Come coltivare marijuana in terrazza per l’autoconsumo

Tempo di lettura 12 minuti
Pianta di marijuana con occhiali da sole su una terrazza
Pianta di marijuana con occhiali da sole su una terrazza

 

La coltivazione della marijuana in terrazza è una delle più diffuse in alcuni paesi per la sua facilità e il basso costo, soprattutto rispetto alla coltivazione indoor. Che sia facile non significa che basti mettere i semi in un vaso, perché bisogna anche tenere conto di una serie di aspetti per ottenere un buon raccolto, ed è per questo che abbiamo creato questo articolo, dove andremo vedere il modo migliore per coltivare piante di cannabis su terrazze e balconi.

 

 

⭐ Requisiti del terrazzo o balcone

 
Unisciti alla famiglia della cannabis Pevgrow nel nostro: E non lasciate che vi chiedano cosa fare con la vostra crescita. Chiedi alla comunità Pevgrow 👍!

 

La cannabis non può essere coltivata su nessun terrazzo, ci sono alcuni requisiti minimi necessari affinché il raccolto valga la pena, e lo spazio di coltivazione deve avere questi parametri abbastanza bene affinché le piante si sviluppino in modo ottimale. Luce, temperatura e umidità, queste 3 variabili insieme alla tua abilità di coltivatore e alla genetica delle piante, segneranno il futuro della coltura, ma ora ci concentreremo sugli aspetti base del terrazzo.

  • Luce: Molte persone dicono che se il tuo terrazzo non riceve almeno 6 ore di sole diretto, non può essere coltivato lì. Non è vero, si possono ottenere raccolti abbastanza decenti con 4 ore di buon sole diretto al giorno, anche con meno, ma è vero che più ore di sole ci sono meglio è. L’orientamento dei terrazzi è il più importante, nell’emisfero nord è preferibile che siano orientati a sud, e viceversa, nell’emisfero australe è meglio che siano orientati a nord. Un altro tema importante che ha a che fare con la luce è il possibile inquinamento luminoso del terrazzo, ma di questo ne parleremo più avanti.
  • Temperatura: In alcuni terrazzi le piante possono essere cotte, e bisogna stare molto attenti a questo. A seconda dell’architettura dell’edificio, il sole può avere un effetto forno riscaldando il pavimento e le pareti del terrazzo, che accumulano gradualmente la temperatura fino a 45º C. in alcuni punti. Si consiglia di separare i vasi dal pavimento del terrazzo, mettendo dei mattoni, dei bancali, o qualunque cosa vi venga in mente per lasciare uno spazio in modo che le radici delle vostre piante non vengano arrostite. Questo accade in estate, ma se si coltiva in inverno o in primavera, un po’ di calore nella zona delle radici non sarebbe un problema.
  • Umidità: L’umidità ha a che fare con la ventilazione in molte occasioni, anche con l’orientamento del terrazzo, poiché i terrazzi che sono orientati a nord sono sempre più esposti all’umidità del resto (Nell’emisfero sud avviene il contrario) Durante la crescita fase non succede nulla se l’umidità è alta, ma una volta che ci sono le gemme bisogna stare molto attenti. Più il terrazzo è ventilato meglio è, in primo luogo perché le piante avranno maggiore disponibilità di CO2, e in secondo luogo perché eviteremo le sacche di umidità che possono provocare l’attacco dei funghi.

 

coltivare-marijuana-in-terrazzo
coltivare-marijuana-in-terrazzo

 

⛳ Come piantare marijuana su un terrazzo in modo semplice

 

Una volta che abbiamo chiarito i requisiti dello spazio di coltivazione, vediamo cosa è necessario per coltivare piante di cannabis su un terrazzo. Fortunatamente, non hai bisogno di tante cose come per la coltivazione indoor, e con pochi soldi puoi avere il tuo giardino di Maria per il tuo consumo a casa. Le basi sono i semi, i vasi, il substrato e i fertilizzanti, e se vuoi buoni affari che contengano tutto questo guarda il kit outdoor per femminizzati, o il kit outdoor per autofiorenti. Ma se vuoi aumentare il tuo raccolto in quantità e qualità, non dimenticare i prodotti fitosanitari e un PHmetro, te lo estenderò di seguito.

