottimi risultati per le vostre cime, sia per dimensione che per qualità della resina, spiegandovi i fattori più importanti da tenere in considerazione: dalla scelta dei semi che corrispondono a varietà ad alta produzione alla loro fertilizzazione, ma metteremo anche in risalto le perfette condizioni ambientali che devi ottenere affinché nella tua coltivazione si ottengano piante con la massima potenza cannabinoide e gli aromi migliori, grazie alla migliore conservazione dei terpeni..

 

 

Introduzione

 

Molte volte vogliamo avviare una coltivazione di marijuana e non sappiamo davvero da dove iniziare; quali semi di cannabis scegliamo? Abbiamo comprato una varietà Sativa “trippy”, un’indica o una “devastante”? Coltiviamo indoor o outdoor? In substrato o in coltura idroponica? Fertilizzazione puramente bio, o ci complichiamo la vita con un “additivo”? Pensiamo sempre al risultato, insomma: ottenere le cime più grandi e resinose nel minor tempo possibile e utilizzando il minor numero di risorse possibile.

Per far ciò, prima di tutto dobbiamo essere molto chiari su ciò che vogliamo, nel senso della scelta dei semi, poiché oltre al fatto che vogliamo le cime più grandi, dobbiamo tenere in considerazione anche altri parametri, come il tempo di fioritura, I livelli di THC, l’effetto che vogliamo ottenere, se abbiamo bisogno di una genetica speciale per un uso medicinale specifico, il tipo di illuminazione e la disponibilità dello spazio in cui avremo le nostre piante se avremo finalmente scelto di coltivare indoor.

Dobbiamo sapere che i risultati della tua coltivazione dipendono al 50% dalla genetica che scegli e al 50% dalle condizioni di crescita, poiché queste definiranno i dettagli che la varietà che coltivi può mostrare.

Modificando le condizioni di crescita, puoi aumentare le dimensioni delle tue cime, così come la potenza della resina, la quantità di resina e la variabilità dei rapporti tra cannabinoidi e terpeni.

Per tutto questo, ti daremo in modo molto diretto alcune nozioni sui fattori più influenti dell’ambiente di coltivazione,  in modo che possa scegliere la forma di fertilizzazione che preferisci, ti consiglieremo anche alcune genetiche che sappiamo essere superproduttrici e di buon livello sul resto dei parametri di qualità che una varietà di cannabis deve soddisfare….come ottenere cime più grandi?… iniziamo !?

 

 

Semi di marijuana ad alta produzione: cime più grandi

 

Abbiamo molto da dirti in termini di selezione dei tuoi semi di marijuana preferiti, ma, poiché è una questione di gusti e vogliamo che tu inizi la tua coltivazione con le migliori garanzie di qualità e dimensione delle cime, ti consiglieremo alcune genetiche eccezionali che fanno la differenza:

 

Prima di tutto, se stai cercando la potenza psicoattiva, ti consigliamo le indiche del tipo Kush come la OG Kush, un ibrido indica / sativa bilanciato come la White Widow, e anche una sativa ad alta produzione come la Sour Diesel: tutti semi che puoi trovare in vendita da PEV Bank anche sfusi.

 

Se sei un utente per uso medicinale, ti consigliamo rapporti THC: CBD 1: 1 come alcune delle varietà che presentano i semi della Worldpharma ad alto contenuto di CBD.

 

Te li descriviamo!

 

PEV Bank OG Kush:  una delle varietà più famose nei dispensari degli Stati Uniti, tutto grazie a un gran numero di varietà precedenti di fenotipo indica, che sono riuscite a trasmettere i loro migliori tratti a questa varietà.

È un ibrido con una potenza molto elevata, con livelli di THC molto poco influenzati dall’ambiente, che ti darà risultati omogenei e livelli di produzione imbattibili. Il suo effetto è potente (23% di THC come valore medio) ma mentale ed energetico, seguito da un profondo rilassamento, risultato di tutta la sua incredibile miscela di terpeni, con un rapporto fra cannabinoidi unico, molto facile da identificare.