 

 

✨ Quale seme di marijuana è meglio per la coltivazione all’aperto in terrazza?

 

Consigliamo semi resistenti a insetti e funghi, perché le piante sono più esposte all’aperto che al chiuso. È anche consigliabile che siano veloci, di dimensioni discrete e possibilmente il loro odore non sia estremamente pronunciato, ma questo ha più a che fare con i parassiti degli animali a 2 zampe.

Se il tuo terrazzo soffre di inquinamento luminoso di notte, i semi migliori per te sono quelli autofiorenti senza dubbio, e se me lo lasci consigliare, quelli che puoi vedere nella seguente lista danno risultati spettacolari:

 

  • Critical Plus Autofiorenti: Varietà molto resistente che produce grandi raccolti in tempi record. Ogni anno è uno dei più venduti per il suo delizioso profumo e sapore, un tuttofare che si adatta perfettamente alle esigenze della coltivazione in terrazzo.
  • Auto Northern Lights: Per gli amanti delle indica, una genética versatile come poche altre che si comporta sempre bene. La sua struttura compatta e ramificata è vista come la perfetta morfologia discreta per terrazzi o balconi a vista.
  • Red Poison Auto: Oltre ad essere veloce e gustosa, è molto carina, con colori a fine fioritura che fanno innamorare a prima vista. La sua coltivazione è molto semplice e resiste al freddo meglio di altre varietà, ideale per le regioni settentrionali o di alta quota

 

 

 

👌 Vasi per coltivare marijuana all’aperto su una terrazza

 

I migliori vasi per coltivare marijuana all’aperto sono bianchi, perché non si scaldano come gli altri. Se vuoi sfruttare pentole nere o di un altro colore, puoi avvolgerle con un foglio di alluminio, ma se non vuoi complicare molto, l’ideale è usare pentole bianche rotonde come quelli che puoi vedere cliccando qui.

È meglio fare più trapianti, perché in questo modo si sfruttano meglio i nutrienti nel terreno, partendo da un vaso piccolo, tra 0,5 e 3 litri, poi uno intermedio, da 3 a 11 litri, e poi quello finale, che può essere da 15 a 50 litri o più, a seconda delle dimensioni della pianta che si desidera avere

 

 

📖  Substrati per ottenere i migliori risultati

 

Sebbene sia possibile ottenere grandi raccolti con la fibra di cocco, per avere un erba di alta qualità consigliamo di utilizzare un terreno specifico per la coltivazione della cannabis. Ci sono diversi marchi che offrono miscele che hanno mostrato buoni risultati, All Mix di Biobizz, Complete Mix di Top Crop, Canna Terra Profesional, sono 3 dei nostri preferiti, ma ce ne sono altri.

 

 

📲 Concimi e fertilizzanti per la coltivazione all’aperto sui terrazzi

 

Il cibo contenuto nel substrato va cercato per sfruttarlo al meglio, per questo è bene fare i trapianti, ma anche così non è illimitato, quindi bisogna cercare bene fertilizzanti per ottenere il miglior raccolto possibile.

Un’ottima soluzione è acquistare un kit di fertilizzanti di un noto marchio, poiché in questo modo hai tutti i prodotti di cui hai bisogno a un prezzo scontato. All’interno di queste opzioni hai il Biobizz Starters Pack, Top Crop Starter Packo Canna Terra Starter Kit, che sono delle stesse marche dei substrati che ho consigliato in precedenza. Hai anche altri buoni kit di fertilizzanti come l’ Advanced Nutrients Starter Kit, il Plagron Starter Set, il BAC Organic Starter Kit o il Grotek Mega pack.

 

 

Starters Pack Biobizz

 

Starters Pack Biobizzs...

Biobizz Starters Pack è un kit di fertilizzanti liquidi per marijuana, che contiene tutti i prodotti necessari per nutrire perfettamente le piante…

Caratteristiche:
Contiene tutti i fertilizzanti necessari per coltivare marijuana
Di origine biologica per ottenere il miglior aroma e sapore
Prodotti facili da usare e molto sicuri contro la fertilizzazione
Rapporto qualità/prezzo imbattibile
Risultati garantiti

Mehr Informationen über
Starters Pack Biobizz

 

 

➕ Altri prodotti interessanti

 

Insetticidi e fungicidi sono 2 grandi coltivatori alleati e terrazze all’aperto in generale. “Prevenire è meglio che curare” dice un detto spagnolo, e può essere applicato perfettamente ai trattamenti fitosanitari, poiché quando vengono usati come preventivi si evitano molti problemi successivi. Se sei preoccupato per la difesa delle tue piante dall’attacco di agenti patogeni, dai un’occhiata a questo kit del marchio Trabe perché può essere molto utile.

Un misuratore di PH è un altro dei migliori investimenti che qualsiasi coltivatore di terrazze possa fare. Non devi spendere una fortuna, se non sei molto disinvolto puoi buttarti con un kit di gocce, ma se puoi spendere un po’ di più, ti consiglio questo PHmetro digitale, che con un po’ di manutenzione ti può durare molti anni .

Le arlita sono palline di argilla espansa che vengono poste sul fondo del vaso come uno solo,lasciando uno strato di circa 2 o 3 cm. Non è indispensabile, e non deve essere argilla, altri materiali valgono la pena, ma è molto interessante affinché l’acqua in eccesso venga evacuata nel migliore dei modi.

 

 

 Milwaukee Ph 600 Eco Meter

 

Medidor Ph 600 Eco Milwaukee...

Il 600 pHmetro ci offre risultati istantaneamente, ha un display digitale e una compensazione automatica della temperatura.

Caratteristiche
Gamma da 0,0 a 14,0 pH
Risoluzione 0,1 pH
Precisione ± 0,1 pH
Punto di taratura 1 (7.0) – Manuale
Temperatura ambiente 0 – 50 ºC
Display a LED
Durata della batteria 700 ore di utilizzo
Batteria 1.5v a bottone – 3 incluse

Mehr Informationen über
Milwaukee Ph 600 Eco Meter

 

 

🚀 Passo dopo passo come coltivare marijuana in terrazza

 

Vedremo in modo riassuntivo i passaggi che devono essere seguiti per poter raccogliere con successo un raccolto di cannabis in terrazza per l’autoconsumo. Se vuoi vedere tutte queste stesse informazioni in modo più ampio, ti consiglio di guardare questa sezione del nostro blog dove troverai molti articoli sulla coltivazione. Qui puoi vedere i più importanti:

 