 

PEV Bank OG Kush
PEV Bank OG Kush

 

PEV Bank White Widow: un ibrido esotico (varietà bianca) di discendenza indiana e brasiliana meridionale, è molto famosa nel mondo della cannabis europea.

È stata lanciato nella sua forma più stabile più di due decenni fa con grande successo nelle competizioni grazie alla sua grande potenza (19% di THC come valore medio) e al fenotipo 60/40 indica / sativa. È una varietà nota per le sue cime ampie e dense, totalmente impregnate di cristalli di resina.

 

PEV Bank White Widow
PEV Bank White Widow

 

-PEV Bank Sour Diesel: è una delle sativa più produttive. Il suo aroma di carburante diesel è all’altezza del suo nome, inoltre la sua genetica dice tutto, essendo un triplo incrocio di Chemdawg, Northern Light e Skunk # 1. I suoi livelli di THC sono agghiaccianti, poiché può facilmente raggiungere il 25% con cime enormi e perfettamente fertilizzate.

Insieme alle varietà Kush, è una varietà eccellente per l’estrazione, poiché le sue soffici cime contengono una grande quantità di tricomi tipo stalked per centimetro quadrato. I suoi effetti danno un’esperienza sativa con sfumature indica, con uno sballo morbido ma molto energico.

 

PEV Bank Sour Diesel
PEV Bank Sour Diesel

 

-Worldpharma OG Kush CBD: La società di ricerca in fitoterapia e prodotti vegetali naturali Worldpharma Biotech scommette sulle genetiche esclusivamente per uso medicinale, e quale modo migliore per farlo partendo da basi genetiche Kush inconfondibili!

L’azienda offre una OG Kush totalmente stabile usata come femmina, che viene impollinata con maschi della varietà Futura 75, con un contenuto di CBD fino al 7%.

Il risultato è una F1 con un rapporto 1: 1 stabile, che raggiunge un contenuto di THC e CBD fino all’8%, ottenendo fenotipi variabili 1: 4 e 4: 1 nel suo genoma totale.

Insomma, una varietà che riconoscerete come OG Kush nella sua morfologia, ma che vedrete cambiare nei suoi aromi ed effetti, anche nei suoi tempi di fioritura che si allungano un pò per la natura genomica fornita dal futuro maschio. Tuttavia, è altamente produttiva e indicata per trattare sintomi come nervosismo, spasticità, tremori, nausea e dolore neuropatico e oncologico.

 

Da PEV Grow siamo consapevoli che queste varietà coprono una vasta gamma di gusti e siamo sicuri che con esse aumenterai le possibilità di ottenere cime di marijuana grandi e resinose.

 

Ma ora passiamo alla seconda parte del puzzle …l’ambiente delle tue piante!

 

 

Condizioni di crescita per aumentare le dimensioni delle tue cime

 

Le piante rispondono in modi diversi a diversi fattori nell’ambiente di crescita. La genetica che hai scelto sarà quella che dovrà adattarsi a queste condizioni, che saranno quelle che finalmente tireranno fuori il massimo dalle tue piante.

I geni delle vostre piante regolano la loro risposta al tipo di illuminazione, alle variazioni di temperatura nella fase di crescita e nello sviluppo delle gemme, al pH del substrato e dei fertilizzanti, al tipo di fertilizzanti, alla comparsa di eventuali parassiti , alla disponibilità di acqua … ecc… se per qualche motivo ci sono cambiamenti drastici in questi fattori, la pianta consumerà più energia nel tentativo di compensarli, con conseguenti minori produzioni, e un calo sostanziale della concentrazione di cannabinoidi e terpeni, influenzando così il suo valore terapeutico, la psicoattività, l’aroma e il sapore.

 

L’ereditarietà è il fattore più importante nella potenza della cannabis, perché il THC o il CBD in questo caso, dipende quasi interamente dalla genetica scelta. Questo perchè la produzione finale, come menzionato sopra, è un incrocio tra il tipo di semi selezionati e le loro condizioni di sviluppo.

 

Sono molti gli aspetti che coincidono con altri post del nostro blog, che adesso non approfondiremo, ora descriveremo gli aspetti ambientali fondamentali per ottenere raccolti abbondanti.