  1. Germinazione dei semi: Noi preferiamo il metodo del tovagliolo, puoi scegliere quello che ti piace di più, se clicchi sul seguente link vedrai molte altre tecniche di germinazione. I semi possono impiegare da 2 a 7 giorni per germogliare, hai tutto il tempo per preparare i vasi.
  2. Preparazione dei primi vasi e coltivazione: Se avete intenzione di mettere un bancale o altro che serva da base per i vasi e che non siano direttamente a terra, questo è il momento. Quindi puoi posizionare i vasi sopra, creare lo strato di argilla come scarico e riempire il resto con il substrato.
  3. Seminare i semi: Una volta che i semi sono germinati, è il momento di metterli nel terreno, a meno che non si scelga di germinare direttamente nel terreno ovviamente. Devi stare molto attento a non danneggiare la radice in questo passaggio, e per questo è meglio bagnare la superficie della terra al centro del vaso, fare un piccolo foro di un pollice o due più o meno nel bagnato zona, e con molta cura prendiamo il seme e lo introduciamo con la radice rivolta verso il basso. Per questa missione è possibile utilizzare delle pinzette, che facilitano notevolmente la presa del seme. Il seme va interrato di circa 1 centimetro, e le prime annaffiature devono fare attenzione a non affondarlo o danneggiarlo.
  4. Irrigazione: si consiglia di aggiungere lo stimolatore radicale alle prime annaffiature, per favorire il più possibile lo sviluppo delle radici e per far crescere al meglio la pianta. In questo articolo puoi vedere come annaffiare correttamente le piante di marijuana, ma se non vuoi vederlo, lo riassumerò nel fatto che devi rispettare il ciclo secco tra irrigazione e irrigazione e l’acqua di base deve essere il più morbido possibile.
  5. Trattamenti preventivi: Una volta che le piante hanno 3 settimane o 1 mese, possono essere applicati insetticidi e fungicidi come misura preventiva. Molte persone non tengono conto di queste azioni e poi se ne pentono, quindi ti consiglio di farlo per ottenere il miglior raccolto di cannabis sul tuo terrazzo. Ogni settimana ti daremo un prodotto, alternando settimanalmente un’applicazione di insetticida, e la successiva di fungicida, fino a quando le piante iniziano ad ingrassare le gemme, che non possono più essere irrorate.
  6. Trapianti: Una volta che vedi che il vaso rimane piccolo, o alcune foglie iniziano a ingiallire, devi fare il trapianto. Come durante la semina, il trapianto va fatto con molta attenzione per non danneggiare le radici, mai in pieno sole, ed è importante aggiungere lo stimolatore radicale le successive 2 o 3 annaffiature.
  7. Fertilizzanti per la crescita: mentre fai i trapianti durante la fase di crescita vegetativa, fornirai cibo alle piante, ma cosa succede se non faccio più trapianti e le foglie ingialliscono? Non preoccuparti, è a questo che servono i fertilizzanti per la crescita, come BioBizz Bio Grow, Canna Bio Vega o Top Crop Top Vega se li vuoi organici, o Plagron Terra Grow, Hesi TNT, o Grotek Solo Tek Grow se li vuoi minerali .
  8. Allenamento, potatura e modellatura: Esistono modi per ottenere la produzione nella coltivazione della marijuana su un terrazzo, come la potatura, l’LST o il tutoraggio dei rami, poiché questo favorisce l’uso della luce e la ventilazione interna delle piante. La maggior parte delle piante da esterno apprezza la potatura apicale o FIM, perché la punta principale viene sacrificata ma viene potenziata la creazione di gemme nei rami secondari. Ci sono altri modi per incoraggiare la produzione di rami, piegando la punta principale o facendo un allenamento a basso stress e qualunque cosa tu preferisca. Una volta in fiore, puoi fare una potatura bassa e una defogliazione per ottenere il massimo dalla luce. Un altro vantaggio della potatura delle piante di marijuana coltivate in terrazzo è che si guadagna discrezione, perché si riesce a mantenere una dimensione più compatta, ma se vuoi approfondire questo argomento, ti invito a leggere questo articolo che parla di come nascondere le piante. Il tutoraggio è molto importante per dare forma alla struttura delle piante e affinché i rami possano sostenere più peso, non dimenticatelo.
  9. Stimolatori di fioritura: una volta che le piante iniziano a produrre pre-fiori, è il momento di iniziare ad aggiungere lo stimolatore di fioritura all’irrigazione. Questo prodotto provoca la creazione di più infiorescenze, che in seguito diventano gemme più grandi e più dense. Alcuni dei migliori stimolatori di fioritura per la marijuana sono Delta 9 di Cannabiogen, Boost di Canna o Bud Ignitor di Advanced Nutrients, tra gli altri.
  10. Trattamento per il bruco: Difficilmente viene preso in considerazione e ogni anno è un parassita più distruttivo. Normalmente vediamo il bruco o il verme emergere dai boccioli, e poi vogliamo agire, ma è troppo tardi. Il bruco esce perché una farfalla è andata all’inizio della fioritura delle piante a deporre le uova lì, di solito all’inizio o a metà estate, quindi deve essere applicato Bacillus thuringiensis o qualsiasi altro preventivo contro il bruco in quel momento o prima , perché se aspettiamo che arrivi il problema, perderemo sicuramente parte del nostro raccolto di marijuana sul terrazzo.
  11. Fertilizzanti per la fioritura: C’è una fase della coltivazione in cui le piante sono ancora in crescita ma sono già in fiore allo stesso tempo. A seconda della genetica, questa fase può durare da 3 settimane a 2 mesi, e in quel periodo devi combinare il fertilizzante per la crescita con lo stimolatore della fioritura e iniziare ad applicare il fertilizzante di base per la fioritura. Consigliamo sempre di non mischiare prodotti di marche diverse, quindi se avete scelto Biobizz ora è il momento di aggiungere Bio Bloom, se è Canna è Bio Flores, se è Top Crop sarebbe Top Bloom, ma ricordatevi sempre cosa vi dico , non è un buon mix di marche.
  12. Ingrasso Delle gemme: Questi prodotti sono normalmente a base di fosforo e potassio e, come potete immaginare, aiutano le gemme ad aumentare di peso e durezza. Ci sono diversi prodotti di punta in questa categoria, con Monster Bloom di Grotek, Bloombastic di Atami o PK 13-14 di Canna che sono i più richiesti dai coltivatori indoor e outdoor.
  13. Lavaggio delle radici: Per ottenere le gemme più spettacolari è necessario nutrire le nostre piante con tutti questi fertilizzanti che abbiamo visto, ma quegli stessi prodotti possono lasciare un sapore molto aspro e cattivo nella yerba se non effettuiamo un buon lavaggio delle radici prima di piantare raccolto. L’ideale è lavare le radici circa 10 giorni o 2 settimane prima di tagliarle, puoi guardare la descrizione dei semi per vedere la data del loro taglio, oppure puoi aspettare fino a quando non vedi che i peli sulle gemme iniziano ad appassire . Se fai clic su questo link puoi vedere un buon modo per lavare le radici delle tue piante di marijuana coltivate su un terrazzo o un balcone.
  14. Vendemmia: Il momento migliore della coltivazione, l’arrivo al traguardo, e quando tutto va come dovrebbe, va celebrato come una festa. Come scegliere il momento migliore per raccogliere la marijuana? Combinando il punto di maturazione delle piante con il giorno migliore secondo il calendario lunare, quindi ti invito a leggere questo articolo che parla dei tricomi come marcatore naturale che indica lo stato di maturazione delle gemme, e questo che spiega come scegliere il giorno migliore per il raccolto in base alla luna, entrambi molto interessanti.
  15. Essiccazione e stagionatura: molte volte non le diamo l’importanza che merita, ma una cattiva essiccazione o stagionatura della marijuana può rovinare un raccolto ben cresciuto. L’essiccazione deve essere effettuata in un luogo buio, con un’umidità relativa di circa il 40% e una temperatura che non superi i 25º C. Se vuoi approfondire questo argomento, non perderti questo articolo del nostro blog che parla di essiccamento e curato dall’erba.