Sicuramente vuoi cime enormi sulle tue piante di marijuana …giusto?

 

Substrati di qualità per cime grandi e pesanti

 

Uno degli studi più rigorosi dal punto di vista della resa agronomica della cannabis è stato condotto negli USA nel 1975. Lo studio è stato condotto in colture indoor, con genetica afghana, mantenendo tutte le variabili fisse tranne la qualità del substrato, poiché sono stati utilizzati substrati di undici diverse composizioni.

Proprio all’inizio della fioritura, alla fine della 6a settimana, sono stati raccolti, analizzati e quantificati.

Il livello di THC è rimasto praticamente invariato in tutti i terreni tranne due, che avevano la caratteristica comune di essere suoli acidi, poveri di ferro e magnesio, ma le piante erano più basse, con meno foglie e quindi più leggere, quindi hanno avuto prestazioni inferiori. Queste piante erano più potenti ma meno produttive delle altre.

È stato osservato che i terreni utilizzati per ottenere maggior potenza erano diversi da quelli utilizzati per ottenere resa e che per ottimizzare una coltivazione dovranno utilizzarsi substrati ricchi sia chimicamente che biologicamente, in modo che produzione e psicoattività vadano di pari passo.

In studi successivi, si è visto che con terreni acidi (pH 6,2 in fioritura), ricchi di fosforo (sotto forma di fosfati minerali di idrogeno), potassio (sotto forma di potassio libero da minerali) e calcio (sotto forma di calcio privo di minerali) le rese erano sostanzialmente più alte, dando gemme grandi e pesanti, cariche di resina di alta qualità, il che ci dice che un substrato povero o con qualche carenza di fosforo e potassio crea deficit nella biosintesi di enzimi chiave per l’ingrossamento delle gemme, per la produzione di THC e di terpeni.

Ipotizziamo che la maggior parte delle varietà sul mercato massimizzi la produzione e la potenza utilizzando un pH di 5,5 nella fase di crescita fino a terminare con un 6,5 alla fine della fioritura, utilizzando un 7,0 per lavare i sali dalle radici la settimana prima del taglio.

Da PEV Grow è possibile visionare l’intera vasta gamma di  substrati delle migliori marche. Noi consigliamo sempre substrati con concimazione equilibrata e spugnosa, con elevata capacità di ritenzione dell’umidità e dei minerali, ed elevata capacità di aerazione.

Prodotti come il Complet Mix di Top Crop, il Canna Terra Professional Plus di Canna o il Light Mix di Biobizz sono substrati versatili, ampiamente utilizzati dai coltivatori professionisti e dalle migliori banche di semi di marijuana.

 

 

Complet Mix de Top Crop, Canna Terra Profesional Plus de Canna, Light Mix de Biobizz
Complet Mix di Top Crop, Canna Terra Professional Plus di Canna e Light Mix di Biobizz

 

Questi substrati sono miscele di torba, con un pH adattato alla pianta di cannabis, e con fertilizzazione di base per il ciclo completo, oltre ad essere substrati idonei per lo sviluppo del microbiota del suolo, essenziale per ottenere marijuana coltivata secondo gli standard  ecologici.

Dovresti sapere che molti dei semi di marijuana noti come razze pure non sono perfettamente adattati a condizioni di irrigazione continua e ad alta fertilizzazione, motivo per cui molti di loro tendono a perdere potenza e resa in condizioni di eccesso di nutrienti e persino nelle colture in idroponica. Tuttavia, possiamo assicurarti che la maggior parte delle varietà sul mercato della cannabis sono ibridi perfettamente adattati per ottenere rese e potenza elevate, nelle condizioni che ti stiamo descrivendo.

Se hai scelto un seme che ti consigliamo, insieme a uno di questi substrati, stai certo di essere già sulla strada giusta in termini di produzione e qualità.

 

Molto importante: la concimazione azotata deve diminuire gradualmente, dall’inizio del cambiamento al fotoperiodo di fioritura (semi di marijuana femminilizzati), fino agli ultimi 20 giorni in cui l’azoto deve essere zero. Nei semi autofiorenti questo inizia quando appare il prefiore femminile.

 

Abbiamo già il seme e il substrato …qual è il clima migliore per aumentare le dimensioni delle cime?

 

Infografica sui substrati

 

Infografica sui substrati
Infografica sui substrati

 

 

Illuminazione e temperatura per marijuana ad alto rendimento

 

Maggiore è il numero di lumen, maggiore sarà il vigore di crescita della pianta, poiché è migliore la biosintesi della clorofilla. Questo finisce per fornire maggiore vigore alla produzione di fiori.

Un fatto importante per tutti i coltivatori indoor è che la produzione di THC nelle varietà ricche di questo cannabinoide, così come la produzione di CBD nelle varietà ricche di questo componente, è massima quando il terreno di coltivazione ha una temperatura costante di 24ºC., e ancor di più se questo livello è mantenuto per tutto il ciclo della pianta.

Ciò è vero almeno nelle linee generali, poiché le varietà con genotipi provenienti da climi più temperati (non subtropicali) possono produrre grandi cime, alla massima potenza, a temperature più miti. Tuttavia, se la pianta non resiste a nessuna delle condizioni che imponi, ti darà qualche tipo di sintomo di traspirazione, come crescita ritardata, fioritura ritardata o qualche sintomo di colorazione sulle foglie.

 

E attenzione!… Se c’è molta escursione termica tra il giorno e la notte, le piante possono sviluppare fiori maschili (ermafroditismo dovuto allo stress termico).

 

Molto importante: Si consiglia di utilizzare lampade LED Phytoled GX 400 a ciclo completo equivalenti a lampade HPS da 600W, il loro consumo è di 265W e sono ideali per una superficie di 1 m2 in colture indoor. Daranno il massimo della produzione e della potenza.

Led Phytoled GX400
Led Phytoled GX400

 

Con i LED è più facile mantenere una temperatura costante di 24Cº nello spazio di coltivazione, dato che sarà essenziale dotare la tua cultura di un sistema di climatizzazione, che significa estrazione, aerazione, umidificazione in fase di crescita e un sistema di asciugatura dell’aria di aerazione durante la fase di fioritura. Una bassa umidità è essenziale per uno sviluppo sano delle tue cime.

PEV Grow consiglia sistemi di climatizzazione professionali in modo che nulla sfugga al tuo controllo.

Prodotti come il deumidificatore VDL 12 litri / giorno con l’aggiunta di un estrattore RVK da 175 m3 / h sono più che sufficienti per ogni metro quadrato di massa delle piante, anche se si utilizza la tecnica SCROG (Screen of Green) o SOG (Sea of Green): modalità professionali adatte a colture idroponiche o aeroponiche indoor ad alte prestazioni.

 

12 liter/day VDL dehumidifier
Deumidificatore VDL 12 litri / giorno

 

Ricorda, in fioritura, atmosfera secca e substrato umido!!!

 

Infografica sul controllo del clima

 

Infografica sul controllo del clima
Infografica sul controllo del clima

 

 

 

 

Conclusioni

 

Non essere ossessionato dal numero di piante all’inizio, ti consigliamo di andare poco a poco, con coltivazioni in cui puoi controllare tutte le possibili variabili.

Per iniziare, la scelta del seme che stai per coltivare è la cosa più importante: guarda bene le specifiche tecniche delle varietà e affidati a banche di semi che forniscono il certificato di analisi della varietà.

Inoltre controlla il substrato che usi nella coltivazione e le condizioni di coltivazione, come il pH che consigliamo per il substrato e per l’acqua di irrigazione, la temperatura media della coltivazione e l’umidità dell’ambiente.

 

Assicurati che le tue piante abbiano una buona ventilazione ed estrazione.

 

In altri post pubblicheremo i consigli migliori sulla fertilizzazione e sugli usi professionali della CO2 e dei fitormoni speciali, così da ottenere raccolti più che naturali … soprannaturali!

A presto!:lol:

 

Alan Martínez Benito
Alan Martínez Benito
CEO di Pev Grow, coltivatore esperto con più di 20 anni di esperienza. Continua a battersi senza sosta per la regolamentazione del settore della cannabis, particolarmente in campo medico.
See more posts

Lascia un commento