 

 

 

✅ Vantaggi della coltivazione di marijuana in terrazzo

 

I vantaggi della coltivazione in terrazzo o balcone rispetto alla coltivazione indoor sono molteplici e molto interessanti, quindi la raccolta è notevolmente facilitata, qui puoi vederli:

 

  • Minor spesa: La natura si prende cura di darti la luce e l’aria di cui hai bisogno in modo da non dover installare apparecchiature di illuminazione o sistemi di ventilazione per coltivare cannabis. La pioggia nella fase di crescita può farti risparmiare un po’ di irrigazione.
  • Raccolti più alti: non esiste un tipo di illuminazione artificiale che possa eguagliare la potenza e la qualità della luce solare, quindi la produzione di marijuana che si ottiene su una terrazza è solitamente superiore a quella interna.
  • Facilità: Quando coltivi erba sul terrazzo non devi cambiare il fotoperiodo dalla crescita alla fioritura, le piante inizieranno a fiorire quando le colpisce a seconda della varietà.

 

vantaggi-della-coltivazione-di-marijuana-in-terrazzo
vantaggi-della-coltivazione-di-marijuana-in-terrazzo

 

 

🔥 Quando inizia a fiorire la marijuana outdoor?

 

Potresti aver notato che non tutte le piante di cannabis iniziano a fiorire contemporaneamente nelle colture in terrazza o all’aperto, e questo è molto normale. Le varietà autofiorenti iniziano a fiorire all’aperto circa 25 giorni dopo la germinazione dei semi, ce ne sono alcune che lo fanno un giorno prima e altre che possono iniziare a fiorire qualche giorno dopo.

D’altra parte, le varietà di marijuana foto dipendenti iniziano a fiorire quando percepiscono che le giornate iniziano ad accorciarsi, cioè quando si accorgono che il ciclo notturno si sta espandendo rispetto a quello diurno. Questo varia in base alla latitudine, quindi la stessa genetica può iniziare a fiorire prima a una latitudine più settentrionale rispetto a quando viene coltivata più a sud.

Ma ci sono altri fattori che intervengono quando la marijuana inizia a fiorire all’aperto, come la genetica delle piante. Le indica iniziano prima delle sativa come regola generale, a volte con molta differenza, non sorprende che un afghano inizi a fiorire ad agosto e un colombiano a ottobre, cresciuto nello stesso giardino all’aperto. Il freddo può anche anticipare la fioritura delle piante, quelle che vengono coltivate ad un’altitudine più elevata di solito iniziano la loro fioritura prima degli stessi semi cresciuti ad un’altezza più bassa.

 

 

🎯 Inquinamento luminoso in terrazza, molto cattivo o molto buono per coltivare marijuana in terrazza

 

Quando non hai il buio totale di notte, diciamo che soffri di inquinamento luminoso, qualcosa che può essere molto negativo per le varietà di marijuana foto dipendenti (che dipendono dalla luce per guidare il tuo orologio biologico), ma può essere molto buono per le autofiorenti.

Prima ti dicevo che se hai inquinamento luminoso sul tuo terrazzo, l’opzione migliore per coltivare cannabis sono i semi autofiorenti, e cioè che se metti quelli femminizzati o normali foto dipendenti, è normale che non possano fiorire correttamente, si stressano, e in molti casi finiranno per essere ermafroditi.

Ma con le auto accade il contrario, questo tipo di piante può crescere e fiorire con qualsiasi fotoperiodo, cioè con le ore di luce e buio che sono, anche se più ore e potenza di luce, maggiore è la produzione normalmente. Quella lampada che hai accanto al tuo terrazzo non sarà più un problema, anzi, potrebbe darti una produzione in più.

 

 

⚠️ Conclusione

 

Coltivare marijuana in terrazza è più facile ed economico rispetto alla coltivazione indoor e più comodo rispetto alla coltivazione outdoor in guerriglia o fuori casa. Tenendo conto delle esigenze dello spazio di coltivazione e seguendo i passaggi che abbiamo visto sopra, puoi ottenere raccolti che copriranno tutto il tuo consumo annuale e la cosa migliore è che sarà di qualità migliore di tutto ciò che puoi trovare lì.

Fran Quesada Moya
Fran Quesada Moya
Redattore di Pevgrow, attivista e cannabis-freak in tutti i suoi campi, in particolare per quanto riguarda la selezione e lo sviluppo di nuove varietà.
See more posts

Lascia un commento